Passa ai contenuti principali

La geometria delle piante | Immagini impressionanti.

Guardandosi intorno, si potrebbe immaginare che i rami, foglie e fiori crescono a caso, a casaccio. La verità è, tuttavia, che i punti in cui ogni ramo, foglia, gambo, gemma o petalo emerge, sono stati fissati secondo leggi fisse e miracolosamente precise misure. Ci sono modelli ovunque che si guardi nel mondo naturale, la più persistente di cui è la sequenza di Fibonacci. La sequenza in primo luogo è stata descritta dai matematici indiani antichi centinaia di anni prima della nascita di Cristo, anche se prende il matematico italiano Leonardo di Pisa, che era più notoriamente conosciuto come 'Fibonacci'. E ' stato libro "Liber Abaci" di Fibonacci, pubblicato nel XIII secolo, che ha introdotto questa sequenza magica nel mondo occidentale. geometry-plants
La sequenza di Fibonacci è così semplice che è quasi sconcertante. Qui ogni numero viene creato dalla somma dei due precedenti, così a partire da 1 1 2 3 5 8 13 21... si continua all'infinito. La sequenza di Fibonacci è così persistente in natura che è una sfida per trovare una struttura di piante o di frutti che non sono conformi ad essa. Per esempio, la disposizione delle foglie lungo un gambo è disciplinata la sequenza di Fibonacci, assicurando che ogni foglia ha il massimo accesso al sole e alla pioggia. Lo stesso principio è all'opera nella formazione di pigne, girasoli, ananas e cactus. La sezione aurea, che si potrebbe avere sentito prima, è solo un'altra manifestazione della sequenza di Fibonacci.
Tutte le piante sono geometriche in un modo o l'altro. Tuttavia, ci sono piante la cui geometria è più pronunciato rispetto ad altri. Qui sono alcuni esempi famosi.

Broccolo romanesco

romanesco-broccoli
Crediti fotografici
Broccolo di romanesco, noto anche come cavolfiore romanica, è la luce verde a colori e ha un aspetto suggestivo, perché la sua forma è un'approssimazione naturale di un frattale. Rispetto ad un tradizionale cavolfiore, la sua texture come un vegetale è molto più croccante, e il suo sapore non come assertivo, è delicato e ricco di noci.

Crassula 'Del Buddha Temple'

buddahs-temple
Crediti fotografici
Crassula 'Del Buddha Temple' è un ibrido tra Crassula falcata e Crassula pyramidalis, fatto nel 1959 da Myron Kimnach dagli U.S.A. Ma perché è una cultivar di crescita molto lenta, non è mai stato propagato commercialmente in grandi numeri. Così anche più di 50 anni dopo la creazione di esso, Tempio del Buddha è ancora difficile da trovare.
La pianta cresce circa fino a 6 pollici di altezza e iniziare ramificazione a diversi livelli dai lati di ogni colonna. L'appartamento, sottile foglie che sono grigio-argenteo a grigio-verde a colori sono impilati strettamente e ripiegati ai bordi, formando una colonna perfettamente quadrata.

Aloe polyphylla

aloe-polyphylla-1
Crediti fotografici
Aloe polyphylla cresce in alte, montuosi, erbose pendici dei Monti Drakensberg nel Regno del Lesotho, vicino Sud Africa, dove la pianta è endemica. Qui si aggrappa alla fessure rocciose e ghiaioni ben drenati piste. Il clima è fresco in estate e in inverno che le aloe sono spesso coperte in neve profonda. A causa della sua spirale straordinariamente simmetrica, cinque punte, la specie è molto ricercata dopo come pianta ornamentale, ma è difficile da coltivare e di solito muore presto se rimosso dal suo habitat naturale. In Sud Africa, comprare o raccogliendo la pianta è un reato penale.

Dalia

dahlia
Crediti fotografici
La Dalia è un fiore di giardino comune, ma avete visto uno da vicino? Ci sono 42 specie di dahlia, con fiori piccoli quanto 2 pollici di diametro o fino a 1 piedi.

Girasole

sunflower
La testa del seme di girasole segue la spirale di Fermat, che si basa sulla sequenza di Fibonacci. Photo credit

Cavolo rosso

red-cabbage
Cavolo rosso tagliato a metà in senso orizzontale mostrando spirali di Fibonacci di disposizione di foglia. Photo credit

Pelecyphora aselliformis

pelecyphora-aselliformis
Crediti fotografici
Pelecyphora aselliformis è grigio-verde e rotondo con tubercoli laterali, appiattite che hanno squame spine e sono disposti a spirale. Può crescere a fino a 10 cm di altezza con fiori che crescono fino a 3 cm di diametro e sono un colore viola brillante. La pianta è relativamente rara e si trova solo nel Messico settentrionale.

Ludwigia citosina

ludwigia-sedioides
Crediti fotografici
Ludwigia citosina, comunemente noto come Mosaico fiore e False lisimachia, è una pianta erbacea perenne che cresce in zone umide e paludose. È originaria del Brasile e Venezuela.

Lobelia deckenii

giant-lobelia
Crediti fotografici
Lobelia deckenii è una specie di lobelia gigante che cresce sulle montagne dell'Africa orientale. La pianta di solito producono rosette più, costituito tra uno e diciotto rosette, collegati sottoterra. Ogni rosetta cresce per diversi decenni, produce un singolo grande infiorescenza e centinaia di migliaia di semi, poi muore.

Angelica

angelica_flowerhead
Vista da sotto della Angelica flowerhead. Il flowerhead è approssimativamente sferica; ogni parte è simile a tutta la testa nell'avere un gambo e la propria sfera di fiori. Photo credit
Angelica è un genere di circa 60 specie di alte erbe biennali e perenni della famiglia Apiaceae, originaria delle regioni temperate e subartiche dell'emisfero settentrionale, raggiungendo come estremo a nord come l'Islanda e la Lapponia. Crescono a 1 – 3 m di altezza, con grandi foglie bipennate e composti grandi ombrelle di fiori bianchi o bianco-verdastro.
Fonti: modello divino creazioni / Patternity.org / annoiato Panda
Pubblicato per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…