Passa ai contenuti principali

Biografia di Julio Cortazar | Produttore dell'Argentina

(Bruxelles, 1914 - Parigi, 1984) Produttore dell'Argentina, una delle grandi figure del «boom» della letteratura latino-americana del XX secolo. Relative al Borges come coltivatore intelligente del racconto fantastico, i racconti di Cortázar lasciò tuttavia l'allegoria della metafisica per indagare le sfaccettature inquietante ed enigmatiche della vita quotidiana, in una ricerca di autenticità e senso profondo per la cosa reale sempre trovato lontano la camicia di forza delle credenze, modelli e procedure stabilite. Suo sforzo di rinnovamento si manifesta principalmente in stile e sovversione dei generi che può essere visto in molti dei suoi libri, tra cui il romanzo Rayuela (1963), con i suoi due possibili ordini di lettura, eccelle come il suo capolavoro.

Biografia

Figlio di un funzionario assegnato all'Ambasciata Argentina in Belgio, sua nascita ha coinciso con l'inizio della prima guerra mondiale, così i genitori alloggiato più del previsto in Europa. Nel 1918, all'età di quattro, Julio Cortázar viaggiato con loro in Argentina, per stabilirsi nel sobborgo di Buenos Aires di Banfield.

Julio Cortázar nel 1967
Dopo aver completato gli studi primari, continuò l'insegnamento e testi e per cinque anni era un insegnante rurale. Più tardi si recò a Buenos Aires, e nel 1951 si recò a Parigi con una borsa di studio. Dopo questo, il suo lavoro come traduttore dell'UNESCO gli ha permesso di stabilirsi definitivamente nella capitale francese. Poi Julio Cortázar aveva già pubblicato a Buenos Aires le poesie di presenza sotto lo pseudonimo di "Julio Denis", poema drammatico il re e il primo della sua serie di racconti, bestiario, che avverte l'influenza profonda di Borges.
Nel 1960, Julio Cortázar è diventato uno dei protagonisti del cosiddetto «boom» della letteratura americana e apprezzato il riconoscimento internazionale. Il suo nome è stato disposto sullo stesso livello come i grandi protagonisti del «boom»: Gabriel García Márquez, Mario Vargas Llosa, il messicano Juan Rulfo e Carlos Fuentes o l'argentino Borges, tra gli altri. A differenza del suo compatriota, Cortázar si unì la sua preoccupazione sociale di sensibilità artistica: identificato con il sottoproletariato ed era molto vicino ai movimenti di sinistra.
In questo senso, il suo viaggio a Cuba nel 1962 fu un'esperienza decisiva nella sua vita e il grilletto per un radicale cambiamento di atteggiamento che avrebbe profondamente influenzato nella sua vita e nel suo lavoro: l'introverso intellettuale che era stato fino allora diventerà un attivista politico. Grazie alla sua consapevolezza sociale e politico, nel 1970 si recò in Cile per partecipare alla cerimonia di inaugurazione come presidente Salvador Allende e, successivamente, in Nicaragua per assistere il movimento sandinista. Come una figura pubblica, Julio Cortázar intervenne fortemente nella difesa dei diritti umani e fu tra i promotori e i membri più attivi del Tribunale Russell.
Come parte di questo impegno ha scritto numerosi articoli e libri, tra cui Dossier Cile: il libro nero, circa gli eccessi del regime del generale Pinochet e Nicaragua, così selvaggiamente dolce, testimonianza della lotta sandinista contro la dittatura di Somoza, che comprendeva la rivelazione in Solentiname storia e poesia notizie per i viaggiatori. Tre anni prima della sua morte ha adottato la nazionalità francese, pur senza rinunciare all'argentina. Morì a Parigi il 12 febbraio 1984, poco dopo la vedova dalla sua seconda moglie, Carol Dunlop.

Il lavoro di Julio Cortázar

Letteratura di Cortázar basato su una messa in discussione della vita, vicino l'esistenzialista si avvicina in quanto può essere caratterizzato come una ricerca di autenticità, il senso profondo della vita e del mondo. Questo tema è stato espresso a volte in opere di carattere sperimentale, che lo rende uno dei più grandi innovatori del linguaggio e della narrazione in spagnolo.
Come Borges, le sue storie un tuffo nella fantasia, ma non lasciando quindi il punto di riferimento per la realtà quotidiana: in realtà, l'emergere di fantasia nella vita quotidiana dimostra precisamente l'enorme complessità del "reale". Per Cortazar, la realtà immediata significa un percorso ad altri record del reale, dove la pienezza della vita raggiunge più formulazioni. Ecco perché la sua narrazione costituisce un interrogatorio permanente della ragione e dei modelli di pensiero convenzionale.

Julio Cortázar
Nel lavoro di Cortázar, istinto, random, il godimento dei sensi, l'umorismo e il gioco riguardano infine la scrittura, che è allo stesso tempo la formulazione di esistenti al mondo. Le rotture degli ordini cronologici e spaziale prendono il lettore del loro punto di vista convenzionale, propone diverse possibilità di partecipazione, in modo che l'atto della lettura è chiamato per completare l'universo narrativo. Tali proposte raggiunse la sua espressione più finito nei romanzi, soprattutto a Rayuela, considerata una delle opere fondamentali della letteratura spagnola e nel suo breve storie, dove, nonostante il suo stile molto originale e la relativa regola unico ritmo narrativo, si trovava più vicino alle convenzioni del genere. In particolare, tra gli altri molti racconti, portati a casa , o babà di Las del diablo, sia portato alla pellicola e Tracker, che ha per protagonista evoca la figura del sassofonista nero Charlie Parker.
Anche se le sue prime poesie libro della presenza (1938, firmato con lo pseudonimo di «Julio Denis»), seguita da i re, una ricostruzione anche poesia del mito del Minotauro, questa fase generalmente considerato preistorico Cortázar e tendono ad essere come la casa delle sue storie di bibliografia che integrato Bestiario (1951), pubblicato sulla stessa data in cui ha iniziato il suo esilio. A questa fine Iniziazione (avvicinata da allora quarant'anni) tende ad essere la perfezione del suo lavoro, che da questa consegna non conterrà un unico testo che può essere considerato minore.
Si noti, inoltre, una singolarità aperti simultaneamente con la consegna: le successive collezioni di racconti di Cortázar avrebbero mantenuto quel tipo di perfezione strutturale quasi classicista, entro i canoni del genere. Il resto della sua produzione (testi di estremamente sconcertante e vari romanzi) sposta il punto di convenzioni generiche che è difficilmente classificabile. Infatti, gran parte della critica più apprezza il suo narratore impeccabile che il sovversivo prosa sfaccettatura.

I racconti

Nel contesto della storia, Julio Cortázar è un coltivatore squisito del genere fantasy, con una capacità unica di unire i propri conti i mondi di fantasia e quotidianità, risultante in un prodotto che è altamente inquietante. Illustrazione di questo è, Bestiario (1951), un racconto come "Taken casa", in cui una coppia di fratelli percepiscono come, ogni giorno, suo grande palazzo viene occupato da presenze strane e indefinibile che finiscono in primo luogo, causando loro confinamento all'interno della casa e, più tardi, loro espulsione finale.
Lo stesso potrebbe dirsi riguardante le armi segrete (1959), cui storie includono "L'inseguitore", che sta portando a un critico di jazz che ha scritto un libro su un famoso sassofonista alcolizzato e tossicodipendente. Quando devi preparare la seconda edizione dello stesso, Jonnhy, sassofonista, desidera esporre i loro pareri circa la propria musica e il libro, ma in realtà, non dice nulla; non sembra avere nulla di profondo da dire, come l'autore del libro, né ha per che cosa, Johnny morto, la seconda edizione si differenzia solo dal primo con l'aggiunta di un necrologio.

Julio Cortázar
Nei racconti di fine del gioco (1964), troviamo alcune delle descrizioni più crudele di Cortázar, come per esempio "le menadi, un incubo; ma ci sono anche satire, come in "The band", in cui il suo protagonista, stanco del sistema vigente nel vostro paese (alludendo al Peronismo), era banishes volontariamente, come Cortázar fatto a Parigi nel 1951. In "Axolotl", dopo tutti i giorni e ossessivamente contemplando un esemplare di questi anfibi in un acquario, il narratore della storia si vede diventare uno più di loro, recuperando così il tema del vecchio mito azteco.
Di tutti i fuochi il fuoco (1966), composta da altre otto storie, dobbiamo evidenziare "Southern Expressway", una storia d'amore nata durante un ingorgo di traffico, che vede protagonisti, che non hanno detto i loro nomi, vengono spazzati via dall'alluvione del veicoli quando si scioglie la marmellata e non già mai più rivisti. Impressionante è anche il racconto che dà il titolo alla raccolta, che è mirabilmente mescolato una storia attuale con un altro che si sono verificati centinaia di anni fa.
Anche otto racconti di ottaedro (1974), il fantastico nuovo mescolano con la vita degli uomini, spesso nel momento più inaspettato della sua esistenza. Più vicina per aprire alla normalità e ogni giorno sono le ultime tre collezioni di storie, Alguien anda por Ahí (1977), entrambi vogliamo Glenda e altre storie (1980) e costo (1982), quindi non sono più presenti temi e motivi che caratterizzano la sua produzione.

Rayuela e narrazione non classificabile

Ma è lontano dal racconto dove risiede l'impronta digitale unica e rivoluzionaria che Julio Cortázar sinistra nella letteratura in lingua spagnola, dalla sua iniziale romanzo (premi, 1960) all'amoroso rimbalzo testuale Nicaragua, così violentemente dolce (1984). Il culmine di questa proposta innovativa che annientare le convenzioni generiche era la scrittura di Rayuela (1963).
Cast un alter ego di Cortázar, Horacio Oliveira, Rayuela narra il viaggio di un intellettuale argentino a Parigi (prima parte) e poi in Argentina (seconda parte), per aggiungere, nella terza parte e modalità di articoli vari, una serie di note, ritagli di giornale, poesie e citazioni che possono essere inserite nella lettura dei primi due, a seconda dell'itinerario si decide il lettore , dalle due proposte dall'autore.
Amorose controversie tra La Maga e Horacio Oliveira, i conflitti intellettuali di Horacio, una vasta rete di riferimenti culturali, con il jazz nella posizione preferita e l'invito alla partecipazione del lettore come co-autore di quest'opera aperta, trovano nel clima di effervescenza culturale degli anni sessanta il suo perfetto campo di sviluppo. Rayuela ha lasciato così come uno degli emblemi indispensabili della cultura dell'Argentina di quel tempo, dove il romanzo di Julio Cortázar occupava un posto centrale e fu oggetto di assedi e commenti critici di ogni genere.
Alcuni dei romanzi successivi di Cortázar erano un tentativo di spostare nella direzione di hopscotch: Beh, dal titolo 62. Modello da costruire (1968) è un ottimo commento in parallelo, disegnato da una proposta suggerita nel capitolo 62 del suo capolavoro. Nel Libro di Manuel (1973), lo sperimentalismo lascia il posto ad un tentativo di spiegare la difficile convivenza tra impegno politico e libertà individuale.
Per quanto riguarda il genere di "Almanacchi", questa combinazione in particolare tutti i generi a none, Cortázar è indispensabile fare riferimento a titoli come ultimo turno (1969) o il ritorno al giorno in ottanta mondi (1967). Tali volumi, difficile da classificare, si alternano il racconto con il saggio, la poesia e la narrativa o frammento di critica. In questa sezione meritano una menzione a parte l'ineffabile famas e storie cronopios (1962), divertenti e caratteri simbolici complessi con unici atteggiamenti verso la vita, tale un Lucas (1979), ironico ritratto di un personaggio di strana consistenza e la quasi postumo Los autonautas de la cosmopista (1983), unico mix di diario di viaggio e testamento d'amore.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…