Biografia di Lenin: Vladimir il'ich Ulyanov | Il leader intellettuale de la rivoluzione russa

Il leader intellettuale cui idee hanno portato alla caduta dello zar e la rivoluzione russa del 1917, che ha portato alla formazione dell'URSS.
Negli ultimi decenni del XIX secolo, il divario tra lo zar Alejandro III, difensore del absolutism bizantino dei loro antenati e le specie coltivate si era deteriorata a tal punto che la lotta contro zarismo era diventata, tra russi istruiti, un dovere e un onore. L'opposizione politica e il movimento rivoluzionario si è sviluppato sotto la spinta di un «intellighenzia» rendendo accoliti in scuole, fabbriche, quotidiani e uffici. Sei anni dopo la morte del suo predecessore, Alejandro II, precisamente il 1° marzo 1887, un gruppo di giovani nichilista ha tentato di porre fine alla vita dello zar. L'attacco fallì e i terroristi sono stati arrestati. Tra i condannati a morte era Alexander Uliánov, il fratello maggiore del futuro Lenin. Per imparare dalla stampa che il gruppo fosse stato appeso in Petersburgo, il ragazzo ha ricevuto un'impressione indelebile, che alla fine sarebbe trasformata nell'opposizione più ferma e risoluta a zarismo. Ma già allora, con la lucidità di un visionario, riassume la situazione in questa frase di condanna dei metodi del terrorismo individuale: «non andremo giù questa strada. Non è buona.

Nel percorso della rivoluzione

Vladimir il'ich Ulyanov, conosciuto come Lenin, è Nato il 22 aprile 1870, in una tipica famiglia di intellettuali russi alla fine del XIX secolo. Era il quarto di sei figli detenuti da llia Ulyanov e María Alexandrovna Blank, che aveva stabilito l'anno prima della sua nascita a Simbirsk, un povero provinciale, con le versioni precedenti, sulle rive della città del fiume di Volga. Il padre, un ispettore di scuola primaria, ha condiviso le idee dei rivoluzionari democratici nel 1860 e aveva dedicato all'educazione popolare, partecipando alla vita dei contadini russi in miseria e l'ignoranza. La madre, di origine tedesca, amava la musica e seguito da vicino le attività della scuola dei loro figli. Dal suo dolce e tenero - personaggio mai imposto punizioni o alzando la voce-, svegliato nel suo proprio amore confinante con il culto.
Studioso di ambiente della casa, dove non mancava una buona biblioteca, ha provocato lo sviluppo del senso del dovere e della disciplina. Vladimir ha seguito l'esempio del fratello maggiore, era un ragazzo perseverante e tenace, uno studente regolare e metodico che ha ottenuto i voti migliori ed eccelleva negli scacchi. All'età di quattordici anni cominciò a leggere libri «proibiti» - Russia ha vissuto allora sotto la repressione più nero e grandi democratici lettura era considerato un crimine.
Quando Alexander è stato impiccato, durante il seguente anno che è morto il padre, famiglia aveva spostati forzatamente per il villaggio di Kokuchkino, vicino a Kazan. A quel tempo, Vladimir abbandonato la religione, perché, come avrebbe detto più tardi, il destino di suo fratello «aveva segnato di lui destino da seguire». A Kazan, ha iniziato gli studi di legge presso l'imperial University, uno dei focolai di maggiore opposizione al regime autocratico. Lo stesso anno del suo reddito, 1887, Vladimir è stato arrestato per aver partecipato a una protesta contro lo zar. Quando uno dei poliziotti a guardia chiesto perché mescolando in queste rivolte, perché era la testa contro un muro, la sua risposta è stata: "Sì, è un muro, vero, ma con un kick-off scenderà".

Lenin (olio su tela di Brodsky)
Espulso dall'Università, egli si dedicò interamente alle teorie rivoluzionarie, ha cominciato a studiare le opere di Marx ed Engels direttamente dal tedesco e leggere per la prima volta la capitale, vitale di lettura per la sua adesione al marxismo ortodosso. Già nei suoi primi scritti ha difeso il marxismo contro le teorie di "narodniki", russi populisti. Nel maggio del 1889 la famiglia si trasferì a Provincia di Samara, dove, dopo molte richieste, Lenin ha ricevuto l'autorizzazione per esaminare le leggi come uno studente gratis. Tre anni dopo si laureò con le qualifiche più alte e iniziò a praticare la legge e poveri contadini e artigiani.
Già a quel tempo, nel gruppo marxista che era parte ti ha detto il vecchio di suo davanti socratico, prematuramente calvo e la sua vasta erudizione. Il volto di qualche corte mongola, con zigomi larghi e gli occhi del tartaro, occhieggiavano e ironico, il collo potente e robusta porta ha dato l'aspetto di un contadino. Avvocato senza cause, Lenin firmato nei circoli della classe operaia, chiamati elenchi istruttori 'collegi democratici'. Ha organizzato le librerie, programmi di studio e caselle degli aiuti con l'obiettivo di insegnare metodi di lotta rivoluzionaria, per formare cosi lavoratori, propagandistici e organizzatori immagini di cerchi sociale-democratico, al fine di plasmare un futuro partito. Per fare questo che aveva bisogno di avere il sostegno dei marxisti che hanno emigrato, regia di Grigori Plejánov gruppi e nell'aprile 1895 ha viaggiato all'estero, ha deciso di studiare il movimento operaio dell'Occidente. Ha trascorso un paio di settimane in Svizzera, poi visitò Berlino e Parigi, dove ebbe come partner a Karl Liebknecht e Paul Lafargue.
Al suo ritorno, fu imprigionato con il suo futuro rivale Julij Martov dall'Ochrana, la polizia segreta dello zar. In prigione, Lenin ha rapidamente avuto modo di lavorare. Comunicava con l'esterno attraverso sua sorella Anna e Nadezda Krupskáia, uno studente sul circolo marxista, che, per essere in grado di fargli visita in carcere, aveva dichiarato di essere la sua fidanzata. Più tardi, nel 1898, un anno dopo fu deportato in Siberia meridionale, vicino al confine con la Cina, sposò Nadezda ad una cerimonia religiosa.
In esilio, la coppia ha condotto una vita ordinata, senza intoppi, che Lenin ha aiutato finito di scrivere il suo primo lavoro fondamentale, lo sviluppo del capitalismo in Russia, che sostiene che il paese semi-feudale muovendo con decisione verso il capitalismo industriale.

In esilio

Dopo quasi mille giorni in Siberia, poco dopo l'inizio del secolo e trent'anni di età, Lenin ha cominciato il suo primo esilio in Svizzera. Riunita con Martov, lì, ha lanciato un progetto a lungo accarezzato: la pubblicazione di un periodico Carbossimetilazione sociale di portata nazionale. Il primo numero del giornale Iskra (la scintilla) è Nato il 21 dicembre 1900, con un editoriale di Lenin in cima alla prima pagina. Nelle sue avventure, tra Monaco e Ginevra, è stato in questo momento quando divenne il leader dei marxisti russi, soprattutto dopo la pubblicazione del libro cosa fare, una delle sue opere più importanti, che hanno richiesto la necessità di un'organizzazione di rivoluzionari professionisti e sintetizzato l'idea del partito come avanguardia della classe operaia.
E ' stato solo il dibattito intorno come strutturato il partito che ha causato profonde divergenze nel 11 Congresso dei lavoratori partito socialdemocratico russo inaugurata da Plekhanov nel luglio 1903. Si è consumato la rottura tra Lenin e Martov. Poiché i sostenitori di quest'ultimo chiamato «Bolscevico», da una maggioranza contro i "menscevichi", gruppo di minoranza. E da allora il gruppo di foto professionali, centralizzata e disciplinato, era il pilastro fondamentale del bolscevismo.
La rivoluzione del 1905, che era esplosa in Petersburgo dopo 'Bloody Sunday' in cui le truppe dello zar sparato contro i manifestanti indifesi, causando più di mille morti e 5.000 feriti, stordito Lenin in Svizzera. La pressione delle masse costretto decadente zarista a fare alcune concessioni liberali: ora i Bolsheviks ha agito sulla legittimità, e questo ha permesso di Lenin tornò in Russia nel mese di ottobre dello stesso anno arrivare davanti ai suoi tifosi. Ma speranze di nuove rivolte si è verificato non è di cemento e per la polizia tenta di arrestarlo, alla fine dell'estate seguente, Lenin fuggì in Finlandia. Il processo insurrezionale era stata un fallimento e il governo di ZAR restituito per inasprire i suoi metodi, per liquidare completamente i guadagni realizzati dalla rivoluzione. La frazione bolscevica impantanato nel pessimismo e litigi interni, soffre con la sconfitta, a tal punto che i vecchi militanti abbandonati.
Dalla Finlandia, fuggendo la polizia, Lenin si trasferì a Ginevra, dove iniziò il suo secondo esilio, che sarebbe durato fino al 1917. A quel tempo fece la loro apparizione l'insonnia e mal di testa che avrebbe perseguito lui per il resto dei suoi giorni. La vita errante di esuli lo portò a Parigi, dove lui e Nadezda sopportato disagi economici duri che li ha costretti a insegnare o scrivere recensioni per guadagnare qualche soldo, nel bel mezzo di una serie di difficoltà. La durezza di quei giorni nella capitale francese è stata parzialmente alleviata dalla presenza di Inés Armand, un parigino, smart e femminista, attivista che ha detto e ' entrato un profondo amore. Il risultato del suo secondo esilio è l'opera pubblicata nel 1909, materialismo e Lovins, in cui Lenin espone le sue riflessioni filosofiche fondamentali, nel tentativo di completare la teoria di conoscenza marxista.
Ultima reazione dura di fase, che durò fino al 1911, cominciarono ad arrivare notizie da Petersburgo incoraggianti. Uno sciopero lanciato nei settori del legno è stata brutalmente repressa con centinaia di morti, dando origine a grande malcontento e uno sciopero generale. Lenin percepito si profilava un'ondata di fermenti rivoluzionari e lasciato Parigi nel giugno 1912 a stabilirsi più vicino ai loro sostenitori, a Cracovia. Là i membri bolscevichi visitato per informarvi sulla situazione interna e chiedere istruzioni. Nel marzo dello stesso anno aveva pubblicato il primo numero della Pravda (verità), lavoratore giornaliera che Lenin diretto dall'estero e che presto ha goduto una grande diffusione. Così, mentre le grandi potenze finito i preparativi per la prima guerra mondiale, tra i russi proletari crebbe l'influenza di Lenin.
Allo scoppio della prima guerra mondiale segnato una svolta nella storia del socialismo. Lenin, che aveva fatto affidamento sulla socialdemocrazia tedesca, quando ha imparato che i membri del tedesco - e francese - ha votato all'unanimità a favore i crediti di guerra ai loro rispettivi paesi, hanno immediatamente denunciato il tradimento. Per Lenin, la guerra era nulla più di un «borghese e imperialista e dinastico conflagrazione... una lotta per una preda dei mercati e paesi stranieri ". Socialismo occidentale, dato da un tedesco revisionisti, era una chiara collaborazione con democrazia borghese, e quindi il movimento internazionale era rotto. Era necessario preparare una conferenza dei socialisti che si opponevano alla guerra, per sfidare infine il settore revisionista.
L'incontro si tenne a Zimmerwald, nel settembre del 1915, e in esso Lenin cercò senza successo di convincere i rappresentanti di adottare lo slogan: «Trasformare la guerra imperialista in guerra civile». Fu in questo periodo di defezione dei leader politici e di smarrimento per l'operaio socialista, quando il rivoluzionario russo, che fino ad allora era poco conosciuto di fuori circoli marxisti del suo paese, è diventato un protagonista internazionale. Nelle sue mani, la dottrina marxista ha riguadagnato il suo senso del trasformatore e la sua forza rivoluzionaria, come visto nell'opera scritta durante la guerra, l'imperialismo, fase superiore del capitalismo, che utilizza gli strumenti di analisi economica marxista per testare la rivoluzione, diversamente da quanto postulato da Marx ed Engels, è anche possibile nei paesi dietro come Russia.

La rivoluzione di ottobre

Affaticamento e disfattismo generale in belligerante all'inizio del 1917 nazioni hanno provocato l'impero degli Zar in un vasto movimento rivoluzionario che, gridando "Viva libertà e il villaggio!", ha vinto le città principali. I lavoratori di Petrograd si organizzarono in Soviet o consigli dei lavoratori, e la guarnigione della città, guidate dallo stessi reggimenti della guardia imperiale, si unì nel movimento di massa. Senza che nessuno osava per difenderla, nella settimana dell'8-15 marzo il regime zarista ceduto per essere sostituito da un governo di interim composto da soggetti appartenenti alla borghesia e supportato da del soviet di Petrograd
Attraverso Pravda, Lenin ha pubblicato suo "lettere dall'esilio", con le istruzioni per far avanzare la rivoluzione, distruggendo il macchinario vecchio radice dello stato. Militari, polizia e burocrazia dovrebbe essere sostituiti da "un'organizzazione che emana dall'insieme del popolo armato che capiscono tutti i suoi membri senza eccezione". Un mese dopo l'abdicazione dello zar, nell'aprile del 1917, Lenin arrivati a stazione Finlandia a Pietrogrado, dopo aver attraversato la Germania su un furgone blindato fornito dal personale tedesco. Nonostante le controversie politiche che ha avuto origine la negoziazione con il governo del kaiser, Lenin è stato ricevuto nella capitale russa da una folla entusiasta che lo ha accolto come un eroe. Ma il capo dei bolscevichi non si è impegnato al governo provvisorio e viceversa, ha concluso il suo discorso dalla stazione con una provocatorio "Viva internazionale rivoluzione socialista!".
Molti dei suoi compagni aveva accettato l'autorità di quel governo, che Lenin descritto come 'imperialista e Borghese, venendo più vicino alla sinistra attuale della classe operaia, sempre più radicale e con il supporto di un importante alleato, Trotsky. Mentre i bolscevichi costituiscono ancora una minoranza all'interno del Soviet, Lenin ha poi lanciato lo slogan: «tutto il potere ai Soviet", nonostante il disinteresse evidente dei menscevichi e i socialisti rivoluzionari per l'adozione di tale potere.
Per affrontare la presunta minaccia di un colpo di stato dai seguaci di Lenin, nel mese di luglio la presidenza del governo provvisorio passò nelle mani di un uomo forte, Kerensky sostituito Principe Lvov. In pochi giorni ha ordinato loro di smettere e Lenin fu costretto a fuggire in Finlandia: attraversò il confine come un fuochista di una locomotiva, senza barba e parrucca e nasce a Helsingfors. Questo è stato il suo ultimo periodo di segretezza, che sarebbe durato per tre mesi. In loro ha scritto il lavoro che, nel corso del tempo, Lenin, stato e rivoluzione, sarebbe descritto come utopia di sua concezione dello stato come apparato di norma Borghese, destinata a scomparire dopo la fase transitoria della dittatura del proletariato e l'avvento del comunismo.
Come è aggravata la situazione interna, Lenin dall'estero ha esortato il partito per preparare l'insurrezione armata: "vacilla il governo, deve consegnare il colpo di grazia, non importa cosa". Già i Bolsheviks controllato il soviet di Mosca e Petrograd fu sotto la presidenza di Trotsky, quando, il 2 ottobre, Lenin tornò a entrare clandestinamente nella capitale russa. Quattro giorni più tardi è stato travestito presso la sede del partito per dirigere l'insurrezione. Giorno 7 che esplode l'insurrezione e le masse assaltarono il Palazzo d'inverno. Come scrive Trotsky, Lenin quindi capito che la rivoluzione era stato sconfitta, e sorridendo disse: 'il passaggio della metropolitana, con la sua eterna erranza, potere è troppo forte, marea'. E che fu il suo commento solo personale prima di tornare in attività quotidiane. Il giorno successivo fu nominato capo del governo e ha gettato il suo famoso proclama ai cittadini della Russia, per i lavoratori, soldati, contadini, ratificando i principali obiettivi impostato dalla rivoluzione: costruire il socialismo nell'ambito del giro del mondo e per superare l'arretratezza della Russia.
La rivoluzione era venuto al potere, ma ora ha dovuto salvarla, e il compito più urgente di farlo, secondo Lenin, doveva firmare la pace immediata. Il trattato di Brest-Litovsk, firmato da Trotsky il 3 marzo 1918, ha concluso la pace unilaterale della Russia con Germania, Austria-Ungheria, Bulgaria e Turchia. Il trattato di andare oltre le divergenze con i socialisti rivoluzionari - che nel mese di agosto ha tentato contro la vita di Lenin-e contribuito ad per intensificare la decisione del counter-revolutionary le forze per portare giù il nuovo governo con il sostegno degli alleati, soprattutto Francia e Stati Uniti. Per due anni, tra il 1918 e il 1920, la guerra civile ha portato al governo sovietico sull'orlo del disastro; Infine, l'esercito di contro-rivoluzionari, "bianchi", guidato dal generale ex zarista, è stato sconfitto dall'Armata rossa, formata da contadini e operai e diretto da Trotsky. Ma il paese è stato devastato, l'economia in difficoltà e la fame è una volta in grandi regioni. La più grande sfida della rivoluzione è diventato allora la ricostruzione economica della Russia, compito che Lenin è stato risolto attraverso la NEP (nuova politica economica), che fermò l'espropriazione di contadino e significava un'apertura verso un'economia di mercato controllato.
Nonostante i disagi della guerra civile, Lenin fece il suo vecchio sogno di fondare una nuova internazionale nel 1919. A suo parere, il destino della Russia dipendeva la rivoluzione del mondo e soprattutto il futuro del movimento realizzato in Germania con la Spartacists. Il 2 marzo 1919, a Mosca, ha aperto il primo del III Congresso internazionale, invita i leader del comunismo tedesco ucciso: Karl Liebknecht e Rosa Luxemburg. Il Comintern elevati comunismo russo alla categoria di modello da imitare da tutti i paesi comunisti del mondo, e per difendere i movimenti di liberazione nazionale dei popoli coloniali e semi-coloniali dell'Asia, era in grado di aumentare enormemente il numero di alleati della rivoluzione sovietica.
Alla fine del 1921, la salute di Lenin era stato pesantemente compromesso: egli soffriva di insonnia progressivamente accusato e il suo mal di testa stavano diventando sempre più frequenti. Nel marzo dell'anno successivo ha frequentato un congresso del partito, che è stato eletto Stalin Secretary generale dell'organizzazione per l'ultima volta. Il mese successivo che ha intervenuto chirurgicamente per estrarre le pallottole che ancora sono stati alloggiati nel suo corpo dall'aggressione subita nel 1918. Anche se ha recuperato rapidamente dall'operazione, alcune settimane più successivamente ha sofferto un attacco grave che, per una volta, ha impedito di espressione e movimento delle estremità destra. Nel giugno sua salute parzialmente migliorato e dirige la formazione dell'Unione delle repubbliche socialiste sovietiche. Ma nel mese di dicembre ha subito un secondo attacco di apoplessia che impediva qualsiasi possibilità di influenzare la politica pratica. Ancora, la forza di diverse lettere, il cosiddetto "Testamento" che esprime la loro grande paura alla lotta per il potere aveva portato tra Trotsky e Stalin nel seno del partito. Il 21 gennaio 1924 un'emorragia cerebrale terminò la sua vita. L'uomo che odiava il culto della personalità e detestava la religione fu imbalsamato ed è collocato in un Mausoleo quadrato rosso ricco. La lotta contro la carne e il sangue di Lenin non aveva fatto di più per iniziare.

Cronologia di Lenin

1870Nato a Simbirsk.
1887Studiò legge a Kazan. Condannato per la partecipazione a un antizarista House e viene espulsa dall'Università.
1889Si presenta proprio come un esami non ufficiali studente presso l'Università di San Pietroburgo.
1895Ha fondato l'Unione per la lotta per la liberazione della classe operaia.
1897Esilio in Siberia.
1899Egli scrive il suo primo lavoro, lo sviluppo del capitalismo in Russia.
1900Si comincia il primo esilio in Svizzera
1903Dirige la frazione bolscevica del partito Social-Democratico della Russia.
1909Pubblicò il suo lavoro filosofico materialismo ed empirocriticismo.
1917Trionfo della rivoluzione d'ottobre.
1918Attaccare sulla sua vita.
1919Congresso di fondazione della terza internazionale.
1922Essa proclama l'Unione delle repubbliche socialiste sovietiche.
1924Muore a Gorki.

Lenin e la rivoluzione russa

Durante i primi anni del XX secolo, la Russia ha vissuto una serie di difficoltà economiche che ha spinto lo stato ad una lotta per il controllo del Pacifico, soluzione possibile piazzare prodotti e pagare crediti che erano stato richiesto da francesi e belgi, ad esempio, per la promozione dell'industrializzazione. Giappone ha cercato di fermare l'espansione dei russi nella sua area di influenza e scoppiò la guerra Russo-Giapponese che ha mostrato, ancora una volta, l'incapacità di russo; il paese è caduto in una crisi profonda, poiché esso non poteva sopportare costi enormi senza la ricompensa della vittoria. La popolazione ha sofferto, così come di disillusione, disagio e soprattutto la fame. In queste circostanze, i partiti di opposizione di Tsar organizzano una rivoluzione, che ha trionfato non ma che testato modelli di azione per il futuro.

Lenin con un gruppo di soldati in Piazza rossa
Le truppe dello zar potrebbero presentare ai rivoluzionari che aveva organizzato in comitati di lavoratori e soldati nelle grandi città, per essere chiamato sovietici, e che sarebbe un sistema di organizzazione di grande significato più tardi. D'altra parte, lo Zar non aveva alcuna scelta che dimostrano la volontà di riforma per creare un'Assemblea consultiva, la Duma, in cui i politici mettere loro speranze che è stato completato da una Costituzione.
Nel 1914 scoppiò la guerra mondiale e la Russia fin dall'inizio ha partecipato a fianco di inglesi e francesi. Il suo ruolo, fin dall'inizio, fu infelice, così cominciò a versare critica al lavoro russo, cui hanno aderito le dimostrazioni dalla scarsità di prodotti di prima necessità e continuo Cam.

La rivoluzione di febbraio

Prima dello scoppio rivoluzionario, lo zar aveva sciolto la Duma, ma nel febbraio 1917, i sovietici e la stampa ha spinto la gente per la presa del Palazzo d'inverno, residenza dello zar, con il sostegno di parte dell'esercito. Lo zar Nicolás II decise di abdicare nel Principe Lvov, che ha cominciato a governare con i rappresentanti della Duma. È stata aperta una fase moderata della rivoluzione. In questa fase, egli governò Lviv, ma poco dopo fu sostituito da Kerensky, che formò un governo di interim in cui ha preso parte moderata e menscevichi, e sono stati esclusi i radicali e i bolscevichi. Le decisioni più importanti di questo tempo erano il seguire che le alleanze stabilite con Francia e Inghilterra, così Russia continuato con gli impegni assunti nella guerra mondiale; In più, ha cominciato incontri per la formazione di un'Assemblea costituente, cioè era la stesura di una costituzione, ma quest'opera è stata condizionata dalla guerra.
Sono problemi stavano accadendo, soprattutto perché c'era un governo parallelo, i sovietici, controllato dai consigli di lavoratori e soldati, che non riconosce le leggi del governo provvisorio come legittimo. I sovietici chiedono per la soluzione dei problemi dei contadini e incoraggiato l'occupazione delle terre, mentre hanno richiesto che i datori di lavoro manodopera miglioramenti.
È in questo momento quando Lenin ha scritto tesi di aprile che supporta una nuova tappa per la rivoluzione, che si riduce a "Pace, terra e tutto il potere ai Soviet".
Le condizioni del governo Kerensky erano sempre più più delicate, poiché il militare zarista tentò di riconquistare il potere. In questo contesto si è verificato il colpo di stato del generale Kornilov, interrotta dal governo, ma aveva una conseguenza molto grave, poiché i bolscevichi da allora completamente controllato i sovietici

La rivoluzione di ottobre

Nel mese di ottobre i bolscevichi si sono riuniti in una conferenza, dove preparò la rivoluzione finale. I bolscevichi, guidati da Lenin, Trotsky e Stalin ha preso il Palazzo d'inverno e ha licenziato il governo ad interim. Stabilito un governo dei Commissari del popolo, guidato da Lenin, che regnava su diversi sovietici. Trotsky, testa del soviet di Petrograd (San Petersburgo), occupava il posto di ministro degli affari esteri. Da questo post ha stabilito i negoziati con la Germania per la pace.
Le prime misure del nuovo governo sottolineava la necessità di pace, che è stato negoziato e firmato a Brest-Litovs. Russia, secondo questo documento, lasciato la guerra e cedette parte del suo territorio, poiché considerato prioritario per salvare la rivoluzione anziché preservare l'integrità territoriale. Altre misure del nuovo governo sono stati la firma dei decreti sulla terra che porre fine alla grande proprietà; le fabbriche erano controllate dai lavoratori; vennero nazionalizzate le banche, e si tennero le elezioni per un'Assemblea costituente di scegliere.
Le elezioni che si sono svolti sono stati un fallimento per i bolscevichi, così hanno deciso di annullarli e scrivere il governo una costituzione: la costituzione del 1918. Stabilì la separazione tra l'esecutivo e il legislatore, attraverso i seguenti organi: Soviet Supremo e Congresso dei Soviet, Comitato centrale, Presidio o Commissari del popolo. In seguito all'adozione della Costituzione, è stata una tappa nota come comunismo di Guerra, poiché ha vissuto una guerra civile che non ha fine fino al 1921, dal momento che gli avversari avevano il supporto delle truppe dai paesi occidentali. Fu in questo periodo quando l'armata rossa, un'istituzione che difende la rivoluzione organizzata da Trotsky è stato creato.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici