RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata

Definizione: Horemheb | Horemheb fu l'ultimo faraone della XVIII dinastia egizia

ADS

da Joshua J. Mark
clip_image030
Horemheb (regnò dal 1320-1292 A.C.) fu l'ultimo faraone della XVIII dinastia egizia. È anche conosciuto come Dejserkheprure e Horemhab. Suo nome significa, "Horus è in Festival" e lui è venuto dalle classi inferiori dell'Egitto, egli stesso lavorato fino attraverso i ranghi dell'esercito, divenne comandante in capo delle forze armate egiziane e infine il faraone. Piccolo è conosciuto circa la sua vita in anticipo, ma sembra che inizialmente servì sotto Amenhotep III e continuato servizio sotto Akhenaton. Arriva prima all'attenzione degli storici durante il Regno di Tutankhamon quando ha agito in qualità di consigliere del re giovane insieme con il visir Ay. Ay è riuscito Tutankhamon e, alla sua morte, Horemheb prese il trono, al punto che ha avviato una campagna di tutta la nazione per cancellare i nomi del suo predecessore immediato dalla storia e rivitalizzare la nazione che aveva declinato secondo la regola di Akhenaton. Egli è generalmente considerato un faraone buono, ma se lui è un eroe o cattivo dipende da di uno vista del Regno di Akhenaton e reazione di Horemheb ad esso.

Inizi della carriera

Basa il suo testo di incoronazione, Horemheb è venuto dalla città di Heracleopolis, ma nulla si sa della sua parentela né nulla della sua giovinezza. Comparve nell'annotazione storica che serve sotto Amenhotep III, ma, poiché questo riferimento è chiaro, potrebbe avere iniziato la sua carriera sotto Akhenaton. Sembrerebbe, tuttavia, che dato che fu rapidamente promosso da Akhenaton al grande comandante dell'esercito, egli avrebbe fornito servizio al trono prima.
Horemheb voluto ripristinare Egitto alla grandezza che era conosciuto sotto il dominio di Amenhotep III.
Akhenaton ha avviato riforme religiose che proscritto le tradizionali pratiche religiose politeiste in Egitto e monoteismo istituito sotto forma della religione di Aton. ATEN era stata una divinità minore sole prima del Regno di Akhenaton, ma ora è diventato il Dio supremo dell'universo e l'unico Dio che gli egiziani sono stati ammessi al culto. Ulteriormente, Akhenaton si proclamò l'incarnazione di Aten ed elevato la moglie, Nefertiti, alla divina ugualmente lo stato. Così, la coppia reale non era solo gli intermediari tra il popolo d'Egitto e loro Dio, erano il Dio incarnato. Horemheb qualunque cosa può aver pensato di queste riforme al momento è sconosciuto, ma, sulla sua reazione successiva alla loro base, egli non approvava. Non ci sarebbe stato motivo buono per suo dispiacere. Lo storico Barbara Watterson rileva che:
Per il nono anno del suo Regno, Akhenaton aveva proscritto gli antichi dèi dell'Egitto e ordinato loro templi per essere chiuso, una questione molto seria, per queste istituzioni ha giocato una parte importante nella vita economica e sociale del paese. Persecuzione religiosa era nuovo per gli egiziani, che avevano sempre adorato molte divinità ed erano sempre pronto ad aggiungere nuovi dèi del pantheon. Atonismo, tuttavia, era una religione molto esclusiva, limitata alla famiglia reale, con il re come l'unico mediatore tra l'uomo e Dio (111-112).
Ancora, Horemheb servito suo re come comandante in capo e ha portato gli eserciti di Egitto contro gli Ittiti nel nord. Se egli ha fatto servire sotto Amenhotep III, allora sua frustrazione sotto Akhenaton doveva essere immenso in quanto le iscrizioni si riferiscono che l'esercito egiziano, una volta invincibile, è riuscito a vincere una sola vittoria contro gli Ittiti durante il Regno di Akhenaton. La causa di questo è pensata per essere negligenza del re degli affari nazionali e stranieri a causa del suoi intensi interesse religiosi. Nefertiti assunse la responsabilità di suo marito, ma, nonostante i suoi sforzi, l'Egitto ha continuato a diminuire in potenza. Le esercitazioni militari e disciplina, che era stato una parte normale della vita dell'esercito sotto Amenhotep III, aveva affievolito come, in realtà, aveva ogni altro aspetto della regola egiziana salvo che di fede monoteistica di Akhenaton.

Tutankhamon & Ay

Akhenaton morì nel 1353 A.C. e, dopo un breve governo ad interim da un altro dei suoi figli (o, si è pensato, da Nefertiti), suo figlio Tutankhaten salì al trono. Poco dopo la sua incoronazione, Tutankhaten cambiò nome in Tutankhamon, abrogato proscrizioni di suo padre e restituito Egitto alle pratiche religiose tradizionali. Egli spostò la capitale da città di Akhetaten di Akhenaton torna a Tebe e riaperto i templi. Anche se il suo regno durò solo dieci anni, e morì prima di lui aveva 20 anni, gli sforzi di Tutankhamon per riportare Egitto al suo equilibrio ex avrebbero significato un ottimo affare per il popolo del paese. Il concetto egiziano di Maat, dell'Eterno equilibrio, è stato pensato per essere mantenuto dalla cooperazione del popolo nel lavoro degli dèi. Abbandonando quelli dii, si pensava, Akhenaton aveva portato squilibrio nella terra ed era questo equilibrio che Tutankhamon ha cercato di ristabilire.
clip_image031
Quando Tutankhamon morì, Horemheb fu nel nord che conduce gli eserciti di Egitto contro gli Ittiti. Il visir Ay ordinò un cerimonia matrimonio con la giovane vedova di Tutankhamon, Ankhsenamun, per officiare al funerale del re e poi salì al trono. Questo matrimonio ufficiale è stato ritenuto necessario al fine di mantenere l'equilibrio, il concetto di armonia celeste noto come ma ' at, ma non era un matrimonio reale. È stato presupposto, tuttavia, che Ankhsenamun avrebbe sposato Ay al fine di legittimare la sua pretesa al trono e, ancora una volta, garantire l'equilibrio della terra. Poco dopo il funerale, tuttavia, Ankhsenamun scrisse all'ittita re Suppiluliuma I chiedendogli di inviare uno dei suoi figli di essere suo marito. Lei ha rifiutato di sposare Ay (che potrebbe essere stato suo nonno) e voleva un marito di sangue reale che lei potrebbe prendere in considerazione un piano di parità. Suppiluliuma era sospettoso a prima ma, dopo rassicurazioni di Ankhsenamun, mandati il suo figlio Zananza per essere re d'Egitto. Il principe venne assassinato prima di raggiungere il confine, tuttavia, e questo assassinio lungo è stato pensato per essere il lavoro di Horemheb. L'egittologo Zahi Hawass scrive:
Forse Ay ha detto il comandante dell'esercito, Horemheb, ciò che aveva fatto la giovane regina, o forse Ay e Horemheb erano essi stessi coinvolti in una lotta per il trono. Forse i due uomini hanno deciso insieme fermare il principe ittita, perché esso avrebbe portato vergogna sulla nazione per una regina egiziana di sposare uno straniero - una cosa del genere sarebbe hanno invertito il giusto ordine delle cose. Forse era Ay, o il suo successore, Horemheb, che ha avuto il principe ittita ucciso; e forse Ankhsenamun fu costretto, dopo tutto, a sposare gli anziani Ay. In realtà, non abbiamo alcun indizio al suo destino finale (68).
Ay regnò per tre anni e, non avendo nessun erede alla sua morte, Horemheb prese il trono. Mentre Ay aveva continuato delle politiche di Tutankhamon riguardanti il ritorno ai tradizionali pratiche religiose, Horemheb Vorrei andare molto oltre, ed è questi criteri per cui è ricordato.

Faraone Horemheb

Horemheb ascese al trono c. 1320 A.C. e, secondo lo storico Margaret Bunson, "ha segnato il suo Regno con vasti programmi per ristabilire l'ordine e ricostruzione Egitto di decimato santuari. Tributi ha fluito in terra durante il suo Regno e piccola città-stato e nazioni inviate delegazioni di mantenere rapporti cordiali con lui; fu chiamato 'poppa' dai contemporanei"(115-116). Sostenendo che i dèi, specificamente Horus di Hutsenu (suo Dio patrono), avevano scelto per riportare equilibrio in terra, Horemheb istituì una rigorosa ortodossia sulla pratica religiosa tradizionale. Bunson scrive:
Tutte le proprietà dei templi tornò ai sacerdoti legittimi, terre che Akhenaton aveva confiscato durante il periodo di Amarna. Inoltre ha datato il suo regno fino alla morte di Amenhotep III nel 1353 A.C., cancellando in tal modo il periodo di Amarna ed il relativo guaime. Suo regno fu segnato anche con la costruzione di programmi, tra cui i restauri e l'inizio delle aggiunte al Karnak, Nubian santuari, il Tempio di Ptah e tombe a Menfi e Tebe (116).
Horemheb distrutta città di Akhetaten di Akhenaton e trasferì la capitale dell'Egitto da Tebe a Memphis per allontanarsi da tutto ciò che aveva a che fare con i governanti del periodo Amarna (il periodo durante il quale la capitale dell'Egitto era al Akhetaten, oggi conosciuta come 'Amarna', ma i successori di Akhenaton compreso prima di Horemheb). I monumenti, templi e stele che era stato eretto dai suoi immediati predecessori furono abbattute e utilizzati come riempimento nella costruzione di nuovi edifici. Proprio come Akhenaton aveva ordinato che tutti i segni degli antichi dèi dovrebbero essere cancellati dal paesaggio dell'Egitto, Horemheb proclamato che essere cancellato ogni riferimento alla religione di Aton. Tale successo fu in questo obiettivo che più tardi egiziani credevano era il successore di Amenhotep III e aveva semplicemente continuò le politiche di quel re. Akhenaton, Tutankhamon e Ay sono stati dimenticati dalla storia così completamente che era finché non sono emerso negli scavi nel tardo secolo XIX e XX che si sapeva che fosse mai esistito.
L'obiettivo primario di Horemheb ha avuto non così tanto da fare con la religione, tuttavia, come equilibrio. Ha voluto ripristinare Egitto alla grandezza che era conosciuto sotto il dominio di Amenhotep III. In questo sforzo, è riuscito mirabilmente come è attestata da iscrizioni successive per quanto riguarda il suo Regno. Bunson scrive:
Il suo atto più ambizioso e benefico fu il ristabilimento dell'ordine nella valle del Nilo. Suo famoso editto riguardante il governo ferma è stato trovato su una stele frammentata in Karnak. L'editto interessato abusi legali che si svolgono a causa della lassità della regola di Akhenaton. Horemheb ha dichiarato che i funzionari dello stato e province sarebbero essere ritenuti responsabili per truffare i poveri, per intascare fondi e per appropriazione indebita dell'uso di schiavi, navi e altre proprietà. Il re individuato rango superiore ufficiale soprattutto, promettendo sentenze swift e la pena di morte per reati. L'editto anche annuncia le nomine di uomini responsabili come visir e dà informazioni circa la divisione dell'esercito in piedi in due unità principali, uno nell'alto Egitto e uno in basso Egitto. Horemheb pubblicato non solo il suo editto in tutta la terra ha preso visite di ispezione per assicurarsi che tutte le disposizioni sono state portate avanti in aree remote, nonché le città (116).
Horemheb regnò per 28 anni e, in quel tempo, restaurato Egitto al suo equilibrio ex, anche se non al livello di potenza era conosciuto sotto Amenhotep III. Non aveva nessun erede per prendere il trono e così nominato suo visir ed ex compagno d'armi Paramesse come erede al trono. Paramesse prese il nome di Ramses che al momento della sua ascensione e fondata la XIX dinastia egizia.
Estratti dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica

RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata