Biografia di Francisco del Rosario Sanchez | Politico e leader indipendentista domenicano

(Santo Domingo, 1817 - San Juan de la Maguana, 1861) Politico e leader indipendentista domenicano, considerato uno dei padri della patria. Membro del "La Trinitaria", società segreta separatista, nel 1844 condusse una rivolta contro l'Haiti e il 27 febbraio dello stesso anno proclamata l'indipendenza della Repubblica Dominicana. Come altri Trinidadians, era lontano da potere ed esiliati una volta raggiunto l'indipendenza. Con l'amnistia del 1848 poteva tornare al paese e nel decennio successivo ha tenuto parecchie posizioni pubbliche. Nel 1861, ha dato la sua vita nella lotta per impedire l'annessione della Repubblica di Spagna.
Biografia
Figlio di Narciso Sánchez e Olaya del Rosario, sua madre ha ricevuto l'istruzione elementare e imparato il mestiere di "peinetero". Poi ha studiato latino e filosofia con don Nicolás Lugo, studi che avrebbero continuato con padre Gaspar Hernández, un prete peruviano emigrato a Santo Domingo e riconosciuto antihaitiano. In questo periodo conobbe Juan Pablo Duarte, che, insieme ad altri giovani, che frequentano le classi del sacerdote. Nel 1838, ha aderito La Trinitaria e presto cominciò a si distinguono per il loro duro lavoro e determinazione.

Francisco de el Rosario Sánchez
Sfondo storico diverso l'indipendenza della Repubblica Dominicana fatto un processo estremamente complesso. L'isola di Santo Domingo (precedentemente chiamato Hispaniola) era sotto il dominio spagnolo dal tempo di Colombo. Alla fine del XVII secolo, tuttavia, la corona spagnola cedette alla Francia occidentale metà dell'isola, cioè l'attuale Haiti. Due secoli più tardi, sotto il trattato di Basilea (1795), l'isola passò ai francesi, anche se per breve tempo. All'inizio del XIX secolo, due decenni di lotte e grippaggi porterebbe al consolidamento dell'indipendenza e l'unificazione dell'isola: dal 1822, Presidente Jean Pierre Boyer governò l'isola di Santo Domingo, che è stata ribattezzata Haiti.
Lo scopo della società segreta La Trinitaria, fondata nel 1838, fu l'indipendenza della parte ex spagnola; A differenza, non da altre colonie, dovette affrontare una metropoli europea per farlo, ma la dominazione di un'ex Colonia che aveva raggiunto la sua indipendenza: Haiti. Sotto l'ispirazione del suo leader intellettuale, Juan Pablo Duarte, membri di La Trinitaria diffuse le sue idee, che lentamente calaron nella società Dominicana.
Nel frattempo, le imposte elevate dal governo avevano ridotto drasticamente la popolarità di Boyer il Presidente, che è stato rovesciato nel 1843 da Charles Rivière-Hérard. I Trinitari che la transizione videro un'opportunità, ma i loro tentativi sono stati immediatamente soppressi da Herard. Lo zelo e la determinazione che Francisco de el Rosario Sánchez aveva mostrato nel loro lavoro dentro La Trinitaria gli ha permesso di guidare il movimento quando Duarte ha dovuto andare in esilio a causa della persecuzione scatenata contro di lui dagli haitiani.

Riunione della Trinitaria
I motivi principali perché è riconosciuto in el di Francisco de Rosario Sánchez come padre della nazione si trovano principalmente nei suoi meriti come un trinitario e dopo aver letto l'annuncio che dichiara la nascita della Repubblica Dominicana. Il 27 febbraio 1844, Sanchez era responsabile della lettura della dichiarazione nel Bastione di San Gennaro (oggi porta del Conte). Poi ha presieduto il governo provvisorio (la governance Central Board), per essere spostata da Tomás Bobadilla.
Con l'arrivo alla presidenza della nuova Repubblica del latifondista conservatore Pedro Santana (1844-1848), le cui truppe avevano compiuto nel mese di marzo respingendo un attacco haitiano, i Trinitari sono stati lontano dal potere e Francisco de el Rosario Sánchez, così come Juan Pablo Duarte e Ramón Matías Mella, c'erano spaccare in esilio. Tuttavia, l'indipendenza è stata consolidata e sotto la presidenza di Manuel Jimenes (1848-1849) è stata dichiarata un'ampia amnistia che ha permesso di Sanchez tornare nel paese e giocare importanti uffici pubblici.
Annessione alla Spagna
Durante la breve vita della prima Repubblica Dominicana (1844-1861), Pedro Santana sarebbe d'accordo alla presidenza in altre due occasioni. Alla fine del loro ultimo termine (1858-1861), Santana ha deciso di allegato alla Repubblica di Spagna. Era un modo per fermare la minaccia costante di Haiti, che aveva tentato più volte di invadere il paese, ma anche di rimanere al potere, perché ha accettato di cambiare il posto di governatore della provincia spagnola di Santo Domingo. Questa decisione sarebbe scintilla la guerra di restaurazione (1863-1865), tra i sostenitori di annessione con i separatisti o restauradores (perché il suo obiettivo era quello di ripristinare la prima Repubblica).
Oltre al padre della nazione per il suo ruolo nella proclamazione di indipendenza nel 1844, Francisco de el Rosario Sánchez è stato un precursore del movimento di restaurazione. Nel 1859, le loro differenze con Santana erano costato prigione e un nuovo esilio, da dove Sanchez ha cominciato a prepararsi per la lotta contro l'annessione più prevedibile alla Spagna, che è stata proclamata solennemente nella capitale Dominicana il 18 marzo 1861. Manifestazioni di sostengono il governo di Santana-driven tentativo di nascondere un malcontento che è stato reso visibile subito dopo, quando, il 2 maggio, scoppiata nel Moca un armi rivolta guidato da José Contreras.
Fermamente determinati a ripristinare la Repubblica, il 1° giugno 1861, tre mesi e mezzo dopo aver consumato annessione alla Spagna, Francisco de el Rosario Sánchez immesso territorio dominicano in compagnia di José María Cabral e altri. Il suo tentativo è durato poco più di un mese: vittima di un tradimento, fu catturato in un'imboscata e girato a San Juan de la Maguana 4 luglio successivo, insieme a una ventina di compagni d'armi.
Così è morto per mano dei loro concittadini un combattente incorruttibile, cui nobili ideali patriottici durare nel loro produzione scritta. Il 20 gennaio 1861, quando era chiaro che Pedro Santana e tuo trasporterebbe la sovranità del paese, Sanchez ha gettato una proclamazione affermando: "Ma se maldicenza cercare scuse per la mia condotta di sully, richiedono qualsiasi Manager dicendo ad alta voce, però senza che vanta, che sono la bandiera Dominicana". Prima, il 16 dello stesso mese, senza mezzi termini aveva giustificato il loro lotta in una lettera a Damián Báez: "la mia casa è venduta. Questo è abbastanza".
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici