Passa ai contenuti principali

Biografia di Cuauhtemoc | Ultimo imperatore azteco

(Tenochtitlán, oggi città del Messico, 1496 - Yucatán attuale Honduras, 1525) Ultimo imperatore azteco, chiamato dal Guatimocin spagnolo. Successore di Moctezuma II e Cuitlahuac, tenacemente difeso la città di Tenochtitlan, capitale dell'impero azteco, dall'assedio degli spagnoli truppe sotto il comando di Hernán tagli. La caduta della città e la cattura e l'esecuzione successiva di Cuauhtemoc si è conclusa una delle più brillanti civiltà pre-colombiana.

L'imperatore azteco Cuauhtemoc
Il figlio di re azteco di Ahuizotl, era un orfano, essendo ancora un bambino e ha ricevuto un'educazione aristocratica, come era fino a un membro della famiglia reale: acquisito conoscenza preparandolo per la vita adulta in un calmecac (Center con funzioni di College e Monastero). Sposò Tecuichpo, una delle figlie dell'allora imperatore Moctezuma II, succeduto sul trono Ahuitzotl.
Cuauhtémoc, nome che significa «Aquila che cade», era un acerrimo nemico degli spagnoli, soprattutto dopo il massacro di Tenochtitlán (il 23 maggio 1520) da parte Hernán Cortés del tenente, Pedro de Alvarado. L'azione brutale del capitano spagnolo ha causato la reazione violenta del popolo azteco. Esasperato dalla presentazione di Moctezuma II spagnoli, indiani lapidato proprio imperatore, che morì poco dopo e pose l'assedio agli spagnoli; sotto la direzione di Cortes, che era tornato in città, riuscita a fuggire nella capitale azteca la notte del 30 giugno al 1 luglio, più tardi chiamato "Noche Triste".
Mentre Hernán Cortés e i suoi uomini, supportati dagli abitanti di Tlaxcala, si preparava ad attaccare nuovamente Tenochtitlan, la corona di Aztec è caduto ad un fratello di Montezuma, Cuitlahuac. Ma Cuitlahuac morì pochi mesi dopo, vittima dell'epidemia di vaiolo, introdotto dagli spagnoli da Cuba, provocato il caos su Aztechi. Dopo la sua morte, la nobiltà nominata come successore sul trono di Cuauhtemoc, che era distinto per il suo coraggio contro gli spagnoli. Fu anche capo di Tlatelolco e nonostante i suoi 24 anni, ha avuto una notevole esperienza militare.

Responsabilità di Cuauhtemoc
Purtroppo, Cuauhtémoc non poteva contare con il sostegno delle città e comunità finora soggetti alla regola di Aztec, che Cortes abilmente aveva attirato al lato spagnolo. Ha provato a vincere per la loro causa per vari gruppi indigeni nella valle, ma fallì e fu in una posizione di estrema debolezza. Prima dell'imminente offensiva degli invasori, il nuovo imperatore ordinò la costruzione di fortificazioni e organizzò la difesa di Tenochtitlan.
Dopo più di tre mesi del sito, gli spagnoli è riuscito a superare la tenace resistenza e rase al suolo la città. i suoi abitanti furono trattati crudelmente e sontuosi templi e palazzi, simboli della loro civiltà sono stati distrutti. Cuauhtémoc fu fatto prigioniero il 13 agosto 1521, mentre cercava di fuggire a Texcoco.
Da allora e fino al momento della sua morte, rimase prigioniero, torturato a rivelare il luogo dove era nascosto il tesoro reale. Infine, temendo che per organizzare una nuova rivolta, Cortés ha preso con lui a Cuauhtemoc, insieme ad altri nobili Aztechi, una spedizione nel territorio della attuale Honduras. Durante l'incontro, un tale Mexicalcingo accusato Cuauhtemoc di aver partecipato a una presunta cospirazione e fu impiccato insieme ad altri importante azteco.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…