RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata

Il muro del pianto, Isole Galapagos | Immagini impressionanti.

ADS

Le Isole Galapagos sono più note per la loro flora e fauna. Le isole sono stati resi famose da cui acuta osservazione sull'isola, durante il viaggio del Beagle, alla fine ha portato allo sviluppo della sua teoria della selezione naturale e l'evoluzione di Charles Darwin. Oggi, le isole e le acque circostanti è un parco nazionale protetto e una riserva biologica marina e patrimonio mondiale dell'UNESCO. Ma le isole ha anche una storia oscura. Nel 1832, le Isole Galapagos furono annesse alla colonnello Ignacio Henandez e l'arcipelago divenne parte della Repubblica dell'Ecuador. Poco dopo, colonie penali sono stati stabiliti sull'isola a causa della sua lontananza e l'isolamento dalla terraferma che ha reso quasi impossibile qualsiasi fuga. Prigionieri dalla terraferma sono stati trasferiti alle isole e sono stati costretti a lavorare in campi agricoli. I primi coloni furono esiliati soldati mandati lontano da casa per partecipare a un tentativo di colpo di stato fallito sulla terraferma. Ma le condizioni di vita terribili ha provocato serie di rivolte e nel 1952, l'insediamento aveva fallito.
wall-of-tears-isabela-3
Il muro delle lacrime, sull'isola di Isabela. Photo credit
Un numero di tentativi sono stati fatti a stabilirsi sulle Isole Galapagos ma nessuno ebbe successo. Manuel J. Cobos, che ha portato i prigionieri e indentured operai al lavoro sul suo campi di canna da zucchero e la piantagione di caffè, sono stati uccisi dai propri lavoratori. Un altro José Valdizán, che ha ottenuto un contratto di 12 anni da parte del governo dell'Ecuador per estrarre oricello da Galapagos, morto durante una rivolta nel 1878.
Verso la fine della seconda guerra mondiale, il governo ecuadoriano ha stabilito un'altra colonia penale brutale sull'isola di Isabela. Nel 1946, 300 prigionieri sono stati trasferiti a Isabela e furono costretti a costruire un muro di pietra inutile come una forma di punizione. I prigionieri hanno dovuto percorrere lunghe distanze alla cava, tagliare fuori grandi rocce vulcaniche e poi portarli indietro al sito. Molti prigionieri sono morto nella sofferenza. Infine, nel 1958, i prigionieri si rivoltarono leader per le guardie uccise e molti prigionieri morire. Il governo ha chiuso un anno più tardi la colonia penale di Isabela.
I resti del muro futile, alcuni 100 metri di lunghezza, possono essere visto ancora nei pressi di Puerto Villamil oggi, in piedi come testimonianza di un periodo di crudeltà e tortura. È stato chiamato il "Wall of Tears".
wall-of-tears-isabela-4
Crediti fotografici
wall-of-tears-isabela-2
Crediti fotografici
wall-of-tears-isabela-5
Crediti fotografici
Fonti: Galapagos.org / BBC / alla scoperta di Galapagos

Pubblicato per scopi didattici

RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata