Giove | L'origine e la storia.


da Donald L. Wasson
clip_image001
Tra le molte divinità dei Romani, Giove, il figlio di Saturno, era il Dio supremo, connesso con tuoni, fulmini e tempeste. I primi cittadini di quella che sarebbe diventata Roma ritiene che essi erano sorvegliate dagli spiriti dei loro antenati, e hanno aggiunto una triade di divinità di questi spiriti. Questi nuovi dèi incluso Marte, Dio della guerra; Quirino, il Romolo divinizzato che sorvegliava il popolo di Roma; e infine, Giove, il Dio supremo. Fu Giove Elicius - colui che porta avanti. Dall'aumento della Repubblica, identità di Giove come il più grande di tutti i dèi è stato stabilito saldamente, ma due membri della triade vecchio sono stati sostituiti con Giunone (sua sorella e moglie) e Minerva (sua figlia). Il titolo più importante di Giove era Jupiter Optimus Maximus, che significa il migliore e il più grande e che significa il suo ruolo come padre degli dèi.
Giove, il vecchio, personalizzato divinità dei re etruschi, trovato una nuova casa nella Repubblica. Egli era un Dio della luce, un protettore durante la sconfitta e dà la vittoria. Egli era Imperator di Giove, il generale supremo; Jupiter Invictus, invitto; e infine, Giove Triumphator. Ha protetto Roma in tempo di guerra e mantenuto il benessere del popolo durante la pace. Più spesso è interpretato con una lunga barba bianca, e il suo simbolo è l'aquila sulla cima di uno scettro che portava mentre sedeva sul suo trono maestoso. Come con Zeus, la sua reputazione di violenza spesso causato uomini a tremare di paura per lui potrebbe facilmente punirli con uno dei suoi fulmini. Naturalmente, avrebbe dato loro un avvertimento giusto prima il bullone finale, distruttivo, e punizione è stato effettuato solitamente soltanto con il consenso degli altri dèi.

Giove nella religione romana

Religione è sempre stata un elemento significativo di quasi tutte le società, moderno o antico. Ha spiegato tutto, compreso le stagioni, il sorgere del sole al mattino e la luna di notte. I dèi proteggevano persone dai loro nemici, le forze della natura e combatterono al loro fianco durante i periodi di guerra. Dei erano sempre presenti nel loro folklore e templi sono stati costruiti per onorarli. Sacrifici sono stati fatti per vincere la benedizione degli dèi. Prima dell'ascesa del monoteismo dei giudeo-cristiani, la maggior parte delle culture adorato una moltitudine di dèi. C'era un Dio della guerra, un Dio del raccolto e anche una dea della fertilità. L'Impero Romano non era diversa.
Il titolo più importante di Dio era Jupiter Optimus Maximus, che significa il migliore e più grande.
Per gli antichi romani religione e fede, soprattutto durante i primi anni della Repubblica, offerto protezione e rassicurazione al popolo. Era una componente importante in ogni aspetto della vita; alcune decisioni sono state fatte senza fare appello agli dèi. Religione romana, tuttavia, non era individualista come il cristianesimo, per esempio; era comune. Non non c'era nessun testo sacro o credo; C'era solo la pax decoro o la pace degli dèi. Attraverso rituali e la preghiera, i romani al curry di favore con i dèi e quindi ha eluso la propria ira. E, mentre i Romani erano spesso tolleranti della religione di quelli che hanno conquistato (spesso assorbire un nuovo Dio occasionale o due), rimasero protettivi della religione ufficiale dello stato ed erano sospettosi di tutto ciò che potrebbe minare la loro struttura di potere. Questo sospetto è stato la causa sottostante della persecuzione degli ebrei e cristiani durante i regni di Nero e gli imperatori successivi. Questa protezione consentirebbe Giove e i suoi compagni dell'Olimpo per sopravvivere dagli Etruschi, attraverso epoche imperiali sia il repubblicano e fino al sorgere del cristianesimo.

Tempio a Roma

Intorno 509 A.C. un magnifico tempio, ha condiviso con Giunone e Minerva, venne eretta sul Colle Capitolino a Roma, un luogo dove la gente poteva raccogliere e fare sacrifici. A parte una grande scultura di Giove, il tempio, il più grande di tutti a Roma, ha ospitato i Libri Sibillini, che erano gli oracoli di Roma e sono stati consultati solo nei momenti di crisi. Giove era venerato da molti titoli: Invictus, Imperator e Triumphator - titoli che rappresentava la sua suprema importanza a Roma, in tutte le questioni della vita dello stato, sia in pace e in guerra. Dopo il ritorno dalla battaglia, i generali vittoriosi porterebbe una processione chiamata un trionfo per le strade di Roma al Tempio di Giove. Il generale avrebbe essere vestito di una veste lunga, viola, portando un scettro nella mano destra, equitazione in un carro trainato da quattro cavalli bianchi; lo seguiva una grande massa di cittadini, suo esercito e prigionieri di guerra, quest'ultimo naturalmente, in catene. Dopo essere arrivati al tempio, egli vorrebbe fare un sacrificio, assicurandosi di donare una parte del suo bottino a Giove, ringraziando Giove per la sua vittoria in battaglia.
A questi generali Jupiter rappresentato il coraggio dell'esercito romano. Tuttavia, mentre era venerato dai militari, essendo spesso visto come un patrono della violenza, era anche un politico Dio, che conferisce legittimità sia l'Assemblea popolare e il Senato. Il Senato non consentirebbe una dichiarazione di guerra senza la benedizione di Giove. Egli era il patrono dei giuramenti e trattati e il Punitore dei spergiuri. Nessuna azione politica è stato iniziato o completato senza il suo giudizio. I giochi Capo ha celebrati nel mese di settembre, i Ludi Romani, sono stati osservati in suo onore.
clip_image003

Il declino di Giove

Giove, tuttavia, ha avuto suoi detrattori e sfide. Dopo la morte di Julius Caesar, che un tempo fungevano da un flamen dialis o personale ufficiale sacerdotale di Giove, seguaci dell'imperatore Augustus' ha avviato un culto imperiale: il culto dell'imperatore come un Dio. Mentre Augusto ha respinto l'idea di essere un Dio, quelli imperatori che seguirono spesso gustato l'idea, spesso conferimento deificazione di un predecessore; Imperatore Caligula sosteneva anche di essere un Dio vivente. E come Alessandro Magno, che credeva di essere il figlio di Zeus, imperatore Galba credeva che egli discendeva da Giove. Imperatore Elagabalus temporaneamente sostituito Giove con Elagabal, un Dio siriano. Egli aveva anche una grande, nera a forma conica pietra - un simbolo di culto della sua religione - portato dalla Siria e installato sul Palatino. Un nuovo tempio, Elagabalium, fu costruito per onorare Elagabal. Per fortuna, il suo successore, Alexander Serverus voleva ingraziarsi con il popolo di Roma e restituito Giove al suo giusto posto come Dio supremo: mandò la pietra torna alla Siria. Più tardi, nel terzo secolo, Giove è stato sostituito, questa volta che era il culto del Sol Invictus, il sole, un patrono dei soldati invitto. Ancora una volta, Giove è stato salvato da imperatore Diocletian. Infine, Sant'Agostino, autore della Città di Dio, ha condannato la società romana e la sua religione. Ha scritto che non solo dei Romani non riuscì a proteggere i Romani dal disastro, ma Giove è stato individuato come essendo un adultero.
Con l'ascesa del cristianesimo e la caduta dell'Impero nel v secolo CE, Giove e i suoi compagni dei divennero la roba di mitologia. I loro nomi ora vivono attraverso i pianeti: Giove, Nettuno, Marte, mercurio e Venere. Purtroppo, memoria di Giove è stato oscurato anche dal suo omologo greco Zeus. Egli ha fatto, tuttavia, svolgono un ruolo cruciale nella cultura romana durante la maggior parte della sua storia. Ha protetto i Romani dall'ira dei loro nemici, in pace e in guerra. Nonostante i successi e i fallimenti degli imperatori, Giove era, quindi, una caratteristica sempre presente della vita quotidiana romana.
Estratti dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica