Passa ai contenuti principali

Biografia di Agustín de Iturbide | Militari messicani

(Valladolid, attuale Morelia, 1783 - Padilla, 1824) Militari messicani, principale architetto dell'indipendenza del Messico (1821) e l'imperatore, con il nome di Agustín I, dello stato messicano di new (1822-23).
La vita di Agustín de Iturbide rispecchia le vicissitudini del processo che ha portato all'emancipazione del Messico come pochi. Nel 1810, ha condannato l'insurrezione di indipendenza precoce del padre Hidalgo e dal lato realistico combatté e sconfisse i suoi seguaci. Nel 1821 si unì l'accampamento di pro-indipendenza: concordati con Guerrero il piano di Iguala e, dopo la rapida vittoria del suo esercito Trigarante, porre fine a tre secoli di dominazione spagnola. Proclamato imperatore con il nome di Agustín I con grande gioia della popolazione, nel 1823 è stato costretto ad abdicare e l'anno seguente gli hanno sparato dai repubblicani.

Agustín de Iturbide
Da realistico Patriot, imperatore traditore: naturalmente, i colpi di scena di così tortuoso sentiero non è solo per le circostanze storiche. Temperamento carismatico e conservatore, ma nessuna ideologia senza specifica, Iturbide tendeva sempre a aderire all'opzione che ha giudicato un vincitore, che incarna il paradigma del politico eccessivamente pragmatico e opportunistico. Ma, pur non essendo così ammirato come altre figure di emancipazione, Messico deve all'effettiva indipendenza: Iturbide ha trionfato dove Hidalgo e Morelos avevano fallito.

Biografia

Figlio di un proprietario terriero spagnolo e un nativo nobile, Agustín de Iturbide presto lasciato i suoi studi presso il seminario della sua popolazione nativa per unirsi all'esercito di Royalist all'età di quattordici anni. Alle 22 ha sposato Ana María Huarte, dalla quale ebbe sei figli. Ha rifiutato di prendere parte all'insurrezione contro gli spagnoli guidati dal sacerdote Miguel Hidalgonel 1810 e difeso la città di Valladolid, contro le forze rivoluzionarie; sue prestazioni eccezionali gli valse la promozione a capitano.
Con questo nuovo grado, Agustín de Iturbide combattuto guerriglieri pro-indipendenza e alla fine catturare Liceaga Albino e, successivamente, il leader che, dopo la morte di Hidalgo nel 1811, aveva preso le redini della rivolta: Ignacio López Rayón. Questo risultato gli valse la promozione a colonnello. Successivamente fu nominato comandante generale delle provincia di Guanajuato, dove si distinguono per il loro instancabile ricerca dei ribelli.
Con la cattura e l'esecuzione nel 1815 del successore di Lopez Rayon, José María Morelos, la rivolta di indipendenza sembrava sicuramente soffocata; Era solo come un capo visibile Vicente Guerrero, che è caduto di nuovo a sud. Un anno più tardi, diversi costi (abuso di autorità e appropriazione indebita) ha condotto il viceré Félix Calleja sgomento di Iturbide, ma è stato prosciolto da ogni accusa con il supporto del revisore Bataller.

Il piano di Iguala

Nel 1820 e vie di pellegrinaggio, il processo di emancipazione ravvivato dalle sue ceneri. Nella metropoli, l'irrigazione pronunciamento Rafael contro l'assolutismo di Fernando VII ha dato casa per il triennio liberale spagnolo (1820-1823); il monarca spagnolo fu costretto a giurare per la costituzione di Cadice.
Nel vicereame, oligarchia assolutista stava minacciando i loro privilegi; i cospiratori del cosiddetto piano di la Enrico volevano evitare a tutti i costi la deriva liberale, per valutare l'istituzione in Messico di una monarchia indipendente, cui scettro sarebbe offerto ad un principe di Borbone. Il viceré Juan Ruiz de Apodaca nominato comandante generale dell'esercito del sud Agustín de Iturbide e affidato il compito di presentare o vincere per la loro causa per le truppe di Vicente Guerrero.
Rendendosi conto che non avrebbe ottenuto sconfiggendo facilmente Guerrero, Iturbide si unirà alla causa dell'indipendenza, sapendo che le élite del vicereame, piuttosto che accettare un regime liberale, preferisce l'indipendenza come un modo di perpetuare l'assolutismo nel paese. Iturbide incontrato con Guerrero e, insieme, hanno presentato il cosiddetto piano di Iguala (24 febbraio 1821), un programma politico, in cui gli obiettivi sono stati basati su tre principi essenziali: l'indipendenza del Messico, parità di diritti per gli spagnoli e creoli e la supremazia della Chiesa cattolica nel nuovo stato.

Ritratto di Iturbide come Agustin I del Messico
I tre punti del piano ha facilitato l'adesione di vasti strati e strati sociali: clero, ex rivoluzionari pro-indipendenza (che è tornato a prendere le armi), mercanti e proprietari terrieri conservatori e persino i realisti, per i motivi indicavano. Dell'esercito Trigarante Iturbide (così chiamato perché sostenere tre garanzie del piano) rapidamente aumentata tra le sue fila e ha continuato a dominare in tutto il paese. In considerazione di ciò, la nuova Spagna viceré Juan o ' Donojúfirmato il trattato di Córdoba (24 agosto 1821), che ha riconosciuto l'indipendenza del Messico.
Il 27 settembre 1821, Agustín Iturbide entrò trionfalmente a città del Messico, dove è stato salutato come un eroe, e il giorno successivo proclamò l'indipendenza di fronte una reggenza con poteri esecutivi, i cui cinque membri era O'donoju; Dopo questo il mese successivo, Iturbide era libero di qualsiasi controllo politico.
In febbraio 1822, Iturbide tenne un Congresso costituente. Il trattato di Córdoba, il Messico indipendente aveva chiamato Impero messicano e impostato come una monarchia costituzionale in cui scambio predefinito sarebbe indugiare la dinastia borbonica. Ma lo stesso Congresso rifletteva divisioni in questo senso: un'importante fazione repubblicana è stata rappresentata, e i realisti sono stati divisi in Bourbon, sostenitori di dare il trono a un principe spagnolo e iturbidistas, che vollero incoronare lo stesso Imperatore Iturbide.

Imperatore del Messico

Una sommossa popolare guidato da sergente Pío Marcha, che supportato quest'ultima opzione, precipitato discussioni al Congresso, che il 19 maggio proclamato Iturbide imperatore con il nome di Agustín I. In mezzo la gioia, i repubblicani ha dovuto soffrire, inoltre, che il Congresso dichiarò successione ereditaria al trono.
Durante loro solo dieci mesi che è durato il suo Regno, mancanza di supporto più irriducibili del partito e di misure impopolari per affrontare i gravi problemi finanziari erano indebolire la loro posizione. Molto presto ci è stato affrontato da una cospirazione del carattere repubblicano. Iturbide ha deciso di sciogliere quindi Congress (ottobre 1822) e nominato un instituent National Board che ha agito completamente al vostro servizio.
L'arresto e il processo di molti membri del Congresso, tuttavia, ha fatto nient'altro che unire l'opposizione repubblicana e Bourbon. D'altra parte, la rotazione di absolutist di Iturbide non ha contribuito a migliorare le relazioni con la Spagna, il cui governo liberale aveva non autorizzato prestazioni del viceré o ' Donojú e si rifiutò di riconoscere l'indipendenza; nel mese di novembre, i tribunali spagnoli dichiarata nulla del trattato di Córdoba, agitando lo spettro di involuzione.
A quel punto, il governatore di Veracruz, Antonio López de Santa Anna, ho cercato senza successo di impadronirsi del Castello di San Juan de Ulúa, l'ultima roccaforte spagnola. Iturbide cessato nei suoi doveri di Santa Anna di questo fallimento, e la reazione è stata rapida: Santa Anna proclamò la Repubblica (dicembre 1822) e immediatamente ha ricevuto il sostegno di altri generali e anche le truppe che dovevano porre fine alla rivolta.
Nel marzo 1823, Iturbide fu costretto ad abdicare. Fu esiliato in Europa e un anno dopo tornò al suo paese, ignorando che il Congresso messicano aveva dichiarato lui un traditore. Detenuti all'arrivo, il falsario dell'indipendenza è stato girato da commilitoni all'età di quarantuno. Ci sarebbero voluti anni per essere riconosciuto come il padre della nazione; nel 1838, sotto la presidenza di Anastasio Bustamante, i suoi resti furono sepolti con lode nella cappella di San Felipe de Jesus di capitali cattedrale.

 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…