Biografia: François La Rochefoucauld | Moralista e filosofo francese.

(François, duca di La Rochefoucauld; Parigi, 1613-1680) moralista e filosofo francese. Come ha raccontato nelle sue memorie (1662), i primi anni della sua vita adulta sono stati spesi tra l'esercito e la Corte francese, coinvolta in atti di armi, numerosi intrighi e storie d'amore. Tuttavia, nel 1652, a causa di un infortunio che occorsogli nella battaglia delle Faubourg Saint-Antoine, lo costrinse a riposare un po', tornò a Parigi e venne in contatto con circoli letterari. Quindi egli concepì la sua opera più famosa, la massime (1665-1678), raccolta di epigrammi di Settecento che costituiscono un punto di riferimento del classicismo francese. Prendendo l'egoismo naturale come l'essenza di ogni azione, La Rochefoucauld attaccato auto-illusione e scoperto con profondità e wit le contraddizioni della psicologia umana, anche se stava riducendo il carattere troppo enfatico di alcune delle sue massime nelle edizioni successive.

François La Rochefoucauld
Figlio di un duca e paio di Francia, La Rochefoucauld fu educato da un tutor nelle fortezze di Angoumois e Poitou senza particolare cura come è stato inteso per le armi, anche se ha imparato qualcosa dal latino. Quindici anni che è sposato con Andrée de Vivonne, figlia di un capitano della guardia del Médicis María potrebbe offrire lui otto figli e vivere sempre nel buio. L'anno seguente il giovane La Rochefoucauld, che divenne fino alla morte di suo padre il titolo di Principe de Marcillac, già era il padrone del campo del reggimento di Auvergne.
Entrato alla Corte nel 1629, ha dato inizio ad una serie di politiche e intrigo emotivo in cui ha rivelato una marcata predilezione per l'avventura. In amore con la Duchessa di Chevreuse, nel 1639 iniziò a coraggiosamente da lei contro il cardinale Richelieu e a favore di Ana de Austria, le prestazioni della macchina che gli è valso il prigioniero nella Bastiglia e un esilio, da tre anni in Verteuil. Da lì ha mantenuto il contatto con i nemici del cardinale e partecipato alla cospirazione di Cinq-Mars e tu.
Nel 1642 Richelieu morì, tornò a Parigi; e la regina quando, in seguito alla morte di Luis XIII, fu nominata reggente, ha aspettato di vedere premiata la sua devozione. Tuttavia, il cardinale Mazarino è nata come un nuovo ostacolo alle sue ambizioni. Al fine di vendicarsi sull'ingratitudine del sovrano e si oppongono a questo altro nemico entrato nella "cabale des inportants", si alleò con la bella Duchessa di Longueville, sorella del duca di Enghien e implacabile avversario della Regina e fu lasciato per trascinare in questa avventura della Fronda, movimento dell'alta nobiltà contro il regime assolutista. Egli seguì il duca di Enghien dalle Fiandre e fu ferito nella battaglia di Mardiek. Tornò a Parigi, egli ancora incuriosito ed esplose la guerra civile tra il grande Condé e Turenne, combattuto davanti a Saint-Antoine, dove era in piena faccia colpo di archibugio che momentaneamente privi della vista.
Abbandonato dalla duchessa di Longueville e deluso nelle sue ambizioni politiche, suo padre si rifugiò prima all'estero e poi, dopo la morte nel 1653 (che ha provocato il cambiamento del suo titolo di Principe de Marcillac del duca di La Rochefoucauld), nei loro possedimenti di Verteuil. Egli ha visto il successo, dopo la Fronda, al cardinale Mazarino e ha avvertito, singolarmente, l'emergere di un mondo in cui non c'era posto per l'indipendenza della nobiltà come ha concepito. Avversario della centralizzazione del potere nelle mani del re e suo ministro, ha incoraggiato un ideale che è stato definito come "feudale e anarchico", completamente contrario all'evoluzione dello stato moderno.

La Rochefoucauld (Ritratto di Théodore Chassériau)
Da allora in poi, tuttavia, rinunciò tutti ambizione politica e divenne un cronista di eventi che era stato partecipante e spettatore, già allora libero delle passioni che si muovono in diverse circostanze; in questo modo, le sue memorie rivelano una ferma intenzione di imparzialità e persino di impersonalità, quasi. Pubblicato nel 1662 (tranne la prima parte, che era non pubblicati e non è comparso fino al 1817), storia della vita di memorie coprire da 1624 fino al 1652 ed era molto ben ricevuto e apprezzato dai suoi contemporanei.
Ricordi di tono La Rochefoucauld è sobrio, austero, spesso molto vivace; L'autore, che negli ultimi anni e più drammatico parla in terza persona, nasconde bene l'intenzione di apologetica. Non nascondere ciò che era scarsamente ambizioso dell'opposizione di grandi signori al autorità reale, né i motivi meno nobili che inducono la stessa La Rochefoucauld: deluso assetati di honours, litigi, passioni Galante e avventurose. Nella cronaca segreta, i dietro le quinte di la Fronda, La Rochefoucauld è rivelato come un ritratto felice e ricercatore tagliente dell'anima che ha senso per il moralista delle massime. Con ricordi possono riguardare le scuse scritte nel 1649 e pubblicato nel 1855. In questo, i motivi molto personali di opporsi Mazarin sono confessati più francamente, secondo il principio dell'utilità propria, che ricorda anche la massima.
Inoltre, La Rochefoucauld trovato sua vera vocazione, non politico e uomo d'azione, ma di osservatore e "honnête homme" sottile e profondo, lucido e disilluso in questa fase. Installato nuovamente in Parigi, ha continuato frequentando la Corte, anche se era più regolare aule. Caustica e laconico, presto ha trovato il suo posto nei divertimenti dello spirito che andavano di moda al momento. Ha partecipato nel gioco dei ritratti, e proprio, che ha reso nel 1659, era uno dei più riusciti del genere. Cominciò a frequentare il tertulia di Madame de Sablé, dove è cresciuto il genere di "massima"; Dopo la discussione su un tema proposto, i partecipanti ha cercato di condensare il proprio pensiero nel breve spazio di una frase.
Nascono così, attraverso un'elaborazione lenta, le massime, in cui le "pieghe del cuore" sono contati fino la privacy intenzionale. Nel 1665, la pubblicazione nonostante la prima edizione dei pensieri o frasi e massime morali (titolo originale completo di massima) ha causato scandalo, poiché il sistema esposto e tono spietato e adottato moralista superato consentendo conversazione mondana giochi che furono all'origine della pratica e della forma del genere.
Composto da sette cento breve e ripetuto sottile morale sentenze, massime (che ha incontrato cinque edizioni tra il 1665 e il 1678) hanno una forte unità dal tuo pensiero dominante e all'infinito: l'autostima e l'interesse sono disegnati nella parte inferiore di tutte le nostre azioni, sentimenti e la cosiddetta virtù. "I nostri punti di forza non sono, in generale, piuttosto che mascherati difetti." Quindi, amicizia, pietà, onestà, modestia femminile o eroismo a decomporsi sotto un sguardo spietatamente scrutare, che rivela l'egoismo, la debolezza o il calcolo più sottile.
Il tono pessimistico e convinzione di egoismo intrinseco della natura umana in effetti definire suoi epigrammi breve: "pentimento risiede più nella paura di ciò che potrebbe accadere a noi che rimpiangere le nostre azioni". Se François La Rochefoucauld corrisponde Pascal quando denuncia l'infinito orgoglio umano, la fede non si accende sua saggezza è abbastanza banale ed esprime solo l'ideale del "uomo onesto". Il libro contiene anche descrizioni poetiche più estese, sempre intorno alle sorgenti che ha diretto la condotta degli uomini.
Anche se i crediti dell'autore non erano eccessivamente originali, precisione esatta del suo linguaggio ha dato loro una devastante nitidezza; visione severa e implacabile del cuore umano ha dato la più assoluta idoneità francese forma per minimizzare il pensiero veloce e chiara espressione. Sono il massimo, anche come esatto, penetrante e luminose; essi mancano di qualsiasi accenno di bellezza, che accentua il carattere altamente mondano e maestoso del libro. Schopenhauer e Nietzsche sono stati sedotti dal suo punto di vista amaro e sprezzante dell'uomo; ed è anche contemporises con tale proprio aspetto Leopardi, come si può vedere in alcuni dei loro undici cento pensieri.
Gli ultimi anni della vita di La Rochefoucauld erano occupati in gran parte dalla sua relazione intima e fedele con Madame de La Fayette, che ha aiutato con consigli durante la stesura del famoso romanzo La principessa di Clèves. L'autore applicata mentre entrambi, ha detto, per correggere la massima «nel suo cuore», attenuando il tono, senza, tuttavia, alterando il suo principio essenziale. Nonostante le pressioni dei suoi amici, La Rochefoucauld ha rifiutato di partecipare come un candidato all'Accademia. Morì assistita Bossuet. Le sue opere rimanenti, postumo, raccolte includono diciannove brevi composizioni conosciuti come Réflexions diverses (riflessioni varie) e circa 150 carte.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici