Passa ai contenuti principali

Biografia di Vincent van Gogh | Pittore olandese

(Groot-Zundert, Olanda, 1853 - Auvers-sur-Oise, Francia, 1890) Pittore olandese. Negli ultimi decenni del XIX secolo, l'impressionista segnò l'inizio di un profondo rinnovamento delle arti visive che avrebbe continuità in successione di ISMS o correnti dell'arte contemporanea. Alcuni dei migliori insegnanti in questo periodo, tuttavia, può non essere inscritta in qualsiasi scuola e aperto da solo da solo nuovi percorsi; tra questi, l'olandese Van Gogh occupa una posizione unica.

Dettaglio di un autoritratto del 1890
Incarnazione del tormentato e incompreso, artista Van Gogh non ha venduto più di una di quelle centinaia di immagini che attualmente raggiungono prezzi esorbitanti alle aste. Il riconoscimento del suo lavoro non ha cominciato fino a un anno dopo la sua morte, a seguito di una retrospettiva organizzata da al Salon des Indépendants; Oggi, Van Gogh è considerato all'unanimità uno dei grandi geni della pittura moderna. La produzione ha esercitato un'influenza decisiva su tutta l'arte del XX secolo, soprattutto nel fauvismo ed espressionismo; e dopo più di un secolo di esperimenti artistici, la pennellata grezza e tormentata dall'artista olandese, arricchito con la forza della sua passione interna, conserva tutta la sua affascinante forza emotiva.
Biografia
Vincent van Gogh era il primogenito di sei figli di un pastore protestante e rimase con suo fratello Theo, quattro anni più giovane di lui, una relazione che sarebbe determinante nella loro esistenza e nella sua carriera artistica. La corrispondenza che entrambi scambiati durante le loro vite testimonia l'intimità di questo rapporto e le passioni e le angosce di umane e creative che tormentano a Van Gogh nei suoi ultimi anni. Dopo una formazione attenta alla scuola privata, all'età di sedici anni entrò come apprendista presso l'Aia di Goupil di Galleria di Parigi, una società fondata da suo zio mercanti d'arte di Vincent.
Nel 1873 è diventato una succursale della Galleria Goupil a Londra, dove c'era il primo dei suoi fallimenti romantici; nel 1875 fu trasferito per la filiale parigina; nel 1876 ha detto addio e tornare in Olanda. Ha poi lavorato come un professore, un pastore metodista e una biblioteca Clerk; assistente Nessuno di questi lavori durerà a lungo. Al momento mi sono sentito soprattutto spirituale necessario arrendersi ai suoi simili; in realtà, io avevo sempre voluto essere un pastore, come suo padre, e tale vocazione lo ha portato ad Amsterdam per continuare gli studi di teologia, che sospesi.
Ha poi continuato alla scuola di pratica di evangelizzazione a Bruxelles, e nel 1878 fu inviato dai suoi superiori alla zona mineraria del Borinage. Fondata nel villaggio di Pâturages, vicino a Mons, fece una serie di disegni dei minatori. La scuola di evangelizzazione lo espulse per il suo coinvolgimento eccessivo: impressionato dalle loro difficoltà disumane, Van Gogh è arrivato a dare i minatori che cosa poco che avevano e a vivere più poveri di essi.
Contatto con tale miseria e desolazione minato la loro fede e Van Gogh trascorse questa crisi spirituale vagando attraverso la Francia e Belgio e scrivendo al fratello Theo, egli era ora il suo vecchio lavoro di Goupil Paris Gallery. Incoraggiato da Theo, nel 1880 ha deciso di dedicarsi alla pittura e andò a Bruxelles dove incontrò il pittore Anthon Van Rappard (con il quale egli avrebbe mantenuto una lunga relazione) ed effettuate le prime copie di miglio.
Dopo un altro fallimento sentimentale con sua cugina Kate, ha conosciuto una prostituta chiamata Sien, cui disgrazie si svegliarono sua sempre infinita compassione. Nel 1882 ha vissuto in Schenkweg Sien e loro figli, che ha assunto la direzione; Continuò disegno e fatto i suoi primi dipinti. Dopo aver scoperto Theo il suo rapporto con il tempio, ha rotto con lei per volere di suo fratello e siamo andati a nord, dove rimase fino alla fine del 1883. Poi andò a Nuenen, dove ancora si avvicinò la sua famiglia e dipinto febbrilmente; sue prime tele di importanza sono quelli due anni (1884-1885). Dipinti come i mangiatori di patate (1885), diverse rappresentazioni di tessitori e teste e figure di contadini, insieme a innumerevoli disegni, formano l'insieme delle opere di questa fase della formazione.
Nel 1886 ha incontrato suo fratello a Parigi; Lì, nella capitale artistica d'Europa, contatto con Impressionismo riorientato visibilmente il suo stile. Relative al impressionisti e postimpressionisti presso il negozio di colori di "Père Tanguy" (che dipinse il famoso ritratto) e ha scoperto l'arte giapponese. Suo fratello ha presentato a Camille Pissarro, Georges Seurat e Paul Gauguin; Ha anche incontrato Toulouse-Lautrec e Bernard Émile e in questo nuovo contesto porterebbe alla definizione della sua pittura. La sua tavolozza è diventato sicuramente chiaro e colorato e sue composizioni meno tradizionali, dando formano alla sua visione personale del post-impressionismo.

Pittura di Van Gogh girasoli (1888), di Paul Gauguin
Il Consiglio di suo fratello e il suo interesse nel colore e catturare la natura lo indusse a spostare nel febbraio 1888 ad Arles, in Provenza soleggiata, dove il suo lavoro era sempre più che esprime più chiaramente i sentimenti in merito quello che viene rappresentato e i propri stati d'animo. Ha lavorato intensamente, dipinse la maggior parte dei suoi tessuti più rinomati e puri e ha scritto le pagine chiare e profonde. Ma la solitudine era insopportabile, e con lo scopo di formare un laboratorio collettivo, Van Gogh ha affittato una casa dove ha invitato artisti con i quali esso interessi condivisi.
Al suo esortando, Paul Gauguin è stato installato nella "Casa gialla" (così chiamato per il colore delle sue mura) in ottobre 1888, ma il rapporto stava diventando sempre più difficile dal forte temperamento di entrambi. Nel corso di una discussione, Van Gogh è arrivato per attaccare Gauguin con un rasoio; poi si pentì di quello stivale, tagliare il lobo dell'orecchio per espiare la sua colpa e fatto arrivare a Gauguin, che, lungi dal si trasferì a quello spettacolo di contrizione, lo giudicava come un pazzo pericoloso che non aveva alcuna intenzione di vivere insieme. Di questa confusione lancia (come ci sono altre versioni dello stesso) due famosi autoritratti dell'artista con un orecchio bendato; attestano viene visualizzata la seconda di esse malinconicamente fuma la pipa, egocentrica e cupa.

Autoritratto con orecchio tubo e taglio (1889)
Dopo la partenza di Gauguin, Theo lo ha visitato e fatto che si immette nell'ospedale di Arles. In può 1889, temendo di perdere la loro capacità di lavorare, egli chiede di essere ammesso per la psichiatrico ospedale di Saint-Rémy-de-Provence, dove rimase per dodici mesi. In questo periodo, Van Gogh dipinse anche intensamente; Dopo aver subito diversi attacchi e incapace di andare fuori, lavoro effettuato relazionato al ospedale, ritratti di medici e reinterpretazioni di opere di Rembrandt, Delacroix e Millet. La perdita di contatto con la realtà e un progressivo senso di tristezza sono le chiavi di questo periodo, durante il quale ha sviluppato uno stile basato su moduli dinamici e l'uso vigoroso della linea, che era un audace e visionario che la pittura di Arles.
Senza arrivare a superare lo stato di malinconia e la solitudine era, nel maggio 1890 si trasferì a Parigi per visitare suo fratello Theo. Questo Consiglio si recò a Auvers-sur-Oise, dove ha subito un trattamento omeopatico dal pittore dilettante e medico Paul-Ferdinand Gachet. In questo piccolo villaggio ha ritratto il paesaggio e i suoi abitanti, cercando di catturare il suo spirito. Formalmente, il suo stile evolve verso una vernice più espressiva e lirica, vaghe forme e colori vivaci.

La siesta (1890)
Nonostante il fatto che pochi mesi più tardi il medico Gachet era considerato che era completamente guarito, umore non è migliorato; afflitta da sensi di colpa a causa della dipendenza di suo fratello Theo e il suo fallimento come un artista, suo spirito era inevitabilmente disturbato da un'inconsolabile tristezza. Il 27 luglio 1890, nel silenzio dei campi sotto il sole, Van Gogh, descerrajó sparato nel petto; Morì due giorni dopo, senza aver adempiuto i trentasette anni. Dopo sei mesi, immersi nel dolore, seguito da suo fratello Theo, sepolto accanto a lei nel piccolo cimitero di Auvers.
Il lavoro di Van Gogh
Meno di dieci anni di dedizione alla pittura, erano abbastanza per dare Van Gogh un posto tra i geni della storia dell'arte, ed è difficile immaginare che cosa sarebbe stato il suo contributo di non avendo lui stesso troncato la carriera. Si noti, tuttavia, che la sua dedizione è stata così breve come masterizzazione: comporre la sua eredità più di Ottocento dipinti, come i numerosi disegni e incisioni. Le opere eseguite prima il vostro soggiorno a Parigi costituiscono quello che potrebbe essere definito il periodo buio del pittore; in realtà, suoi primi importanti tele risalenti a due anni immediatamente prima del suo arrivo nella capitale francese (1884-1885). All'incirca in questi primi lavori, ammiratore entusiasta di Millet, Van Gogh Ritratto la sofferenza degli umili operai sottoposti a sforzo fisico considerevole e le loro condizioni di vita miserabili.

I mangiatori di patate (1885)
L'opera più ambiziosa e che meglio riflette questa era del pittore è i mangiatori di patate (1885, Vincent van Gogh Museum, Amsterdam). Cinque personaggi si riuniscono in sette nel pomeriggio nella sala da pranzo sporca a prendere patate e caffè. Con crudezza e dramma, Van Gogh trasmette nel volto deforme una miseria senza speranza. Una lampada a gas Dim luci leggermente il cibo, il tavolo e i quattro caratteri in background. In primo piano, retroilluminato, è una donna in una scala ridotta esageratamente.
Le fazioni sono corpi cartoonish, deformati e l'ambiente claustrofobico. Dal punto di vista formale, l'opera è caratterizzata da pennellate spesse, mosso in toni molto scuri. L'identificazione dell'artista con la sofferenza dei poveri e degli emarginati è il vostro veicolo in questa immediatezza pittorica supporto utilizzato, completamente estraneo alle convenzioni accademiche.
A Parigi
Lo stesso anno Georges Seurat ha presentato al pubblico domenica pomeriggio sull'isola di la Grande Jatte (1886), Van Gogh arriva a Parigi, dove rimase fino al 1888. Durante questi due anni il suo stile di pittura cambiato così radicale: si è ritirato dalla tradizione olandese per appoggiato dai toni chiari, colori puri e i piccoli tratti divisivo che Camille Pissarro e Paul Signac ha insegnato lui. Nonostante che la loro inclinazione per la disciplina che divide era scarse, imparato, tuttavia, l'importanza della pennellata e la giustapposizione di colori, che avrebbe successivamente utilizzato per scopi più soggettivi e personali.

Autoritratto con cappello di paglia (1887-88)
Un rappresentante del soggiorno in immagini di Parigi è l' Autoritratto con cappello di paglia (1887-88, Museum of art di New York). I tratti di tavolozza e pennello rivelano l'influenza delle divisioni o puntinismo, praticata soprattutto nelle opere di Seurat e Signac. Van Gogh ottiene in quest'opera una totale assimilazione dei principi neoimpresionistas, e l'autoritratto riflette il forte temperamento di chi, nel dicembre 1885, aveva scritto a suo fratello: "io preferisco dipingere gli occhi degli esseri umani invece di cattedrali, come c'è qualcosa negli occhi che non è in cattedrali, non importa come solenne e imponente possono essere. "L'anima di un uomo, è così che di un povero barbone, è più interessa per me".
Arles
Nel febbraio 1888 Van Gogh si trasferì con la città di Arles, nel sud della Francia. Esso era destinato a trovare la luminosità che aveva tanto ammirato nelle stampe giapponesi. È affascinato con il sole abbagliante, cielo blu profondo e la vividezza dei colori. Pittura e realtà sembravano d'accordo; retro lasciato il cielo ricoperto di Olanda, Belgio e Parigi. Nel Seminatore con setting sun (1888, Vincent van Gogh Museum, Amsterdam), Southern Sun irradia i campi con la loro energia, mentre un contadino - ispirato da Millet - semina la terra. Il lavoro esprime la gioia dell'autore in un posto che ha stimolato la sua forza creativa e gli ha permesso di avanzare nel suo lavoro artistico.

Seminatore con setting sun (1888)
Van Gogh ha cercato di convincere Emile Bernard e Paul Gauguin che hanno spostato in questo paradiso del sud dal vivo e creare, Beh, una piccola comunità di artisti. Vincent era affascinato dai contorni netti e ampi livelli di colore puro che caratterizza lo stile dei suoi compagni e venne influenzato da loro opere come Café de notte di Arles (1888, Yale University Art Gallery, New Haven, Connecticut).
Ma Van Gogh, Arles installati otto mesi prima dell'arrivo di Gauguin, aveva trovato il proprio stile di là di impressionismo e le divisioni. Differenze e confronti tra i due artisti erano multipli. Gauguin respinto ripieni che Van Gogh utilizzato perché sembravano essere disordinato; Si è visto come una primitiva raffinata, mentre considerato un artista impulsivo e romantico Vincent.
In una serie che aveva come tema Les Alyscamps, un parco di Arles, Van Gogh seguito i consigli di Gauguin di un dipinto "a memoria", ispirato dall'immagine di donne in giardino (1888, Art Institute, Chicago), dipinta dal suo partner. È anche il caso di una Donna di Arles (1888, Museo dell'Ermitage, Petersburgo), una delle poche opere dell'artista non generato naturalmente. Gauguin si impose fortemente tale procedura, che finirebbe per essere un altro motivo per divergenze artistiche tra entrambi insegnanti, Van Gogh, ritenendo che il lavoro era naturalmente l'unico mezzo attraverso il quale ha potuto esprimere le sue idee.

Donne di Arles (1888)
Le donne di Arles è anche noto con il titolo di memoria del giardino di Etten (piccola città nel nord dell'Olanda, in cui il pittore ha lavorato per un po'). Questo fatto, della memoria, che rendeva inutile lavoro era probabilmente naturale. Le figure e il paesaggio si estende senza profondità, in parallelo alla superficie della tela, in particolari aree, secondo un metodo di pittori giapponesi acquistati. A prima vista sembra che il quadro è dipinto in ampie distese di colori, ma uno sguardo più attento rivela che queste estensioni sono saturi con pennellate piccole e frettolose, creando il dinamismo interno di forme e li rende estremamente espressivo. I volti delle donne, pensosa e triste, trasmessa allo spettatore un senso di angoscia.
A livello artistico, sua poco più di un anno di soggiorno ad Arles ha provocato circa duecento tele. La camera da letto di Van Gogh a Arles (1889, Musée d'Orsay, Parigi) è uno dei più famosi. Esso rappresenta la camera da letto del pittore, tema che ha tentato più volte con il desiderio di esprimere l'idea di un "riposo assoluto" attraverso l'uso di luce e pieno di incollare solo i colori. In esso, con un'estrema concisione, il pittore ha mostrato l'atmosfera del pezzo, montato con la massima semplicità con un letto, un tavolo, due sedie, uno specchio, alcuni dipinti e due disegni. Una delle versioni di questo dipinto è stata finita di Van Gogh nel 1889, durante il suo soggiorno presso il manicomio di Saint-Remy-de-Provence.

La camera da letto di Van Gogh a Arles (1889)
Il soggiorno ad Arles deve menzionare anche altre famose opere: Girasoli (1888, National Gallery, Londra) faceva parte di una serie destinata a decorare lo Studio dove lavoravano insieme, Van Gogh e Gauguin; in alcuni dei dipinti, i fiori sono disposti su uno sfondo blu, ma tutto questo è dipinto nelle gamme differenti di colore giallo, il colore che l'artista è associato al sole e felicità. Dipinse anche paesaggi, Nature morte e ritratti, nonché suoi noti dipinti di brillante e incandescente campi di grano sotto un cielo blu profondo.
Negli ultimi anni
Quando, all'inizio di dicembre 1888, Gauguin fece un ritratto di Vincent Van Gogh dipinto girasoli (1888, Vincent van Gogh Museum, Amsterdam), pensiero di Van Gogh ha visto rappresentato la propria follia. Poi, con il lancio turbolento della mutilazione dell'orecchio (mai abbastanza illuminata) concluso una tempestosa coesistenza di due mesi e, con esso, l'utopia di creare una comunità di artisti nel sud della Francia. Questo immersi tutti in una grave crisi psichica che sarebbe finita con la sua detenzione in un ospedale.
Van Gogh avrebbe sofferto dal diversi esaurimenti nervosi, anche se solo occasionalmente colpito sua veloce ritmo di lavoro; Fu internato, prima nel mentale ospedale di Saint-Rémy e quindi, sotto la cura del medico Gachet a Auvers-sur-Oise. In diverse immagini che ha dedicato al suo medico (come il ritratto del dottore Gachet, 1890, Musée d'Orsay, Parigi) sottolinea la sua passività e malinconica in un gesto completamente romantico. Questo periodo finale opere mostrano un forte contrasto e riflettono la sua miseria intima e il tormento interiore che lo affliggeva; formale, nervoso e desasosegado fino a quando il trattamento di parossismo, le pennellate spesse e ondulate e i colori della sua tavolozza taglienti esprimono la loro ansia.

Dettaglio di un autoritratto (1890, Musée d'Orsay, Parigi)
Anche in questa fase tardiva ci sono molti capolavori; ad esso appartengono suoi autoritratti migliori, tra cui spicca l' autoritratto del 1890 (Musée d'Orsay, Parigi), che ha dato il dottore Gachet. La predominanza di contrasto di toni blu con i rossi e arance dai capelli e il viso; Blues sono anche gli occhi, il cui sguardo fisso e penetrante attira immediatamente l'attenzione dello spettatore. Una volta scrisse al fratello Theo: "è stato detto - e io sono disposto a credere - che non è facile arrivare a conoscere se stessi, o di non dipingere se stessi". L'immagine è uno dei risultati culminanti del laborioso esercizio di introspezione che Van Gogh ha subito.
Anche se troverete anche quadri di splendore limpido, nei suoi paesaggi ultima bellezza naturale appare spesso turbato da scuotimento, riflesso dell'ansia dell'artista. La caserma (1889, Museo dell'Ermitage, San Pietroburgo) presenta un paesaggio semplice, in apparenza con un campo in primo piano, un gruppo di caserme, alcune colline e il cielo come sfondo. Tuttavia, non una singola trama della tela è libera di preoccupazione: tutto è vivo e tutto è in movimento impetuoso. Il cielo, dipinto con grandi pennellate, sembra precipitare sulle colline, che assomigliano a sua volta forti onde d'acqua che saltano sopra le costruzioni. Immagini della caserma anche irradiano tranquillità con la sua siluette rotti. La stessa tensione ha la gamma cromatica: dominano i toni verdi variati, ma ha colpito un tetto quasi rosso si rompe l'equilibrio.

Cipresso (1889)
In cipressi (1889, Metropolitan Museum, New York), quegli alberi infamados che sempre simboleggiato ospitalità rimarrà come due razzi da un cespuglio basso, diabolicamente inquieto mucchi contro un turbinio di cielo blu luminoso di nuvole bianche. I tratti sono spessi, sono raggruppati e sovrapposizione nella vasca idromassaggio e attraverso il paesaggio è trafitto da un inquietante ansia. Una proiezione ancora più intensa di umore nel paesaggio si trova nella notte stellata (1889, MOMA, New York), dove le onde scuotere una visionaria rappresentazione del cielo, che riflette in modo schiacciante angoscia interiore. La forza di tali opere ha guadagnato la considerazione di artista di grande precursore dell'espressionismo.

Notte stellata (1889)
Lo stato d'animo di Van Gogh in questa fase finale non era sempre desolante. Infatti, molte delle lettere a Theo degli ultimi mesi sono illuminati da un creativo drunkenness alto e felice, per la gioia della liberazione artistica finalmente raggiunto in intima comunione con la natura libera. Il disagio interiore vissuto con un'inestinguibile passione creativa e la sua sensibilità esacerbata per bellezza, e tale tensione è alla base di molte opere. Campo di grano con cipressi (1889, national Gallery, Londra) Mostra lo spirito inquieto di un uomo sull'orlo della follia, ma anche esprime ammirazione dell'artista dalla bellezza e dalla forza della natura, come manifestato nei cipressi fiammeggianti e le orecchie piegate dal vento.

Campo di grano con cipressi (1889)
Analoga complessità psichica si riflette in opere come Las lilas (1889, Museo dell'Hermitage, St Petersburgo). L'erba spessa e fiori in primo piano sono i colori particolarmente bello e radioso che è dipinto in fiore Bush suono come un inno alla bellezza e alla potenza della natura; ma il blu dello sfondo ha un tono così intenso che fa pensare allo stato d'animo del pittore. Ogni forma pittorica e ogni pennellata esprimono tensione Max: gambi e petali delle righe sono intrecciati come se fossero in fiamme.
Ma natura, atteso con impazienza e sorpreso il maestro con la sua bellezza, non potrebbe calmare la sua anima tormentata. Due settimane prima del suo suicidio dipinse una delle sue opere più belle, campo di grano con corvi (1890, Van Gogh Museum), che è stato oggetto di diverse interpretazioni. Un cielo scuro presentimento con uno stormo di corvi copre uno dei suoi amato grano, metà attraversato da un taglio di strada.

Campo di grano con corvi (1890)
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…