Passa ai contenuti principali

Terapia del protone, che cosa è? | Malattie e condizioni.

Terapia del protone è una tecnica per trattare il cancro, costoso e poco accessibile, che viene utilizzata solo in casi molto specifici. Un esperto in oncologia di radiazione spiega che cosa e quando è indicato.
Il caso del bambino britannico re Ashja'i, che i genitori hanno gettati fuori dall'ospedale senza consenso medico perché volevano il suo figlio a ricevere la terapia del protone, un trattamento diverso da quello consigliato dagli specialisti del centro dove è stata iscritta, stato presentano questo tipo di radioterapia, che è anche usato nel trattamento del cancro, ma solo in casi molto specifici , e che è attualmente disponibile solo in alcuni paesi e a un prezzo molto alto, che può raggiungere tra 100.000 e 200.000 euro, a seconda delle esigenze del paziente e il prescelto centro (negli Stati Uniti è più costoso in Europa).
Ma, in ciò che questa terapia e che cosa lo rende così speciale? Dr. Natalia Carballo, capo di oncologia di radiazione dal servizio MD Anderson Cancer Center Madrid, spiega che "il trattamento dei protoni è un tipo di radioterapia in cui la particella che è usata per trattare il paziente è il protone - una particella che si trova nel nucleo dell'atomo..--invece della solita terapia convenzionale sono fotoni. Esso è, aggiunge, del "trattamento stesso, ma con diversi tipi di particelle".
Terapia del protone permette di gestire molto alte dosi di radiazioni con tossicità quasi inesistente
Questo esperto sottolinea che "i vantaggi del protone dal fotone si basano su una proprietà fisica di questa particella che si chiama picco di Bragg", che rende proton terapia meno tossici rispetto alle radiazioni fotone. Di conseguenza, può essere "dato dosi molto elevate di radiazioni con tossicità quasi inesistente".
Nel caso il piccolo Ashja'i, recentemente rimosso che un - un tipo di tumore al cervello - medulloblastoma, i genitori hanno spiegato che il motivo perche ' desidera per la sua terapia del protone figlio è che il convenzionale è troppo aggressivo per un cinque-anno-vecchio ragazzo.

Terapia del protone, in quali casi è indicata?

Chiesto se tutti hanno bisogno di trattamento di protoni per essere curato, il DRA. Carballo risponde con un sonoro "no". Secondo questo specialista in oncologia di radiazione, questa terapia è indicata in casi complicati, i tumori che sono in una posizione pessima, rimozione che può rendere molto difficile o quelli che compaiono dopo aver stato trattato (recidivante).
In realtà, l'oncologo dice che nei 12 anni che ha lavorato al MD Anderson Spagna, sono stati meno di dieci pazienti che hanno avuto deve riferirsi ad altri centri di essere trattati con terapia del protone. "Un'unità del protone - spiega il medico - pendenza circa 200 milioni di euro, e tenendo presente che molto pochi pazienti avrà bisogno di questo trattamento," il più intelligente e razionale è avendo solo unità di protone paesi o centri che possono permetterselo e derivazione di qualsiasi paziente che ha bisogno di questi centri".
Per quanto riguarda l'efficacia della terapia del protone, esperto dice che "è indicato", ma avverte che il cancro in "non non c'è nessuna procedura terapeutica che garantisce la cura", e anche se la terapia del protone è un trattamento ottimale e i risultati vengono convalidati, può accadere, come con qualsiasi altra terapia, il paziente infine muore perché si sviluppano metastasi. Quindi è un trattamento curativo? "In alcuni casi sì e in altri no, come tutti gli altri", dice l'esperto, che ha aggiunto che, dovrebbe anche accompagnare la chemioterapia, come è il caso con la radioterapia convenzionale.
Pubblicato per scopi didattici
Questo sito web non fornisce consigli medici, diagnosi o trattamento
Malattie e condizioni

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…