Biografia di Miguel Hidalgo | Patriota messicano

(Miguel Hidalgo y Costilla, chiamato anche El cura Hidalgo;) San Diego Corralejo, Guanajuato, 1753 - Chihuahua, 1811) patriota messicano che ha iniziato la lotta per l'indipendenza. Culto di sacerdote e idee avanzate che aveva lavorato dalla sua parrocchia nella città di Dolores, migliorando le condizioni di vita dei parrocchiani, Miguel Hidalgo aderito attivamente nei circoli che mettevano in discussione lo status coloniale e cospirazione per rovesciare il viceré spagnolo. Quando era la trama a cui hanno partecipato, sua ferma determinazione e il suo appello a prendere le armi (il cosiddetto Grito de Dolores, del 16 settembre 1810) erette nel leader di una rivolta popolare contro le autorità coloniali scoperto.

Miguel Hidalgo
Egli era quasi portata del movimento e prendere la città del Messico; ma un errore tattico, comprensibile a chi non era né militare né stratega, indebolito la propria posizione e si è conclusa con la sconfitta e l'esecuzione del sacerdote e suoi luogotenenti. Nonostante il fallimento, Miguel Hidalgo ha avviato il processo che avrebbe portato all'indipendenza del Messico (1821), e la sua figura si distingue in particolare nella misura in cui come c'è un desiderio di potere o una difesa dei privilegi della élite creola, ma un imperativo etico e un ideale di giustizia sociale al servizio dei loro concittadini nella loro lotta. Ecco perché è più ammirati dei padri della patria messicana.

Il sacerdote illuminato

Appartenente ad una famiglia ricca creola, era il secondo di quattro figli di don Cristóbal Hidalgo y Costilla, Manager della hacienda di San Diego Corralejo e Doña Ana María Gallaga mandarte. All'età di 12 anni si trasferisce alla città di Valladolid (oggi Morelia), dove fece i suoi studi presso il Colegio de San Nicolas; Poi andò a città del Messico per proseguire gli studi superiori. Nel 1773, ha conseguito un Bachelor in filosofia e teologia e ottenuto una cattedra presso il College stesso di San Nicolas dall'opposizione.
Durante i seguenti anni ha fatto una brillante carriera accademica che culminò nel 1790, quando fu nominato Rettore del Colegio de San Nicolas. A quel stesso ente avrebbe come uno studente ad un giovane chiara e forte-voluto, un discepolo esemplare che gli sarebbe succeduto non tanto nei suoi sogni intellettuali come loro incursioni politiche e soprattutto nella versione epica le popolazioni indigene dell'oppressione secolare e dispotico dei colonizzatori: José María Morelos.
Nel 1778 era stato ordinato sacerdote; Dopo aver ricevuto gli ordini sacri, padre Hidalgo ha lavorato presso diverse parrocchie. Già allora parlava sei lingue (Spagnolo, francese, italiano, Tarasco, otomi e nahuatl) e la biblioteca ha cominciato ad ottenere le opere di autori francesi, allora considerati contrario a religione e alla corona spagnola. Spostati tra gli amici e gli ambienti in cui politici idee d'avanguardia sono state discusse con totale libertà ed è venuto per essere denunciato al Sant'Uffizio per esprimere concetti incompatibili con la religione, ma nessuna prova essere potrebbe formata per mancanza di prove.

Miguel Hidalgo
Alla morte di suo fratello Joaquín (nel 1803), Miguel Hidalgo lo sostituì come sacerdote della città di Dolores, nella stato di Guanajuato. Fu a dolori dove, oltre a esercitare generosamente il loro magistero ecclesiastico, ha intrapreso attività di grande riformatore e hero illustrata, mettere in pratica le sue idee tra i suoi parrocchiani (principalmente indigeni), nel tentativo di migliorare le loro condizioni di vita. Così, il sacerdote affrontato per espandere la coltivazione dei vigneti, piantati alberi di gelso per i bachi da seta allevamento e promozione dell'apicoltura. Inoltre ha promosso le fornaci di mattoni e una fabbrica di terracotta e ha incoraggiato la costruzione di vasche per conciatori e altre botteghe artigiane che sono utili per la prosperità della popolazione, che gli valse l'appoggio incondizionato dei parrocchiani.

