Biografia di Gabriel Garcia Marquez | Romanziere colombiano

(Aracataca, Colombia, 1927 - Mexico D.F., 2014) Romanziere colombiano, premio Nobel per la letteratura nel 1982 e uno dei grandi maestri della letteratura universale. Gabriel García Márquez fu la figura chiave del cosiddetto Boom della letteratura latino-americana, fenomeno che, nel decennio del 1960, ha dato il mondo proiezione per i lotti più recenti di narratori del continente di pubblicazione. In tutti loro era palpabile il superamento del realismo e un rinnovamento delle tecniche narrative che collegato con il romanzo europeo e americano di due guerre (Kafka, Joyce, Proust, Faulkner); García Márquez aggiunto alla sua prodigiosa fantasia e sua insuperabile abilità di narratore, brevetti sul lavoro che rappresenta il culmine del realismo magico: cent'anni di solitudine (1967).

Gabriel García Márquez
Gli anni della sua prima infanzia a Aracataca decisivamente avrebbero segnato il suo lavoro come scrittore; la favolosa ricchezza delle tradizioni orali trasmessi dai loro nonni nutrito molto del suo lavoro. In base ad un'età giovane nella capitale della Colombia, Gabriel García Márquez ha studiato giurisprudenza e giornalismo presso l'Università nazionale e ha cominciato la sua prime collaborazioni giornalistiche nel giornale El Espectador.
All'età di ventotto anni pubblicò il suo primo romanzo, foglia di lettiera (1955), in cui già sottolineato alcuni dei tratti più caratteristici della sua opera di fiction. In questo primo libro e alcuni dei romanzi e dei racconti che seguirono iniziarono a intravedere il villaggio di Macondo e alcuni caratteri che forma cent'anni di solitudine, mentre l'autore era in alcuni creatori americani, specialmente su William Faulkner, nuove forme di espressione.
Impegnati per i movimenti di sinistra, Gabriel García Márquez seguito da vicino la guerriglia cubana rivolta fino al suo trionfo nel 1959. Amico di Fidel Castro, ha partecipato alla Fondazione della agenzia di stampa cubana Prensa Latina per allora. Dopo molte vicissitudini con diversi editori, García Márquez era una casa editrice argentino a pubblicare lui che è il suo capolavoro e uno dei romanzi più importanti della letteratura del mondo del XX secolo, cent'anni di solitudine (1967).

Gabo in occasione dei cento anni (Barcellona, 1969)
Incubate per quasi vent'anni e redatto in diciotto mesi, Cien Años de soledad ricrea le vicende storiche di Macondo, immaginario villaggio fondato dal primo Buendia che è la trascrizione della sua città natale e, allo stesso tempo, il suo paese e continente attraverso la saga di famiglia Buendia. Perfetta struttura circolare, il romanzo solleva il proprio mondo, Mythic ricreazione del mondo reale dell'America Latina, in un modo che è venuto per essere chiamato 'realismo magico' dall'incontro costante degli elementi fantastici e motivi reali. Così, nella storia della Fondazione della città, la sua crescita, suo sfruttamento di un US banana company, rivoluzioni e controrivoluzioni successivo e finale distruzione del villaggio (che converge con l'estinzione della stirpe dei suoi fondatori, condannati fin dall'inizio a "cent'anni di solitudine"), sogni premonitori si intrecciano con tutta naturalezza occorrenze soprannaturale, insonnia, inondazioni bibliche e parassiti di tutti i tipi di eventi magici, tutto narrato in una prosa molto ricca, morbida e accattivante che rendono la lettura infinita una sorpresa e un piacere.
Dopo una sola stagione a Parigi, Gabriel García Márquez si stabilì a Barcellona nel 1969, dove ha fatto amicizia con spagnolo, come Carlos Barral e Sud America, intellettuali come Mario Vargas Llosa. Suo soggiorno c'era cruciale per la realizzazione di quello che era conosciuto come il Boom della letteratura latino-americana, che ha significato la scoperta internazionale dei giovani e non giovani narratori del continente: il peruviano Mario Vargas Llosa, l'argentino Jorge Luis Borges e Julio Cortázar e il messicano Juan Rulfo e Carlos Fuentes, tra gli altri. Nel 1972 ha vinto il Rómulo Gallegos romanzo internazionale premio e pochi anni più tardi tornati in America Latina a risiedere alternativamente a Cartagena de Indias e a città del Messico, principalmente a causa dell'instabilità politica nel suo paese.
Prima del Cien Años de soledad, García Márquez aveva delineato il mondo di Macondo in romanzi come lettiera (1955) e il colonnello fa non che scrivere (1961) e raccolte di storie come Big Mama funerale (1962). Dopo un centinaio di anni sua narrazione, spogliato in più o meno metà di elementi fantastici, mantenuto un livello molto alto; È il caso di romanzi come l'autunno del Patriarca (1975), che incredibile pelli il tema del dittatore latino-americano; Cronaca di una morte annunciata (1981), storia di un delitto d'onore basato su eventi reali che si distingue per la sua perfezione costruttiva ed è stato considerato il suo capolavoro secondo; e l' amore ai tempi del colera (1985), la straordinaria storia di un amore che, Nato in adolescenza, non consumato fino a 53 anni dopo, già nell'età dei personaggi.
Il suo prestigio letterario, che nel 1982 gli è valso il premio Nobel per la letteratura, conferito autorità a farsi sentire sulla vita politica e sociale colombiana. La sua attività come giornalista è stato raccolto in testi costieri (1981) e tra poliziotti (1983), gli abstract degli articoli pubblicati nella stampa e le notizie di un sequestro, vasto scritta relazione scritta pubblicata nel 1996 che si occupa con il drammatico viaggio di nove giornalisti rapiti per ordine il narcotrafficante Pablo Escobar. Storia di un naufrago, articolo su un caso reale pubblicato nella forma del romanzo nel 1968, è un fulgido esempio di "nuovo realismo" ed ha mostrato la sua capacità di modificare la registrazione.
Nel cinema ha partecipato alla stesura di numerosi script, a volte adattamenti delle sue opere, e dal 1985 ha condiviso, con il regista argentino Fernando Birri, la direzione della scuola internazionale del cinema dell'Avana. Tra la sua produzione successiva includono un romanzo storico in tornio Simón Bolívar, il generale nel suo labirinto (1989); la raccolta di racconti pellegrini strange (1992); il volume di memorie, vivere per raccontare la storia (2002), che copre i primi trent'anni della sua vita e il suo ultimo romanzo, memorie delle mie puttane tristi (2004), circa l'amore di un novantenne giornalista da una giovane prostituta. Morì a città del Messico nel 2014, dopo una ricaduta nel cancro linfatico che era stata diagnosticata nel 1999.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici