Akhenaton | Akhenaton era un faraone d'Egitto della XVIII dinastia.

clip_image037
Akhenaton (r. 1353-1336 A.C.) era un faraone d'Egitto della XVIII dinastia. È anche conosciuto come 'Akhenaton' o 'Ikhnaton' e anche 'Khuenaten', tutti di che sono tradotte per dire 'successo per' o 'di grande utilità per' il Dio Aton. Akhenaton ha scelto questo nome per se stesso dopo la sua conversione al culto di Aton. Prima di questa conversione, era conosciuto come Amenhotep IV (o Amenofi IV). Egli era il figlio di Amenhotep III e sua moglie Tiye, marito della regina Nefertiti e padre di Tutankhamon sia (da una moglie minore di nome Lady Kiya) e moglie di Tutankhamon Ankhsenamun (di Nefertiti). Il suo Regno come Amenhotep IV durò cinque anni durante i quali ha seguito la politica di suo padre e le tradizioni religiose dell'Egitto. Tuttavia, nel quinto anno, lui ha subito una drammatica trasformazione religiosa, ha cambiato la sua devozione dal culto di Amon a quella di Aten e, per i prossimi dodici anni, è diventato famoso (o famigerato) come il 're eretico', che ha abolito i tradizionali riti religiosi dell'Egitto e ha istituito la prima religione di stato monoteista noto nel mondo e, secondo alcuni, monoteismo stesso. Il suo Regno è conosciuto come il periodo di Amarna, perché si trasferì la capitale dell'Egitto dal sito tradizionale a Tebe alla città che ha fondato, Akhetaten, che è venuto essere conosciuto come Amarna. Il periodo di Amarna è l'epoca più controverso nella storia egiziana ed è stato studiato, discusso e scritto circa più di ogni altro.

Amenhotep IV diventa Akhenaton

Amenhotep IV potrebbe essere stato coreggente con suo padre, Amenhotep III, e ' stato notato che il disc del sole-noto come il 'Aten' viene visualizzato su un numero di Iscrizioni di questo periodo. Aton non era nuovo alla regola di Akhenaton e, prima della sua conversione, era semplicemente un altro cult tra i tanti nell'antico Egitto. Si noti che 'cult' non aveva lo stesso significato a questo proposito come avviene al giorno d'oggi. Non c'era assolutamente nulla di negativo nella designazione di una comunità di fedeli, essendo noto come un 'culto' nell'antico Egitto. Ha trasportato lo stesso significato quindi come un membro della comunità cristiana oggi essere designato un Battista, un luterano, un Presbyterian, o cattolico o ortodosso orientale. I dèi e le pratiche dei vari culti tutti rappresentato lo stesso fine: eterna armonia ed equilibrio.
Riforme religiose di Akhenaton potrebbero essere stato il primo mai istanza del monoteismo.
Amenhotep III regnò su una terra il cui sacerdozio, centrata su Dio Amon, era in costante crescita in potenza per secoli. Dal momento che Amenhotep IV salì al potere, i sacerdoti di Amon erano il diritto quasi uguale con la casa reale in ricchezza e influenza. Scrive lo storico Lewis Spence, "con l'eccezione di Ra e Osiride, il culto di Amon era più esteso che quello di qualunque altro Dio nella valle del Nilo; ma le circostanze dietro la crescita del suo culto certamente puntare alla sua stata diffusa dalla propaganda politica piuttosto che religiosa"(137). Con il tempo di Amenhotep IV, il culto di Amon posseduto più terra del re. Nel suo quinto anno del suo Regno, Amenhotep IV proscritto la vecchia religione e si proclamò l'incarnazione vivente di una divinità unica, onnipotente, nota come Aten e, per il nono anno, aveva chiuso tutti i templi e ha soppresso le pratiche religiose. Lo storico Barbara Watterson scrive:
Per il nono anno del suo Regno, Akhenaton aveva proscritto gli antichi dèi dell'Egitto e ordinato loro templi per essere chiuso, una questione molto seria, per queste istituzioni ha giocato una parte importante nella vita economica e sociale del paese. Persecuzione religiosa era nuovo per gli egiziani, che avevano sempre adorato molte divinità ed erano sempre pronto ad aggiungere nuovi dèi del pantheon. Atonismo, tuttavia, era una religione molto esclusiva, limitata alla famiglia reale, con il re come l'unico mediatore tra l'uomo e Dio (111-112).
Amenhotep spostato la sua sede di potere dal palazzo tradizionale a Tebe di uno che ha costruito la città che ha fondato, Akhetaten, cambiò il suo nome in Akhenaton e continuò le riforme religiose che ha provocato il suo essere disprezzato come 'il re eretico' da alcuni scrittori più tardi mentre ammirato come un campione del monoteismo di altri utenti.

Monoteismo di Akhenaton

Alcuni storici hanno elogiato le riforme di Akhenaton come la prima istanza del monoteismo e i benefici di credenza monoteistica; ma queste riforme non erano affatto vantaggiosa per il popolo d'Egitto al momento. Lo storico Durant, ad esempio, scrive che le riforme di Akhenaton erano "la prima espressione fuori-standing del monoteismo - Settecento anni prima di Isaia [della Bibbia] e una stupefacente avanzano sulla vecchia divinità tribali" (210). Quelle 'vecchia divinità tribali' dell'Egitto, tuttavia, aveva incoraggiato la pace, armonia e lo sviluppo di una delle più grandi culture antiche il mondo abbia mai conosciuto. Il politeismo degli antichi egizi ha incoraggiato una visione del mondo dove la pace e l'equilibrio sono stati sottolineati e tolleranza religiosa non è stata considerata un problema; non c'è una parola direttamente corrispondente al concetto di 'tolleranza religiosa' negli antichi testi egizi. Fiore all'occhiello di qualsiasi sistema di credenza monoteistica, tuttavia, è che incoraggia la convinzione che, in ordine per essere giusto, altri sistemi devono necessariamente essere sbagliati; e questa insistenza sull'essere amministratore unico della verità ultima conduce all'intolleranza di altre credenze e la loro soppressione; proprio questo è accaduto in Egitto. I nomi del Dio Amon e gli altri dèi erano cesellati da monumenti in tutto l'Egitto, i templi erano chiusi, e le vecchie pratiche fuorilegge. L'egittologo Zahi Hawass scrive:
Incontri a questo punto a Regno di Akhenaton, è stata una campagna per asportare il nome della divinità all'infuori di Aten, soprattutto Amun, dai monumenti dell'Egitto. Questo è stato fatto con la violenza: i geroglifici sono stati brutalmente violati dalle mura di templi e tombe. Ciò probabilmente è stata trasportata fuori, almeno in parte, dagli iconoclasti analfabete, presumibilmente per seguire gli ordini del loro re. [Akhenaton] è effettuato da una rivoluzione religiosa che non era mai stato visto prima in Egitto. Il suo Regno rappresenta un significativo distacco dalle norme religiose, artistiche e politiche (42-43).
Sacerdoti di Amon, che ha avuto il tempo e le risorse nascose statuaria e testi da guardie di Palazzo inviato per distruggere loro e poi abbandono loro complessi di templi. Akhenaton ordinati nuovi sacerdoti, o semplicemente costretto sacerdoti di Amon nel servizio del suo nuovo monoteismo e proclamò se stesso e i suoi dei queen.

Alleati dell'Egitto trascurare

Il faraone come un servo degli dèi, e identificato con un certo Dio (solitamente Osiris), era pratica comune nell'antico Egitto ma nessuno prima di Akhenaton era proclamato un effettivo Dio incarnato. Uno dei tanti risultati sfortunati di riforme religiose di Akhenaton era un abbandono della politica estera. Da documenti e lettere del tempo è noto che le altre nazioni, ex alleati, ha scritto numerose volte Egitto per chiedere aiuto in vari affari e che la maggior parte di queste richieste sono state ignorate dal re divinizzato. L'Egitto era una nazione ricca e prospera al momento ed era stato in costante crescita in potenza dal prima del Regno della regina Hatshepsut (1479-1458 A.C.). Hatshepsut e i suoi successori, come ad esempio Thutmosi III, impiegato un approccio equilibrato della diplomazia e azione militare nel trattare con le nazioni straniere; Akhenaton ha scelto semplicemente di ignorare in gran parte di quello che è successo oltre i confini dell'Egitto e, a quanto pare, la maggior parte delle cose di fuori del suo palazzo a Akhetaten. Watterson osserva che Ribaddi (Rib-Hadda), re di Byblos, che fu uno dei più fedeli alleati dell'Egitto, mandò oltre cinquanta lettere di Akhenaten chiedendo aiuto nel combattimento fuori Abdiashirta (noto anche come Aziru) di Amor (Amurru) ma tutti questi sono rimaste senza risposta e Byblos è stato perso in Egitto (112). Tushratta, il re di Mitanni, che era stato anche alleato dell'Egitto, si è lamentato che Amenhotep III aveva inviato statue d'oro mentre Akhenaten inviato solo statue placcati in oro.

Le lettere di Amarna

Le lettere di Amarna, (corrispondenza trovata nella città di Amarna tra i re d'Egitto e quelli delle Nazioni straniere) che forniscono la prova di negligenza di Akhenaton, mostrano anche che abbia un senso acuto della politica estera quando la situazione lo interessava. Egli rimproverò fortemente Abdiashirta per le sue azioni contro Ribaddi e per la sua amicizia con gli ittiti che erano allora nemico dell'Egitto. Questo senza dubbio ha avuto più a che fare con il suo desiderio di mantenere amichevole gli Stati cuscinetto tra l'Egitto e la terra di Hatti (Canaan e Siria, ad esempio, che erano sotto l'influenza di Abdiashirta) rispetto a qualsiasi senso di giustizia per la morte di Ribaddi e la presa di Byblos. Non c'è dubbio che la sua attenzione a questo problema ha servito gli interessi dello stato ma, come altre questioni simili sono state ignorate, sembra che abbia scelto solo quelle situazioni che lo interessavano personalmente. Akhenaton aveva Abdiashirta portato in Egitto e in carcere per un anno fino a quando gli avanzamenti ittita nel nord costretto suo rilascio ma ci sembra una marcata differenza tra le sue lettere a che fare con questa situazione e la corrispondenza di altri re su simili questioni.
Mentre ci sono, quindi, esempi di Akhenaton prendersi cura gli affari di stato, ci sono più che motivare la richiesta del suo disprezzo per nulla diverso da suo riforme religiose e la vita di Palazzo. Dovrebbe essere notato, tuttavia, che questo è un punto oggetto di accesi dibattito tra gli studiosi in tempi moderni, come è tutta il cosiddetto periodo di Amarna di regola di Akhenaton. Per quanto riguarda questo, Hawass scrive, "più è stato scritto su questo periodo della storia egiziana rispetto a qualsiasi altro e studiosi sono stati conosciuti a venire alle mani, o almeno per le principali episodi di scortesia, oltre loro opinioni contrastanti" (35). La preponderanza di prova, le lettere di Amarna sia dal successivo decreto di Tutankhamon, nonché indicazioni archeologiche, suggerisce fortemente che Akhenaton era un sovrano molto scarso per quanto riguarda i suoi sudditi e Stati vassalli erano preoccupati e il suo Regno, nelle parole di Hawass, fu "un regime focalizzata verso l'interno che aveva perso interesse nella sua politica estera" (45).
Alcuna prova che Akhenaton stesso coinvolto in materia di fuori della sua città a Akhetaten sempre torna a interesse personale piuttosto che di interesse statale. Hawass scrive:
Akhenaton non, tuttavia, abbandonare il resto del paese e ritirarsi esclusivamente a Akhetaten. Quando espose la sua città, comandò anche che una serie di stele di confine essere scolpite nelle scogliere che circondano il sito. Tra le altre cose, questi dichiarano che se lui dovesse morire di fuori della sua città natale, suo corpo dovrebbe essere portato indietro e sepolto nella tomba che era pronto per lui nelle scogliere orientali. Ci sono prove che, come Amenhotep IV, ha svolto progetti in Nubia di costruzione, e c'erano templi a Aton in Memphis e Heliopolis e forse anche altrove (45).

Akhetaten & arte di Amarna

Vita nel suo palazzo a Akhetaten sembra essere stata la sua principale preoccupazione. La città fu costruita su un terreno vergine nel mezzo Egitto rivolta verso est e posizionata precisamente per dirigere i raggi del sole del mattino verso templi e portali. La città era:
Disposte in parallelo al fiume, suoi confini sono segnalati da stele scolpite nelle scogliere il sito di chiamata. Il re stesso ha assunto la responsabilità per il suo piano master cosmologically significativo. Nel centro della sua città, il re costruì un palazzo di ricevimento formale dove ha potuto incontrare funzionari e dignitari stranieri. I palazzi in cui lui e la sua famiglia visse erano a nord e una strada guidati dal royal dimora al Palazzo della reception. Ogni giorno, Akhenaton e Nefertiti trattati in loro carri da un'estremità della città a altra, il mirroring il viaggio del sole attraverso il cielo. In questo, come in molti altri aspetti della loro vita che è giunti a noi attraverso l'arte e testi, Akhenaton e Nefertiti sono stati veduti, o almeno si sono, visti come divinità nella loro propria destra. E ' stato solo attraverso di loro che potrebbe essere adorato Aton: erano entrambi sacerdoti e dèi (Hawass, 39).
L'arte che fa riferimento Hawass è un altro importante deviazione del periodo Amarna risalenti a epoche precedenti e più tardi egiziani. A differenza delle immagini da altre dinastie della storia egiziana, l'arte del periodo di Amarna raffigura la famiglia reale con collo allungato e braccia e gambe esili. Gli studiosi hanno teorizzato che forse il re "soffriva di una malattia genetica chiamata sindrome di Marfan" (Hawass, 36) che potesse spiegare queste rappresentazioni di lui e la sua famiglia come così magra e apparentemente stranamente proporzionato. Un motivo molto più probabile per questo stile di arte, è tuttavia, credenze religiose del re. Aton è stato visto come l'unico vero Dio che tutto ha presieduto e infuso di tutti gli esseri viventi. Si era previsto come un disco di sole i cui raggi finì nelle mani di toccare e accarezzare quelli sulla terra. Forse, quindi, l'allungamento delle figure in queste immagini è stato significato per mostrare la trasformazione umana quando viene toccato dal potere di Aton. La famosa Stele di Akhenaton, che raffigura la famiglia reale, Mostra i raggi di Aton toccarli tutti e ciascuno di essi, anche Nefertiti, raffigurato con l'allungamento stesso come re. Per considerare queste immagini come realistiche raffigurazioni della famiglia reale, afflitta da qualche malattia, sembra essere un errore, in quanto non ci sarebbe alcun motivo per Nefertiti a condividere nel disordine presunto del re. La rappresentazione, quindi, potrebbe illustrare Akhenaton e Nefertiti come coloro che era stato trasformato allo stato di Dio-come alla loro devozione per il Aten a tal punto che la loro fede è visto anche nei loro bambini.
L'altro aspetto dell'arte di periodo di Amarna che lo differenzia da periodi precedenti e successivi è l'intimità delle immagini, migliori esemplificato nella Stele di Akhenaten, mostrando la famiglia godendo della reciproca compagnia in un momento privato. Immagini dei faraoni prima e dopo questo periodo raffigurano il righello come una figura solitaria, impegnata nella caccia o battaglia o in piedi in compagnia di un Dio o la sua regina in dignità e onore. Questo può essere spiegato anche come derivanti da credenze religiose di Akhenaton in quanto il Aten, non il Faraone, era la considerazione più importante (come nella Stele di Akhenaten, è il disco di Aten, non la famiglia, che è il centro della composizione) e, sotto l'influenza di grazia e di amore di Aton, il faraone e la sua famiglia prospera.

Monoteismo di Akhenaton & Legacy

Questa immagine di Aton come un onnipotente, amorevole, divinità, supremo Creatore e sostenitore dell'universo, è pensato per avere una potente influenza sullo sviluppo successivo della fede religiosa monoteistica. Se Akhenaton è stato motivato da un'agenda politica per sopprimere il potere del culto di Amon, o se ha sperimentato una vera rivelazione religiosa, egli fu il primo record di immaginare una singola, suprema divinità che hanno curato per le singole vite e destini degli esseri umani. Sigmund Freud, nel suo lavoro 1939 Moses e la religione monoteistica, sostiene che Moses era un egiziano che era stato un seguace del culto di Aton ed è stato guidato dall'Egitto dopo la morte di Akhenaton e il ritorno al vecchio paradigma religioso. Freud cita da James Henry Breasted, il celebre archeologo, che:
È importante notare che il suo nome, Moses, era egiziana. È semplicemente il parola egiziana 'mose' significato 'bambino' ed è un compendio di una forma più piena di nomi come 'Amen-mose' significato 'Amon-un-bambino' o 'Ptah-mose' significato 'Ptah-un-bambino'... e il nome di Mose, 'bambino', non è raro sui monumenti egiziani (5).
Freud riconosce che il culto di Aten esisteva molto prima che Akhenaton ha generato alla ribalta, ma sottolinea che Akhenaton aggiunto un componente sconosciuto in precedenza nella credenza religiosa: "aggiunse il qualcosa di nuovo che si trasformò in monoteismo, la dottrina di un Dio universale: la qualità dell'esclusività" (24). Il filosofo greco Xenophanes sperimenterebbe dopo una simile visione che molti dèi della città-stato greche erano vane immaginazioni e c'era un solo vero Dio, e, anche se condivideva questa visione attraverso la sua poesia, non fondò mai la convinzione come un rivoluzionario nuovo modo di intendere se stessi e l'universo. Se uno considera Akhenaten come un eroe o cattivo nella storia dell'Egitto, sua elevazione di Aton alla supremazia ha cambiato non solo la storia di quella nazione, ma il corso della civilizzazione del mondo.
Per coloro che sono venuti dopo di lui in Egitto, tuttavia, era il 're eretico' e 'il nemico' cui memoria doveva essere sradicata. Suo figlio, Tutankhamon (regnò dal 1336-1327 A.C.) è stato dato il nome Tutankhaten alla nascita, ma cambiò il suo nome al momento di salire al trono per riflettere il suo rifiuto dell'Atonismo e suo ritorno del paese ai modi di Amun e gli antichi dèi. Successori di Tutankhamon Ay (1327-1323 A.C.) e, soprattutto, Horemheb (c. 1320-1292 A.C.) ha abbattuto i templi e monumenti costruiti da Akhenaton per onorare il suo Dio e ha avuto il suo nome e i nomi dei suoi immediati successori, cancellate dal verbale. Infatti, Akhenaton era sconosciuto nella storia egiziana fino alla scoperta di Amarna nel XIX secolo CE. Iscrizioni di Horemheb lui indicavano come il successore di Amenhoptep III e non ha fatto menzione dei governanti del periodo di Amarna. Tomba di Akhenaton è stato scoperto dal grande archeologo Flinders Petrie nel 1907 tomba di Tutankhamon e del CE, più notoriamente, da Howard Carter nel 1922 CE. Interesse in Tutankhamon diffuse alla famiglia dei 're d'oro' e così l'attenzione è stato portato a sopportare ancora su Akhenaton dopo quasi 4.000 anni. La sua eredità del monoteismo, tuttavia, se Freud e gli altri sono corretti, era una parte della cultura del mondo poiché egli istituì quello che rimane un aspetto potente della vita quotidiana al giorno d'oggi.
Tradotto dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.