Il Grito de Dolores

Nel 1808, con l'invasione della Spagna dalle truppe di Napoleone e la successiva deposizione del monarca spagnolo Carlos IV e suo figlio Fernando VII, iniziò una fase turbolenta, sia in Spagna che in America. Poi è venuto numerosi gruppi di intellettuali discutendo di sovranità e le forme di governo delle colonie.
Dal 1808 il corregidor di Querétaro, Miguel Domínguez, aveva promosso la formazione di un Congresso americano ed era appassionato di governo autonomo. Nel 1810 che si sono riuniti a Tornio per le diverse persone che cospirano contro l'autorità vicereale sotto l'apparenza di un incontro letterario. Nelle riunioni di Queretaro creoli importanti partecipanti, tra i quali erano il proprio magistrato e sua moglie Josefa Ortiz de Domínguez; Ignacio Allende, un ufficiale e piccolo proprietario terriero; e Juan Aldama, anche ufficiale. Miguel Hidalgo arrivati a Queretaro invitato da Allende all'inizio di settembre 1810.
Lo scopo dei cospiratori di Querétaro non era totale indipendenza, almeno all'inizio. L'idea era di rovesciare l'appena nominato viceré spagnolo, Francisco Javier Venegas e incontrare un Congresso per governare il vicereame della nuova Spagna nel nome di re Fernando VII (che a quel tempo era prigioniero di Napoleone). I cospiratori programmato di prendere le armi contro il viceré Venegas 1° ottobre 1810, ma sono stati scoperti a metà settembre. Hidalgo e alcuni altri congiurati riuscirono a raggiungere la sicurezza grazie all'annuncio di Josefa Ortiz de Dominguez e si trasferì a Dolores.

Miguel Hidalgo
Interrotta, pertanto conjurés piani, solo che potrebbe nascondere o avanzare la lievitazione, e Miguel Hidalgo ha optato per le ultime. La notte del 15 settembre, il sacerdote ha chiesto l'aiuto dei parrocchiani di Dolores, liberati i prigionieri politici dal carcere e poi ha preso le armi della guarnigione locale. La mattina successiva ha chiamato una massa frequentata da molti sostenitori della vicinanza, e ha fatto appello a sollevarsi in armi contro le autorità coloniali; tale proclamazione è conosciuto come il Grito de Dolores.
Procedimento di Hidalgo ha dato il movimento un cambiamento radicale. Non è stato colpito dalla mano di un'élite che stava cercando di stabilire un governo nativo e si aspettano il ritorno di Fernando VII in Spagna: questo è diventato la prima rivolta popolare in America spagnola e si ruppe la rabbia degli oppressi. Chiamata di Hidalgo hanno partecipato centinaia di contadini da vicino, e mentre progredivano, Peoni e indiani delle Comunità si erano unirsi a loro. Questi erano in rivolta la possibilità di migliorare la loro situazione miserabile, causate da cattivi raccolti e aumento dei prezzi.

Vittorie da capogiro

I ribelli diretti a San Miguel el Grande, e il 16 settembre 1810, nel Santuario di Atotonilco, Miguel Hidalgo ha raggiunto il picco, come segno del suo esercito, uno striscione con l'immagine di nostra signora di Guadalupe, patrona del Messico, in cui si poteva leggere: "viva la religione. Lunga vita alla nostra madre Santísima de Guadalupe. Viva Fernando VII. Viva America e la morte di cattivo governo". A San Miguel el Grande arruolò nel reggimento della Regina, che comandava Ignacio Allendee un gran numero di artigiani, obrajeros e contadini. Insieme con Allende, riuscì a radunare un esercito composto da più di 40.000 uomini.
Le vicissitudini delle settimane possono essere descritto come da capogiro. Il 21 settembre, con un battaglione di grandi dimensioni, indisciplinato e turbolento, Miguel Hidalgo ha occupato la città di Celaya, dove sono stati distribuiti i gradi tra i leader dell'insurrezione: l'onore di essere il tenente generale è andato a Ignacio Allende; il sacerdote Miguel Hidalgo fu proclamato senza discussione generale capitano. L'esercito di liberazione continuò la sua avanzata e poi ha preso la città di Salamanca, Irapuato e Silao.

Miguel Hidalgo in un dipinto murale di Juan'Gorman
Punto successivo del tour è stata la ricca città di Guanajuato (28 settembre), in cui ha continuato a entrare gli operai, contadini, movimento indigeno e la popolazione in generale; tutti sono stati disegnati, come se da un magnete. Ma la presa della città fu segnata dalla violenza. Riaño sindaco non aveva i mezzi per difenderla e ha deciso di rifugiarsi con i ricchi nella alhóndiga de Granaditas persone. L'assalto della alhondiga era una violenza estrema e la maggior parte di loro si rifugiarono ci sono stati uccisi. Anche se esistono diverse versioni, tutti d'accordo che molti crimini e gli abusi, commit anche dopo aver occupato l'edificio. Questo episodio ha causato alcuni creoli di ritirare il loro sostegno al movimento.
Nel frattempo, le autorità ecclesiastiche condannato alimentato i ribelli, soprattutto al suo istigatore di rivolte più visibile, chi li accusa di Trickster, eretico e nemico della proprietà privata, le spese per il quale venne scomunicato. In realtà, aveva dichiarato Hidalgo poi che terra dovrebbe essere restituito agli indiani, vincendo con questa appartenenza, ma quello che non aveva ancora difeso (e l'atteggiamento dei vescovi non ha fatto, ma la sua decisione di accelerare) era la necessità per la completa indipendenza del paese.
Stabilire un obiettivo così è stata la risposta profetica i loro nemici, e quando due mesi più tardi formò un governo provvisorio a Guadalajara, sua sfida sarebbe venuto al punto al decretando che egli deve arrendersi alla coltivazione della terra naturale, nonché godere esclusa terre comunali. D'altra parte, aristocrazia creola, temendo di perdere i privilegi concessi al sistema latifundista, né sarebbe volentieri a che governo di interim ha abolito la schiavitù e le tasse che sono riscossi per gli indiani e meticci, né né il successivo decreto che hai minacciato con confisca dei beni degli europei, così si unì le forze del viceré e gerarchie ecclesiastiche.

Miguel Hidalgo
Ma tale perdita di supporto non sarebbe riflessa, per il momento, sui campi di battaglia, dove Hidalgo ha continuato a mietere vittorie fino a quando, forse da un eccesso di grandezza etica, ha commesso un fatale errore strategico. Il 17 ottobre 1810 Hidalgo ha preso Valladolid con settemila uomini di cavalleria e due cento quaranta bambini, tutti di loro scarsamente armati e il 25 ottobre ha tenuto di Toluca. Nello stesso mese entrò Hidalgo suo accolito vecchio ed esimi successore, José María Morelos, che fu immediatamente incaricata di trasportare l'insurrezione nel sud del paese.
Quando l'obiettivo successivo era città del Messico, Hidalgo ha vinto una vittoria molto importante su Torcuato Trujillo, inviato dal viceré Francisco Javier Venegas per intercettare i ribelli. L'incontro ha avuto luogo presso il Monte de las Cruces il 30 ottobre 1810: le truppe di Trujillo furono sconfitte e, dopo la sanguinosa battaglia, l'esercito di Royalist fuggiti nella capitale messicana, possibilmente in attesa per l'assalto finale.

Un errore fatale

Pio nel dignitoso esercizio del suo ministero sacerdotale, ammirevole per le sue riforme nel settore, brillante posizione come legislatore progressiva, audace in battaglia e disposti a prestare il suo braccio per causare più nobile e rischiosa del suo tempo, padre Hidalgo è stato, purtroppo, un generale scomodo. Forse era troppo sopraffatto con dolore che era tra le sue truppe inesperte e latta che non era disposto a sacrifici di Exchange, forse sterile, per le vittorie sanguinose.
La verità è che, dopo la vittoria del Monte de las Cruces, Ignacio Allende raccomandato è quello di attaccare la capitale, ma il sacerdote Hidalgo, ignorando il Consiglio eccellente condiviso dai restanti capi militari non voleva avanzare verso città del Messico. Con carico dietro quello che è successo a Guanajuato e per evitare le proprie truppe per saccheggiare la capitale, o ben prima della minaccia di un attacco da Maresciallo Félix María Calleja, ordinò la ritirata.
Tale errore ha segnato l'inizio della fine. Pochi giorni dopo, il 7 novembre, Félix Calleja lo sconfisse nella battaglia di Aculco; Hidalgo tornò a Valladolid e da lì è andato a Guadalajara. Già in Guadalajara (22 novembre), Miguel Hidalgo ha rilasciato una dichiarazione di indipendenza e formò un governo provvisorio; Ha inoltre decretato l'abolizione della schiavitù, l'abolizione delle imposte pagate dagli indiani per la corona e la restituzione dei terreni usurpati dalle haciendas. Ma tali e tali eccellenti di imposta e decreti amministrativi erano carta bagnato senza l'uso della forza. Alla fine dell'anno aveva già perso Guanajuato e Valladolid.
17 gennaio 1811, le truppe di Hidalgo furono sconfitti nella battaglia di ponte Calderón da un contingente di soldati realistici sotto il comando di Calleja. Controllo deposto dai loro compagni, sinistra Hidalgo per Aguascalientes e Zacatecas, con l'intento di arrivare negli Stati Uniti per cercare sostegno per la loro causa, ma fu tradito da Ignacio Elizondo e catturato sulla Norias di Acatita de impostato 21 maggio 1811. In Chihuahua, dopo aver subito un doppio processo di ecclesiastiche e civili, Hidalgo è stato espulso dal sacerdozio e condannato a morte.
La sparatoria ha avuto luogo la mattina del 30 luglio 1811. Le teste di Miguel Hidalgo, Ignacio Allende e altri ribelli furono esposte come I attenzione collocati in gabbie nella alhóndiga de Granaditas a Guanajuato. Ci rimase per diversi anni. Tuttavia, ancora aveva energia e signori della guerra alla rivoluzione, alimentato ulteriormente dall'esempio del padre Hidalgo, la cui forza d'animo, mantenuto fino all'ultimo momento, ha vinto l'ammirazione anche del plotone dei suoi esecutori.

Padre della nazione

La coloniale governo era convinto che con la morte dei caudillos, girato in Chihuahua, finirebbe il movimento degli insorti, ma non ha fatto. Ignacio López Rayón, tenente di Hidalgo, gli succedette all'avanguardia della rivolta e ripreso la lotta dal suo rifugio a Saltillo, al momento tale incombente campagne che ex discepolo di Hidalgo, José María Morelos, che il sacerdote era responsabile per la formazione di un esercito nel sud del paese.
Con l'esecuzione di Morelos nel 1815, ribellione infine è stato schiacciato, ma l'ideologia del sacerdote da Dolores era diventato popolare tra ampie fasce della società messicana, e il processo ha avuto no retromarcia. Sei anni più tardi, nel 1821, l'attraversi semi: alla testa del suo esercito Trigarante, ha subito tre garanzie di piano di Iguala, Agustín de Iturbide ha continuato a dominare su tutto il territorio nazionale e Messico ottiene l'indipendenza dalla Spagna.
A seguito dell'istituzione in Messico 1823, Miguel Hidalgo fu riconosciuto come padre della nazione. Gli orsi di stato di Hidalgo che è diventati il suo nome e la città di Dolores rinominato Dolores Hidalgo in suo onore. Il 16 settembre, il giorno in cui proclamò il paranco, è celebrato in Messico il giorno dell'indipendenza. Suoi resti riposano nella colonna dell'indipendenza, a città del Messico.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici