Passa ai contenuti principali

Biografia di Dante Alighieri | Autore della Divina commedia

L'autore della Divina commedia, vista impressionante dell'aldilà cristiano, rinnovato letteratura medievale e ha iniziato la transizione verso la Renacimeint
Dante (o durante) Alighieri era figlio del primo matrimonio del d'Alighiero di Bellincione mutuante o venditori con Gabriella o (probabilmente appartenente alla famiglia Abati) Bella. Aveva una sorella e dopo la morte prematura di sua madre (h. 1270) e il secondo matrimonio del padre con Lapa di Chiarissimo Cialuffi, anche goduto della compagnia di due fratellastri Francesco e Gaetana.
Era nato a Firenze sotto il segno dei gemelli, dal 15 maggio al 15 giugno 1265; se stesso traccia il suo lignaggio fino al suo avo Cacciaguida, nobilitata da Conrado III e morì alla seconda crociata in Terra Santa nel 1147. Ma esso ha ulteriormente assicurato che apparteneva ad una famiglia della nobiltà urbana, con alcune proprietà, da vecchio impegnate nel commercio. Infatti, sia suo padre e suo nonno Bellincione aveva reputazione di usurai.

Dante in un ritratto di Andrea de el Castagno
(Galleria degli Uffizi)
Alla fine del XIII secolo, in particolare lo stesso anno della nascita di Dante, Firenze ha perso il suo spirito liberale della città, sotto l'egida dei ghibellini (sostenitori del potere imperiale contro il papato) fino ad allora e iniziò un periodo di lotte sanguinose con i Guelfi, a sua volta divisi in fazioni che, anche se ci hanno riconosciuto la loro sottomissione al papato, erano condurre vicenda guerre aperto come quelli che li ad affrontare il nemico comune. Secondo alcuni cronisti, il padre di Dante era stato città. Altri ha assegnato la famiglia di parte Guelfa. È sicuro, tuttavia, Dante ha appartenuto alla parte guelfa e, all'interno di questo, la fazione moderata «bianca».
Gli anni dell'infanzia e della gioventù ha coinciso con il più tranquillo Florence sapeva in quel momento, soprattutto fino a quando l'ascensione nel 1295 Bonifacio VIII al trono di San Pietro. Da allora in poi, Dante, che aveva già partecipato, come soldato guelfo, sul sito di Poggio di Santa Cecilia contro il aretinos (1285) ed era stato un pilota nella battaglia di Campaldino (1289), anche contro i ghibellini, apertamente paventava gli ideali politici della democrazia e l'indipendenza comunale dei Guelfi.

Vita politica

Tra il 1295 e il 1302 la sua vita politica era activisima, anche se è noto solo da fonti letterarie (le proprie allusioni nella Divina commedia) o di documenti o alcuna testimonianza diretta: dopo entrare la corporazione dei medici e speciali, 1295-1296 era un membro del Consiglio del capitano del popolo, rappresentanza dell'autorità che è popolare in parallelo con la suprema autorità del Podestà; da maggio a settembre 1296, dopo cesar nel post precedente, ha appartenuto al Consiglio dei cento (Parlamento dei cittadini) e votato a favore di leggi contro i magnati.

Il luogo di nascita di Dante a Firenze
Con l'avvento di Bonifacio VIII come Pontefice, la lotta tra fazioni guelfas approfondito; il «nero», guidato da Donati, una famiglia di magnati, ottenne l'appoggio del Papa, e ciò che era stato uno scontro interno di Firenze divenne immediatamente, nel conflitto tra la città e il papato. I Guelfi «Bianco», guidati da banchieri e commercianti Cerchi, furono sconfitti nel 1301, in una sequenza di impatto drammatico di Dante: nel mese di giugno foro testimonianza della sua opposizione a che sono stati inviati un centinaio di uomini che aiutano Bonifacio VIII nella sua guerra in Maremma; nel mese di ottobre fu nominato ambasciatore al Pontefice e arrivando a Roma è stato mantenuto da questo in città. Nel mese di novembre, quando Dante era ancora (probabilmente) in Roma, Corso Donati, capo della «nera», entrato Florence e svolto un castigo terribile contro il «bianco». Seicento di loro banished e il poeta accusato di aguzzo, è stato condannato a un due-anno-vecchio e vita di esilio non intervenire negli affari pubblici fiorentini.

Beatriz e nuova vita

Nel 1274, all'età di nove anni, Dante aveva trovato per la prima volta a Beatriz, probabilmente figlia di Folco Portinari. Diciotto anni ha avuto luogo il secondo incontro; entrambi vengono inseriti nella nuova vita una forma molto originale opera giovanile, costituito da una raccolta di poesie di trentuno l'impostazione tra prosa concettuale e autobiografico. La sua argomentazione corre lungo i diciotto anni dal primo incontro con Beatriz; Trentuno poesie rappresentano il vertice della dolce stil nouvo (coniato dallo stesso nome Dante in un versetto del Purgatorio), precedentemente praticato dai poeti Guido Guinizelli e Guido Cavalcanti sotto la diretta influenza della poesia provenzale dei trovatori.
Secondo l'usanza del tempo, con undici anni di età il giovane poeta fu organizzato il suo matrimonio con Gemma Donati, con la quale è sposato, probabilmente tra il 1285 e 1293, e che ebbe almeno quattro figli: Giovanni, Pietro, Jacopo e Antonia. Quest'ultimo gli sopravvisse e dopo la morte del suo illustre padre entrò in un convento sotto il nome di Beatriz. Ma molto poco si sa della vita coniugale e familiare di Dante; Si è occupato invece registrato per i posteri i dati fondamentali della vostra spirituale vero e amare la vita legata a Beatriz.
Non meno importante che le riunioni con Beatriz erano i legami intellettuali con l'umanista Brunetto Latini, tornato dall'esilio a Firenze nel 1266 e il grande Guido Cavalcanti. Il primo di questi, Dante imparato i segreti della retorica latina sia le gioie di scrittura in lingua romanza; E ' stato Latini che hanno fornito i modelli per i giovani come ll fiore (1295-1300), opere in cui Dante ha rotto il versetto italiano nel Roman de la Rose. Nel linguaggio romanzesco poesia aveva solo cinquant'anni di vita in Italia quando Guinizelli e Cavalcanti, sotto l'influenza di un po' più lontano dal pioniere Guittone d'Arezzo, fondò la scuola d'i fedeli d'amore ('true love'), ha inventato la figura di angelica «donna» (ovvero erano bellezza fisica e purezza celeste) e tradotto grande poesia lirica italiana che culminerà in Dante e Petrarca. Da lì è emersa l'immagine di Beatriz, che assumerebbe nella Divina commedia , inaspettate dimensioni teologiche e filosofiche.
Si ritiene che Beatriz Portinari è morto dopo il parto nel 1290; Così, sia il matrimonio di Dante e la pubblicazione di una nuova vita sono dopo il fatto. Il poeta registrato in questo lavoro, allo stesso tempo annunciando la conseguente trasformazione poetica: quando morì Beatriz, Dante fu consolato con una visione in cui la persona amata è comparso come parte della Corte celeste, e il poeta decise di tornare a parlare di Beatriz solo per dire che cosa è stato scritto mai per una donna. Quindici anni dopo, la Divina commedia, avrebbe rivelato la portata poetica di questa promessa.
Tra il 1302 e il 1307 Dante ha cominciato due opere della maturità: Il convivio (trattare) e De vulgari eloquentia (il linguaggio volgare). Il primo contiene alcune delle questioni fondamentali che poi si svilupperebbero circa i quattro significati delle Scritture, i due tipi di allegorie e la necessità per l'esistenza dell'Impero. Il secondo è un manifesto scritto in latino sulla legittimità dell'uso della lingua volgare, che difende l'uso di romanticismo per tutti gli stili, tra cui l'alta o tragico.

1490 edizione di Il convivio
Poco è conosciuto della loro attività politiche e nazionali durante i cinque anni: nel 1303 fu a Forlì come consigliere di Scarpetta Ordelafi, comandante del «bianco» mentre chi ha deciso l'anno seguente, dopo la sconfitta dei suoi sostenitori nella battaglia della Lastra (20 luglio) separare dal suo vecchio fazione; nel 1305 possibilmente vissuto a Bologna, un ambiente privilegiato dal punto di vista intellettuale, dove continuò a scrivere le due opere e dove fu espulso 6 ottobre 1306, a rifugiarsi prima in Lunigiana, sotto la protezione dei Malaspina, poi nel 1307, con il conteggio di Batifolle in Casentino e, infine, nel 1308 , a Lucca. Si presume che mesi prima di Dante aveva cominciato a scrivere l'inferno, prima parte della Divina commedia.
Durante i primi anni del suo esilio Dante meditato a lungo sulla questione delle relazioni tra potere religioso e temporale; i primi risultati di queste meditazioni sono i due noti lettere (da 1308 e 1310), uno di loro indirizzata a «tutti i re d'Italia», tutti i signori nella città Santa, duchi, conti, Marchesi e la gente e l'altro «il male fiorentino che risiedono in città»; in questa seconda lettera, ha sostenuto la conformità al potere imperiale. Ma il raggiungimento finale di queste riflessioni è stato il trattato della monarchia (1318), dove è stato dichiarato che spirituale e potere temporale emanata direttamente da Dio, così l'Impero e il papato erano poteri autonomi.
Se si accettano come data di completamento della monarchia del 1318, controlla che la sua gestazione è stata accompagnata dal progressivo inasprimento delle condizioni per l'esilio del suo autore. Nel 1302, dopo la frase dell'esilio, un altro condannato ad essere bruciato vivo in caso di ritorno a Firenze; nel 1311 era non applicato un'amnistia generale concessa ai guelfi «Bianchi»; Infine, nel 1315, fu condannato a morte per decapitazione in contumacia, quando ha rifiutato l'offerta di un perdono in condizioni considerato disonorevole.
Rassegnato a non tornare a Firenze, nel 1318 egli sinistra Verona e si riunì con i suoi figli a Ravenna; Ci ha prodotto due egloghe in latino e un trattato sulla questione dell'acqua e della terra. Gli ultimi anni della sua vita sono stati estremamente fruttuosi: nella dedica del paradiso nella famosa lettera a Cangrande I della Scala (1316), Dante grandiosamente impostata la portata del suo incomparabile commedia: «il significato di questo lavoro non è l'unico, si può chiamare polisemico, cioè, in molti modi;» Infatti, il primo senso è che deriva dalla lettera, l'altro è quello ottenuto dal significato attraverso la lettera».
Diviso in tre libri o canzoni (inferno, scritto intorno al 1312, Purgatorio, al 1315; Paradiso, tra il 1316 e il 1321), la commedia è composta di versi endecasillabi 14,233 in terza rima, a sua volta suddiviso in 100 canzoni, uno dei quali è il prologo, per cui ciascuna delle tre parti o libri contiene 33 canzoni. Si ripercorre il viaggio del poeta ai regni oltre la tomba, accompagnato dal poeta latino Virgilio. All'età di trentacinque anni, Dante si perde nella giungla oscura; quindi lo salva Virgilio, inviato dalla Vergine Maria, Santa Lucia e Beatriz. Entrambi si scende all'inferno e correre attraverso i suoi nove cerchi; quindi essi salire la montagna del Purgatorio e lì, all'ingresso in paradiso, Virgilio Beatriz, che lo porta all'empireo, dove per un momento dà modo al poeta Beato ha la visione della divinità.
La commedia deve il suo nome, secondo la conoscenza medievale, il suo movimento verso l'alto: il problema è orribile nel primo libro, ma speranzoso nel secondo e felice nel terzo; l'aggettivo divina che è giunto fino a noi è stato aggiunto per i posteri. Infatti, dalla sua incommensurabile valore poetico, l'ambizione e la portata della sua prospettiva filosofica, la bellezza e la precisione delle sue immagini e la perfezione del suo linguaggio, commedia è stato considerato come il più grande poema del cristianesimo.
A completamento della redazione del paradiso, Dante era già certo che il suo esilio fu definitiva: l'imposizione della condanna a morte del 1315, seguendo il loro rifiuto dell'amnistia, altrettanto estesa alla loro prole. Nel 1319, probabilmente, il poeta fu al servizio del Signore di Ravenna, Guido da Polenta, forse con segretario o tutor delle funzioni di retorica. Nel 1321, il Doge di Venezia ha minacciato una spedizione punitiva contro Ravenna, a seguito di un conflitto dallo sfruttamento delle vicine pochi salinas tra le due giurisdizioni e Dante si recò a Venezia come ambasciatore del Signore Da Polenta per placare gli assessori veneziani. Il lungo viaggio, fatto al culmine dell'estate, dalla terra in primo luogo e quindi dalle lagune della costa dell'Adriatico, è stato fatale. Al loro ritorno a Ravenna, si ammalò di malaria contratta durante il viaggio. Morì il 13-14 settembre 1321 e fu sepolto, in mezzo a tributi solenni, nella Chiesa di San Francisco de Rávena.

Cronologia della Dante Alighieri

1265Nato a Firenze.
1274Primo incontro con Beatriz Portinari, la donna che amava ed esaltato come un supremo simbolo della grazia divina.
1285Sposò Gemma Donati. Ha studiato presso l'Università di Bologna.
1289Partecipò alla battaglia di Campaldino contro i ghibellini.
1290Morte di Beatriz Portinari.
1293Nuova vita è completa.
1301«Bianco» guelfi vengono sconfitti e Dante fu condannato all'esilio.
1302-1307Iniziare a scrivere l'ossequio e sul linguaggio volgare, che difende l'uso della lingua volgare.
1308Iniziare a scrivere la Divina commedia, diviso in tre libri o canzoni (inferno, Purgatorio e Paradiso), che racconta il viaggio del poeta ai regni oltre la tomba, accompagnato dal poeta latino Virgilio.
1312Lei scrive di inferno.
1315Scrivere il Purgatorio.
1318Si conclude il trattato della monarchia. Egli risiede nella Corte di Guido di Polenta (Ravenna)
1321Completa la stesura del paradisoe muore a Ravenna.

La divina commedia di Dante Alighieri

Dante intitolato al suo poema commedia, anche se una lunga tradizione iniziata da Boccaccio ha descritto come divino, sia per la loro eccellenza agli occhi del primo biografo di Dante di nessun affare terrena. Non si sa esattamente quando Dante iniziò a scrivere la commedia. L'autore alla fine delle parole Di Vita Nuova suggeriscono che lui nacque l'idea del trionfo di Beatriz oltre la morte prima di essere stato bandito, ma nulla indica per cominciare immediatamente il lavoro. È possibile che la composizione fin dal suo inizio al 1306-1307, poco dopo l'inizio del suo esilio, fino a poco prima della sua morte (1320), cioè da circa quindici anni.

L'argomento

La Divina commedia racconta il viaggio di Dante inferno, Purgatorio e paradiso, guidati dal poeta romano Virgilio. Il poema inizia con l'incontro di Virgilio con Dante, che è perso in un bosco e incontri con animali selvatici. Virgil si confessa al poeta che è venuto a nome di Beatriz, una donna virtuosa e lo conduce in un lungo cammino di redenzione che inizia nel Underworld: qui, che spaziano attraverso cerchi infernali; nel primo, sono "l'infelice che erano mai vivi", i bambini che non potevano ricevere il battesimo prima di morire e grandezza spirituale del popolo come Virgilio, che intuì la rivelazione cristiana. Nel secondo cerchio già inferno è mostrato con tutte le proprietà: Minosse, una sorta di giudice si trova all'ingresso di un pozzo. A moran cerchi superiori che erano guidati da incontinenza; in basso, che ha risposto ai loro istinti più bassi. Quindi descritto il perverso, che alla fine della loro vita sono stati lasciati da soli; Il lussurioso, sconfitto dal puro piacere sessuale; i golosi; malato di ira, destinata a colpire sempre affondato nel fango...
Sezione dell'inferno è il più noto di tutti proprio a causa dell'altezza che fanno pagare loro scene mostruose, come se partecipiamo al male un modo direttamente visivo: ad esempio, i truffatori nuotare in una massa ribollente di pesce. Il Purgatorio è una montagna circondata da scogliere e ci anime devono essere dedicate alla buona a espiare i loro peccati ed essere infine salvati da Dio. Dante ha la possibilità di vedere l'ascesa dell'anima del poeta Estació verso il cielo dopo avere stato purificato. Nella sezione del paradiso Dante raggiunge la massima perfezione spirituale: Mostra le processioni simboliche, i misteri della fede come un'incarnazione divina e in una nuvola di fiori disposti da los angeles arriva a vedere Beatrice (sua redentrice), arrampicata sul carro della Chiesa.

Dante
Il tema centrale della commedia è il viaggio compiuto da Dante, lungo il quale si trova la propria identità. Ma, da vecchio, il viaggio rappresenta la condizione umana, in modo tale che non solo sarebbe l'acquisizione di esperienze ma anche deve trovare un simbolismo a ciascuno degli stadi, ognuno dei passaggi attraverso il quale passa il Walker: inferno inizia di notte, equivalente della disperazione; arrivo al Purgatorio si verifica all'alba, simbolo di speranza, mentre l'entrata in paradiso è a mezzogiorno, come un chiaro segno della salvezza dalla abbondante luce che c'è.
Coordinate cronologica basano sul reale (il viaggio avrebbe cominciato il Giubileo del 1300, possibilmente la notte del giovedì Santo e sarebbe ultimi otto giorni), il lavoro è organizzato su due assi essenziali, ben attestati nella tradizione letteraria precedente: libri di viaggio (spesso al seguito) e la letteratura delle visioni, anche se Dante modifica di entrambi i sessi e li adatta al suo approccio peculiare. In ogni caso, Dante svolge una ricca e profonda rielaborazione dei testi che hanno servito come base.

La struttura

La commedia è diviso in tre parti (Inferno, Purgatorio e paradiso), ognuno dei quali consiste di 33 canti, per un totale di un centinaio di canzoni con la canzone che introduce. Allo stesso tempo, l'inferno è diviso in 9 cerchi, Purgatorio in 9 parti e il paradiso in cielo 9. I dannati sono raggruppati in tre serie (incontinenti, violente e fraudolente). Che ha eliminato l'inceppo loro peccati anche formare tre gruppi (quelli che hanno seguito un amore che li ha portati al male, quelli che amava poco bene e che manifesta un amore enorme beni terreni) e paradiso sono laici, beni e la contemplativa, a seconda della misura e il tipo di amore che hanno dimostrato a Dio.
Il numero cento è simbolico ed è una quantità usuale in testi didattici medievali; Allo stesso modo, il numero tre, basato sulla progettazione strutturale della commedia, ha anche un alto valore simbolico in numerologia medievale, come segno di perfezione e unità nella diversità: in breve, sarebbe l'interpretazione numerica del mistero della Trinità.
Inferno è strutturato secondo il senso di colpa di quelli là; seguendo gli stessi principi di organizzazione, nel Purgatorio , incontriamo una montagna con sette cornici, in cui sono raggruppati i condannati secondo le loro inclinazioni peccaminose. Quando si raggiunge il paradiso terrestre, Virgilio, che aveva guidato i passi di Dante per l'aldilà, viene sostituito da Estacio. Paradise è eternamente gli eletti sono stati salvati e sono raggruppati secondo la loro virtù, in nove aree del sistema Celeste descritta da Tolomeo (sette pianeti, stelle fisse e il primo motore). L'empireo si trova di fuori del sistema celestiale ed è quindi ignaro di passare del tempo mentre racchiude in sé tutti i cieli.

La foresta delle arpie (illustrazione di Gustave Doré)
Secondo la struttura generale della commedia è stato, è basato sul numero tre, che viene dato un senso speciale, oltre a conservare tutte le connotazioni simboliche, sacro e profano. Ma l'importanza di questo problema va oltre: la strofa usato il trio di endecasillabo, cioè è una strofa di tre linee di undici sillabe: ogni strofa è costituito da 33 sillabe. D'altra parte, alcuni bar sono attaccati agli altri con una serie di rime che può anche parlare di un indubbio ruolo del numero tre: la seconda strofa di una strofa rima con il primo e il terzo di seguito, dando vita al sistema metrico chiamato incatenato trio. In questo modo rimane una linea melodica e ritmica lungo tutto il bordo. Frequentemente, il senso organizza poggiante su tre terzine, che dà questi gruppi un'innegabile aria di sillogismo (in un certo senso, la stessa cosa accade con la struttura del sonetto).

Significato della divina commedia

Ci sono tre assi fondamentali della commedia dal punto di vista filosofico: il cosmo, ragione e fede, predestinazione e libero arbitrio. Il primo è stato risolto con la creazione del proprio universo, in quanto gli avversari di inferno e paradiso simmetricamente e tra cui si trova il Purgatorio. Sull'asse della ragione e la fede sono strutturate idee sulla filosofia e teologia: il primo si imbatte continuamente pochi stretti limiti, che sono quelli della conoscenza umana. Teologia, d'altra parte, si apre a tutti volte pochi orizzonti quelli senza confini e senza volto; il passaggio da uno a altro è che rende il poeta poeta-teologo, come si manifesta in modo esplicito in paradiso, XXV.
Il terzo asse è costituito da domande riguardanti predestinazione e libero arbitrio, che costituiscono una delle preoccupazioni più comuni per i pensatori medievali, tra cui teologi e filosofi naturali: tutte le creature, animate ed inanimate, sono contrassegnate dall'influenza delle stelle, che li trasmette a determinate qualità o virtù, o che (secondo alcuni) li rendono il futuro. Considerare questi problemi, Dante non è alcuna eccezione nel paesaggio medievale; e la distanza che separa queste credenze di approcci deterministici è minima. Infatti, se le stelle contrassegnano il destino dell'individuo, la persona non è completamente libera nelle loro azioni e, di conseguenza, dovrebbe non essere punita o ricompensata. Dante accetta l'influenza delle stelle sull'uomo, ma allo stesso tempo ritiene che l'anima intellettiva (che dipende solo da Dio) è estraneo a questo afflusso ed è quindi degno di salvezza o di condanna, perché decide liberamente (Purgatorio, XVI).
Come un viaggiatore di una terra sconosciuta, Dante è accompagnato da guide successive che sono anche insegnanti nel cammino poetico (Virgilio ed Estacio) e nella fede (Matelda, Beatriz e San Bernardo). Possono solo portare all'uomo, il peccatore, verso il seguente obiettivo alta: processo di purificazione spirituale richiede un supporto esterno e cioè il ruolo svolto da questi compagni. Guida modifiche indicano le tappe più importanti del percorso: di conseguenza verificarsi per entrata in paradiso sulla terra e alla fine della strada dal paradiso, quando, come è morta per l'empireo per contemplazione solo divina. Nel primo, la volontà del camminatore è fatto gratis e il secondo sua anima lasciare schiavitù. Il doppio livello di significati che c'è, in che ha coinvolto anche la figura della Dante proprio come un viaggiatore e poeta è ovvia. Così, le cinque guide (Virgilio, Stazio, Matelda, Beatriz e San Bernardo) altro rappresentano tanti gradi nel processo di formazione e perfezione di Dante, che vi porterà alla contemplazione divina.
  Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…