Ponte Vecchio: Un ponte di botteghe medievali | Immagini impressionanti.

Molti secoli fa, ponti servito molti scopi. A parte farti sopra l'acqua, era comune per ponti medievali di cappelle e negozi costruiti su di loro, e molti erano fortificate con torri e bastioni perché ponti servito punti di ingresso importante per la città. Il Ponte Vecchio o il "ponte vecchio" sul fiume Arno, a Firenze, è un ponte di pietra medievale notato per avere ancora negozi costruiti lungo di essa. Il primo ponte sopra il fiume Arno è stato probabilmente costruito dai Romani in pietra e legno e viene menzionato in un documento risalente al 996. Il ponte è stato spazzato via in un inondazione nel 1117 e fu ricostruito in pietra solo per essere distrutto nuovamente da un'altra alluvione nel 1333, Salva per i suoi due pilastri centrali. Di conseguenza, il ponte fu ricostruito nuovamente, dodici anni più tardi, progettato dal pittore italiano e architetto allievo di maggior talento di Giotto Taddeo Gaddi, che è stato un pittore e architetto nella sua propria destra.
ponte-vecchio-1
Crediti fotografici
Oggi, il fiume Arno è attraversato da sei ponti che può essere attraversato a piedi o in auto, ad eccezione del Ponte Vecchio, che non consente il traffico veicolare. Ecco perché questo iconico ponte medievale è sempre affollato con gli acquirenti.
Il Ponte Vecchio è stato sede di negozi lungo tutto l'arco dal XIII secolo. Mercanti sarebbero vendere le loro merci sui tavoli dopo aver ricevuto l'approvazione per effettuare questa operazione da parte delle autorità competenti. Quando un commerciante non poteva pagare i suoi debiti, il tavolo su cui ha venduto la sua mercanzia (il "banco") era fisicamente rotto ("rotto") dai soldati, chiudendo efficacemente loro business. Questa pratica è stata chiamata "bancorotto" e si crede che il concetto economico di fallimento sono nate qui.
ponte-vecchio-9
Crediti fotografici
I negozi appartenevano al comune e sono stati affittati, originariamente a macellai, pescivendoli e conciatori. Ma questi mercanti prodotta tanta immondizia e cattivo odore, che Duke Ferdinando de' Medici li gettò fuori e li ha sostituiti con orafi. Il problema era che il corridoio Vasariano che collega il Municipio di Firenze con il Palazzo della famiglia regnante, passa sopra il Ponte Vecchio e ha dovuto sopportare la puzza. Così il duca ha deciso che i nuovi occupanti del ponte dovrebbero essere orafi. Gioiellieri ancora costituiscono oggi la maggioranza dei negozi di Ponte Vecchio. In effetti, alcune delle migliori gioiellerie di Firenze vendono le loro creazioni su questo ponte medievale. Ci sono anche alcuni studi d'arte e negozi di souvenir.
Verso il XV secolo, i negozi che erano originariamente in affitto sono stati venduti a privati e hanno cominciato ad alterare la sovrastruttura aggiunta di camere che si estendeva verso il fiume di supporto su puntelli in legno e terrazze esterne. Nel XVII secolo il ponte aveva preso un aspetto caotico che vediamo oggi.
Durante la seconda guerra mondiale, quando i tedeschi si ritirarono dall'Italia in Germania, hanno distrutto molti ponti bene in Italia per contrastare i progressi degli alleati. Tutti i ponti di Firenze sono stati scoppiati, ma Ponte Vecchio è stato risparmiato. Invece hanno bloccato l'accesso di demolire gli edifici medievali su ogni lato. Anche Adolf Hitler riconosciuto che distruggendo il Ponte Vecchio sarebbe un crimine troppi.
ponte-vecchio-2
Crediti fotografici
ponte-vecchio-3
Crediti fotografici
ponte-vecchio-6
Crediti fotografici
ponte-vecchio-10
Le tre finestre ad arco centrale è stato aggiunto nel 1938 da Mussolini a beneficio di Adolf Hitler, in modo che il Fuhrer potrebbe godere di una buona vista di Firenze, quando è stato invitato per una visita di stato. Photo credit
ponte-vecchio-12
Linea di gioielli negozi su entrambi i lati sul Ponte Vecchio. Photo credit
ponte-vecchio-4
Crediti fotografici
ponte-vecchio-5
Crediti fotografici
ponte-vecchio-7
Crediti fotografici
ponte-vecchio-11
Crediti fotografici
Fonti: Wikipedia / Italia guide / Viaggi Venere / Holiday Velvet
Pubblicato per scopi didattici