Passa ai contenuti principali

Biografia: Bunsen | Chimico tedesco, i suoi studi di chimica a Parigi, Berlino e Vienna.

(Gottinga, Germania, 1811 - Heidelberg, ID., 1899) Chimico tedesco. Ha studiato nella sua città natale e poi completato i suoi studi di chimica a Parigi, Berlino e Vienna, fino a quando nel 1833, fu chiamato all'Università di Gottinga per riuscire Friedrich Wöhler presso il dipartimento di chimica. Successivamente ha insegnato a Marburg (1841), a Breslavia (1851) e, infine, a Heidelberg (dal 1852), dove fondò una scuola famosa del prodotto chimico e quimico-fisicos.

Robert Bunsen
Soprattutto la loro attività dedicata ai problemi di chimica fisica, e le scoperte fatte in questo ramo lo ha reso famoso. Nel campo della chimica organica evidenzia relativi studi della serie cacodilo (1837-1842), risultato del suo lavoro sui composti di cacodilo che ha permesso di approfondire il concetto di radicale e quello chimica di fedeltà dei composti organometallici. Nel campo della chimica inorganica ed analitica è l'invenzione della batteria che porta il suo cognome e il suo metodo di separazione di metalli (magnesio, alluminio, sodio, bario, calcio e litio) per elettrodeposizione.
Robert Bunsen ha presentato questi risultati in ogni celebrità ricordi sulle batterie (1841). Hanno descritto una pila in cui un elettrodo è formato da una miscela di olio e Coca-Cola; con questo contributo, è riuscito a essere uguale al valore della forza elettromotrice della batteria che aveva inventato il fisico britannico William Robert Grove. Nello stesso lavoro prove Bunsen per lui con acido cromico e bicromato di potassio, che ha dato origine al tipo più semplice di batteria di Bunsen.
Con alcune modifiche apportate da altri studiosi, oggi la cellula di Bunsen è formata da acqua acidulata con acido solforico (10 per cento in peso circa), che è inmergen un foglio di zinco amalgamato e un prisma di carbone di storta che funge da un elettrodo positivo. Questo prisma è contenuto in un recipiente di argilla porosa e immerso in acido nitrico. L'idrogeno che è diretto verso storta flussi di carbonio attraverso il vetro poroso; ma piuttosto che accontentarsi del carbone stesso, dando vita a polarizzazione e quindi una diminuzione dell'intensità della corrente, reagisce con l'acido nitrico, rottura verso il basso e così è assicurata la coerenza dello stack. Con i miglioramenti più recenti, Bunsen batteria raggiunge una forza elettromotrice di vicino due volt, mentre la sua resistenza interna si sta avvicinando a 0,2 ohm.
Poi dedicato allo studio della chimica e fisica dei gas, Robert Bunsen inventato un certo numero di metodi che esporrebbe il lavoro Metodi gasometrics (1857). Risultato pratico di queste indagini è stata la costruzione, nel 1850, il bruciatore o bruciatore Bunsen, ancora oggi utilizzato nei laboratori chimici. A causa della miscela di aria e gas combustibile prima dell'accensione, si ottiene una fiamma scura di alta potere calorifica e perfetta combustione: il completamento dell'azionamento si restringe affinché ci sia una presa d'aria, poiché la pressione nel restringimento è minore.
Ma la sua scoperta più grande è il metodo di analisi spettrale, Robert Bunsen inventato insieme a Gustav Kirchhoffe che è stata dimostrata nei prossimi decenni come uno dei metodi più potenti e fertili nel campo della fisica atomica, fisica e astronomia. Nel 1857 aveva osservato che, mettendo una sostanza sopra la fiamma di un becco Bunsen, diverse colorazioni a seconda della natura dello stesso si è verificato. Tre anni più tardi, Bunsen e Kirchhoff progettato e costruito il primo spettroscopio, strumento molto utile in analisi chimica qualitativa che consente di studiare lo spettro delle sostanze incandescenti. La luce che si desidera analizzare è posto prima di una fenditura regolabile; passaggio attraverso di essa, un prisma e un sistema di lenti, ottiene l'immagine della fessura in un oculare. Egli è normalmente aggiunto all'apparato un micrometro, che è un tubo con una scala illuminata.
Il Bunsen stesso scoperto, mediante analisi spettrale, due nuovi elementi chimici, che chiamano rispettivamente al cesio e rubidio. Insieme a Kirchhoff, presentato la teoria dell'analisi spettrale in un volume pubblicato nel 1861, per mezzo di analisi chimica osservazioni spettrali. Nel 1864 ha preso parte a una spedizione scientifica in Islanda, durante il quale studiò i fenomeni vulcanici.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…