Passa ai contenuti principali

Biografia di Socrate | Filosofo greco

(Atene, 470 A.C. - ID, 399 A.C.) Filosofo greco. Anche se non ha lasciato alcun lavoro scritto e idee che possono essere attribuite con sicurezza sono scarse, Socrate è una figura capitale del pensiero antico, al punto di essere chiamati filosofi presocratici davanti a lui. Rompendo con i precedenti orientamenti predominanti, sua riflessione incentrata sull'essere umano, in particolare nell'etica, e le loro idee erano i due pilastri su cui poggia la storia della filosofia occidentale: Platone, che fu suo discepolo diretto, e Aristotele, che era allo stesso tempo di Platone.

Biografia

Socrate era figlio di una levatrice, Faenarete, ed uno scultore, Sophroniscus, relativo Arístides il diritto. Alcune cose sono note con certezza della biografia di Socrate, a parte il fatto che egli partecipò come soldato di fanteria nelle battaglie di Samo (440), Potidea (432), Delio (424) e Amphipolis (422). Era un amico di Aritias e Alcibiade, che ha salvato la vita.

Socrate
La maggior parte di ciò che è noto a questo proposito viene da tre contemporanei suoi: lo storico Senofonte, Aristofane drammaturgo e filosofo Platone. Il primo ritratto Socrates come un saggio assorbito dall'idea di identificazione di conoscenza e virtù, ma con una personalità in cui c'erano alcune un po' volgare tratti. Aristofane oggetto delle sue satire in una commedia, ha fatto le nuvole (423), dove viene identificato con altri sofisti, e lui è caricaturale come un artista di discorso fuorviante.
Queste due affermazioni chiariscono l'immagine di Socrate da Platone nei suoi dialoghi, che appare come una figura principale, un'immagine che non smette di essere occasionalmente eccessivamente idealizzato, anche se egli è considerato come possibilmente la più fiera.
A proposito di è che Socrate era sposato, ad un'età piuttosto avanzata, con Xantipa, che gli diede due figlie e un figlio. Certa tradizione stato perpetuato il cliché del dispregiativo per l'attività del marito e della moglie inclini a comportarsi in un modo brutale e volgare. Nel suo aspetto, sempre descritto Socrate come un uomo grassoccio con una pancia prominente, occhi sporgenti e labbra, nello stesso modo che è accreditato anche con un aspetto trasandato.

La maieutica

A quanto pare, e per gran parte della sua vita, Socrate avrebbe dedicato per vagare per le strade e i mercati di Atene, dove ha preso persone dal comune (commercianti, agricoltori o artigiani) come partner di tenere conversazioni lunghe, spesso simili a lunghi interrogatori. Questo comportamento è stato, tuttavia, l'essenza del suo sistema di istruzione, maieutica.
Il proprietario Socrate rispetto tale metodo con la professione di ostetrica che loro madre aveva: era ad un interlocutore per illuminare la verità, per scoprire da sé, come si trova già nella sua anima, per mezzo di un dialogo in cui il filosofo ha proposto una serie di domande e si oppose loro obiezioni contro le risposte ricevute, così che alla fine è stato possibile riconoscere se iniziale del suo interlocutore viste erano un'apparenza ingannevole o una vera conoscenza.
Nelle sue discussioni filosofiche, almeno per come essi sono riflessi nei dialoghi di Platone, Socrate continua, infatti, una serie di precise linee guida che costituiscono il cosiddetto dialogo socratico. Spesso inizia la conversazione lodando la saggezza del suo interlocutore e presentandosi come un ignorante: tale pretesa è il cosiddetto socratico ironia, che presiede la prima metà del dialogo. In esso, Socrates proposto una domanda (cioè quello che è virtù?) e ha elogiato la risposta dell'interlocutore, ma poi si oppose con successive domande o controesempi loro obiezioni alle risposte ricevute, immergersi in confusione il chiamante, che solo riconoscendo che non sapeva nulla circa la questione.
Tale risultato è stato un punto essenziale: non può essere insegnato qualcosa che già crede di conoscerla. Il primo passo verso la saggezza è sapere che nulla è noto, o, in altre parole, essere consapevoli della nostra ignoranza. Una volta ammesso l'ignoranza, hanno cominciato l' effettivo maieutica : attraverso il dialogo, con nuove domande e ragionamento, Socrates era leader ai loro partner presso la scoperta (o nascita) una precisa risposta alla questione, così sottilmente che la verità sembrava derivano dall'interno stesso, come una propria scoperta.

La filosofia di Socrate

La questione morale della conoscenza del bene era nel centro degli insegnamenti di Socrate, che ha stampato un cambiamento fondamentale nella storia della filosofia greca, di erogare con le preoccupazioni cosmologiche dei loro predecessori. Come si è visto, il primo passo per raggiungere la conoscenza ha consistito dell'accettazione dell'ignoranza, e sul terreno delle sue riflessioni etiche, la conoscenza gioca un ruolo cruciale. Socrate pensa che l'uomo non può fare bene se non lo sai, è per dire, se non hai lo stesso concetto e criteri che consentono di discernere esso.
L'essere umano aspira alla felicità e questa voce le loro azioni. Solo un comportamento virtuoso, d'altra parte, fornisce la felicità. E tutte le virtù, la più importante è la saggezza, che comprende il restante. Chi possiede la saggezza ha tutte le virtù, perché, secondo Socrate, nessuno lavorare sapendo sbagliato: se, ad esempio, qualcuno inganna gli altri è perché, nella loro ignoranza, non si rende conto che inganno è un male. Il saggio sa che l'onestà è buono, perché i benefici si (fiducia, reputazione, stima, onorabilità) sono molto superiori a quelli che lui può segnalare inganno (ricchezze, potere, un matrimonio adatto).
Gli ignoranti non è a conoscenza di questo: se tu lo sapevi, coltivare onestà e non inganno. Di conseguenza, l'uomo saggio è necessariamente virtuoso (come per Socrate, conoscendo il bene e pratica è la stessa cosa), e l'uomo ignorante è necessariamente vizioso. Questa concezione, è necessario sottolineare che la virtù non è qualcosa di innato che nasce spontaneamente in alcuni uomini, mentre gli altri sono privi di esso. Al contrario: poiché saggezza contiene l'altra virtù, virtù possono essere apprese; attraverso la comprensione può raggiungere la saggezza e con la sua virtù.

Socrate prende il hemlock (particolare di un dipinto ad olio di David)
Tuttavia, nei dialoghi di Platone , è difficile distinguere ciò che è la parte di sopra che corrisponde al Socrates storico e quello che già appartiene alla filosofia del suo discepolo. Socrates ha lasciato nessuna dottrina scritta, né né perso Atene (tranne to servire come un soldato), al contrario l'usanza di non pochi filosofi del tempo e soprattutto dei sofisti. Se, come sembra, idee etiche sopra sono proprio Socrates, la sua filosofia è l'esatto opposto di scetticismo e il relativismo morale dei sofisti, che nonostante e a causa della sua abilità dialettica, è stato considerato nel suo tempo come uno di loro, in quanto riflette la predetta commedia di Aristofane.
Con la loro condotta, Socrates ha guadagnato i nemici, nel contesto di instabilità che era Atene dopo le guerre del Peloponneso, hanno finito per il fatto che la loro amicizia era pericoloso per gli aristocratici come discepoli Alcibiade o Crizia; ufficialmente accusato di EMPIETÀ e corrompere la gioventù, è stato condannato a bere la cicuta dopo che, in sua difesa, aveva mostrato l'inconsistenza delle accuse che sono contro di lui.
Come si relaziona a Platone nelle scuse che ha lasciato il suo Maestro, Socrate potrebbe hanno eluso la frase, grazie agli amici che ancora conservato, ma ha preferito rispettarlo e muoiono, come cittadino si sentì obbligato a rispettare la legge della città, anche se in alcuni casi, come il suo, e ' stato ingiusto; peggio ancora, sarebbe stato l'assenza di diritto.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…