Biografia: Claude Monet | Pittore francese

(Claude Oscar Monet); Parigi, 1840 - Giverny 1926) pittore francese, figura chiave del movimento impressionista. Sue inclinazioni artistiche nascono dal contatto con Boudin alle Havre ed escursioni per la campagna e la spiaggia durante la sua adolescenza orientato ulteriormente lo sviluppo della sua pittura.
Dopo il servizio militare in Algeria, tornò a Parigi, dove in Studio di Gleyre incontrato giovani artisti come Renoir, Sisley e Bazille e del famoso café Guerbois contattato un gruppo di intellettuali, scrittori e pittori come Zola, nuotare, Cezanne e Degas, che insieme a Manet ha cominciato a opporsi l'arte stabilita.
La pittura pochades e études era, a quel tempo, di gradimento della società ogni volta che questo trasmetterà il soggetto del paesaggio in piccolo formato. I primi lavori di Monet, Il Costa di Sainte-Adresse (1864, Institute of Arts, Minneapolis), ricordano il suo iniziatore, Boudin, ma acquisisce una maggiore portata per applicare la pittura diretta soggetti e formati di maggiore complessità e dimensione.
L'innovazione simile può essere visto in donne in giardino (1866, Musée d'Orsay, Parigi), il lavoro rifiutato al Salon del 1867, in cui tre donne frolic nel campo sotto un sole così intenso che i loro abiti da raggiungere l'obiettivo in uno stato di grande purezza, con alcune modulazioni intermedi e contrassegnati divisioni tra zone di luce e ombra. L'istantaneità della scena è fatto chiaro entrambi dal dinamismo delle figure, sgambetta e aleatorio ruotano attorno a un albero e la precisione del momento luminoso. Con questo lavoro ambizioso, Monet si allontana il trattamento tradizionale che fino ad allora ha dato il ritratto - ritratto della sua prima moglie, Camille, era stato elogiato da Zola al Salon del 1866- e favorisce l'integrazione delle figure in natura.

Donne in giardino (1866), di Claude Monet
Gravi problemi economici e la nascita di suo figlio illegittimo, Jean, nel 1867, portato a Monet a vivere un momento di estrema fame e povertà, nonché un tentativo di suicidio sventato. Durante la guerra Franco-prussiana, l'artista si rifugiò in Inghilterra, dove incontrò Pissarro e ottenuto il sostegno finanziario e l'amicizia di Paul Durand-Ruel. C'era molto interessato dall'opera di Turner, che entrambi avrebbe influenzato la loro percezione di luce e colore. Secondo Monet, il pittore che è posto davanti alla realtà non dovrebbe fare distinzioni tra senso e intelletto.
Dal 1872, Monet si interessò allo stagno di Argenteuil come luogo ideale per adattare la loro tecnica di rendering veloce di acqua e luce. Il lavoro intitolato Monet lavorando sulla sua barca a Argenteuil (1874, Neue Pinakothek, Monaco di Baviera) rappresenta quel tipo di Nautica laboratorio da cui l'artista potrebbe navigare sulle acque del laghetto apprezzando cambiare gli effetti di illuminazione della sua superficie, che riprodotto attraverso numerose variazioni su un tema unico. Il barco-taller di Monet è stato radicalmente opposto all'idea di studio vent'anni prima egli esaltato Courbet nel suo lavoro lo Studio del pittore e presuppone una pittoresca testimonianza delle principali aspirazioni impressionista.

Impressione, sole (1872)
La luce prima dell'alba e le loro riflessioni casuali sull'acqua può essere visto anche nell'opera mitica alba dell'impressione (1872, Museo Marmottan, Parigi), dipinta alle Havre. In poco più di mezzo metro quadrato numerosi tratti si sovrappongono in un unico colore neutro, generale, catturando il momento brillante dell'alba e lampeggiante riflessioni del rosso sole sull'acqua; la velocità ha richiesto dalla caducità del formato oggetto condizionata, tecnica e anche il titolo, le intenzioni della condensa manifestano che ha dato nome al gruppo quando, nel 1874, per mostrare il lavoro alla prima mostra impressionista, critico Louis Leroy impiegato il termine per riferirsi con disprezzo, in Le Charivari, che fino a quel momento erano conosciuti come il gruppo di Manet.
Il primo dei moderni ISMS aveva già denominazione e Monet è stato considerato responsabile del gruppo. Dal 1878 al 1881 l'artista rimase a Vétheuil, lavorando sulla linea iniziata a Argenteuil, senza partecipare alla 5ª e 6ª fiere impressionista negli anni 1880 e il 1881. Dopo un soggiorno a Poissy, che durò fino al 1883, Monet, insieme alla seconda moglie, Alice Hoschedé, trasferito a Giverny, dove visse fino alla sua morte.
Da 1890 Monet pittura diventa più complesso e l'immediatezza e l'euforia si trasformano in insoddisfazione e malinconia, in un difficile tentativo di conciliare la tecnica fresca ed espressiva dei suoi primi anni con le ricerche più profonde e più ambiziose che potrebbero durare per diversi giorni, mesi e anche anni, con l'intenzione di creare opere che imprigionano una maggiore complessità iniziale : variazioni consentendo nella loro ripetizione tematica sottolineando l'indagine delle risoluzioni formali. Effetto di neve (1891, national Gallery of Scotland, Edimburgo), mucchi di fieno (1891, Musée d'Orsay, Parigi) e Almiares, tramonto (1890-1891, l'Art Institute, Chicago) sono opere che fanno parte di alcune delle sua prima serie.
Tuttavia, il più noto è e dedicato nel 1892-1893 alla Cattedrale di Rouen, che è evidente, una poetica e didattiche, così come le variazioni di luce alterano la percezione del mezzo che modula questa energia, come la luce e del colore sono inseparabili fenomeni della percezione umana. Monet dipinse cinquanta disegni della Cattedrale, diciotto delle quali del portico e ha detto: "potrebbe essere eseguito cinquanta, cento, mille, come molti come secondi avrebbe nella sua vita..."
Durante gli ultimi trent'anni della sua esistenza, l'artista ha lavorato intorno al suo giardino a Giverny acqua. In un prato vuoto che passava attraverso una piccola insenatura costruita un giardino rigoglioso dove un grande stagno pieno di ninfee di tutti i colori e circondato da salici e alberi esotici, attraversati da un piccolo ponte, ovale, che apparirebbe in molti dipinti del periodo, come lo stagno dei Lilys (1900, Musée d'Orsay) (, Parigi) o composizione lirica intitolato il ponte giapponese (1918-1924, Musée d'Orsay, Parigi).

Il ponte giapponese
Tutto il tempo e i soldi che Monet ha investito nella costruzione di questo giardino è stata compensata dai dipinti che emersero; l'acqua era ancora uno specchio in cui l'aspetto è stato modificato con l'effimeri ed imprevedibili cambiamenti del cielo che riflette su di esso.
C'erano anche la nota serie di Lilys o ninfee che, più tardi, associati con i contributi di Kandinsky, Klee, Picasso e Braque, come simboli della nascita di astrazione nella pittura occidentale, dopo lunghi secoli di dominanza della rappresentazione figurata. The Lilys: paesaggio acquatico (1903, Bridgestone Museum of Art, Tokyo), ninfee al crepuscolo (1916-1922, Kunsthaus, Zurigo) o Lilys (Museo Marmottan, Parigi 1919-1920) sono opere di grandi dimensioni che, in un certo senso, può essere indicato dallo spettatore contemporaneo come dipinti astratti.

Menufares (nuvole), del 1903
Cezanne ha alluso alla capacità dell'artista di catturare immediatamente e realtà oggettiva. Tuttavia, il suo processo creativo è andato oltre l'osservazione diretta della natura e impiegato la memoria visiva come risorsa indispensabile per la finitura delle sue composizioni. Le immagini che si formano nella memoria sono percezioni, uguale a quelle determinate dalla visualizzazione delle cose e tra i due possono emergere, come nel dipinto di Monet, una nuova concezione dell'immagine pittorica della realtà. Nelle sue ultime composizioni di ninfee, la forma è praticamente dissolto nella stampa in quadricromia, con conseguente, in qualche modo, un assaggio di quello che sarebbe più tardi l'arte astratta.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici