Passa ai contenuti principali

L'industria del sale insolito di Teguidda-n-Tessoumt | Immagini impressionanti.

Circa 200 km a nord ovest della città di Agadez, nel nord del Niger, si trova un piccolo villaggio di circa 50 famiglie chiamato Teguidda-n-Tessoumt. La popolazione qui è in gran parte stagionale, basata nella vicina città di Ingall che sorvegliano un sale abbastanza inusuale e storico industria producente. È la principale fonte di sale qui, non l'acqua, per questo è il Sahara e non non c'è nessun mare intorno per migliaia di chilometri. Il prezioso sale è, quindi, estratte da argilla. L'intero villaggio è costellato di centinaia di Saline riempite d'acqua salamoia colorati pastello, curato da uomini, donne e bambini tutti a lavorare sodo. Ci sono piccole colline tutto intorno alcune delle quali sono 30 piedi di altezza, e sono stati tutti creati dalla deposizione di argilla da molti anni di estrazione del sale nella zona.
salt-works-teguidda-n-tessoumt-1
Foto di credito: George Steinmetz
La regione ha circa 20 sorgenti in cui l'acqua è di per sé piuttosto salmastro. Tuttavia, è l'argilla da cui viene estratto il sale. L'argilla di pieno carico sale è scavato e portato a grandi stagni circa sei piedi di diametro e riempito con acqua dalle sorgenti. Un uomo poi calpesta la miscela con i piedi per creare un impasto denso. Il mix di salmastro è poi lasciato riposare per diverse ore. Ci sono parecchi tali stagni di decantazione e ognuno Visualizza una diversa tonalità di marrone a seconda del colore originale dell'argilla, la salinità della soluzione e il livello di precipitazioni. Alghe cresce in alcuni degli stagni e anche l'acqua di colori. Gli stagni anche cambiare tonalità e tono come raggi ardenti del sole spostano il loro angolo di riflessione.
Una volta che si è stabilito il fango, l'acqua salata è disegnata dallo stagno usando un calabash — un utensile fatto dalla shell di una zucca — e versato in piccoli stagni di evaporazione. Questa parte del processo viene gestita dagli uomini, che sono anche responsabili per la manutenzione degli stagni. Lavoro delle donne è quello di rimuovere i cristalli di sale dagli stagni di evaporazione e quindi pulire accuratamente gli stagni nella prontezza per la prossima partita.
salt-works-teguidda-n-tessoumt-3
Foto di credito: George Steinmetz
Nel frattempo, i bambini scorrazzano su tra i più piccoli laghetti monitoraggio del processo di essiccazione. Come l'acqua evapora dagli stagni, cristalli formano sulla superficie. Se lasciato incontrollato, questa crosta salata sarebbe bloccare l'ulteriore evaporazione. Così i bambini cospargere la superficie con gocce d'acqua per rompere la crosta e causare i cristalli a depositarsi sul fondo del laghetto. Evaporazione continua fino a quando finalmente rimane solo il prezioso sale.
Il sale estratto è poi modellato in blocchi o torte e seccato al sole. Questo sale è venduto a nomadi e mercanti di sale che trekking attraverso Teguidda-n-Tessoumt, cibo e altri beni in cambio il sale di trading. La maggior parte del sale, tuttavia, viene venduto nei mercati di grandi città ai margini del deserto. Il sale grezzo da questo villaggio è generalmente non utilizzato per il consumo umano, ma come un integratore per la dieta degli animali domestici.
L'argilla residua dagli stagni decantazione vuoti viene rimosso e oggetto di dumping è vicino a contribuire per i numerosi tumuli artificiali che costellano l'area.
salt-works-teguidda-n-tessoumt-5
Crediti fotografici
salt-works-teguidda-n-tessoumt-6
Crediti fotografici
salt-works-teguidda-n-tessoumt-7
Crediti fotografici
salt-works-teguidda-n-tessoumt-4
Crediti fotografici
salt-works-teguidda-n-tessoumt-8
Crediti fotografici
salt-works-teguidda-n-tessoumt-9
Crediti fotografici
salt-works-teguidda-n-tessoumt-10
Crediti fotografici
salt-works-teguidda-n-tessoumt-11
Crediti fotografici
salt-works-teguidda-n-tessoumt-2
Foto di credito: Google Maps
Fonti: sale cercatori del Sahara / Wikipedia
Pubblicato per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…