Passa ai contenuti principali

Biografia: Luisa Cáceres de Arismendi | Eroina della guerra d'indipendenza del Venezuela.

(Luisa Cáceres Díaz de Arismendi); Caracas, 1779-1866) eroina della guerra d'indipendenza del Venezuela. L'emancipazione finale del Venezuela sarebbe non solo dieci anni dopo la sua proclamazione di 5 luglio 1811; gli anni successivi a questa data possono essere facilmente classificati come la barbarie di crudeltà e la crudeltà con cui gli spagnoli ha cercato a tutti i costi di mantenere la Colonia.

Luisa Cáceres de Arismendi
In particolare, 1814 è stato un anno difficile per la nascente Repubblica; le forze sotto il comando di Simón Bolívar ha intrapreso il ritiro di Caracas dopo lo scoppio brutale di José Tomás Boves. Gli eventi di quell'anno sicuramente avrebbero segnato la vita della giovane Louise: nel marzo 1814 suo padre, Domingo Cáceres, morì per mano le truppe di Francisco Rosete tondo a Ocumare fodera; suo fratello Felix, che faceva parte di una spedizione infruttuosa che mira a recuperare la guarnigione, fu catturato e giustiziato dopo dieci giorni.
Questi eventi attivati un importante esodo da Caracas, molti dei quali sono fuggiti nell'emigrazione cosiddetto a est. Il giovane Louise, accompagnata dalla sua famiglia, faceva parte di quel contingente umano. La traversata ha avuto come destinazione finale Isola Margarita; Tuttavia, non tutti correvano la stessa sorte: il numero di morti è stato notevole e i meno fortunati sopravvissuti hanno dovuto rimanere sulla terraferma.
Famiglia Cáceres, ridotto a Luisa, sua madre e un fratello minore a causa della morte di tre delle sue zie durante il viaggio, raggiunto nell'agosto 1814 passare per l'isola, dove il generale Juan Bautista Arismendi, importante leader patriota, potrebbe fornire loro protezione e manutenzione. Tra paure, rifugi e minacce, Luisa Cáceres e Juan Bautista Arismendi si sposarono il 4 dicembre 1814.
L'anno seguente le truppe del generale Pablo Morillo sbarcarono nell'isola di Margarita, che è stato sottoposto nuovamente al dominio spagnolo. Juan Bautista Arismendi riuscì a fuggire, ma Luisa Cáceres è stato arrestato dalle autorità spagnole con lo scopo di fare pressioni il marito Arismendi, che ha sviluppato una feroce campagna contro le forze spagnole.
Il governatore dell'isola di Margarita, il Urreiztieta spagnolo Joaquín, non ho avuto nulla da lei o da suo marito, così Luisa è rimasto presso il carcere nella fortezza di Santa Rosa (dove aveva una ragazza morta di parto) fino a quando fu trasferito alla Fortezza di Pampatar, da lì a La Guaira e infine, dopo i trionfi di Arismendi e José Antonio Páez in Apure , in Spagna (1816), dove era anche la vittima di pressione così che rinnega dalle sue idee repubblicane.
Luisa Cáceres Díaz de Arismendi, tuttavia, mai abbandonato i suoi ideali di pro-indipendenza. Una volta rilasciato, tornò in Venezuela nel 1818, viene ricevuto con gli onori da eroina, e ha continuato a sostenere le idee di libertà e la sovranità del popolo americano. Ha vissuto a Caracas fino alla sua morte. Come riconoscimento per la sua lotta per l'indipendenza del Venezuela, i suoi resti sono stati sepolti nel Panteón Nacional nel 1876.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…