Cibo nel mondo romano | L'origine e la storia.

da Mark Cartwright
Il Mediterraneo antico dieta rivoluzione intorno quattro graffette, che, ancora oggi, continuano a dominare il menù del ristorante e tavoli da cucina: cereali, ortaggi, olio d'oliva e vino. Frutti di mare, formaggio, uova, carne e molti tipi di frutta erano disponibili a coloro che potevano permetterselo. I Romani erano anche abili a lavorazione e conservazione dei loro cibi utilizzando tecniche di decapaggio per deposito nel miele. Aromatizzanti alimentari con salse, erbe e spezie esotiche era un altro elemento importante della preparazione di alimento romana. Nostra conoscenza di solo ciò che i Romani mangiato e come sono state raccolte da testi, dipinti murali e mosaici e anche i resti del cibo stesso da siti come Pompei.
clip_image005

Cereali

Cereali che compone la maggior parte della dieta di molte persone con grano e orzo, essendo il più comune e utilizzato soprattutto per fare pane e porridge. Pane era generalmente grossolana e scuro a colori, i pani di qualità migliori essendo meno scuro e più preciso nella trama. Innovazioni in Molini di macinazione e setacci più fine ha contribuito a migliorare la finezza della farina nel corso del tempo, ma è rimasto molto più grossolana rispetto gli standard moderni. Oltre a frumento e orzo, avena, segale e migli erano anche disponibili.
clip_image007

Frutta & verdura

I frutti più comunemente disponibili erano mele, fichi e uva (fresco e come uvetta e succo non fermentato noto come defrutum) ma c'erano anche le pere, prugne, date, ciliegie e pesche. Alcune di queste potrebbero anche essere asciugati per aumentare la shelf-life. Verdure erano in genere, ma non esclusivamente, i legumi e inclusi fagioli, lenticchie e piselli. Come un'ottima fonte di proteine, spesso essi sono stati miscelati in pane. Altre verdure includevano asparagi, funghi, cipolle, rape, ravanelli, cavoli, lattuga, porri, sedano, cetrioli, carciofi e aglio. Romani ha anche mangiato piante selvatiche quando disponibile. Olive e olio d'oliva erano, naturalmente, come oggi, un alimento di base e un'importante fonte di grassi. Sia frutta che verdura potrebbe anche essere marinato in aceto o in salamoia o conservati nel vino, succo d'uva o miele, nuovamente per conservarli per il consumo fuori-de-stagione.
clip_image009

Carne

Carne potrebbe essere un bene costoso per la maggior parte romani e così comunemente è stato preparato come piccoli tagli o salsicce. Pollame e selvaggina sono stati importanti fonti di carne, ma erano disponibili anche carne di maiale, vitello, montone e capra. Gioco come coniglio, lepre, cinghiale e cervo potrebbe essere coltivato anche in grandi ambienti chiusi della foresta. Una sorprendente varietà di uccelli come pernici, fagiani, oche, anatre, merli, tortore, gazze, pivieri, beccacce e quaglie inoltre sono state valutate per la loro carne (catturati selvatici o d'allevamento), e praticamente qualsiasi uccello esotico consistente, da flamingo a Pavone, struzzo al pappagallo potrebbe trovarsi nella pentola di cottura dello chef di un aristocratico, desideroso di impressionare i commensali onorato del suo padrone. Carne potrebbe essere conservato anche di salatura, essiccazione, fumo, essiccazione, marinatura e conservazione nel miele.
clip_image011

Frutti di mare

Pesce, più di cui ancora oggi si trovano nel Mediterraneo, potrebbero essere mangiati freschi, secchi, salati, affumicati o in salamoia. Come alimentazione era irregolare, la conservazione del pesce garantita un'aggiunta di proteine utili alla dieta romana. Pesce e frutti di mare sono stati anche allevati in sale artificiale e stagni di acqua dolce. Salsa di pesce (garum) fatta da pesce intero piccolo stagionato o l'interno dei pesci più grandi era un metodo estremamente popolare di aromatizzanti. Gamberi e granchi erano anche mangiati e molluschi disponibili includono cozze, vongole, capesante e ostriche.

Alimentazione

Come è cresciuta la città di Roma, ha aumentato la richiesta di una fornitura di cibo normale. Imprese private in gran parte soddisfatte le esigenze dei cittadini e prodotti alimentari è venuto principalmente dal continente italiano e le isole più grandi come la Sicilia e Sardegna. Nella Repubblica, magistrati sforzavo di guadagnarsi il favore pubblico tramite l'ottenimento di prodotti alimentari da soggetto Province e Stati alleati. Gracco ha preso il passo popolare di istituire una quota mensile (frumentatio) di grano fissato ad un ragionevole prezzo fisso per i cittadini. Augusto nominato un praefectus annonae cui compito era quello di sorvegliare in particolare il regolare approvvigionamento dei prodotti alimentari, soprattutto grano. Grano era controllata dallo stato, come fosse una forma di tassa di soggiorno in Italia e in Africa. Dal II secolo D.C., olio d'oliva è stato anche dato al popolo; nel III secolo maiale e il vino sono stati dati fuori, troppo, come parte di frumentatio per i cittadini più poveri. Nel tardo Impero, come l'apparato di stati indeboliti, più ricchi privati e la Chiesa ha assunto alcune delle responsabilità di mantenere un approvvigionamento di generi alimentari regolari.
clip_image013
I cittadini, se non ha fatto crescere le proprie forniture, comprato loro cibo a un mercato privato (macellum). Questi sono stati tenuti nei forum pubblici delle città romane, all'aria aperta o nei corridoi del mercato dedicato. A Roma il mercato alimentare era giornalmente dal II secolo A.C., uno dei luoghi più famosi e più grandi essendo il mercato di Traiano, una sorta di antico centro commerciale. Nelle città di provincia, un mercato settimanale era la norma. Edilizia privata nella campagna potrebbe anche tenere i propri mercati, vendono direttamente i loro prodotti per la popolazione circostante.

Cucina

Città romane aveva Pensioni (cauponae) e taverne (popinae) dove patroni potrebbero acquistare i pasti preparati e gustare un bicchiere di vino a buon mercato (la birra veniva consumata solo nelle province settentrionali dell'Impero), ma raramente avevano una buona reputazione, grazie alla loro associazione con una mancanza di pulizia e prostituzione, e così essi erano generalmente evitati dai cittadini più benestanti. Panifici potrebbero fornire i forni sufficientemente caldi per fare il pane, dove spesso i clienti ha portato la propria pasta di pane e usato solo di forno a forno a cuocere. Oltre a queste strutture, però, cottura era ancora molto un'attività della famiglia. Utilizzando un braciere, cibo era arrosto, alla griglia e bollito. L'arte della buona cucina era particolarmente associato con condimenti di miscelazione per creare gustosi ed unici salse utilizzando vino, oli, aceto, erbe, spezie e succhi di carne o pesce. C'erano anche gli scrittori che hanno offerto utili consigli di cucina, come Apicius che ha scritto Sull'arte della cucina, una raccolta di ricette del IV secolo D.C..
clip_image015
Spezie (specie - significato qualsiasi merce preziosa esotici), in particolare, ha offerto un'infinita varietà di combinazioni di gusto e non meno di 142 diversi tipi sono stati identificati nelle fonti antiche. Spesso sono venuti dall'Asia, e le possibilità aumentate solo dal primo secolo D.C. quando rotte marittime dirette sono stati aperti in Egitto e in India. Queste spezie esotiche includevano zenzero, chiodi di garofano, noce moscata, curcuma, cardamomo, cassia, macis, cannella e, più popolare di tutti, pepe. Additivi gustosi prodotto più vicino a casa incluso basilico, rosmarino, salvia, erba cipollina, baia, aneto, finocchio, timo e senape.

Pasti

All'inizio della Repubblica il pasto principale della giornata era a pranzo e cena, con un pasto più leggero viene mangiato la sera (vesperna). Nel corso del tempo, cena lentamente spostato più avanti e più tardi nel corso della giornata fino a quando divenne alla fine il pasto serale. Il pranzo poi è diventato noto come prandium. Un tipico pranzo era leggero, costituito da pesce o uova con verdure. Per iniziare la giornata, colazione o ientaculum, era anche chiaro, a volte semplicemente pane e sale ma occasionalmente con frutta e formaggio.
clip_image017
Essi stessi risparmiando per cena, poi, i Romani, o almeno quelli che potevano permettersi di, ha reso un pasto abbondante, in genere con tre parti. In primo luogo è venuto gustatio con uova, crostacei, ghiri, e olive, il tutto innaffiato con una Coppa di vino che è stato diluito con acqua e dolcificato con il miele (mulsum). Seguendo questi antipasti, cena si trasferì in top gear con una serie di corsi (fecula), a volte fino a sette e includendo il piatto stella, il caput cenae. Carne o pesce erano il piatto principale ovvio; a volte anche un maiale arrosto intero è stato preparato. Naturalmente, più ricche famiglie vorrei provare a stupire i propri ospiti con piatti esotici come gli struzzi e pavoni. La fase finale era il dessert (secundae mensae) che potrebbe includere noci, frutta, o anche le lumache e altri molluschi.

Conclusione

Solo chi ha mangiato esattamente di che cosa e quando in Roman times continua ad essere una zona fertile della borsa di studio, ma il record archeologico fornisce ampie prove della varietà di prodotti alimentari disponibili per almeno alcuni del popolo romano. Possiamo anche vedere che i Romani erano abili a garantire un approvvigionamento continuo di tali prodotti alimentari attraverso diverse pratiche agricole, tecniche di coltivazione artificiale e metodi di conservazione del cibo. Infatti, il loro successo relativo è indicato dal fatto che una scala della produzione alimentare non verrebbe visualizzata nuovamente in Europa fino al XVIII secolo CE.
Estratti dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica