Passa ai contenuti principali

Biografia di Costantino I, il grande | Grande Roman Emperor

Fondatore di Costantinopoli, il grande Roman Emperor è stato in grado di riportare la pace nell'Impero e ha dato una spinta definitiva per il cristianesimo.
Circa 284 A.d., l'Impero Romano sembrava destinata alla dissoluzione. In 50 anni ci era stato ventisei imperatori, e solo uno di loro era morto di morte naturale; Persiani e barbari molestati costantemente e con successo, i confini settentrionali, e parassiti, di miseria e di anarchia presagiva un rapido calo. In 330, anno dell'inaugurazione della nuova capitale imperiale di Costantinopoli, l'Impero rimasta Uniti, con i bordi intatti e in pace. Questo era il risultato del lavoro titanico di due luminose ed energico, gli uomini che erano in grado di comprendere i cambiamenti che ha portato la storia: gli imperatori Diocleziano e Costantino I, detto il grande.
Figlio di Constancio Cloro e la sua amante Elena, Cayo Flavio Valerio Aurelio Constantino nacque a Naissus (l'attuale Nis, Jugoslavia), un partenariato di non so quale anno, ma gli storici non esitano a collocarlo tra il 270 e il 288, in pieno periodo di «malgoverno militare» dell'Impero Romano. Le riforme di Diocleziano tentarono di stabilizzare la situazione attraverso la nomina di due imperatori o augustos e loro rispettivi successori (o Caesars). Suo padre, Constancio Cloro, fu nominato successore di Massimiano e separati da Elena per sposare Teodora, figlia adottiva del suo imperatore.

Costantino il grande
Costantino trascorso la maggior parte della sua infanzia in accampamenti militari romani accompagnare suo padre. Quando Constancio Cloro fu proclamato cesare delle Alpi occidentali nei 293, Costantino fu inviato alla Corte di Diocleciano l'imperatore, che avrebbe accompagnato nella sua spedizione in Egitto durante l'anno 296. Accuratamente educato nella Corte di Diocleziano a Nicomedia (l'attuale Izmir, in Turchia), fu in contatto con molti cristiani della Corte imperiale e le città dell'est e fu testimone della persecuzione scatenata da Diocleziano nel 303 contro i cristiani.
Quando nel 305, Diocleziano e Massimiano abdicato per ragioni di età, il padre di Costantino, Constancio Cloro, è stato nominato Augustus della metà occidentale dell'Impero; Galerio era al comando della metà orientale. L'abdicazione di Diocleziano e Massimiano indossando l'ascesa di augustos il Caesars o imperatori e la scelta dei nuovi Cesari, che ha ostacolato le aspettative di successione dinastica dei figli di coloro che era stato promosso agli imperatori. La situazione si tradurrebbe in una complessa serie di guerre civili.
Costanzo ha voluto nominare suo figlio Costantino Caesar, ma intrighi Galerius ha impedito questo appuntamento. Nonostante questo, Costantino riuscito autorizzazione Galerius per viaggiare in Gran Bretagna per incontrare suo padre. E, dopo la morte di Constancio Cloro in Ebocarum (York), loro topas lo proclamò augusto nella stessa città il 25 luglio 306. Ma Galerio si rifiutò di confermare la sua nomina come augusto e Costantino ha dovuto accettare il titolo di Cesare nel terzo governo della Tetrarchia, mentre Severus è stato nominato alla posizione di Augusto. Costantino ha permesso il gestore assegnato Constancio Cloro Province (Gallia, Britannia e Hispania). Sarebbe infine riconosciuto Augustus dell'anziano imperatore Massimiano, che era tornato alla vita politica, e con cui figlia Fausta contrasse matrimonio 31 marzo 307. Solitamente tra gli storici ha fissato lo scorso anno come la data in cui ci fu l'inizio del Regno di Costantino I.
Alla fine della 308, Diocleziano, Massimiano e Galerio riuniti presso la conferenza di Carnuntum, con l'intento di mettere in ordine il caos politico in cui l'impero è stato avvolto. A quel tempo c'erano cinque augustos (il legittimo Galerio e severo ed usurpatori Costantino, Massenzio e Massimiano) e una singola Caesar, Maximino Daya. Durante questa conferenza è spossessata del titolo di Augusto a Costantino, che ha rifiutato di accettare la degradazione e mettere ogni sforzo nel prendere il controllo dell'Impero. Prima cosa che fece fu di rafforzare il loro potere in Gallia e Britannia in Hispania. Dopo l'arresto un'invasione da parte dei franchi, riesce a sconfiggere Massimiano in Gallia, che è stato cosegnato a Costantino da ufficiali delle proprie truppe.

La battaglia di Ponte Milvio
Nel 312 invase l'Italia, dove governava Massenzio, figlio di Massimiano e il suo principale rivale per assumere il controllo dell'impero occidentale. Le forze di Costantino sono stati vincitori a Torino e Verona. Le truppe di Costantino e Massenzio combatterono il 28 ottobre di quello stesso anno nella battaglia di Ponte Milvio, alla periferia di Roma; il confronto si è conclusa con la vittoria per le truppe di Costantino. Massenzio fu ucciso per annegamento nel Tevere nella sua fuga e Costantino poteva prendere il titolo di Max augusto anche se loro dominio coperto solo l'Occidente dell'Impero.
Secondo la tradizione raccolta da Eusebio di Nicomedia, il giorno prima della battaglia di Ponte Milvio, Costantino vide un segno nel cielo: una croce accompagnata dalla leggenda in hoc segno vinces (con questo segno conquista). Costantino, che probabilmente professava un monoteismo solare, aveva mantenuto i contatti con il cristianesimo ed era consapevole della forza che credo era nell'Impero, che dubbio non avrebbe influenzato la politica dopo. Per commemorare questa vittoria costruì il famoso arco di Costantino, che attribuirono la vittoria su Massenzio per la protezione della divinità, senza specificare che cosa nel 315 nel Forum di Roma. Successivamente, la storiografia cristiana chiamato la vittoria di Ponte Milvio come la prima battaglia vinta da un imperatore romano con l'aiuto di Dio.
Questa vittoria ha lasciata Costantino come unico imperatore d'Occidente; Così sarebbe ratificarlo il Senato, riconoscendolo come imperatore senior. Allo stesso tempo la situazione è normalizzata anche in Oriente, dove Licinio, che aveva firmato un'alleanza Costantino nella primavera del 313, che aveva accettato di dividere l'Impero, riuscì a sconfiggere a Maximino Daya. Al fine di rafforzare le relazioni tra entrambe augustos Licinio sposò la sorella dell'imperatore d'Occidente, record.

Matrimonio di Licinio e Costanza
Licinio e Costantino emanata congiuntamente nella 313 editto di Milano, che è decretato libertà dei culti in tutto l'Impero. I cristiani è stato riconosciuto il diritto di celebrare i loro culti e le proprietà della Chiesa sono stato restaurato. Al clero cristiano, molti di loro i privilegi concessi importanti Costantino entrando parte dell'amministrazione di Roma, allo stesso tempo e partecipato decisamente nei concili di Arles (314 contro il Donatismo) e, molti anni più tardi, a Nicea (325), che avrebbe condannato l'arianesimo. Tuttavia, il fatto che Arius ha dichiarato che la divinità di Dios Padre era superiore il de Dios Hijo (principio che consentiva di impostare gradi differenze tra gli uomini e giustificato che l'imperatore aveva un rango superiore rispetto altri umani ed era l'intercessore di questi davanti a Dio), hanno portato a che Costantino avrebbe dato il loro sostegno a questa dottrina che stava andando alla grande utilità politica nella costruzione di un sistema di monarchia di diritto divino del cui stile è stato forgiato in Oriente.
Le ostilità tra Costantino e Licinio hanno cominciato il 314. Il primo è stato vincitore nelle battaglie di Adrianopoli e Cibales. Il trattato di pace fu firmato quindi ammessi che Licinio mantiene Asia, Egitto e Tracia, anche se ha dovuto trasportare il suo rivale più dei suoi possedimenti in Europa. Durante l'anno 315 che Costantino investito è il consolato assieme al suo collega in Oriente, Licinio. Nello stesso anno sia combattuto insieme al confine contro i Goti e i Sarmati; così tra entrambi gli imperatori iniziarono un periodo di collaborazione che sarebbe durata per quasi un decennio.

Statua di Costantino a York (Inghilterra)
Nell'anno 317 proclamato cesares Crispus (figlio della prima moglie Minervina), altri suoi figlio Costantino e Licinio, suo nipote e figlio dell'Augusto d'Oriente. Collaborazione con Licinio terminò bruscamente nel 323: Costantino attaccò Licinio con la scusa della persecuzione che l'imperatore d'Oriente aveva scatenato contro i cristiani e ha finito per averlo sconfitto a Crisopolis, il 18 settembre il 323. Licinio fu bandito a Salonicco ed eseguito un anno dopo; Infine, Costantino divenne l'unico imperatore di Roma.
L'anno successivo iniziò la costruzione dell'antica Bisanzio, la città di Costantinopoli, che avrebbero continuato a occupare un posto privilegiato nell'Impero. Un anno dopo, l'imperatore concesse il titolo di augusta Elena, sua madre e nel 326 sviluppato un dramma familiare che a quanto pare era all'origine del viaggio di Elena, la Terra Santa, dove è accreditato con la scoperta del Santo Sepolcro e l'invenzione della vera croce: Fausta, moglie di Costantino, suo marito, devo eseguita Crispus mandara primogenito di stato imperatore dal suo precedente matrimonio a Minervina; poco dopo Fausta fu accusato di adulterio e Costantino fece eseguire. Tali frasi sono stati accompagnati dall'uccisione di diversi membri della Corte, ha prodotto una profonda onda di indignazione tra la popolazione di Roma.
11 l'anno 330 ha inaugurato la nuova capitale dell'Impero, Costantinopoli. La città, che era ornata di edifici monumentali e dei lavori pubblici, ha offerto il vantaggio della sua situazione eccezionale, nell'Unione tra Asia ed Europa. La maggior parte delle città greche furono privata delle loro principali opere d'arte per essere trasportato nella nuova capitale; suo Senato avrebbe presto sostituirà la Roma. Tra il 332 e il 334 ha tenuto una vittoriosa campagna contro i Goti, che ha espulso oltre il Danubio. Al 333 denominato cesar suo figlio costante e, nel 335, a Nunzio, uno suoi nipoti.

Morte di Costantino
Nonostante la sua difesa pubblica del cristianesimo e il suo intervento in dibattiti teologici (probabilmente il suo interesse era principalmente politico), Costantino non aveva mai ricevuto il battesimo. Sul letto di morte ha cambiato i suoi vestiti imperiale della veste bianca del neofita e fu battezzato da Eusebio, vescovo di Costantinopoli. Morì il 22 maggio 337 e fu sepolto nella Chiesa degli Apostoli a Costantinopoli. Ha mantenuto l'Impero diviso tra i suoi tre figli, Costantino II il giovane, costante I e II Constancio e suoi due nipoti, de nunzio e Annibaliano, ma conflitti fra loro forzato che, dopo la sua morte, Costantino rimase dimensioni nominali Regno per diversi mesi. Dalmacio ha preso il controllo della zona di Costantinopoli e nei Balcani; Costantino II, il maggiore dei fratelli, controllando la parte occidentale dell'Impero, a Treviri. Costanzo II è stato il proprietario dell'est di Antioquia, mentre costante era responsabile del governo d'Italia, Illiria e Africa e infine un altro nipote, Annibaliano, governò la parte orientale dell'Asia minore con il titolo di re.

Cronologia di Costantino I, il grande

c. 280Nato a Naissus.
293Suo padre, Constancio Cloro, è chiamato Caesar o successore di Maximiano, augusto o imperatore dell'impero occidentale.
305Dopo l'abdicazione di Diocleziano e Massimiano, Galerio e Constancio Cloro diventa agosto.
306Morte di Constancio cloro. Costantino è proclamato Augusto dalle sue truppe.
308Diocleziano, Massimiano e Galerio si riuniscono presso la conferenza di Carnuntum, che invalida il titolo di Augusto Costantino.
312Ha sconfitto Massenzio nella battaglia del Ponte Milvio e rimane come unico proprietario dell'impero occidentale.
313Licinio sconfigge Maximiano Daya e diventa Augustus dell'Impero d'Oriente. Insieme a Licinio promulga l'editto di Milano, che concesse libertà religiosa ai cristiani e li ha restituiti i beni confiscati.
314Egli convocò il Concilio di Arles, contro il Donatismo.
323Sconfigge Licinio nella battaglia di Crisopolis e diventa unico imperatore.
325Egli convocò il Concilio di Nicea, che condannò l'arianesimo.
326La costruzione della futura capitale imperiale, Costantinopoli si imbarca in antica Bisanzio.
330Inaugurazione di Costantinopoli.
332-34Vittoriosa campagna contro i Goti.
337È battezzato poco prima di morire a Nicomedia.

Eredità di Costantino I, il grande

Della Tetrarchia con l'impero di Christian

Constantino el Grande corrisponde, tra altri meriti, il ripristinare l'ordine e l'unità dell'Impero romano dopo un prolungato periodo di declino e anarchia. La situazione di decomposizione regnante era precisa, infatti, una riorganizzazione dell'Impero, lavoro che Diocleziano e Costantino successivamente e Costantiniano membri della famiglia si arresero prima. Poiché l'anno 284, Diocleziano aveva tentato di effettuare una profonda riorganizzazione, in cui elementi fondamentali sono stati il sistema tetrarquico e la riforma dell'amministrazione centrale.
La Tetrarchia, forma di governo che era stato dato in altre civiltà (ad esempio Tessaglia, Siria e Palestina) è stato concepito come una ridistribuzione dei compiti che la responsabilità all'imperatore; così, invece di uno, c'erano quattro righelli. Due erano augustos o imperatori, e ciascuno di essi è stata accompagnata da un Cesare o un successore più giovane, unite da legami religiosi e famiglie: Diocleziano e Massimiano e Costanzo (padre di Costantino) Galerius.

Busto di Costantino
Il nuovo sistema politico e amministrativo dovuto garantire un ordine sicuro immobiliare (ogni vent'anni) ed eliminare il pericolo dei encroachments: anche se c'è teoricamente un quattro imperatori, è stata salvaguardata l'unità dell'Impero, dato che erano parte di una scuola diretta da Diocleziano, e tutte le misurazioni sono state effettuate per conto della scuola; Tuttavia, ogni imperatore era dedicato alla difesa di una regione, che il loro reddito da lavoro ed era allo stesso tempo responsabile per le loro spese.
Il sistema è durato poco tempo: la rovina della Tetrarchia ha avvenuto in un periodo di quasi vent'anni, a partire con le rivolte dalla successione come agosto e Caesars nella parte orientale dell'impero (Maximino Daya e Galerio) e anche nella parte occidentale (Costantino e Massenzio, figlio di Massimiano). Anche se l'intervista di Carnuntum e la nomina di Licinio Augusto, nell'anno 308, un po' calmato gli animi, dispiacere emerse nel confronto tra Massenzio e Costantino e si è conclusa con la sconfitta e la morte nella battaglia di Ponte Milvio. Il trionfo di Costantino era un ovvio, se non definitivo, alla vittoria del cristianesimo, poiché l'editto di Milano, rilasciato poco dopo, conteneva una politica di tolleranza generale per le comunità cristiane.
Mentre le tensioni, talvolta latente e altro lordo, erano andando a mantenere per molti anni tra Costantino e Licinio, la vittoria del figlio di Costanzo Cloro nell'anno 323 sicuramente restaurato l'imperial di unità, dando origine ad una nuova fase nella storia di Roma, il cosiddetto Impero di Christian, a causa di tifo che ha preso la religione fra gli imperatori legittimi tranne con Julian l'apostata.

L'amministrazione

Costantino completato le riforme amministrative di Diocleziano, che significava la definitiva separazione del potere civile e militare. Il numero di cariche seguita aumentando e moltiplicato in un rigido funzioni cerimoniali di Corte. Nonostante questo, governo centrale Romano non era diverso nel suo tempo in gran parte dalla corrispondente al tempo di Diocleziano, tranne per quanto riguarda il questore di Palazzo e il magister officiorum. Il concistoro ricoperto la carica di consigliere del Principe; Questa istituzione faceva parte, tra gli altri, alto, quattro caratteri che possono essere considerati, colmare il divario, come veri ministri: il capo della cancelleria imperiale, che aveva sotto il suo comando vari negoziati da un Maestro, ma anche per la polizia segreta o agenti in rebus e la guardia personale dell'imperatore o schola; il questore di Palazzo, cui compiti consistevano di preparare i discorsi imperiali, per far rispettare le sue decisioni e Presidente di sessione in assenza dell'imperatore; e i due ministri delle finanze: l' arriva privatae rei, che affronta l'amministrazione della proprietà dell'imperatore e l' arriva sacrarum largitionum, dirigendo l'amministrazione finanziaria.

L'impero romano sotto Costantino
La Prefettura del Pretorio ha subito profondi cambiamenti nel tempo di Costantino come risultato la concessione di licenze del Pretorio, diventare un coorti di magistratura puramente civili. Complessivamente, il quarto secolo avrebbe saputo tre grandi prefetture del Pretorio: Gallia, Italia e Oriente. Tra il prefetto del Pretorio e i governatori erano i vicari del prefetto del Pretorio, situato a capo della diocesi, alle stesse condizioni come ai tempi di Diocleziano: dipendevano l'imperatore e suoi poteri sono stati ridotti per il piano finanziario, specificamente per la supervisione di tassazione. La diocesi d'Oriente costituisce un caso particolare, come nella parte anteriore di esso era il comes Orientis, funzionario cui autorità sulle province egiziane è stato limitato dalla presenza di Alessandria tra prefetto.
Le province furono governate da governatori in rigoroso ordine gerarchico: i proconsoli, consolare, correttive e semplice praesides; loro funzioni essenziali erano giudiziarie in natura. Insieme con i prefetti del Pretorio, Vicari e governatori, avevano servizi amministrativi, formando un officium, composto da membri nominati dallo stato. Solo alcune province raggiungerebbe fuga occasionalmente al principio della separazione dei poteri civili e militari che aveva prevalso durante il quarto secolo; a causa di problemi di difesa ognuno di loro aveva un comandante militare (dux o viene rei militaris), che ha portato civile cariche di governatore e comandante militare delle truppe.

Costantinopoli e Roma

Sempre nel campo delle riforme amministrative, non si deve dimenticare che, nel 330, imperatore ha inaugurato la nuova capitale, Costantinopoli, costruita sul sito dell'antica colonia greca di Bisanzio sul Bosforo. Aveva una posizione strategica, e da allora potrebbe essere per servire meglio gli affari d'Oriente. Servizi di installazione sono stati destinati a persone lo status sociale più diverse e sono stati concessi diritti speciali ai suoi abitanti. La città prosperò economicamente ed aveva accusato impronta cristiana contro vecchia Roma, culla del paganesimo.
Costantino ha creato a Costantinopoli molto simile alle istituzioni romane, anche se la nuova città non avrebbe raggiunto il prestigio della ex capitale dell'Impero. L'amministrazione di Roma, la cui popolazione era diminuito significativamente, è rimasto come un compito nelle mani dell'aristocrazia senatoriale: alla sua fronte era il prefetto della città con funzioni giudiziarie, che era anche responsabile dell'ordine pubblico e il provisioning, anche presidente del Senato, un'attività in cui egli è stato assistito dal prefetto dell' annona e dal prefetto della sorveglianza notte cui importanza era in calo.

Rappresentazione di Costantino in
un mosaico della Chiesa di Santa Sofia
Mentre le elezioni erano sparito completamente, un sistema giudiziario e il Senato rimase in vigore, anche se le sue funzioni erano già semplici resti del passato. Ha fatto la nomina di tali giudici (praetorite, questori, ecc.) inizialmente l'imperatore al Senato e, successivamente, la proposta del Senato stessa. A far parte del Senato di Roma era deve avere giocato la pretura o essere nominato da un codicillo imperiale ratificato dal Senato. Questa vecchia casa è venuto a diventare una sorta di Consiglio comunale della città, che spiega la che sua presidenza ha incaricato il prefetto; In contrasto con la sua bassa potenza, il suo prestigio e i suoi membri continuate a essere grande, che è un buon esempio del fatto che l'imperatore ha scelto di governatori provinciali comprese.

Religione e stato

Costantino sembrava ereditano dal padre un audace militare di là di ogni dubbio e un'incrollabile fede in Dio del sole, che considerava deus summus, vale a dire, una divinità invisibile e suprema. A dire il vero, il culto enoteistico mantenuto la sua egemonia nel III secolo la lunghezza e la larghezza dell'Impero Romano. Sua conversione ad una fede come il cristianesimo, che sin dal suo inizio e fino ad ora era stata oggetto di repressione da quasi tutti coloro che aveva indossato gli allori imperiali, ha portato a supporre che solo una rivelazione spiegherebbe l'improvvisa conversione del giovane imperatore al cristianesimo.
Che il segnale si sarebbe verificato nell'anno 312, quando Costantino sperato, alle porte di Roma, il momento di affrontare il potente esercito di Massenzio, governatore della città e dichiarato nemico dei cristiani. Costantino, intuendone le scarse possibilità di Trionfo, avrebbe invocato il Dio dei cristiani così ad illuminare, per lui e i suoi uomini, la strada verso la vittoria. Non aveva ancora finito l'imperatore per recitare le loro preghiere quando vide sopra la sua testa una forma di immenso corpo celeste di crocifisso che brillava nel cielo e su cui è stata scritta la seguente leggenda: In hoc signo vinces ("con questo segno conquer").

La visione di Costantino
Come era stato previsto per lui, il giorno successivo che i padroni di casa dell'imperatore le spalle al muro di Massenzio che lo separa dalla maggior parte del suo esercito. L'evento ha avuto luogo il Ponte Milvio, che attraversa il Tevere e che a quel tempo che delimitano i domini di Costantino e quelle del suo rivale. Come segno di gratitudine, il sovrano ordinò a croce tra i suoi emblemi per, un anno dopo, promulgare l'editto di Milano da cui i cristiani non solo ha cessato di essere perseguitati, esse sono state concesse libertà di culto e Assembly e beni confiscati dall'Impero sono stati ristabiliti a loro.
Secondo molti storici, conversione di Costantino non si da un giorno al mattino; il segno nel cielo che avrebbe condotto all'imperatore per la sua vittoria su Massenzio non era importante quanto alcuni, soprattutto la gerarchia, hanno voluto vedere. È anche la discesa che St. Elena, madre dell'imperatore, che aveva segretamente convertito al cristianesimo nel 307, aveva il suo figlio. Questa influenza potrebbe essere direttamente correlata all'episodio che l'imperatore ha vissuto solo pochi mesi prima la decisiva battaglia di Ponte Milvio. A quanto pare, Costantino vide in sogno Gesù Cristo: egli indossava una croce e ripetuto lo slogan che presto avrebbe portato alla vittoria: "Con questo segno conquista".
L'unica cosa evidente è che sotto il suo regno iniziò l'espansione del cristianesimo, fino ad allora un culto limitato e clandestina. Per vedere il cambiamento radicale è sufficiente firmare il quarto editto di Diocleziano costretto tutti i cristiani senza eccezione (non solo, come finora, al clero e funzionari e soldati) di offrire sacrifici agli dèi sotto pena di morte, che avrebbe scatenato una grande caccia. La rassegnazione dell'imperatore, durante l'anno 305, significato la cessazione o presso almeno il rilassamento dell'attuazione delle misure nei territori Western. E poco dopo, durante l'anno 313, Costantino promulgare l'editto di Milano.
O meno una visione divina, la radice del cambiamento, l'imperatore comprese che non poteva governare e tenere insieme l'Impero opposto dai cristiani. Da allora non trattati il cristianesimo come una religione, ma è concessa a lui, sempre più più pronunciato modo, un trattamento preferenziale che la rendeva quasi ufficiale religione. Anche se il paganesimo era ancora forza e libertà di azione, l'imperatore ha cercato di mettere tutti l'influenza morale ed economica della Chiesa e dei cristiani al servizio dello stato. Costantino, che, nei suoi rapporti con la Chiesa, ha avuto come un consulente di fiducia per il cordovano vescovo Osio, le fondamenta di quello che sarebbe diventato, d'ora in poi, un notevole intervento imperiale negli affari religiosi. Ha adottato misure a favore del cristianesimo (a destra per ricevere eredità, giurisdizione episcopale e immunità) e hanno preso parte le dispute interne della Chiesa.
Costantino ha convocato il primo Concilio ecumenico di Nicea (325) per risolvere la controversia sorta in Alessandria tra Arius, che sosteneva che Cristo era di diversa sostanza di Dio, e il vescovo Athanasius, che ha difeso la dottrina che erano della stessa sostanza. Il Consiglio ha elaborato una professione di fede favorevoli ad Attanasio, approvato alcune pistole dando una posizione preminente (Patriarchi) metropolitana, il vescovo di Alessandria, Antiochia e Roma (poi estesa a Costantinopoli) e ha preso provvedimenti disciplinari. Costantino fu esecutore delle decisioni conciliari. Molti anni prima, a Arles (314), un altro Sinodo era stata convocata per risolvere il problema dello scisma donatistic e l'imperatore ha avuto anche un ruolo di primo piano. Un fenomeno che stava diventando sempre più più boom all'interno della Chiesa è stato il monachesimo, che ha attirato popolare settori oppressi.

Il Concilio di Nicea
Frequentemente, l'entità delle variazioni religiose ha oscurato altri aspetti positivi del suo Regno. Così, è degno di nota che l'epoca costantiniana registrato un notevole progresso culturale. In legge, ha sottolineato Berytos scuola; in medicina, quella di Alessandria. Tra le correnti filosofiche se neoplatonismo. La retorica è stato un importante orientale, con Libânio. Nella letteratura latina eccelso illustri rappresentanti (Símmaco, Ausonio, Amiano Marcelino), anche fiorente letteratura cristiana. Arte cristiana ha cominciato ad offrire manifestazioni eccezionale, che unisce influenze pagane e contributi orientali. Una relativa tranquillità all'interno e all'esterno ha favorito questo sviluppo. Anche se Costantino ha dovuto fare la guerra contro gli Alemanni e Goti, arrivati con quest'ultimo un accordo in modo che ci hanno tenuto la frontiera danubiana di nuove invasioni e fornire truppe ausiliarie. C'erano anche le tensioni con la Persia a causa delle lunghe già polemica di Armenia.

Dinastia costantiniana

Costantino morì nel 337, e l'impero è diviso fra i relativi figli come Copacabana di Augusto: Constantino II ha ricevuto le prefetture d'Italia e Gallia, Constancio II vinto est e costante è stato lasciato Illyria e parti dell'Africa. Mentre Costanzo guerreaba contro la Persia, dove regnò dal Sapor II, il conflitto tra i suoi due fratelli emerso nell'ovest. Costantino, che aveva attaccato costante, è stato ucciso ad Aquileia. Le sue province sono stati costanti, che ha dovuto combattere contro i franchi e alemanni. E ' anche radicalizzato la legislazione antipagana. Nel 350, si ribellarono le mangi Magnenzio, che ha attirato la maggior parte dell'ovest e liquidato alla costante. Viene sconfitto da Costanzo, che è rimasto come unico proprietario dell'Impero. Nominato suo nipote Galo cesar in Oriente, ma eseguì per le sue azioni violente. Poi ha scelto come Cesare di un fratellastro della Gallia, il futuro imperatore Julian, che ha commissionato contro franchi e alemanni.
Julian (361-363), conosciuto come "l'apostata" da suo determinato tentativo di restaurare il paganesimo, è stato un illuminato, amare la filosofia dell'uomo, che ha soppresso gli abusi della gestione, ridotto le tasse, aboliti molti privilegi e si interessò di giustizia e politica comunale. In somma, ha cercato di dare altezza etico alla sua gestione. Formata nella dottrina neoplatonica, Julian ha pubblicato una legge che tollerato tutti i culti e restituito i suoi possedimenti ai templi pagani. Sacrifici, misteri e attività oracolare sono promosso e organizzato un clero pagano modellati Christian (con istituzioni caritative e conventi). Ha eliminato l'inceppo l'amministrazione e l'esercito, sostituendo coloro che erano favorevoli al cristianesimo. Ha diminuito i privilegi della Chiesa, contro cui erano persecuzione scatenata in alcune zone (Siria, Egitto) e ha permesso il ritorno degli esuli da dispute religiose, che rimasero neutrale. In cambio, ha adottato una politica favorevole agli ebrei, che le comunità cristiane ha avuto frequenti problemi (come in Alessandria).

Julian l'apostata
Dopo i loro successi con i franchi, Julian ha intrapreso una campagna contro la Persia (363), arrivano fino a Ctesifonte, ma fu ucciso quando aveva il Tigri in aiuto di una parte del suo esercito. L'eredità di Costantino si estinse con lui. I soldati eletti Jovian imperatore, che immediatamente ha firmato un'ignominiosa pace con la Persia, cedendo Mesopotamia e Armenia e pagando un tributo. Le truppe romane avevano un prelievo doloroso.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…