Arabia › Archeologia › Musica e danza nell'antico Egitto » Origini e Storia

Articoli e definizioni › Contenuto

  • Arabia › Origini
  • Archeologia › Origini
  • Musica e danza nell'antico Egitto › Origini

Antiche civiltà › Luoghi storici e loro personaggi

Arabia › Origini

Definizione e origini

Autore: Moros

clip_image001
Gli antichi arabi, o arabi come venivano chiamati dagli Elleni, erano un popolo semitico. Si deve notare che gli arabi non erano solo un singolo popolo, ma che era diviso in più regni e tribù più piccoli. Era la casa di grandi costruttori di città e nomadi allo stesso modo. Erano di grande influenza in molte occasioni nel periodo antico.
Una delle prime menzioni degli arabi viene dalla Bibbia e dalla Torah . La tabella delle nazioni menziona Sheba, Dedan e Qedar. Più conosciuta è la famosa e leggendaria ricca regina di Saba che visitò il re Salomone , anch'esso menzionato nel Corano . Sheba è in questi giorni identificato con l'antica Saba, quindi il potere principale in quello che oggi è lo Yemen. Era noto per la sua prosperità, i centri urbani e gli edifici magnifici. I Qedar sono conosciuti dagli archivi assiri come tributi dall'VIII secolo aEV in poi, ma anche come nemici dell'Asiria negli annali di Assurbanipal . I minaici, citati anche negli archivi assiri, erano famosi commercianti che controllavano la maggior parte dell'area del Mar Rosso e sembrano aver avuto stretti legami con gli egiziani con i quali commerciavano incenso. La città carovana di Tayma era anche famosa prima della classica storia antica: fu menzionata nell'8 ° secolo aEV dagli Assiri per rendere omaggio e fu la dimora del re babilonese Nabonedo durante i suoi ultimi giorni.
Altri famosi popoli arabi all'epoca erano i Gerrhan, dal Bahrain odierna che sembrano aver avuto legami commerciali con l' India . Gli altri grandi commercianti del Nord erano i Nabatei. Vivevano nell'odierna Giordania e sostituirono il Qedar come l'entità politica più potente della regione. La loro capitale era Petra, una città meravigliosa scavata nella roccia, famosa oggi come un famoso sito turistico. Il regno dei Nabatei raggiunse il suo apice nel I secolo aEV, quando si estese da Dedan a Damasco. Dal 106 CE divenne l'unica provincia romana araba sotto il nome di Arabia Petraea. Eppure il più ricco di tutti gli arabi sarebbe stato l'Hadramawt, che viveva nelle terre del sud che producevano incenso.
All'epoca dell'impero romano molto era cambiato in Arabia. I minaici non erano più e anche il potere nell'antico Yemen si era spostato. L'Himyar, una tribù del sud, divenne la nazione principale conquistando l'intero Yemen. Al nord arrivò al potere un'altra famosa regina araba, Zenobia . Ha espanso l' impero di Palmyran e persino ha conquistato l' Egitto , fino a che non fosse catturata dall'imperatore Aurelian . Gerrha faceva parte dell'impero sassanide del IV secolo DC.

Archeologia › Origini

Definizione e origini

Autore: Maisie Jewkes

clip_image002
L'archeologia è un argomento ampio e le definizioni possono variare, ma in generale, è lo studio della cultura e della storia delle persone passate e delle loro società attraverso la scoperta e lo studio dei loro resti materiali, ovvero strumenti, rovine e ceramiche . L'archeologia e la storia sono materie diverse ma hanno cose in comune e lavorano costantemente l'una con l'altra. Mentre gli storici studiano libri, tavolette e altre informazioni scritte per conoscere il passato, gli archeologi scoprono, datano e rintracciano la fonte di tali oggetti e, a loro volta, si concentrano sull'apprendimento attraverso la cultura materiale.
Poiché la maggior parte della storia umana è preistorica (prima dei documenti scritti), l'archeologia gioca un ruolo importante nella comprensione del passato. Ambienti e climi diversi aiutano o ostacolano la sopravvivenza dei materiali, ad esempio i papiri possono sopravvivere migliaia di anni nel deserto caldo e secco ma non sopravvivere in condizioni di umidità. Le condizioni impregnate d'acqua, come le torbiere, possono preservare il materiale organico, come il legno, e anche i relitti subacquei vengono scavati utilizzando attrezzature subacquee. Lavorando ovunque, scavando nel terreno per testare campioni nei laboratori, l'archeologia è una disciplina di ampio respiro e ha molte sottosezioni di esperienza. Le due aree in rapida espansione sono archeologia sperimentale ed etnoarcheologia. L'archeologia sperimentale cerca di ricreare tecniche antiche, come la produzione del vetro o la produzione di birra egiziana. L'etnoarcheologia vive tra le moderne comunità etniche, con lo scopo di capire come cacciano, lavorano e vivono. Usando queste informazioni, gli archeologi sperano di capire meglio le antiche comunità.

ARCHEOLOGIA DEL PASSATO

IL PRIMO SCAVO SCIENTIFICO È STATO ATTRIBUITO A THOMAS JEFFERSON IN VIRGINIA, USA.
L'archeologia come studio accademico, carriera e materia universitaria è uno sviluppo abbastanza recente. Tuttavia, un interesse nel passato non è nuovo. L'umanità è sempre stata interessata alla sua storia. La maggior parte delle culture ha un mito o una storia che spiega la loro fondazione e antenati lontani. Gli antichi governanti hanno talvolta collezionato reliquie antiche o ricostruiti monumenti ed edifici. Questo può essere spesso visto come una strategia politica - un leader che vuole essere identificato con una grande figura o civiltà del passato. D'altra parte, i leader antichi sono stati anche conosciuti per la loro curiosità e apprendimento. Il re Nabonedo di Babilonia , ad esempio, aveva un vivo interesse per il passato e indagato su molti siti ed edifici. In un tempio trovò la prima pietra da 2200 anni prima. Ha ospitato le sue scoperte in una sorta di museo nella sua capitale di Babilonia. Gli storici romani e greci hanno scritto libri sul passato e le storie di famosi eroi e leader sono venute giù da noi.
Tuttavia, l'archeologia moderna, o almeno le sue teorie e pratiche, derivano dalla tradizione antiquaria. Nel diciassettesimo e diciottesimo secolo ce, ricchi studiosi gentiluomini, o antiquari come sono anche conosciuti, cominciarono a raccogliere manufatti classici. Alimentati dall'interesse, iniziarono a realizzare alcuni dei primi studi su siti, come Pompei , e disegnarono in dettaglio antichi monumenti. Il primo scavo scientifico è stato attribuito a Thomas Jefferson (terzo presidente degli Stati Uniti d'America) che ha scavato alcuni tumuli nella sua proprietà nello stato della Virginia, USA. Gli inizi delle moderne tecniche sul campo furono sperimentati dal generale Augustus Lane-Fox Pitt Rivers, che scavò carriole a Camborne Chase con registrazioni e procedure sistematiche. Negli Stati Uniti, negli anni '60 del secolo scorso, l'archeologia attraversò una fase di nuove teorie, spesso chiamate archeologia processuale. Questo approccio ha un approccio scientifico alle domande e progetta modelli per suggerire risposte e testare le sue teorie.

ARCHAEOLOGISTI FAMOSI

L'archeologia è uno studio che richiede tempo; spesso ci vogliono molti anni prima che un archeologo faccia una svolta o scopra un sito. Famosi archeologi sono spesso collegati alla loro scoperta o teoria più famosa. Per nominare la colonna sonora di persone che hanno lavorato e fatto sviluppi nell'archeologia ci vorrebbero un centinaio di pagine; ciò che segue sono solo alcuni: Howard Carter, un inglese, che nel 1922 scoprì la tomba del faraone di Tutankhamun in Egitto ; Leonard Woolley trascorse anni a scavare l'antica città di Ur in Mesopotamia ; Heinrich Schliemann ha scoperto quella che si crede essere la mitica città di Troia , basandosi sul lavoro svolto da un archeologo dilettante, Frank Calvert; Sir Arthur Evans ha scavato gran parte di Knossos (sull'isola di Creta ) e sviluppato il concetto di civiltà minoica .
clip_image003

Grave Circle A, Micene

Questi uomini sono tutti ben noti per le loro famose scoperte, ma hanno anche fatto sviluppi nell'archeologia e nelle tecniche sul campo, anche se i metodi di Heinrich Schliemann di scavare molto rapidamente e solo registrare i livelli precedenti sono oggi messi in discussione e criticati, così come i rapporti che ha fatto uscire di nascosto del paese. Altri come Sir Mortimer Wheeler, Sir William Flinders Petrie e Gordon Childe sono famosi per i loro metodi di ricodifica, precisione negli scavi e approcci alla teoria dell'archeologia. Mary e Louis Leakey hanno lavorato per molti anni nell'Africa orientale trasformando la nostra conoscenza dello sviluppo umano e respingendo le date degli antenati umani di milioni di anni.
Dovrebbe essere menzionato il lavoro di altri individui, non tutti classificati come archeologi ma piuttosto come studiosi, che hanno lavorato per decenni sullo studio delle lingue. Jean-Francois Champollion incrinò i geroglifici egiziani nel 1822 CE.Tatiana Proskouriakoff ha lavorato nella seconda metà del XX secolo aC sui problemi della scrittura geroglifica Maya e ha contribuito alla svolta finale. Nel 1850 CE Henry Rawlinson incrinò la scrittura cuneiforme mesopotamica.

MODERNE TECNICHE ARCHEOLOGICHE

L'archeologia moderna è un campo diverso con molte tecniche in uso. Tuttavia, ci sono quelli comuni che la maggior parte degli archeologi che lavorano nel campo usano:
1. Indagine sul campo e sulla superficie:
2. Fondamentalmente questo è quando una squadra di persone attraversa la campagna, a una distanza uguale, con ogni registrazione trova e caratteristiche nel suo percorso. Questo viene utilizzato, ad esempio, per tracciare i modelli di insediamento. I sondaggi vengono fatti anche nell'aria, in aereo o usando i satelliti. In Inghilterra i profili di fortificazioni di collina o ville romane sono facilmente visibili sotto il terreno.
3. Scavo:
4. Probabilmente la caratteristica più riconoscibile dell'archeologia, (quella, e ovviamente, tesoro). Esistono tre tipi di scavi (o scavi): ricerca, salvataggio e salvataggio. Il primo è di solito per testare una teoria o rispondere a una domanda. Gli ultimi due tipi di scavo sono quelli condotti su siti che sono minacciati o sono in via di distruzione. Gli scavi vengono solitamente eseguiti su un piano a griglia e scendono a strati, registrando attentamente ogni strato e i reperti, prima di cancellarlo per raggiungere un livello precedente. Questo è chiamato stratificazione. C'è un dibattito su quando è bene scavare, poiché gli scavi sono di per sé distruttivi. Tuttavia, rimangono la principale fonte di raccolta di conoscenze archeologiche.
5. Tipologie:
6. Dopo che i reperti sono stati puliti, vengono quindi ordinati in gruppi e classificati in base al materiale, alle dimensioni e alla decorazione. Questo può aiutare a fornire una data approssimativa per un oggetto e fornire una base su cui effettuare ulteriori studi. Studiare la decorazione o la forma di un oggetto può raccontarci di reti commerciali, abilità artigianali e gusti e valori artistici delle persone.
7. Analisi di laboratorio:
8. Una grande quantità di conoscenza può essere acquisita guardando un manufatto al microscopio o testandolo chimicamente. La datazione al radiocarbonio misura il tasso di decadimento del carbonio 14 e può essere utilizzato per datare diversi tipi di materiali organici (purché abbiano meno di 60.000 anni). Questo e altri processi simili possono aiutare a dare una data abbastanza precisa a un oggetto. Un'altra caratteristica del test sono le fonti alimentari. Anche dopo migliaia di anni, i sedimenti alimentari possono essere rintracciabili sui manufatti. Questo può dirci quali cibi stavano mangiando e anche come hanno cucinato.
Studiando con attenzione un oggetto semplice, o mappando una città antica o aprendo una tomba dimenticata o scavando un galeone sommerso, si apre il passato e possiamo tutti imparare di più su popoli e società altrimenti al di fuori della nostra portata. Questa è l'archeologia.

Musica e danza nell'antico Egitto › Origini

Civiltà antiche

Autore: Joshua J. Mark

La musica e la danza erano molto apprezzate nell'antica cultura egiziana , ma erano più importanti di quanto si pensi generalmente: erano parte integrante della creazione e della comunione con gli dei e, inoltre, erano la risposta umana al dono della vita e tutte le esperienze del condizione umana. L'egittologa Helen Strudwick nota come "la musica era ovunque nell'antico Egitto - nei banchetti civili o funebri, nelle processioni religiose, nelle parate militari e persino nel lavoro sul campo" (416). Gli egiziani amavano la musica e includevano scene di rappresentazioni musicali nelle pitture tombali e sulle pareti del tempio , ma valutavano la danza allo stesso modo e rappresentavano anche la sua importanza.
La dea Hathor , che ha anche intriso il mondo con gioia, è stata associata più strettamente alla musica, ma inizialmente era un'altra divinità chiamata Merito (data anche come Meret). In alcune versioni della storia della creazione, Merit è presente con Ra o Atum insieme a Heka (dio della magia) all'inizio della creazione e aiuta a stabilire l'ordine attraverso la musica.L'egittologo Richard H. Wilkinson nota come ha fatto questo "per mezzo della sua musica, della sua canzone e dei gesti associati alla direzione musicale" (152). Il merito, quindi era lo scrittore, musicista, cantante e conduttore della sinfonia della creazione che stabiliva la musica come un valore centrale nella cultura egiziana.
clip_image004

Ballerina egiziana

Insieme alla musica, naturalmente, venne la danza. Anche il merito ha ispirato la danza, ma anche questo è stato associato a Hathor i cui ballerini sono ben attestati attraverso le immagini e le iscrizioni. L'egittologa Carolyn Graves-Brown scrive:
Il ruolo delle donne nella religione era spesso quello di fornire musica e danza per le cerimonie religiose. Non solo le sacerdotesse, ma anche le donne in generale erano associate alla musica. Mogli, figlie e madri sono frequentemente mostrate scuotendo sistra per i defunti nella XVIII Dinastia. Il forte odore di incenso, il ritmo della collana di menit e la sistra, il canto dei musicisti della sacerdotessa femminile nella semi-oscurità del tempio egiziano sono esperienze sensuali che possiamo solo immaginare oggi. (95)
Il manit -necklace era un copricapo fortemente imperlato che poteva essere scosso nella danza o tolto e scosso a mano durante le esibizioni del tempio e il sistro (sistra plurale), era un dispositivo a sonaglio / percussione a mano strettamente associato a Hathor ma usato in le cerimonie di adorazione di molti dei da musicisti e ballerini del tempio.
I ballerini non sono stati relegati solo ai templi, tuttavia, e hanno fornito una forma di intrattenimento popolare in tutto l'Egitto. Il ballo era associato ugualmente all'elevazione della devozione religiosa e della sessualità umana e dei piaceri terreni. Nella teologia egizia, il sesso era semplicemente un altro aspetto della vita e non aveva alcuna traccia di "peccato" collegato ad esso. Questo stesso paradigma è stato osservato nella moda sia per i ballerini sia per i maschi. Le donne spesso indossavano vestiti piccoli o abiti trasparenti, vesti e gonne.

STRUMENTI E PERFORMANCE MUSICALI

Gli strumenti suonati nell'antico Egitto sono tutti familiari alle persone di oggi. C'erano strumenti a percussione (tamburi, sistro, sonagli, tamburelli e, in seguito, campane e cimbali); strumenti a corde (cetre, arpe e liuti provenienti dalla Mesopotamia ); e strumenti a fiato come il tubo del pastore, doppio tubo, clarinetto, flauto, oboe e tromba). I musicisti hanno suonato questi da soli o in un ensemble, proprio come oggi.
clip_image005

Collana Menit

Gli antichi egizi non avevano alcun concetto di notazione musicale. Le melodie sono state tramandate da una generazione di musicisti a quella successiva. Esattamente come suonavano le composizioni musicali egiziane è, quindi, sconosciuto, ma è stato suggerito che la liturgia copta moderna potrebbe essere un discendente diretto. Il copto emerse come la lingua dominante dell'antico Egitto nel IV secolo EV, e la musica che i copti usavano nei loro servizi religiosi si pensa si sia evoluta da quella dei precedenti servizi egiziani proprio come il loro linguaggio si è evoluto dall'antico egizio e greco .
ESATTAMENTE COME SONO SCONOSCIUTE LE COMPOSIZIONI MUSICALI EGIZIANTE, MA È STATO SUGGERITO CHE LA LITURGIA COPTICA DI GIORNO MODERNO PU BE ESSERE UNA DISCESA DIRETTA.
La musica è designata negli antichi geroglifici egiziani come hst ( heset ) che significa "canzone", "cantante", "musicista", "direttore d'orchestra" e anche "suonare musica" (Strudwick, 416). Si capirebbe il significato preciso del geroglifico heset da dove è stato inserito in una frase. Questo geroglifico include un braccio sollevato che simboleggia il ruolo del conduttore nel mantenere il tempo. I conduttori, anche di piccoli ensemble, sembrano essere stati piuttosto importanti. Strudwick nota le pitture tombali di Saqqara che mostrano un conduttore, "con una mano su un orecchio per aiutare l'udito e per migliorare la concentrazione mentre affronta i musicisti e indica il passaggio da suonare" (417). I direttori quindi, come ora, usavano i gesti delle mani per comunicare con i loro musicisti.
Le esibizioni si sono svolte in festival, banchetti, nel tempio e ai funerali, ma potevano svolgersi ovunque. Le classi superiori regolarmente impiegati musicisti per l'intrattenimento a cena e per incontri sociali. L'egittologa Joyce Tyldesley osserva:
La musica era una carriera particolarmente lucrativa, aperta a uomini e donne e che poteva essere perseguita sia come freelance sia come servitore permanentemente legato a una proprietà oa un tempio. I buoni esecutori erano sempre richiesti e un abile musicista e compositore poteva ottenere un alto status nella comunità; per esempio, il duo di donne di Hekenu e Iti era composto da due musicisti del Vecchio Regno il cui lavoro era così celebrato da essere persino commemorato nella tomba del ragioniere Nikaure, un onore molto insolito visto che pochi egiziani erano disposti a mettere in scena persone non correlate nel loro privato tombe. Il suono della musica era ovunque in Egitto e sarebbe difficile sopravvalutare la sua importanza nella vita quotidiana della dinastia. (126)
Hekenu e Iti non erano solo musicisti ma anche ballerini, e questa combinazione era più comune tra le donne che tra gli uomini. Le donne sono spesso raffigurate mentre danzano e suonano uno strumento e sono registrate come cantanti, mentre gli uomini, allora come adesso, erano meno inclini alla danza. Un duo, un ensemble o un artista solista darebbero una performance in un determinato momento e luogo, ma i musicisti suonavano regolarmente sul mercato e per i lavoratori. Le piramidi di Giza sarebbero state costruite per i suoni della musica nello stesso modo in cui le persone oggi ascoltano la radio mentre lavorano.

BALLERINE E LA DANZA

Al tempo del Nuovo Regno d'Egitto (1570 circa - 1069 AC) la musica era ben stabilita come parte della vita egiziana. Il famoso genere poetico della canzone d'amore, così strettamente associato al Nuovo Regno , potrebbe essere sviluppato per essere cantato e accompagnato da una danza interpretativa. Se la canzone d'amore sviluppata come canzone lirica è incerta, la danza interpretativa era una parte normale dei rituali religiosi. L'egittologo Gay Robins descrive un'incisione del regno di Hatshepsut (1479-1458 aC) che rappresenta un'esibizione musicale. Un'arpista maschio suona e canta un inno alla divinità mentre le donne sembrano danzare interpretativamente:
Un certo numero di ballerini acrobatici viene mostrato facendo piegamenti alla schiena, o danzando energicamente con i capelli che cadono sui loro volti. In una scena, le loro azioni sono didascalia "danzando dai ballerini". Altre donne non ballano ma scuotono la loro sistra con una mano e tengono una collana di menit nell'altra; cantano anche un inno. (146)
La musica e la danza servivano ad elevare i partecipanti alle cerimonie religiose verso un rapporto più stretto con la divinità.Gli inni agli dei venivano cantati con l'accompagnamento di strumenti musicali e danza, e non c'era alcuna proscrizione su chi potesse o non potesse ballare in un dato momento. Sebbene la classe superiore non abbia danzato pubblicamente come ha fatto la classe inferiore, ci sono chiari esempi in cui il re balla.
clip_image006

Musica e danze egiziane antiche

Forse una parte della ragione per cui gli uomini e le donne della classe superiore non vengono mostrati, la danza è dovuta alla stretta associazione che intratteneva con l'intrattenimento pubblico in cui i ballerini indossavano quasi nulla. Il problema non sarebbe stato con la nudità, ma con l'associazione di sé con la classe inferiore. Gli antichi egizi, in ogni epoca della cultura, erano completamente a proprio agio con i loro corpi nudi e quelli degli altri. Lo studioso Marie Parsons commenta questo:
Le donne che ballavano (e anche le donne che non lo facevano) indossavano abiti diafani, o semplicemente cinti di cintura, spesso fatti di perline o conchiglie di ciprea, in modo che i loro corpi potessero muoversi liberamente.Anche se oggi il loro aspetto può essere interpretato come erotico e persino sensuale, gli antichi egizi non vedevano il corpo nudo o le sue parti con lo stesso fascino che noi facciamo oggi, con il nostro senso di una moralità forse più repressa. (2)
Sia nel tempio o in spettacoli pubblici, gli dei sono stati invocati attraverso la danza. Gli dei e le dee dell'Egitto erano presenti ovunque, in ogni aspetto della propria vita, e non erano limitati semplicemente all'adorazione nel tempio. Cresce una pratica di "impersonare" una divinità in cui il danzatore assume gli attributi del divino e interpreta i regni superiori per un pubblico. La divinità più popolare associata a questo è Hathor.
I ballerini imiterebbero la dea invocando il suo epiteto, The Golden One , e mettendo in scena storie della sua vita o interpretando il suo spirito attraverso la danza. I ballerini spesso avevano tatuaggi che rappresentano l'aspetto protettivo di Hathor o del dio Bes , e le sacerdotesse erano conosciute come Hathors e, in alcuni periodi, indossavano copricapi con le corna per associarsi all'aspetto di Hathor come dea della vacca.

TIPI DI BALLO

Marie Parsons cita i tipi di danza più comuni nella pratica egiziana:
1. La danza puramente movimentata. Una danza che era poco più di un'esplosione di energia, in cui il ballerino e il pubblico apprezzavano semplicemente il movimento e il suo ritmo.
2. La danza ginnica. Alcuni danzatori eccellevano in movimenti più strenui e difficili, che richiedevano allenamento e grande destrezza e flessibilità fisica. Questi ballerini hanno anche perfezionato i loro movimenti in modo da muoversi delicatamente.
3. La danza imitativa. Questi sembravano essere emulativi dei movimenti degli animali, indicati solo in modo indiretto nei testi egiziani mentre non erano effettivamente rappresentati nell'arte.
4. La coppia balla. Le coppie nell'antico Egitto erano formate da due uomini o da due donne che danzavano insieme, non da uomini che danzavano con donne. I movimenti di questi ballerini sono stati eseguiti in perfetta simmetria, indicando, almeno per l'autore di questo trattato, che gli egiziani erano profondamente consapevoli e seri di questa danza come qualcosa di più del semplice movimento.
5. Il ballo di gruppo. Questi si dividevano in due sottotipi, uno dei quali si svolgeva con forse almeno quattro, a volte fino a otto, ballerini, ognuno con movimenti diversi, indipendenti l'uno dall'altro, ma con ritmi corrispondenti.L'altro sottotipo era la danza funebre rituale, eseguita da schiere di ballerini che eseguivano movimenti identici.
6. La danza di guerra . Questi erano apparentemente ricreazioni per il riposo di truppe mercenarie di libici, sherdan, pedtiu (popoli che formavano parti delle cosiddette popolazioni del mare ) e altri gruppi.
7. La danza drammatica. Dagli esempi qui usati, l'autore sta considerando una posizione familiare raffigurata di diverse ragazze come eseguita per commemorare un quadro storico: una ragazza inginocchiata rappresenta un re nemico sconfitto, una ragazza in piedi il re egiziano, che tiene il nemico con una mano dal capelli e con l'altro un club.
8. La danza lirica. La descrizione di questa danza indica che ha raccontato la sua storia, proprio come un balletto che possiamo vedere oggi. Un uomo e una ragazza ballerina che usavano battiti di legno che davano i loro passi ritmati danzarono in un movimento armonioso, separatamente o insieme, a volte piroettando, separandosi e avvicinandosi, la ragazza fuggiva dall'uomo, che la inseguiva teneramente.
9. La danza grottesca. Questi erano apparentemente principalmente eseguiti da nani come quello che Harkhuf aveva chiesto di riportare per ballare "le danze divine".
10. La danza funebre. Questi hanno formato tre sottotipi. Uno era la danza rituale, che faceva parte dell'effettivo rito funebre. Poi c'erano le espressioni del dolore, in cui gli artisti mettevano le mani sulle loro teste o facevano il gesto del ka, entrambe le braccia sollevate. Il terzo sottotipo era una danza per intrattenere il ka del defunto.
11. La danza religiosa. I rituali del tempio includevano musicisti addestrati per la liturgia e cantanti addestrati negli inni e in altri canti.
Tutte queste danze, per qualsiasi scopo, sono state pensate per elevare lo spirito del ballerino e del pubblico di spettatori o partecipanti. La musica e la danza richiamavano i più alti impulsi della condizione umana, mentre consolavano le persone sulle delusioni e perdite in una vita. Danza e musica al tempo stesso elevate e informate non solo delle circostanze presenti ma del significato universale del trionfo e della sofferenza.
clip_image007

Sistro in bronzo egiziano

CONCLUSIONE

L'associazione di musica e danza con il divino è stata riconosciuta da antiche culture in tutto il mondo, non solo in Egitto, ed entrambe sono state incorporate in rituali spirituali e cerimonie religiose per migliaia di anni. L'attuale avversione alla danza e alla cosiddetta "musica secolare" deriva dalla condanna di entrambi con l'ascesa del cristianesimo .
Anche se alcuni padri della chiesa come Clemente di Alessandria (150-215 dC) videro prove nelle scritture che incoraggiavano la danza (come il famoso balletto spontaneo di Re David per Dio in II Samuele 6: 14-16), la maggior parte vedeva la danza come una continuazione delle pratiche pagane e lo proibì. Al tempo dell'impero bizantino (330 dc), la danza era stata proscritta come immorale e la musica era divisa in categorie liturgiche e secolari.
L' impero bizantino approvava ancora, un po 'timidamente, entrambi, ma la chiesa di Roma no. È per questo motivo che la Chiesa ortodossa orientale incoraggia ancora la danza e la musica nei servizi religiosi, mentre la Chiesa cattolica, fino a poco tempo fa, non lo ha fatto. Molto prima che una di queste sette della nuova religione fiorisse, gli antichi egizi riconobbero il potere della musica e della danza per elevare l'anima e aprire nuove prospettive e, per oltre tremila anni, le persone furono incoraggiate e ispirate dalla musica, la forza che aiutò dare alla luce e modellare l'universo e danzare, che è la risposta umana alla creazione.
LICENZA
Articolo basato su informazioni ottenute da queste fonti:
con il permesso dal sito web Ancient History Encyclopedia
Il contenuto è disponibile sotto Licenza Creative Commons: Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported. Licenza CC-BY-NC-SA