Biografia di Juana de Ibarbourou | poeta uruguayano

(Juana Fernández Morales;) Melo, Uruguay, 1892 - Montevideo, 1979) poeta uruguayano considerato uno delle voci più personali della poesia di inizio XX secolo ispano-americana. A vent'anni sposò il capitano Lucas Ibarbourou, che ha adottato il cognome per firmare la sua opera. Tre anni più tardi si trasferì a Montevideo, dove ha vissuto da allora.

Juana de Ibarbourou
Le sue prime poesie è apparso sui giornali di capitale uruguaiana (principalmente in La Razón) sotto lo pseudonimo di Jeannette d'Ibar, che presto avrebbe lasciato. Egli iniziò il suo viaggio lungo lirica con poesie Lingue di diamante (1919), il lanciatore cool (1920) e radice selvatici (1922), tutti contrassegnati dal modernismo, la cui influenza è visto nell'abbondanza di immagini sensoriali e cromatiche e allusioni, bibliche e mitiche, ma sempre con un accento unico.
Suo oggetto tendeva alla consegna amorevole esaltazione sentimentale, la maternità, la bellezza fisica e la natura. D'altra parte, le sue poesie stampato un erotismo che costituisce una della sua produzione, che fu presto riconosciute capitale capannoni: nel 1929 fu proclamato "Juana de América" a Palazzo legislativo dell'Uruguay, che ha presieduto il de poeta 'ufficiale' uruguaiano Juan Zorrilla San Martin e la cerimonia con la partecipazione di saggista messicano Alfonso Reyes.
Poco a poco la sua poesia fu spogliato di stile modernista per vincere in effusione e sincerità. La rosa dei venti (1930) si avventurò nell'avanguardia, toccando anche le immagini surreali. Con le stampe della Bibbia, lode della Madonna e l' invocazione di san Isidro, tutti dal 1934, invece ha cominciato un percorso di poesia mistica.
Suoi libri perdita (1950), Astore (1953) e Romances del destino (1955) sono stati pubblicati negli anni cinquanta. Allo stesso tempo, a Madrid, è venuto alla luce le sue opere complete (1953), dove abbiamo incluso due inediti libri: dualismo e il messaggio di scrittura. Di seguito la sua opera poetica sottolinea Elegy (1967), Prenota in memoria del marito.
Juana de Ibarbourou occupato la presidenza della Sociedad Uruguaya de Escritores nel 1950. Cinque anni dopo il suo lavoro è stato premiato al cultura Istituto di ispanica a Madrid, e nel 1959 il governo uruguaiano gli ha conferito il premio di letteratura Grand National, assegnato per la prima volta quell'anno. Sua opera in prosa si concentrò soprattutto verso i bambini; Ci sono epistolare (1927) e Carlo Chico (1944).
La poesia di Juana de Ibarbourou
Uruguaiano letteratura del XX secolo era tra il roster dei suoi autori con un numero di poeti la cui opera è di fondamentale importanza: María Eugenia Vaz Ferreira, Delmira Agustini e Juana de Ibarbourou. Ciascuno distribuito un accento proprio e distintivo; Così, mentre Vaz Ferreira rappresenta la castità altezzoso e donne Agustini nostalgia d'attesa, Juana de Ibarbourou è l'equilibrio del parto spontaneo.
Ma è con la cilena Gabriela Mistral che Juana de Ibarbourou mantiene una parentela più diretta: entrambi hanno posseduto la stessa sensibilità squisita e accattivante, la stessa sincerità della passione, la stessa facilità e semplicità nell'espressione. Il mondo psichico esprimendo li separa, d'altra parte,: Gabriela Mistral è dotato di uno spiritualismo cristiano; Ibarbourou, almeno nelle sue prime opere (negli approcci più recenti per il tono del poeta cileno), appare pazzo lifestyle, pagana, tutto quanto traboccante di vitalità e sensualità: "prendimi ora che è ancora presto / e sono stati nuove dalie nella mano".
All'inizio, Juana de Ibarbourou non sfuggì l'influenza dello stile modernista, ma gradualmente la sua poesia si spoglia bolle a vincere in effusione e sincerità. Nella sua produzione poetica c'è una continua evoluzione che è stata paragonata al ciclo della vita umana; è stato detto che Lingue di diamante (1919) sono equivalenti alla nascita alla vita, giovani appassionati radice selvatici (1922), la rosa dei venti (1930) Perdida (1950) e la maturità alla vecchiaia. In ciascuno di quei libri nel corso degli anni, in progressione continua, sta assumendo un'importanza più grande. Stampe della Bibbia (1934) e lode della Madonna (1934) accusano un evoluzione religiosa.
I sentimenti dell'autore, in solitudine o in dialogo con la natura, costituiscono il tema centrale dei suoi versi. Lo scrittore venezuelano Rufino Blanco Fombona ha detto di Ibarbourou filosofia si riduce a orrore a nulla; Pertanto egli concepirà alla morte come una continuazione della vita, quasi come la sua naturale evoluzione. C'è un vero orrore per la morte; in "gancio di vita", una delle sue migliori poesie, lei immagina morto, ma, in realtà, continua a sopravvivere dall'amore: "le scale marrone in vita radici / vado a guardarti nei gigli viola!".
Non c'è niente meno intellettuale, pertanto quel Ibarbourou lirica; tutti i suoi pensieri per avviare i propri sentimenti. Natura chiama lui, si sente e parlare con lei, con il fiume e l'albero; Dà carne e sangue e fa apparire davanti a noi con le loro sofferenze e gioie. A volte usato per questa immagini audaci; così descrive il cipresso: "sembra un grido che ha coagulato nell'albero / o una preghiera del Signore fatto quiescente rami".
Ma, soprattutto, Juana de Ibarbourou è la voce del giovane e ardente, amore per le donne che sanno ammirato e desiderato dall'uomo e che porta in sé la forza di quella natura che ama ("Besarás mila donne, ma no / vi darà questa impressione del ruscello e foresta / io ti do"). Per il suo amore non è altro che una forma di partecipazione al mistero in corso del mondo: "Siamo grandi e solitario sul fascio dei campi", dirà al suo amato. È sempre nella sua voce, richiesti dalla forza dei loro sentimenti, una totale sincerità nel pensiero e allo stesso tempo l'espressione violenta e ingenuo della passione.
L'aspetto più debole di produzione ci offrono suoi versi narrativi, come contenuto in Romances del destino (1955), chiaro e non molto felice lorquiana influenza. Nel 1967 pubblicò Elegy, un lavoro dedicato al marito Lucas Ibarbourou morto molti anni prima. Come indica il suo titolo, il libro è un appassionato ma contenute canto d'amore, cantata a voce bassa; Anche se contiene alcune lamentele arrogante, di tutte le poesie attraversa una dolce calma, una rassegnazione tranquilla. "Ora, cosa fare, caduto due braccia, / circondato da crepuscolo e nebbia?", chiede per la sua perdita; Tuttavia, qualcosa lo spinge ad aspettarsi che da qualche parte si può recuperare quell'amore, che è ancora vivo: "nessuno dimentica perché non ho dimenticato, / e che non sono morto non muoiono".
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici