Cos'è Cavalleria Romana | Definizione e origine.

da Mark Cartwright
clip_image023
Cavalleria, anche se mai sostituendo fanteria come il sostegno dell'esercito romano, potrebbe fornire copertura utile sui fianchi degli eserciti, potrebbe essere usato come una tattica di scossa di perturbare per formazioni di fanteria nemica e poteva perseguire un nemico durante la confusione della ritirata. Di conseguenza, molti un'antica battaglia è stato vinto o perso a seconda delle prestazioni dei soldati montati. Sempre più impiegato nel corso dei secoli, i piloti anche diversificato che tipi di cavalleria hanno variato da arcieri montati corazza leggera a cavalleria pesante con Lance dove cavallo e cavaliere indossava corazza metallica di non lasciare nessuna parte del corpo esposta. Anche la cavalleria divenne particolarmente utile nel periodo romano più tardi quando si è reso necessario di pattugliare gli Stati di frontiera sempre più polemico.

Equites

La cavalleria romana prima era il semi-leggendario celeres o trossuli. Si trattava di un corpo di trecento uomini dei piloti che i primi re di Roma incorporati nella Legione, poi aumentando il loro numero a 600. Hanno trasportato lance e i loro cavalli erano decorati con dischi d'argento (phalerae). Servius Tullius, il sesto re di Roma (578-535 A.C.), ancora una volta aumentato il numero del corpo di cavalleria (equites), questa volta a 1.800. I membri dovevano servire in dieci campagne ma avevano diritto di voto in Assemblea, loro cavallo e attrezzature è stata fornita dallo stato, e hanno goduto di uno status elevato, quindi la predominanza degli aristocratici nei loro ranghi. Circa 400 A.C. la cavalleria fu ulteriormente ampliato con piloti chi ha pagato per il proprio cavallo (equites equo privato) ma che non abbiamo potuto goderci lo stesso stato come il più vecchio equiteso privilegi. Tuttavia, la cavalleria membri hanno ricevuto stipendi più alti di fanteria. Anche se il corpo di equites ha continuato a fornire materiale ufficiale per l'esercito, per l'II secolo A.C. italiana cavalleria era utilizzato meno nella guerra romana e il loro ruolo è stato sostituito da stranieri auxilia.

Auxilia

Dalla cavalleria dei secolo A.C. membri più spesso provenivano da province fuori dall'Italia e Stati alleati potrebbero anche fornire cavalleria impone quando richiesto. Classificati come auxilia, queste truppe formate ali di cavalleria o alae. Questi è venuto in due gruppo Dimensioni: quingenaria avendo 512 uomini e milliaria avendo 768. Una truppa di cavalleria (turma) ha consistito di 30 uomini con due ufficiali e comandati da un decurio. C'erano anche coorti miste di fanteria e cavalleria (coorti equitatae). La cavalleria era davvero solo un distaccamento minore però, per un totale di 128 di 512 o 256 dell'unità 768-uomo. Sappiamo, per esempio, di tali un equitatae in Siria nel III secolo D.C. che in realtà aveva 923 membri, 223 dei quali erano di cavalleria e 34 erano piloti cammello. Comando di queste unità è rimasto nelle mani di ufficiali romani con il titolo di praefecti ma, nel corso dei secoli, la differenza tra auxilia e Legionari regolari è diventato meno distinta.
In battaglia cavalleria era in genere distribuito sui fianchi e utilizzato per proteggere e la fanteria a schermo.
Cavalleria ha aumentato in risalto nell'esercito romano nel corso del tempo, anche se mai sostituito fanteria in importanza e soprattutto nel tardo Impero quando si è reso necessario di pattuglia popoli sempre più inquieta frontiera con una maggiore mobilità della truppa. Dal Regno di Diocleziano, forse composta di un terzo dell'esercito romano e nuove unità di cavalleria 500-forte conosciuto come distaccamenti di cavalleria pattugliato le frontiere settentrionali. Queste unità sono state nominate dopo il quadrato vexillum standard che hanno trasportato.

Il cavallo

I Romani ereditato conoscenza dei cavalli dai greci e accumulato un corpus di competenze che copriva i migliori tipi di cavalli di impiegare, il tackle più efficaci e metodi di allenamento da usare e le più efficaci pratiche veterinarie. Stalloni di Partia, Persia, Media, Armenia, Cappadocia, Spagna e la Libia sono stati il più pregiato. Preferendo gli animali più grandi, cavalli inoltre sono stati selezionati per il loro temperamento, la resistenza e la resistenza ad ambienti estremi e la privazione di cibo. Cavalli di formazione assicurata è diventato utilizzato per spese di gruppo, armi lampeggianti, rumori di battaglia e strani animali come gli elefanti che il nemico potrebbe campo.
I cavalli sono stati alimentati orzo e ogni cavaliere è stato attribuito sei staia ogni mese. Secondo Polibio un cavallo ha ricevuto 3,5 chili al giorno. Nonostante ogni cura, i cavalli correvano il rischio di malattia e infortunio, di gran lunga il più comune essendo zoppia - in gran parte perché i cavalli erano ferrati. In battaglia, potrebbero essere trattate meno gravi ferite all'animale, ma la più grande minaccia proveniva da ferite infette.
Per il pilota per controllare meglio il cavallo, varie virare come cifratura e selleria sono stati utilizzati. I bit disposto nella bocca del cavallo e collegato alle redini erano spesso duri in modo da fornire una risposta immediata dall'animale, e ci sono ampie prove che i piloti indossavano speroni. Potrebbero anche essere messa la museruola cavalli per prevenirli mordere reciprocamente quando in formazione stretta. La sella romana era fatta di legno rivestito in pelle e aveva due anteriori e due corni posteriori per mantenere il pilota in posizione, particolarmente importante in quanto non c'erano staffe. Sono stati anche, senza dubbio, utile per appendere i bit e pezzi di equipaggiamento di cavalleria.
Cavalieri e cavalli addestrati in recinti appositamente costruiti e poi progredito a lunghe marce e la pratica di manovre quali accuse e contro-accuse su una varietà di terreni. C'erano anche tornei (hippika palestre) di fornire incentivo per perfezionare le abilità a cavallo.
clip_image024

Armi & armatura

Anche se armi potrebbero essere fino ai singoli dei alae, a seconda di dove sono venuti, standard cavalleria romana indossava armature posta o scala e trasportato un ovale piano o curvato, rotonda, o anche allungata scudo esagonale (thyreos) di legno coperto di nascondere, bordati in metallo con una sporgenza centrale e decorata con disegni di identificazione. I piloti indossavano un casco che era simile alla fanteria ma in genere con protezione supplementare per le orecchie e solitamente più altamente decorato. Armi inclusa la vasta spada (spatha, fino a 90 cm di lunghezza) o spada lunga (machaira) e breve lancio spears (akontes), di cui c'erano tre appeso in una faretra sul fianco del cavallo e che potrebbe essere utilizzato anche per la spinta. Piloti potevano portare anche armi extra come spillo assi e mazze.
La cavalleria di contarri usato una lunga lancia (Mucrone o kontos) ma mai sono stata impiegata in gran numero e c'erano anche cavalleria leggera specializzati, per esempio, montato arcieri. Cavalleria pesante (cataphractarii), dove il cavallo e il cavaliere indossava corazza metallica, è stato anche utilizzato, soprattutto nelle province orientali. Diffuso dal 2 ° al 5 ° secolo CE, l'armatura articolata era composto da un doppio strato di lino con scale di lega di rame o di ferro cuciti su. Il cavallo sarebbe stato protetto così sui suoi fianchi con anche il collo, testa, petto, coda e gambe protette da coperture in metallo o in pelle. Il cavaliere indossava articolato armatura per proteggere la schiena e il petto e spesso indossava una maschera di metallo e protezioni per le cosce e stinchi. La sua arma era il contus, una lancia pesante misura 3,5 metri di lunghezza che ha richiesto due mani per maneggiare efficacemente. Non è stato confortevole da portare in giro tutto questo metallo pesante e cavalleria corazzata guadagnò il soprannome di clibanarii, significato 'forno uomini', in riferimento al calore subiti da chi lo indossa.

Strategie & sviluppo

I Romani imparato dall'esperienza greca monto ma, anche così, essi erano spesso surclassati dall'opposizione nel primo periodo di Repubblica, in particolare dai Cartaginesi. Forza di cavalleria numida di Annibale ha aiutato a infliggere una sconfitta clamorosa i Romani alla battaglia della Trebbia nel 218 A.C. e di nuovo al Trasimeno nel 219 A.C.. Asdrubale, comandante di cavalleria celtica e numida 10.000 al fianco di 40.000 fanteria di Annibale, ha preso su di Roma 6.000 cavalieri e 80.000 fanti della battaglia di canne nel 216 A.C. e goduto di un successo simile. Secondo Polibio, a canne romano forza di cavalleria è stato ridotto a soli 370 sopravvissuti. Con 50.000 romano morto che la battaglia era uno di Roma più pesante mai sconfitte. Alla fine, però, i Romani migliorata abbastanza per vincere contro Annibale alla battaglia di Zama nel 202 A.C., anche se con la cavalleria numida ora sul lato romano.
Cavalleria ha continuato a svolgere un importante ruolo militare come parte dell'esercito di Julius Caesar nelle guerre galliche.
Nonostante la sconfitta disastrosa del Marcus Licinius Crassus per mano la Cavalleria partica qualificata a Carre nel 53 A.C., cavalleria ha continuato a svolgere un importante ruolo militare come parte dell'esercito di Julius Caesar partecipò alle guerre galliche. Caesar ha reclutato piloti provenienti da ovunque poteva, tribù galliche anche. Inoltre armi migliorati adottando lance con punte ad ogni estremità ed ebbe la cavalleria impiegano più grandi scudi.
In battaglia, cavalleria era in genere distribuito sui fianchi, organizzato in loro turmae in tre ranghi e usato per proteggere e schermo la fanteria nelle fasi iniziali della battaglia e quindi a più tardi harry i fianchi e posteriore delle linee di fanteria nemica. Piloti potrebbero anche essere disposti ad un echelon con ogni cavallo ricevendo almeno qualche protezione dello scudo del pilota nella parte anteriore. Nelle fasi finali della battaglia, Cavalleria potrebbe anche perseguire e assorbire un esercito in ritirata. Manovre di battaglia sono state orchestrate da trombettieri e portatori standard.
Quando l'Impero crebbe e cavalieri più esperti sono stati incorporati nella macchina militare romana, lo standard di cavalleria romana migliorato e divenne uno dei motivi perché i nemici di Roma evitare battaglie piazzati su vasta scala. Tuttavia, dal v secolo CE, predominio militare romana ha cominciato a rompere e l'Impero subito diversi attacchi dannosi, in particolare dagli arcieri cavalleria armata di luce degli Unni, che ha permesso il loro leader, Attila, a molti saccheggiare una città romana. L'uso della cavalleria sopravvisse alla caduta dell'Impero Romano, anche se, come è diventato un elemento importante degli eserciti bizantini e medievali.
Estratti dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica