Passa ai contenuti principali

Biografia di Octavio Paz | Scrittore messicano

(Città del Messico, 1914 - ID, 1998) Scrittore messicano. Con Cesar Vallejo e Pablo Neruda, Octavio Paz formava la triade dei grandi poeti che, dopo il declino del modernismo, ha portato il rinnovamento della poesia ispano-americana del XX secolo. Il premio Nobel per la letteratura nel 1990, il primo assegnato a un autore messicano, significato anche il riconoscimento della sua statura intellettuale vasto e influente, che si è riflesso in una produzione di brillante saggio.

Biografia

Nipote dello scrittore Ireneo Paz, interessi letterari Octavio Paz si manifesta anche molto presto, e pubblicò i suoi primi lavori in diverse riviste letterarie. Ha studiato presso la facoltà di giurisprudenza e filosofia e arti dell'Università nazionale. Preoccupazioni sociali anche lasciano sentire prontamente, e nel 1937 fece un viaggio in Yucatan con l'intento di creare una scuola per i figli dei dipendenti. Nel mese di giugno di quello stesso anno che sposò lo scrittore Elena Garro (darebbe una figlia e che anni dopo avrebbero separato) e la sinistra suo accademico studia per eseguire, insieme a sua moglie, un viaggio in Europa che sarebbe fondamentale in tutta la sua carriera intellettuale e la vita.

Octavio Paz
A Parigi ha preso contatto, tra gli altri, César Vallejo e Pablo Neruda, e fu invitato al Congresso degli scrittori antifascisti in Valencia. Fino alla fine del settembre 1937 rimase in Spagna, dove incontrò personalmente Vicente Huidobro, Antonio Machado, Miguel Hernández e altri importanti poeti della generazione del 27. Oltre a visitare la parte anteriore, durante la guerra, civile spagnola (1936-1939) ha scritto molti articoli a sostegno della causa repubblicana.
Dopo il ritorno a Parigi e visita New York, nel 1938 tornò in Messico e ci ha collaborato strettamente con i rifugiati repubblicano spagnolo, soprattutto con i poeti del timestamp della Spagna. Nel frattempo, ha lavorato in una banca e tutti i giorni ha scritto una colonna della politica internazionale nel giornale The Popularsindacato che ha abbandonato da differenze ideologiche. Nel 1942 fondò le riviste nuovi terreni e il figliol prodigo.
Dalla fine del 1943 (un anno in cui ha ricevuto una Guggenheim Fellowship per visitare gli Stati Uniti) fino al 1953, Octavio Paz risieduto all'estero: prima in città all American e, dopo la seconda guerra mondiale, a Parigi, dopo aver inserito nel servizio esteri messicano. Nella capitale francese iniziò la sua mossa dal marxismo ed esistenzialismo per l'avvicinamento di un socialismo utopistico e soprattutto al Surrealismo, intesa come attitudine alla vita e in cui cerchi è stato introdotto grazie a Benjamin Péret e soprattutto al suo amico André Breton.

Octavio Paz
Tornato in Messico, ha fondato nel 1955 il gruppo poetico e teatrale poesia ad alta voce e successivamente ha cominciato suoi collaborazioni nella Revista Mexicana de Literatura ed El Corno Emplumado. Posizioni di arte contemporanea sperimentale che ha difeso in pubblicazioni di questo periodo. Nel 1960 tornò al servizio esteri, essendo assegnato come un funzionario dell'Ambasciata messicana a Parigi (1960-1961) e successivamente nell'India (1962-1968); in quest'ultimo paese ha incontrato Marie-José Tramini, che era sposato nel 1964. Esso chiuso la sua attività diplomatica nel 1968, quando si dimise per protestare contro le politiche repressive della parte anteriore del governo messicano movimento democratico degli studenti, che culminò nel massacro nella Piazza delle tre culture di Tlatelolco.
Ha insegnato dal poi in università americane ed europee che continuarono il loro instancabile lavoro cultura dando lezioni e fondando nuove riviste, come plurale (1971-1976) o indietro (1976). Nel 1990 gli è stato conferito il premio Nobel per la letteratura, coronamento di una carriera esemplare già precedentemente riconosciuta con il più alto riconoscimento delle lettere dell'America Latina, il Premio Cervantes (1981), e che riceverebbero nuovamente con il principe delle Asturie comunicazione e scienze umane (1993).

La poesia di Octavio Paz

La maggior parte della vasta produzione di Octavio Paz si inserisce in due generi: poesia e saggistica. La sua poesia ha approfondito i giardini dell'erotismo, la sperimentazione formale e la riflessione sul destino dell'uomo. In linea generale possono essere distinti tre fasi principali nella sua opera poetica: nel primo, l'autore ha cercato di penetrare attraverso la parola, in un campo di energie essenziali che lo ha portato a determinate impersonalità; nella seconda si entroncó con la tradizione surrealista, prima di trovare un nuovo impulso nel contatto con l'Oriente; nell'ultima fase della sua carriera lirica, il poeta ha dato priorità all'alleanza tra erotismo e conoscenza.
Libertà vigilata (1949), Octavio Paz raggruppati vari libri scritti tra il 1935 e il 1947. Prime composizioni erano risponde a un'estetica neorromantica e forti preoccupazioni sociali; ma presto aggiunto un tema esistenziale, che ruotava intorno la sensazione di solitudine, i problemi del suo tempo, la comunicazione, la possibilità dell'amore... Seguendo questo percorso, la sua poesia è diventato uno strumento di conoscenza di sé e del mondo; In somma, una poesia di segno metafisico.

Octavio Paz
Ma presto la scoperta del surrealismo insegnargli la forza liberatrice della parola e con la valutazione dell'irrazionale, la possibilità di ritorno alle dimensioni mitiche lingua. Così, si è verificato al tempo stesso e come ha detto la propria Octavio Paz, un ritorno alla ribalta e un ritorno alla parola magica. Entrambe le direzioni si materializzò nelle poesie che vanno da Aquila o sole? (1949-50) a una vasta e magistrale composizione intitolata pietra del sole (1957), costruita dai miti Aztechi del tempo circolare.
Spesso indicato come uno dei suoi capolavori, pietra del sole si trova al crocevia della sua carriera lirica: poema condensato storiche ed esistenziale preoccupazioni su una mano e anticipa il suo lavoro successivo da altro. Si compone di 584 endecasilabos (la stessa figura come l'anno del calendario azteco) delle immagini dense e potente, dopo che la poesia torna all'inizio. Questa struttura circolare non impedisce il progresso delle indagini del poeta, di cui l'amore, l'individuo e il senso della storia e del mondo.
Salamandra (1962), che comprende poesie scritte tra il 1958 e il 1961, Octavio Paz ha aumentato l'irrazionale e l'esoterico. È una poesia che tenta di mostrarci l'altro lato delle cose, da un'esplorazione dei nuovi poteri della parola. Il risultato, tranne in alcuni casi, è un pieno di suggerimenti ermetismo. Versante orientale (1962 - 1968) è il risultato, da un lato, il suo interesse nella cultura orientale, da cui emergono nuove dimensioni esoterici. D'altra parte risponde al contatto di Octavio Paz con lo strutturalismo linguistico, che vi porta a suffragare la creazione poetica nello stesso script. Abbiamo il rilascio di massimo lingua, con un'espressione poetica, in cui le parole raggiungono la massima autonomia, interrotto a volte del tutto logico substrato.
Il poeta sperimenta anche nuove risorse della presentazione e della tipografia; un buon esempio potrebbe essere il lungo poema bianco (1967), disposti in tre colonne che possono essere letti in modi diversi. In questo modo sperimentale, Octavio Paz pubblicato nel 1969 due libri di poesia "spazio" (o visual): Topoemas e documenti visivi. Essi sono i tentativi di creare una nuova percezione del messaggio cui precedenti torna alla Apollinaire e all'avanguardia tra le due guerre.
Molto diverso è chiaro passato (1975), libro composto da un unico, lungo e bella poesia, lingua più sobrio (ma insolita densità), progettato per immersioni sulla sua coscienza, la sua vita e la sua parola. Compendio delle loro preoccupazioni e le esperienze creative, questo secondo capolavoro condensa alla sua estremità la sua visione del linguaggio come "fondatore della realtà", come uno strumento con cui l'uomo crea e viene creato: dopo il lungo cammino attraverso le parole in cerca di realtà ultime e della propria realtà, il poeta viene definito, nell'ultimo verso , come "l'ombra che gettano le mie parole".
I suoi libri successivi includono indietro (1976) e albero in (1987). Formata da poesie scritte tra il 1969 e il 1975, il titolo del primo si riferisce al poeta ritorno in Messico dopo un lungo soggiorno in Europa e Medio Oriente. Albero in riunisce le poesie composte dall'autore dopo la pubblicazione di girare ed è diviso in cinque parti, alcune delle quali insistere sui suoi temi coerenti: meditazione sull'amore (nel quinto, che dà il libro titolo) o morte (nel terzo).

Saggi

Poeta, narratore, saggista, traduttrice e grande promotore delle lettere messicano, pace è sempre mantenuta al centro del dibattito artistico, politico e sociale del paese. Sia la varietà di interessi e acuta intelligenza analitica e insaziabile curiosità è diventato brevetto nei suoi numerosi saggi, che copriva una vasta gamma di argomenti, dall'arte e letteratura alla sociologia e linguistica, storia e politica. La sostanza, la profondità e la sottigliezza caratterizzano questi testi.
Tema letterario sono l'arco e la lira (1959), profonda riflessione sulla creazione poetica e Sor Juana Inés de la Cruz o le insidie della fede (1982), studio completo dell'opera e la complessa personalità di questo poeta messicano del XVII secolo. Identità messicana è il tema del labirinto della solitudine (1950) e PostScript (1970).

Il grammatico di scimmia (1974), di partecipare in un momento di riflessione e di poesia in prosa, stesso Esplora l'essenza del linguaggio ed è una testimonianza della sua attrazione per l'Oriente; il titolo si riferisce alla testa di Hanuman, uno dei personaggi principali nelle scimmie Ramayana. Tempo nuvoloso (1983) si concentra sulla situazione politica e sociale contemporanea. I privilegi di visualizzazione (1987) sono sue opinioni sulle arti visive.
Dei suoi saggi recenti includono la doppia fiamma (1993). Il lavoro riguarda la letteratura alla ricerca la genesi dell'idea poetica dell'amore, l'amore cortese provenzale, che è senza precedenti nelle antiche religioni indiane e cinesi ed ellenismo (con la sua fusione di Oriente e Occidente). Dopo i poeti provenzali, cristianesimo desarboló Amor; la passione carnale, consumazione dell'amore, è stata relegata dalla divinizzazione della persona amata (Dante, Petrarca e neoplatonismo).
Secondo l'autore, era la rivoluzione francese quindi amore cogliere la sua umanità nelle mani di poeti e scrittori di prosa. Ma nel mondo moderno, la rivoluzione sessuale del 1968 portò alla fine dell'anima per mano di materialismo scientifico. in altre parole, l'amore è stato vittima della crisi dell'idea di persona: pessimismo estremo chiude questo lavoro. Altri titoli della sua abbondante produzione di saggi sono quadrivium (1965), Claude Lévi-Strauss o la nuova festa per Aesop (1967), congiunzioni e disgiunzioni (1969), i figli di melma (1974), l'orco filantropico (1979) e gli uomini del suo secolo (1984).
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…