Definizione di Dimissioni| Concetto di Dimissioni

Significato di Dimissioni


La rassegnazione è un concetto che si riferisce alla rinuncia o abbandono di un lavoro, ufficio, una posizione, una Commissione, ecc. Il termine deriva dalla parola latina dimissio.
Esempi: «il direttore non ha accettato le dimissioni del Dr. Lurezzo», «persone si sono riunite nella piazza principale per chiedere le dimissioni del sindaco», "le dimissioni dell'allenatore è stata una sorpresa per i giocatori."
Dimettendosi, la persona esegue un atto unilaterale: colui che detiene la posizione, decide di lasciare. Così, la rassegnazione è diversa dal licenziamento, qualora un'autorità o superior richiede la persona ad abbandonare il suo posto.
Nella vita quotidiana, tuttavia, non ci sono uscite che non sono unilaterali ma consensuale. L'allenatore di una squadra di basket può incontrare con gli amministratori del club dopo una serie di sconfitte. Durante l'incontro, tutte le parti sono d'accordo che è meglio mettere da parte per evitare nuovi disordini tra i tifosi perché non sono in grado di invertire la situazione. L'allenatore ha deciso di dimettersi.
Ci sono anche casi dove rassegnazione è richiesto da un'autorità, che assomiglia ad un licenziamento, ma che ha conseguenze giuridiche diverse (dimettendosi, non riceve alcuna retribuzione). Il Presidente di un paese non è soddisfatto del lavoro del ministro dell'economia. Il ministro, inoltre, spesso reso dichiarazioni alla stampa che non amano il deputato. In tale situazione, la sedia ha chiesto le dimissioni del ministro.
Pubblicato per scopi didattici
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano