Biografia di Diego Rivera | Muralista messicano.

(Guanajuato, 1886 - città del Messico, 1957) Muralista messicano. Artisti messicani Diego Rivera, David Alfaro Siqueiros e José Clemente Orozco formano la triade dei massimi rappresentanti del muralismo messicano, una scuola di pittura che fiorì dagli anni venti del secolo scorso.

Diego Rivera
Le caratteristiche fondamentali di questa tendenza sono i monumentali, che mira a raggiungere una maggiore gamma di possibilità comunicative con le masse popolari (alcuni dei murales gigantesco superare i quattrocento metri quadrati); la rottura con la tradizione accademica e l'assimilazione delle correnti pittoriche delle avanguardie europee (Cubismo, Espressionismo), con cui gli artisti messicani hanno avuto opportunità di entrare in contatto, e l'integrazione dell'ideologia rivoluzionaria nella pittura, che, secondo loro, dovrebbe essere artisticamente express i problemi del suo tempo. Non meno importante è il profondo radicamento della loro arte nelle tradizioni native del Messico: il passato artistico di grande pre-ispanica (dove il murale era una prassi costante) e il timbro popolare messicano (che l'eredità di José Guadalupe Posada).

Biografia

Addestrato presso la scuola di Belle Arti di San Carlos nella capitale messicana, che si era trasferito con la sua famiglia all'età di sei, Diego Rivera quindi studiato per quindici anni (1907-1922) in diversi paesi europei (in particolare Spagna, Francia e Italia), dove si interessò di arte d'avanguardia e lasciato accademico. Le opere di questo periodo riflettono, da un lato, un interesse caricato nel cubismo sintetico (il guerrillero, 1915), assunto nella sua tappa parigina, e da altra una grande ammirazione per l'italiano affresco del Quattrocento (e in particolare, da Giotto), ciò che motivava la sua partenza dall'estetica cubista precedente.
Identificati con gli ideali rivoluzionari della loro patria, Rivera restituito dall'Italia al Messico (1922), in un momento in cui la rivoluzione sembrava consolidata. Insieme a David Alfaro Siqueiros si dedicò a studiare in profondità il Maya e Aztechi, arte che avrebbe influenzato in modo significativo il suo lavoro successivo. In collaborazione con altri importanti artisti messicani del tempo (come il proprio Siqueiros e José Clemente Orozco), fondò l'Unione dei pittori, che da cui emergono il movimento muralista messicano, della radice profonda indigeni.

Diego Rivera e Frida Kahlo
Durante il decennio del 1920 ricevette numerose commissioni da parte del governo delle vostre composizioni di grande muraglia di marca paese; in essi, Rivera ha lasciato le correnti artistiche del tempo per creare uno stile nazionale che riflette la storia del popolo messicano, da tempi pre-colombiani fino alla rivoluzione, con scene di un realismo vigoroso e popolare e colori vivaci. In questo senso sono famosi, per esempio, le scene che evocano la presenza di Hernán Cortés in messicano Terre (ad esempio, l'arrivo del conquistatore verso le coste di Veracruz, o incontrare il re azteco Montezuma a Tenochtitlan).

La pienezza delle pitture murali

Il lavoro di Diego Rivera (e quello del muralista come movimento artistico nazionale) ha raggiunto la sua maturità artistica tra il 1923 e il 1928, quando ha fatto gli affreschi presso il Segretariato generale della pubblica istruzione, a città del Messico e la scuola nazionale di agricoltura di Chapingo. Il primo di questi edifici ha due cortili adiacenti (di due piani ciascuno) che l'artista coperto interamente con i suoi murales. Il protagonista assoluto di questi affreschi è il popolo messicano rappresentato nel loro lavoro e nelle loro parti. Rivera ha scritto che la sua intenzione era di riflettere la società del Messico, come lo vide e pertanto diviso realtà in due grandi aree tematiche: lavoro e tempo libero e li ha distribuiti in aree architettoniche separate.
Nella serie di murales realizzati nel 1927 presso la scuola nazionale di agricoltura di Chapingo, Rivera rappresentato loro particolare visione della rivoluzione agraria del Messico facendo uso di stereotipi disegnata dalla pittura religiosa. Ciò è dimostrato dall' alleanza obrero-campesino, la distribuzione della terra , o Revolucion-fructificacion, cui riferimento immediato sono le esequie di San Francisco trovato nella cattedrale fiorentina. Entrambi i cicli di affreschi, la prima affermazione nazionalista, la seconda di carattere commemorativo, incarnano il culmine di un nuovo linguaggio figurativo.

Lo sbarco degli spagnoli in Veracruz (Palazzo Nazionale del Messico)
Ma dove Rivera veramente creato un'immagine visiva dell'identità messicana moderna era negli affreschi dipinti nel Palazzo Nazionale del Messico dal 1929. La narrazione, che illustra la storia del paese fin dai tempi pre-colombiani, occupa tre pareti che si trovano di fronte la scalinata principale dell'edificio. Nella parete centrale raccoglie il periodo che va dalla conquista spagnola del Messico nel 1519 fino alla rivoluzione, rappresentata dal suoi grande pietre miliari. La destra descrive un nostalgico e visione idealizzata del mondo pre-colombiano, mentre sulla sinistra è la visione di un Messico moderna e prospera.
Ricostruzione epica che Rivera rende storia nazionale si basa sull'eroica lotta di liberazione coloniale e le immagini hanno un messaggio inequivocabile che ottiene evidenziato l'oppressione della popolazione indigena e contadina, allo stesso tempo che satireggia duramente per la classe dirigente. L'idealizzazione intenzionale del mondo pre-ispanica, con enfasi sulla figura dell'indiano come una rappresentazione simbolica delle virtù nazionali, contrasta con il mondo dei coloni europei, con l'obiettivo di esaltare l'unicità dell'identità messicana sia contro gli stranieri e contro i dittatori interni.

Ultimi anni

Rivera si riflette così la sua adesione alla causa socialista nelle loro realizzazioni murali; Infatti, sempre ribadito la loro condizione come artista politicamente impegnato e fu uno dei fondatori del partito comunista messicano. Visitò l'Unione Sovietica nel 1927-28, e, tornato in Messico, sposò la pittrice Frida Kahlo, che era stato il suo modello. Fu un rapporto burrascoso a causa i tifosi irrefrenabile delle donne Rivera (dovuto prendere come amante Cristina Kahlo, la sorella minore di Frida), ma il rapporto tra i due ha provocato anche fasi della pace e della creatività, e la casa della coppia a Coyoacán diventata centro di incontri politici e artistici unici.

Il driver maschio dell'universo (1934), rielaborazione del murale uomo all'incrocio del centro Rockefeller di New York, che è stato distrutto.
Tra il 1930 e il 1934, Rivera ha vissuto negli Stati Uniti. Tra le opere in questo periodo che merita di essere evidenziato tutte dipinte nel cortile dell'Institute of the arts di Detroit (1932-1933), dove è diventato esaltato lode per la produzione industriale. Seguendo questi affreschi, ha iniziato lo sviluppo di un grande murale per Rockefeller Center di New York. Sotto il motto l'uomo all'incrocio, Rivera dipinse un'allegoria in cui scienza e tecnologia concedere i suoi doni per l'agricoltura, l'industria e la medicina, ma l'inclusione della figura di Lenin in un posto di rilievo tra i rappresentanti del popolo innescato una polemica violenta nella stampa americana.
Il rifiuto di Rivera sopprimere la figura del leader sovietico, la controversia è stata risolta con la distruzione di fresco. Con alcune modifiche e un nuovo titolo (il driver maschio dell'universo), Rivera sarebbe dipingere lo stesso soggetto presso il Palazzo delle Belle Arti di città del Messico nel 1934. Dal 1936 al 1940, Rivera è stato dedicato soprattutto a dipingere paesaggi e ritratti. Saggista e controverso, pubblicato da André Breton un Manifeste pour l'Art révolutionnaire (1938).

Dettaglio del murale sogno di una domenica pomeriggio presso la alameda (1947)
Durante gli anni quaranta ha continuato a sviluppare la propria attività di muralista in vari luoghi pubblici, e le sue opere seguito causando polemiche; il più famoso di essi era il sogno di un pomeriggio di domenica presso la alameda (1947), ritratto di un viaggio immaginario che che corrispondono a personaggi della storia messicana, dal periodo coloniale alla rivoluzione. In questo murale posto la frase "Dio non esiste" su un poster tenuto dallo scrittore ateo del secolo XIX Ignacio Ramírez, il Negromante, fatto che ha generato reazioni virulente tra i settori religiosi del paese.
Pittore messicano ha lasciato il suo paese le sue opere e collezioni: ha donato alla città un edificio costruito da lui, il Museo Anahuacalli, dove sono conservate collezioni di arte pre-colombiana, e la sua casa a città del Messico è stato convertito in Diego Rivera Studio Museum di Case opere e i suoi disegni, nonché sua collezione di arte popolare.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici