Ciclo di vita del prodotto | Concetti di Marketing.

L'analisi del ciclo di vita del prodotto o del servizio è che hanno una vita limitata; Questo è simile a quello che accade a noi esseri umani. I prodotti e i servizi hanno un ciclo di vita che inizia con la sua creazione (nascita) e termina con il ritiro dal mercato (morte).
Relative agli esseri viventi, possiamo dire che i prodotti e/o servizi hanno un periodo di crescita dopo un periodo di declino che precedono la morte e la nascita.
Di conseguenza, il ciclo di vita è il processo mediante il quale i prodotti o servizi che vengono rilasciati sul mercato attraverso una serie di fasi che vanno dal suo concepimento fino alla sua scomparsa da altri più aggiornati e più appropriato dal punto di vista del client.
Quando lei sta monitorando i risultati di molti prodotti o servizi in un determinato periodo, si è scoperto che il modello più comune delle vendite rimane un coerente introduzione, crescita, maturità e declino della curva (come mostrato nel grafico). È ovvio che all'inizio le vendite sono molto basse, stanno aumentando gradualmente e poi cominciano a diminuire.
Beni e servizi si incontrano, dalle sue origini fino alla sua scomparsa, le prossime tappe della loro vita ciclo: rincorsa; Introduzione; crescita; maturità; declinazione; scomparsa e rimozione.

Fase precedente

In questa fase, prima della sua origine, sono sviluppati i seguenti processi nella vita del prodotto, tra gli altri,: concezione dell'idea, sviluppo del progetto, prima della produzione di massa e le indagini di lancio, piano business, ecc.

Fase di introduzione

In questo caso, una volta lanciato il prodotto sul mercato, l'azienda è occupata attraverso la commercializzazione di tutte le attività necessarie per garantire la copertura e l'originale piano di penetrazione previsto negli obiettivi del progetto.
Maggiori sforzi sono concentrati in: copertura dei canali di distribuzione; promozione, merchandising; formazione e supervisione della forza vendita; distribuzione fisica per riunioni con i clienti; Casa comunicazione pubblicità e, soprattutto, il suo posizionamento.
Ci sono diversi indicatori per identificare questa fase. In primo luogo, graduale copertura dei punti vendita selezionati come bersagli. Allora, ridotta rotazione delle scorte nei canali; la graduale crescita nei volumi delle vendite, gli acquisti ripetizioni lenti come pure la loro progressiva partecipazione al mercato del. Non è possibile specificare cifre precise o validi per tutti i casi; Ma esperienze indicano che quando un prodotto è riuscito a superare il 10% degli obiettivi per la sua fase di maturità quando raggiungerà il massimo della vendita atteso è stato la sua introduzione e comincia a crescere.
In questa fase, la politica dei prezzi e finanziamenti dovrebbero essere strategicamente deciso di facilitare la penetrazione rapida.

Fase di crescita

In questa fase, il prodotto completa il posizionamento finale, consolidato la sua copertura e ha cominciato ad aumentare la loro partecipazione al mercato.

I segni che identificano questa fase sono:

posizionamento definito segmento;
una maggiore differenziazione di base;
grado di fedeltà o di acquisti ripetuti con il continuo progresso;
copertura molto buona nei canali di distribuzione;
maggiore penetrazione nel mercato, ma con ampie opportunità di avanzare (tra l0% e il 95% dell'obiettivo massimo fissato per quando il prodotto raggiunge la maturità);
contributo marginale supera al 25%;
Utilities lordo in crescita, ma ancora bassa in relazione alle loro potenzialità;
lo sviluppo di curva di apprendimento;
portfolio ampio e fuori, ma con la possibilità di proroga;
una pressione forte e risposta competitiva;
continuo progresso per raggiungere la leadership nei costi;
sostenuta tendenza in crescita delle vendite;
segmenti e nicchie di mercato ancora vergine, o con bassa penetrazione.

Fase di maturità

Quando il prodotto ha raggiunto la massima partecipazione possibile e predisse la sua evoluzione nel mercato, ha raggiunto la cosiddetta fase di maturità.
I segnali chiavi che riflettono questa fase includono, ma non sono limitati a:
livello ottimale di copertura e penetrazione del mercato, con un piccolo potenziale di crescita;
completamento del trend di crescita delle vendite;
livelli massimi di contributo e redditività finale, ditta ma stabilizzata;
massima azione del concorso per spostare le posizioni raggiunte;
leadership e dominanza in segmenti di azionamento, o mercato totale;
alti livelli di fidelizzazione dei clienti;
vasta e quasi totale estensione di linee o di varietà del prodotto;
Marche e gli impieghi di alto riconoscimento e posizionamento profondo;
elevato turnover delle rimanenze nel business e punti vendita;
mancanza del requisito di ulteriori investimenti per sostenere posizioni di successo.

Fase di declino

Dopo un altopiano di alta partecipazione e ottime vendite e profitti nel mercato, qualsiasi prodotto o servizio, nel corso del tempo, tende a diminuire nella sua evoluzione. Questo può verificarsi in alcuni, o più, delle seguenti cause:
cambiamenti nel comportamento dei clienti e utenti;
innovazione tecnologica che segna l'inizio di un ciclo di obsolescenza;
errori strategici inerenti l'azienda;
cambiamenti delle condizioni socio-economiche dell'ambiente;
Leggi o regolamenti;
influenze geopolitiche (cassa Mercosur, Nafta, ecc.).
All'interno del ciclo di declino, possiamo riconoscere tre istanze:
perdita fino al 25% delle posizioni precedentemente sostenuto (vendite, quota di mercato, utilities, ecc.);
Nel ciclo di declino, è possibile provare gli sforzi per rallentare il ritmo della caduta, ma non più di questo, dal momento che, quando vengono rilevati i loro segnali di iniziazione, il ciclo è irreversibile e non giustificato, economicamente, effettuare investimenti per fermare o invertire tale tendenza.
Nella seconda parte del declino, fino a 50% della loro maturità complessiva, il prodotto o il servizio è ancora interessante per l'azienda. Fornisce buoni volumi di vendita, assorbito i costi di struttura, genera forse anche utilities, completa la linea di prodotti e serve a soddisfare una clientela che è ancora vera, in quantità significative. Poiché tale istanza non richiede investimenti né sforzi supplementari, simili al precedente, uno deve essere accompagnato e seguito con attenzione, perché è vantaggioso sia per gli interessi dell'azienda e i propri clienti e distributori.
Già nel terzo le fasi di declino, quando si sta superando l 5% di guadagni precedenti e vendite, è necessario iniziare a pianificare la rimozione del prodotto dal mercato, dal momento che in queste circostanze non si ottengono risultati economici.

Fase di scomparsa e rimozione

Nella sua ultima fase di declino, il prodotto è in compagnia, ma non ha alcun effetto sul mercato: i canali di distribuzione dargli basso nella sua commercializzazione, perché non non c'è nessuna domanda. Gli acquirenti e gli utenti non lo accettano di non adattarsi alle vostre aspettative e desideri.
Il tempo della decisione del definitivo ritiro.
Quali strategie dovrebbero usare in ciascuna delle fasi del ciclo di vita, gestione del valore?
Le diverse fasi del ciclo di vita del prodotto richiesto, per la buona gestione aziendale, strategie di marketing specializzate. Si discuterà quindi ognuno di loro.
Nell'introduzione

Più consigliate strategie di marketing per questa fase dovrebbero concentrarsi sui settori interni ed esterni dell'azienda.

Per i client interni (personale):
  • Creare cultura organizzativa condivisa.
  • Monitoraggio intensivo dell'intero processo.
  • Incentivi, incentivi e premi sia qualitativi che quantitativi, per questa fase.
  • Piano di emergenza per correggere o superare gli svantaggi o problemi nel lancio e introduzione.
Per i clienti esterni (acquirenti e consumatori):
  • Definizione di quali punti di canali o di vendita deve incorporare nella catena di distribuzione.
  • Progettazione della strategia di commercio-marketing, vale a dire, i prodotti o le varietà della sua linea, che guidano, quali la politica dei prezzi, strategie competitive e gli obiettivi e gli obiettivi di business deve essere stabilita per ogni canale da utilizzare.
  • Promozione vendite intensa con obiettivi e strategie adeguate al conseguimento degli obiettivi particolari di questa prima fase del ciclo di vita.
  • Merchandising con azione appropriata per ottenere i migliori luoghi, mostre e attività presso i punti vendita.
  • Sviluppo di riunioni o convegni di presentazione del prodotto, dove l'azienda spiega gli obiettivi di business, benefici e vantaggi.
  • Diffusione e direct marketing per distributori e clienti finali, ritenuti necessari per questa fase.
  • Inizio della campagna pubblicitaria.
  • Attività che mira a genera costruzione concetto e immagine di marca, o in assenza di linea o con la famiglia di prodotti o servizi.
  • Distribuzione fisica, per garantire la fornitura razionale, garantendo consegne ed il rifornimento.
  • Immediata divari tra ciò che è stato pianificato e quali adeguamenti reali.
  • Risposta immediata alle strategie competitive, in conformità con il piano o i piani di emergenza.
  • Monitoraggio dell'evoluzione, per definire l'entrata in fase successiva.

Nella fase di crescita strategie da seguire sono:

Per i client interni:
  • Nuovi schemi di incentivi, incentivi e premi per i risultati tipici di questa fase.
  • Analisi dei suggerimenti e innovazioni, di capitalizzare le esperienze dei partecipanti.
  • Fornitura di nuovi investimenti o gli elementi necessari per soddisfare la crescita della produzione, gestione, finanza, marketing, promozione, merchandising, vendite e distribuzione del prodotto in questa fase.
Per i clienti esterni
  • Estensione nella copertura delle aree geografiche e segmenti di commercio all'ingrosso e al dettaglio.
  • Continuità di merchandising, promozione delle vendite, direct marketing e diffusione sforzi.
  • Negoziazione e piano di incentivazione di crescita nelle vendite ai concessionari. Impostazione di nuovi obiettivi e accordi commerciali.
  • Supporto per accelerare la rotazione e la penetrazione del prodotto in ogni zona di canale e vendite.
  • Continuità della campagna, ma con un riesame degli obiettivi e strategie, per comunicare e per posizionare i vantaggi concorrenziali e differenze significative.
  • Prosecuzione delle attività per consolidare il concetto e l'immagine di marca, con abbastanza significativa differenziazione e identità.
  • Fidelizzazione del cliente. Intensificazione della frequenza di volumi di acquisti e vendite.

Nella fase di maturità verranno applicate le seguenti strategie:

Per i client interni:
  • Progettazione di nuovi ruoli e prestazioni richieste di diverse funzioni per garantire di avere l'assistenza di prodotto o servizio che richiede il transito sulla sua maturità.
  • Attiva partecipazione per ottenere miglioramenti nel prodotto o servizio, o nella qualità di estensione delle linee.
  • Stimolare idee e processi per ottenere il maggiore uso della curva di esperienza, l'economia di scala, nonché le opportunità per ridurre i costi e aumentare i profitti, le conseguenze di questa fase del ciclo di vita.
  • Impostare nuovi standard per i sistemi di incentivi, incentivi e premi per i risultati secondo i piani e i bilanci per le vendite.
Per i clienti esterni:
  • Attività per la promozione della vendita, merchandising, direct marketing, concorsi ed eventi che incoraggiano gli acquisti e consumo.
  • Posizione probabile estensioni di linee e varietà di assortimenti e incorporare nuovi utenti.
  • Trovare nuovi utilizzi e applicazioni per prodotti e servizi attuali.
  • Estendere i criteri di segmentazione ed esplorare nuove nicchie di mercato.
  • Ampliare le possibilità di distribuzione.
  • D'accordo sulle attività di co-marketing e Alleanze strategiche.
  • Approfondire i piani di fidelizzazione del cliente.

In fase di declino

Nella prima fase del declino, fino a quando il prodotto ha perso meno del 25% della sua partecipazione nel mercato in relazione allo stato precedente, è adatto a sostenere le azioni di promozione, vendita, negoziazione e vendite per rallentare la perdita di mercato.
In questa fase è necessario avere pronto, per il suo lancio, l'innovazione o nuovo prodotto che sarà introdotto nel mercato per ulteriore sostituzione del prodotto che si ritirerà dal marketing.
Quando il prodotto il suo declino è ancora superiore al 50% dei record raggiunto a maturità, è comunque interessante per l'azienda, quindi sono strategie di manutenzione e raccolto o per il conseguimento del massimo recupero offrendo il prodotto (di solito in questo risultati di istanza nel ridotto i margini di contribuzione e cooperare per l'assorbimento dei costi di struttura).
Da questo livello di vendite e quota di mercato, il prodotto inizia a generare risultati negativi per l'azienda e i clienti già non importa niente. Questo è dove, secondo gli indicatori, la decisione di recesso, dovrebbe essere mediato o immediato a seconda delle circostanze, del prodotto.
Concetti di Leadership e Marketing