Cos'è Agrigento | Definizione e origine.

da Mark Cartwright
clip_image014
Agrigento (greco: Akragas, latino: Agrigentum) era una città-stato greca fondata situata sulla costa sud della Sicilia, nei pressi del fiume Akragas (ora S. Biagio) a soli 5 km dal mare. Al suo apice la città può avere oltre 300.000 abitanti, e si era racchiuso da oltre 12 km di mura di fortificazione che comprendeva nove cancelli. La prosperità di Agrigento è attestata dall'architettura magnifica del v secolo A.C. che sopravvive ancora oggi e che lo rende uno dei siti archeologici più suggestivi del Mediterraneo.

Cenni storici

Nella mitologia, Agrigento è stata fondata da Dedalo e suo figlio Icaro seguendo la loro fuga da Creta, ma nell'annotazione storica, la città-stato o polis è stata fondata nel c. 580 A.C. da coloni provenienti da Rodi e Creta, che aveva un secolo prima fondò la vicina città di Gela. Il righello precoce più notevole era il tiranno Falaride (c. 570-549 A.C.) che ha espanso la influenza della città nel territorio circostante e costruite le mura di fortificazione impressionante. Il tiranno è diventato famoso nella leggenda a causa del suo approccio innovativo alle esecuzioni. I condannati sono stati messi all'interno di un enorme toro di bronzo che era riscaldato quindi sopra un fuoco. Phalaris è stato solleticato dalle urla provenienti dall'interno il toro che sembrava che l'animale era muggito con rabbia.
Un simile periodo di dominanza locale è stato molto apprezzato durante il Regno di un altro tiranno Theron (c. 489-473 A.C.) che è stata notata come un solo sovrano e patrono delle arti. Schierandosi con Siracusa contro Cartagine, la città prosperò in seguito alla battaglia di Himera nel 480 A.C., anche se c'era una significativa battaglia con Ierone, tiranno di Siracusa, in c. 472 A.C.. Da questo periodo la città divenne noto per suo splendore architettonico, soprattutto suoi grandi templi dorici costruiti utilizzando pietra arenaria. Così tanto così, che Pindaro, iscritto un'ode a un victor Olimpico, ha scritto: 'Akragas, la più bella città dei mortali avevano mai costruito'. Diodoro descritto la città come uno dei più ricchi del mondo greco e il celebre filosofo e medico esperto Empedocles (c. 492-432 A.C.), che è venuto da Agrigento, notoriamente disse di abitanti della città e il loro vita facile: '... hanno partito come se essi morirà domani e costruire come se essi vivranno per sempre '.
Agrigentans 'partito come se essi morirà domani e costruire come se essi vivranno per sempre' Empedocles
Agrigento è stato neutra nella guerra tra Atene e Siracusa nel 413 A.C. ma era attaccato, assediata per sette mesi e poi distrutta dai Cartaginesi nel 406 A.C. - enfatica vendetta per la loro sconfitta a Himera nel 480 A.C.. La città ha recuperato alla fine ed è diventato un importante insediamento ellenistico, ma Agrigento venne nuovamente saccheggiata nel 262 A.C. e 210 A.C., questa volta dai Romani. Tuttavia, i nuovi padroni hanno garantito un nuovo periodo di prosperità per Agrigento. Quartiere ellenistico-romano della città sopravvive ancora in parte oggi ed era rifinita in un modello di griglia regolare con sei strade principali che divide la città in bande. Ville con affreschi e mosaici sopravvissuti attestano la ricchezza di cui goduta alcuni dei residenti della città. La città continuò a prosperare in epoca bizantina e il distintive semi-circolare tombe scavate nella roccia arenaria ancora possono essere visto dal visitatore moderno.
clip_image015
Resti archeologici

Il Tempio della Concordia

Costruito tra il 450 e il 430 A.C., è uno dei meglio conservati templi greci ovunque ed è spesso descritto come il Partenone della Magna Graecia. Misura 40 x 17 metri, il tempio dorico era probabilmente dedicato a Castore e Polluce. L'interno è costituito da un pronao, cella e opistodomos, dove sono stati mantenuti tesoro, offerte e registri pubblici. Ci sono sei colonne su ogni facciata e 13 lungo i lati più lunghi; ciascuno consiste di quattro tamburi scanalati. Il fregio ha alternanza di triglifi e metope pianura. Il tempio è in buone condizioni, in gran parte perché fu trasformato in basilica cristiana nel 597 D.C., quando l'interno è stato convertito in arcate con tre navate.

Il Tempio dei Dioscuri (Castore e Polluce)

Il nome è una convenzione e i resti, oggi, sono stati ricostruiti nel XIX secolo CE. Originariamente, il Tempio di v secolo A.C. misurava circa 34 x 16 metri e ha avuto una disposizione di 6 x 13 delle colonne esterne. Fu distrutto durante l'assedio di 406 A.C.. Davanti al tempio è un altare circolare, una volta usato per sacrificare animali e libagioni in cerimonie religiose e una parte importante del Santuario di Demetra e Persefone.

Il Tempio di Ercole

Il più antico tempio presso il sito è stato costruito nel c. 510 A.C. in onore dell'eroe greco Ercole che era particolarmente venerato a Agrigento. La base del tempio misura 73,9 x 27,7 metri e l'altezza completa sarebbe stato circa 16 metri. Originariamente, c'erano 6 colonne su ogni facciata e 15 lungo i lati, ma oggi solo nove sono ancora in piedi, ri-eretto nel 1922 CE. Ogni colonna era composto da quattro tamburi scanalati e il frontone avrebbe trasportato scultura decorativa. Una statua di bronzo sorgeva all'interno.

Il Tempio di Giunone (Hera Lacinia)

Costruito tra il 450 e il 430 A.C., il tempio dorico misurato circa 41 x 20 metri e 15,3 m di altezza. Originariamente, c'erano sei colonne su ogni facciata e 13 lungo i lati lunghi. Ogni colonna è costituito da quattro tamburi e 30 sono ancora in piedi oggi. Interessante, si possono ancora vedere qua e là delle macchie nere di danno da fuoco causato dall'attacco cartaginese nel 406 A.C.. All'interno del tempio si trovava una statua della dea, Hera (nome romano: Juno), venerato per il suo ruolo come protettrice dei matrimoni e cerimonie di nozze e riti avrebbero una volta preso posto all'esterno del tempio; le rovine dell'enorme altare è visibile ancora oggi.
clip_image016
Il Tempio di Zeus
Il massiccio tempio di Zeus (o Olympieion) fu costruito negli A.C. 480s per commemorare la vittoria contro Cartagine nella battaglia di Himera. Uno dei più grandi templi costruiti nell'antichità, circa 113 x 56 metri e in piedi su una base di cinque fasi, era alta 33 metri e le dimensioni di uno stadio di calcio moderno. E ' stato anche insolito in quanto invece il tipiche colonne libere esterne, insolitamente spesse colonne (7 sulle facciate x 14 sui lati lunghi) sono state impegnate in una mezza parete e gli inter-spazi superiori tra le colonne sono stati riempiti con enorme atlantide figure (la versione maschile di Cariatide, noto anche come telemones) apparentemente che sostiene il tetto con le braccia piegate. Queste figure di Dio-come 38 erano 7,6 metri di altezza, ma loro esatto posizionamento è ancora dibattuta dagli studiosi. L'altezza delle colonne del tempio da solo era 16,88 metri e la larghezza della base 4,22 metri. Secondo Diodoro Siculo, i frontoni avevano sculture che rappresentano una Gigantomachia e scene dalla guerra di Troia.
Il tempio è anche un esempio precoce e raro nell'architettura greca dell'uso di ferro all'interno dei blocchi di pietra. Slot sono stati tagliati nelle pietre dell'architrave in cui sono stati inseriti sbarre di ferro (31 x 10 cm) che ha fornito supporto strutturale, mentre le pietre sono state assemblate in posizione. Non avevano alcun effetto benefico, una volta che i blocchi erano a posto ma fornito resistenza alla trazione, mentre la costruzione era in corso per i blocchi di architrave grande che ha misurato l'insolitamente grande divario tra le colonne. Il tempio era in realtà non del tutto finito quando fu distrutta dai Cartaginesi nel 406 A.C..
clip_image018
Tomba di Theron
Tradizione attribuito questo monumento di Theron, considerando che la sua tomba, ma, in realtà, la struttura è un monumento di A.C. Romano 1 ° secolo probabilmente che commemora l'assedio di 262 A.C.. Una combinazione di dorico e ionici elementi architettonici, il monumento è 9,3 m di altezza e 5,2 m di larghezza. Una piramide slanciata, ormai perduta, sorgeva in cima alla struttura.

Altre strutture e manufatti

Altre strutture di nota sono il Tempio di Efesto, costruito nel c. 430 A.C., di cui solo due colonne e una parte della base a sopravvivere. C'è anche il Tempio di Asclepio, il fulcro di un santuario di 10.000 metri quadrati per il Dio della guarigione costruito tra il 400 e il 390 A.C.. Infine, c'è anche un ben conservato del IV secolo A.C. Ekklesiasterion, una volta utilizzato per assemblee pubbliche.
Non sorprende che per un importante insediamento, il sito è anche una fonte ricca di reperti risalenti al periodo neolitico. Pezzi stella includono alcuni del atlantides enorme dal Tempio di Zeus, un raffinato marmo kouros, un torso di guerriero in marmo espressiva, finemente intagliati sarcofagi romani e un'eccellente selezione di greco ceramica rosso e nero-figura. Questi sono tutti ospitati nel Museo Archeologico di Agrigento.
Estratti dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica