Passa ai contenuti principali

Fa il punto G?

Il G-punto, in onore del tedesco medico Emst Gräfenberg - in primo luogo ha suggerito l'esistenza-è una piccola zona erogena si trova all'interno della vagina, che suscita molte polemiche.
Il G-punto - così chiamato in onore del medico tedesco Emst Gräfenberg, che fu il primo a suggerire loro esistenza negli anni ' 50 del secolo scorso - è costituito da una piccola zona erogena di tra uno e cinque centimetri davanti la vagina e particolarmente sensibile, che per essere stimolate consente di sperimentare un orgasmo della parete.
Ancora oggi, il G-spot suscita molte polemiche, e gli specialisti non sono d'accordo che si tratti di un mito o una posizione reale anatomica. Ci sono stati numerosi studi e indagini a questo proposito e anche se i risultati mostrano che la maggior parte delle donne crede nel G-punto, non è stato dimostrato che una posizione anatomica che soddisfi la vostra descrizione.
Studi anatomici non hanno trovato alcun organo o struttura interna che potrebbe corrispondere al G-spot e né gli esami istologici, che ha analizzato la zona alla ricerca di terminazioni nervose specifiche che possono essere coinvolti in una maggiore sensibilità nella zona, hanno fornito dati conclusivi in questo senso.
Tuttavia, le indagini recenti hanno trovato, attraverso l'introduzione di sensori termici in vagine di donne che hanno partecipato a degli studi che hanno osservato una maggiore sensibilità nella parete anteriore della vagina che nella parte posteriore, anche senza praticare alcun tipo di pressione.

Connessione con il clitoride

Nel 2009 il ginecologo francese Odile Buisson ha detto la teoria che il G-spot può effettivamente essere una connessione del clitoride interno nella vagina. Negli studi effettuati con ecografia, questo specialista ha trovato che quando il clitoride si gonfia a causa di eccitazione, parti interne sono molto vicino alla vagina, così che potrebbe spiegare l'aumento di sensibilità nella zona.
Gli studi effettuati con immagini ecografiche anche trovate differenze nello spessore del urethrovaginal spazio in donne che hanno avuto contatto in G-spot orgasmi e che non. Secondo questi dati, Buisson ritiene che il G-spot può essere una parte della vagina che renderebbe possibile raggiungere la parte interna del clitoride.
Richiamare il punto può fare pensare che è un pulsante' magico', è solo necessario fare clic per ottenere un piacere immediatamente, mentre come ha detto il professore di ginecologia italiana Emmanuelle Jannini, è piuttosto più complesso, e non necessariamente un «punto», ma è una zona più spessa e con un maggior numero di terminazioni nervose si trova nella parete anteriore della vagina, e che egli chiama complesso clito-uretro-vaginale (CUV).
L'esistenza di questa zona particolarmente sensibile all'interno della vagina anche spiegherebbe 'vaginali' orgasmi, poiché, anche se molti orgasmi che le donne avvertono durante la penetrazione è effettivamente prodotto come risultato la stimolazione del clitoride, è stato dimostrato che ci sono solo orgasmi vaginali.
Mito o realtà, la verità è che i suoi sostenitori sostengono che il G-spot è una grande zona erogena che tutte le donne vorrebbero trovare, ma senza dimenticare che il corpo è pieno di zone potenzialmente erogene, e che il sesso è nel cervello, quindi mettere la vostra immaginazione... e godere.
Pubblicato per scopi didattici
Questo sito web non fornisce consigli medici, diagnosi o trattamento
Malattie e condizioni

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…