Passa ai contenuti principali

Trovati un'altra statua di Ariamanus: Lo spirito maligno della religione mitraico | Definizione e origine.

di Francesco di Martino
È raro quando si crea un nuovo ritrovamento rinnovato interesse per un argomento vecchio. Qui, il nuovo ritrovamento è una figura di leontocephaline (testa di Leone) di provenienza ignota, peso 5,8 kg e 37 cm di altezza con una larghezza di 14 cm. La sua base è parzialmente rotta, così non è chiaro se la figura era in piedi su un globo, una posizione prevista, o non. La figura principale è una figura di leontocephaline in piedi, nuda con solo un perizoma nella parte anteriore e due ali chiuse sul retro; dalla parte anteriore, le ali appaiono come un mantello intorno alla figura, ma sono chiaramente Ali, probabilmente appartenenti ad un'aquila.
clip_image025
Un serpente, legato intorno alle caviglie della figura e continuando fino al petto in cinque pieghe e attraverso i suoi indietro, infine poggia la testa sopra la testa del leone. La figura di leontocephaline tiene un oggetto cilindrico in sua mano destra, che è sollevato sopra la spalla e piegato su di essa per appoggiare l'estremità dell'oggetto sulla spalla destra, e anche artisticamente è collegato alla testa per sostenere il peso del braccio e l'oggetto cilindrico. La mano sinistra della figura si basa su quello che sembra essere il manico di una spada sul lato sinistro della figura, anche se il fodero effettivo non è visibile, scomparendo nelle pieghe del serpente. Sul retro, di sotto dove si incontrano le ali del mostro, c'è un buco che suggerisce che è stato agganciato ad una parete o una mensola dal retro. In caso contrario, la statua è in ottime condizioni e una nuova aggiunta alla tipologia iconografica della bestia, che è conosciuta dalla corrente religiosa mitraico romana e il mondo Mediterraneo e forse del Caucaso.
clip_image026
Il Mitraismo è tra le più importanti religioni di mistero nel mondo euroasiatico. Questo culto, con le sue origini nel mondo iraniano, è stato centrato intorno una divinità Indo-Iranian conosciuta come Mithra (dall'avestico Mithra-; c.f. sanscrito Mitra). Mitra era principalmente un Dio dei contratti, da chi persone giurato e preso giuramenti. Nell'Avesta, gli inni sacri della Zoroastriansm, inno di Mithra (Mihr-yasht) è la più lunga e spesso considerato di essere il più interessante, come in dettaglio l'importanza di pre-Zoroastrian della divinità che è poi adattata in nuova religione del profeta Zarathustra. Oltre a presiedere i contratti, le funzioni secondarie e terziarie di Mitra nel mondo Indo-Iranian erano la sua identificazione con il sole e l'amore/amicizia – quest'ultimo si è un'estensione della funzione di contratto.
Questa divinità era importante anche in Armenia e nel Caucaso, dove è diventato ben noto a partire dal periodo achemenide. Caratteristiche cultuali di Mithra come Cautes e Cautopates (i portatori di torcia doppia), la grotta e la nascita di mitra da una roccia sono infatti principalmente associati con il mondo armeno e le sue manifestazioni, come l'epopea di Sassoun. Sentiamo parlare di Romani contatti con il culto di mitra in Armenia attraverso lo stazionamento della Legio XV Apollinarius, in primo luogo creato da Ottaviano e inviato ad est. Questa legione era di stanza quindi in Armenia durante l'imperatore di Nerone. Mithra deve sono state prese a Roma, dove il culto di Mitra divenne la religione di mistero più importante nel bacino del Mediterraneo e il resto dell'Impero Romano.
C'erano centinaia di Mithraeums, che sono grotte o caverna-come le strutture dove una statua o un affresco di un giovane ragazzo con un tappo "Frigio" nel processo che uccide un toro è stato descritto come l'iconografia principale. Uomini spezzò il pane e bevevano vino in queste grotte e credevano che Mithra (il ragazzo) viene sulla terra per sacrificare il toro per assolvere l'umanità dei suoi peccati e poi ascende al cielo. Il culto, infatti, aveva molte caratteristiche che sono state prese in prestito dal cristianesimo. Grazie alla sua natura pacifica e con il trionfo della religione quest'ultimo, Mithraeums o sono state chiuse senza essere molestato o semplicemente sono stati trasformati in chiese, che significa la vittoria di Cristo sulle tradizioni pagane. La topografia sacra, però, è rimasto lo stesso.
Un'altra rappresentazione iconografica era inoltre presente in molti, ma non tutti, i Mithraeums: la statua di un uomo con testa di leone con le ali (a volte chiuso e aperto a volte), che di solito tiene un personale o un fulmine in una mano e in altra mano tiene una chiave (a volte in entrambe le mani), un personale o una torcia. Un serpente bobine solitamente intorno al corpo della figura e la sua testa appare da dietro, appoggiato sopra la testa del leone. A volte ci sono segni zodiacali collocati sul corpo o paramenti della figura leontocephalinic. Bocca del leone è aperto e di solito è visto un buco tra le zanne del leone.
L'identificazione e la funzione della statua, che era senza dubbio una divinità, sono soggette a intensa speculazione. Uno dei primi e importanti studiosi di religioni misteriche, Franz Cumont, sostegno l'idea che la figura di leontocephaline rappresentato il Kronos mitraici, cui forma iraniana è Zurvan, il Dio del tempo nella tradizione di Zoroastrian. Alcuni studiosi come G. Widengren, Vermaseren e Clauss ha accettato il suggerimento che la figura rappresenta Zurvan, il Dio del tempo eterno. In questo mito, Zurvan è diventato il padre di entrambi Ohrmazd (AV. Ahura Mazda "Signore saggio"), la divinità suprema del Zoroastrismo e Ahriman (AV. Angra Mainiyu), lo spirito malvagio e avversario principale di Ohrmazd.
clip_image027
Tuttavia, un'altra interpretazione ha giustamente guadagnato favore sopra l'identificazione di Zurvan. Nel 1953, J. Duchesen-Guillemin ha suggerito che non eravamo trattare con Zurvan, ma piuttosto lo spirito del male stesso, cioè Ahriman. Questa identificazione è ora ampiamente accettata, e ci sono diverse ragioni perché identificando la figura come Ahriman nel contesto di credenza mitraico e forse di là, potrebbe avere un senso. In termini di precedenza iconografica, uno può puntare a rilievi mesopotamici dall'Assiria. L'immagine di testa di Leone, ad esempio, è visto nei rilievi dal momento della Senacherib da Kuyunjik (705-681 A.C.), fornendo dei primi modelli.
Inoltre, non solo nello Zoroastrismo, ma anche nel manicheismo le descrizioni di spirito maligno o il diavolo hanno somiglianze alla nostra figura. Ad esempio, R.C. Zaehner identificato la figura non con Ahriman della tradizione zoroastriana, ma con il Ahriman di adoratori del diavolo. Questo spirito maligno secondo Zaehner è raffigurato come: "la fonte di potere e ricchezza, il Principe di questo mondo, che impedirebbe l'anima da risalire alla sua vera casa, che è la luce infinita del cielo".
La bocca spalancata del Leone, secondo gli studiosi delle religioni di mistero, è una caratteristica di Mithraist specificamente, funzionando come un modo di respirare fuoco. Un'iscrizione da Santa Prisca su una statua di testa di Leone si riferisce alla "leoni che bruciano incenso... attraverso il quale siamo stati interamente distrutti noi stessi". Nella spiegazione gnostica della bocca del serpente, troppo, bocca del serpente-drago è detto di essere infuocato, provenienti da un ventre ghiacciato. Nello Zoroastrismo, i lions sono creature demoniache e fanno parte delle "specie di lupo," creato da Ahriman, mentre serpenti sono i peggiori di Khrafsatars (creature nocive) che strisciano sulla terra. In un passaggio da bibliofilo musulmano, Ibn Nadim, egli descrive l'immagine di Satana nel manicheismo che ha la testa di un leone e le ali. Tuttavia, ci sono ulteriori dettagli che differiscono dalla descrizione completa della nostra figura di testa di leone.
Più interessante, in Iran in provincia del Luristan, un racconto racconta l'esistenza di una divinità malvagia che può essere tradotto come "Dio-Lionish". R.C. Zaehner, che ha visto il manoscritto di questo racconto, fornisce il seguente brano in cui il Lionish-Dio afferma:
Ecco, ho creato la terra e che cosa è in esso e tutto ciò che vivono in esso. Ti ho creato, ti sto dando il vostro pane quotidiano. Vostra vita è nelle mie mani e la tua morte troppo... Io si scusa e inviarle al mio paradiso se riponete la vostra fiducia in me e dimenticare il Dio che è nei cieli. Ma verrà gettato all'inferno per sempre se adori il Dio che è nei cieli qualsiasi altro. Ecco la mia ira è andando a cadere su di voi; è in attesa solo di una risposta da te. Si accende rapidamente anime dal Dio celeste. Firmato – Dio Lionish. (Zaehner 1967:29-30)
Questo potrebbe in qualche modo essere corroborato dal simbolismo di serpenti nel culto mistero Yazidi prominente in Nord Iraq e Armenia, come è raffigurato sulle pareti del Santuario di Shaikh ' Adi, ma non viene mai esplicitamente menzionato nella letteratura di Yazidi. La sua funzione probabilmente è più strettamente legata alla comprensione gnostica più anziane del serpente nero come il funzionario distruttivo-creatore del mondo.
Così, sembra che dal Medio Oriente al Mediterraneo, l'idea di una figura di leontocephaline è stato spesso associato con il male. La risonanza di queste figure di testa di Leone si estende dalle isole britanniche (York) dell'Europa meridionale (Roma) e dall'Europa orientale (Pannonia) verso il Mediterraneo orientale (Sidone) e Nord Africa (Alessandria). Ci sono anche quattro di queste statue con un'iscrizione in latino, affermando che questa figura è Arimanius (Ahriman).
clip_image028
Il testa di Leone Ahriman sembra così hanno avuto un ruolo specifico nel culto mitraico. In piedi su un globo e tra lo zodiaco – anche se fuori il suo confine – il simbolismo si collega la figura del cosmo di fuori dello zodiaco. Secondo Ulansey, la figura di leontocephaline vincolato il serpente rappresentato un mondo platonico-anima e segnato i confini finale del cosmo. In questa funzione, la divinità leontocephaline rappresentato un concetto simile a quello di Oceanus nella mitologia greca. Se lui è il gatekeeper, quindi dove la figura di testa di leone tiene una chiave, è perché lo spirito del male quindi può essere anche tenendo le chiavi del paradiso. In un certo senso Ahriman del Mitraismo mantenuto le anime associate a questo mondo che ha regolato sopra ed ha permesso gli esseri umani raggiungere il loro regno spirituale.
La funzione dell'uomo leontocephaline vincolato da un serpente rappresenta così una serie di correlati e interdipendenti iconografie mitologiche e cosmologiche del mondo vicino-orientale e nel Mediterraneo. I precedenti di tali figure sono affermati nelle rappresentazioni cultuali e monumenti mitraici, e relative occorrenze appaiono in iconografie di religioni e culti interessati con le idee di spiriti maligni, Divinità gnostica distruttivo-creatore e divinità primordiale. Questo ultimo pezzo fornisce funzioni visive simili, che, se genuino e di provenienza stabilito, potrebbero aggiungere alla nostra migliore comprensione e la misura dell'uso di tali iconografie. Anche se in assenza di una corretta provenienza e collocazione storica d'arte, non può essere tranquillamente assegnato, lo stato dello status, la fornitura completa delle iconografie compreso il personale, e sua possibile funzione precedente come un oggetto di culto come testimoniano la presenza del foro nella parte posteriore, forniscono la prova coercitiva per la sua collocazione all'interno di un tale programma iconografico.
Estratti dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…