Passa ai contenuti principali

Chi erano Gli Ittiti | L'origine e la storia.

da Joshua J. Mark
clip_image006
Gli Ittiti occuparono la regione dell'Anatolia (anche conosciuta come Asia minore, odierna Turchia) prima del 1700 A.C., ha sviluppato un cultura apparentemente dall'indigeno Hatti (e possibilmente l'Hurrita) persone e ampliato i loro territori in un impero che rivaleggiava con e minacciata, la nazione stabilita dell'Egitto. Sono ripetutamente citati in tutto il Tanakh ebraico (anche conosciuto come l'antico Testamento cristiano) come gli avversari di Israeliti e loro Dio. Secondo Genesi 10, erano i discendenti di Heth, figlio di Canaan, che era il figlio di prosciutto, Nato di Noè (Genesi 10: 1-6). Il nome sono conosciuti oggi, pertanto, viene dalla Bibbia e dalle lettere di Amarna dell'Egitto quale riferimento un "Regno di Kheta" oggi identificato come il 'Regno di Hatti' (l'indicazione la terra degli ittiti era conosciuta da) ma i propri documenti si riferiscono a loro come Nesili, come altri del tempo. Loro controllo della regione è divisa dagli studiosi di moderno-giorno in due periodi: il vecchio Regno (1700-1500 A.C.) e il nuovo Regno, noto anche come l'Impero ittita (1400-1200 A.C.). C'è un interregno tra questi due che, a coloro che accettano che la versione della storia, sono conosciuti come il Regno di mezzo. La discrepanza tra gli studiosi che riconoscono un medio Regno e coloro che non nasce dal fatto che non non c'era nessuna discontinuità tra l'antico Regno e il nuovo, semplicemente un 'dark age' di meno di 100 anni di cui si sa poco. L'Impero ittita raggiunse il suo apice tra sotto il Regno di re Suppiluliuma I (c.1344-1322 A.C.) e suo figlio Mursilli II (c.1321-1295 A.C.) dopo che si è rifiutato e, dopo ripetuti attacchi dei popoli del mare e la tribù Kaska, è caduto agli Assiri.
La vita quotidiana e la cultura degli Ittiti è misterioso, come le iscrizioni decifrate occupano principalmente di re e campagne.

Scoperta & decifrazione della lingua

Sapeva poco degli Ittiti diverso dai riferimenti dalla Bibbia e documentazione frammentaria dall'Egitto fino al tardo XIX secolo CE quando gli scavi iniziarono a Boghaskoy (odierna Bogazkale, Turchia) che una volta era il sito di Hattusa, capitale dell'Impero ittita. Lo storico Christopher Scarre descrive Hattusa come "una vasta fortezza-città tentacolare sopra il terreno roccioso, con scoscese cittadelle e templi elaborati. Essa divenne il centro di un potente impero che coperti non solo la maggior parte dell'Anatolia, ma estesa anche a volte molto più a sud, in Siria e nel Levante"(206). Hattusa fu fondata originariamente da Hatti (una tribù aborigena dell'Anatolia) nel 2500 A.C., e la loro cultura può hanno fornito la base per degli Ittiti. Questo complesso molto importante e quelli che hanno costruito insieme a loro vasto impero, tuttavia, rimase quasi sconosciuti fino a quando i loro scritti sono stati scoperti, il missionario irlandese William Wright nel 1884 CE prima e poi dall'archeologo tedesco Hugo Winckler nel 1906 CE. CE l'anno 1912, Winckler "avevano recuperato 10.000 tavolette di argilla da archivi reali Ittiti" (Scarre & Fagan, 206). Queste compresse, su cui avevano registrato loro storia e delle transazioni, sono state decifrate in tempi relativamente brevi. Lo storico Erdal Yavuz descrive il processo di decifrazione in un caso (anche se c'erano altri studiosi che hanno contribuito alla comprensione dello script ittita, in particolare Archibald Sayce, per citarne solo uno):
Bedrich Hrozny, 1879-1952, un ceco professore presso l'Università di Vienna, nel 1916 decifrato la lingua ittita. Il punto di partenza era una frase su un'iscrizione in caratteri cuneiformi: 'Nu Ninda-An Ezzateni, Vatar-Ma Ekuteni'. Dato che molte parole Babylonian sono stati inclusi in testi ittiti, l'indizio è stato fornito dalla parola babilonese 'Fabiola', che significa 'cibo' o 'pane'. Hrozny pose una semplice domanda: che cosa fare con il cibo o pane? La risposta, naturalmente, è stato uno lo mangia. Così la parola 'ezzateni' deve essere correlata a mangiare. Poi i '-an ' suffisso 'Fabiola' deve essere un indicatore per un oggetto diretto. Con queste due proposizioni in mano, Hrozny consultato sia il vocabolario e la grammatica delle lingue indoeuropee. Egli ha osservato che il verbo mangiare è simile all'Hittita 'ezza' – non solo in inglese, ma anche in greco (edein), Latino (edere) e tedesco (essen) e soprattutto in tedesco medioevale (ezzan). Se fosse vero, la seconda riga dell'iscrizione non era un gran problema, poiché ha cominciato con la parola 'vatar', che potrebbe facilmente essere tradotto come 'wasser' in tedesco o inglese 'acqua'. Hrozny proposto la lettura di tutta la frase come "Ora si mangia il pane, acqua bere" e questo si è rivelato per essere di destra per tutta la lingua ittita. Era di origine indoeuropea. ((1)
Una volta che è stato pubblicato il lavoro di Hrozny, tuttavia, inizialmente sia chiarito e oscurato la storia degli Ittiti. C'era stata a lungo una teoria accettata tra gli studiosi di storia antica che India è stata invasa da nord da indoeuropei conosciuti come ariani (la cosiddetta "invasione ariana") e che, da qualche parte, esisteva una patria da cui questi invasori discendono in India. I testi scoperti da Winckler sembravano confermare questa teoria. Poiché non ci era prova che lingue indoeuropee erano conosciute in Anatolia a quel tempo, è stato postulato che ci doveva essere stata una sorta di invasione e, molto probabilmente, dalla stessa patria misteriosa da cui è stata lanciata la presunta invasione dell'India. Il dado di Marc Van storico Mieroop risolve questa situazione, scrivendo:
Sotto l'influenza di un'idea dell'Ottocento – obsoleto che c'era una patria indoeuropea da qualche parte a nord di India, è stata dedicata molta attenzione in borsa di studio alla ricerca di prove per un'invasione. Questa ricerca è inutile, tuttavia. Non c'è motivo di ritenere che gli altoparlanti delle lingue indoeuropee non erano sempre presenti in Anatolia, né possiamo dire che sarebbero stati un gruppo chiaramente identificabile dal secondo millennio. Possiamo solo osservare che, quando le fonti testuali di informarci delle lingue usate in Anatolia, alcune persone parlavano quelle indoeuropee, gli altri non. (119)
clip_image004[1]

L'antico Regno

Il saccheggio di Hattusa dal re ittita Anitta del regno confinante di Kussara, nel 1700 A.C. prima testimoniano l'antico Regno ittita (1700-1500 A.C.). Hattusa aveva esistito come la potente città del Hatti fin dal 2500 A.C. e, molto tempo dopo gli Ittiti conquistarono la città e dominato la regione, ancora ci si riferiva a come 'il land of the Hatti'. La città aveva respinto gli attacchi da Sargon il grande di Akkad (2334-2279 A.C.) e suo nipote Naram-Sin (2261-2224 A.C.) ma è caduto al re Anitta che hanno bruciato la città, maledetto e maledetto chiunque avrebbe tentato di ri-costruirlo. Non molto tempo dopo la sua distruzione, tuttavia, è stato ri-costruito da un altro re di Kussara denominato Hattušili I cui nome significa 'Uno da Hattusa'. Come Hattušili sembra sono stati precedentemente conosciuti come 'Uomo da Kuššara', alcuni studiosi sostengono che ha preso il suo nuovo nome, una volta che aveva ri-costruito la città come un'espressione simbolica di nuovo risalto di Hattusa sopra Kussara (anche se questa affermazione è stata contestata da altri studiosi). A causa di una mancanza di prova primaria, non può essere determinato quando ha preso il nome, o perché, ma è chiaro che Hattusili I fondò il Regno degli Ittiti.
Secondo il documento antico The Edict di Telipinu (XVI secolo A.C.), Hattušili fu un grande guerriero che ha conquistato una vasta regione. Un resoconto del suo regno nell'editto si legge, in parte:
In seguito, Hattušili fu re e dei suoi figli, fratelli, suoceri, membri della famiglia, e le truppe erano tutti Unite. Ovunque andasse sulla campagna ha controllato il territorio nemico con forza. Ha distrutto le terre uno dopo l'altro, hanno portato via il loro potere e li ha fatti i confini del mare. Quando e ' tornato dalla campagna, tuttavia, ciascuno dei suoi figli è andato da qualche parte in un paese, e in mano alle grandi città prosperarono. Ma, quando più tardi servi dei principi è diventato corrotti, cominciarono a divorare le proprietà, costantemente cospirarono contro i loro padroni e cominciarono a spargere il loro sangue. (Van die Mieroop, 120)
Questo passaggio è interpretato per significare che Hattusili stabilito un regno unificato con il sostegno della sua famiglia allargata ma, una volta che è stato compiuto, suoi figli si ribellano contro di lui usando le risorse delle regioni di che aveva messo loro responsabile. Il riferimento ai «servi dei principi» è stato interpretato per significare entrambi i figli di Hattušili o i ministri ed i consiglieri di quei figli che è salito contro il loro governo legittimo. Se i figli sono stati assassinati o sono stati gli agenti della ribellione, non figurano nella successione. Sul letto di morte, Hattusili ha scelto il suo nipote, Mursilli, come suo erede. Van die Mieroop scrive, "il Regno del re nuovo sia scarsamente conosciuta, ma il laconiche fonti menzionano due atti estremamente importante: le distruzioni di Aleppo e di Babilonia. Sue operazioni militari non sono state seguite da un'occupazione, tuttavia"(121). A differenza di suo nonno, Mursilli sembra avere condotto incursioni su altri regni esclusivamente per il bottino da guadagnare e non per aggiungere loro terre e risorse al suo Regno. L'editto di Telipinu registra il suo Regno:
Quando il re era Mursilli in Hattusa, suoi figli, fratelli, suoceri, membri della famiglia e le truppe erano tutti Unite. Ha controllato il territorio nemico con forza, hanno portato via il loro potere e li ha fatti i confini del mare. Andò per la città Aleppo, distrutto di Aleppo e ha preso i deportati da Aleppo e i beni ad Hattusa. In seguito andò a Babilonia e distrusse Babilonia. Ha preso i deportati da Babilonia e i beni ad Hattusa. Hantili era coppiere e aveva Harapshili, sorella di Mursilli, come moglie. Zidanta rubato fino a Hantili e hanno commesso una cattiva azione: hanno ucciso Mursilli e versò il suo sangue. (Van die Mieroop, 120)
Hantili era cognato di Mursilli. Zidanta era genero di Hantili. Hanno cospirato per assassinare Mursilli e prendere il trono, in cui ebbero successo. Hantili quindi regnato come re per circa 30 anni (c.1526-1496 A.C.) ma mi sembra di aver compiuto poco in quel tempo. Zidanta, essendo cresciuto stanco di guardare Hantili godere la regalità mentre si fa poco altro, assassinato e assassinato i suoi eredi. Zidanta poi divenne re dopo Hantili e governò per dieci anni ugualmente non movimentati, finché non fu assassinato da suo figlio Ammuna. Ammuna regnò per 20 anni (1486-1466 A.C.) e, in quel momento, si dimostrò un re peggio rispetto ai suoi tre predecessori. Il vasto regno che avevano creato Hattušili è crollato come sempre di più regioni si ribellarono contro una centrale, e Ammuna non ha fatto nulla per fermare l'insorgenza o placare i territori in alcun modo. Ammuna morì, a quanto pare, di cause naturali e venne succeduto dal figlio di una moglie minore, Huzziya (noto come Huzziya) che assassinato i figli legittimi di Ammuna al fine di prendere il trono. Huzziya regnò male per cinque anni fino a quando fu deposto nel 1460 A.C. da un figlio minore (o genero) di Ammuna denominato Telipinu che lui bandito dal Regno (più tardi fu assassinato). Telipinu fece del suo meglio per ristabilire il Regno al suo antico splendore ma, a questo punto, c'era poco da fare. È famoso per L'editto di Telipinu, che registra la storia e gloria di Ittiti e lamenti passata il triste stato il Regno è venuto a nel suo tempo. Telipinu fu l'ultimo re dell'antico Regno e, dopo il suo editto, la storia degli Ittiti entra un 'dark age', di cui poco si sa.
La reale vita quotidiana e la cultura degli Ittiti è altrettanto misterioso, come le iscrizioni che sono state decifrate affare principalmente con i re e le loro campagne. È noto che gli Ittiti ha scritto utilizzando script accadico, ma nella loro lingua indo-europea (che è ciò che ha reso decifrare le compresse così difficile in quanto studiosi di Akkadian potrebbero leggere le parole ma non riusciva a capire) e utilizzate guarnizioni del cilindro per firmare documenti e contrassegna la proprietà come persone hanno fatto tutta la Mesopotamia, suggerendo ad alcuni studiosi un chiaro legame tra le due culture. Allo stesso tempo, tuttavia, accadico era la lingua franca dell'età e Sumer (Mesopotamia meridionale) era stato a lungo in contatto attraverso il commercio con il Hatti e così sembra più probabile che la cultura mesopotamica aveva influenzato il Hatti, non gli Ittiti e gli Ittiti si appropriò la cultura Hattian attraverso conquista. Quei dettagli della vita di ittita e cultura che sono venuti alla luce sembrano essere lievi variazioni su quella del Hatti. La natura precisa della relazione tra i due popoli rimane poco chiara, tuttavia, a causa della mancanza di fonti primarie e, come accennato, la messa a fuoco dei documenti sull'attività dei governanti, piuttosto che la storia del popolo.
clip_image007

Il nuovo Regno

La storia degli Ittiti riprende con il cosiddetto nuovo Regno (1400-1200 A.C.), noto anche come l'Impero ittita. Anche se c'erano re ittita prima di lui (ad esempio Tudhaliya I e Tudhaliya II), questa storia inizia davvero con re Suppiluliuma I, che ha preso il trono c. 1344 A.C.. Lo storico Erdal Yavuz scrive:
L'ittita re Suppiluliuma ha dominato la storia del Medio Oriente durante il XIV secolo A.C., anche se le date del suo Regno sono in questione. Originariamente si pensava di ascendere al trono circa 1380 e per aver regnato per circa quarant'anni. Durante i primi anni del suo Regno, Suppiluliuma consolidata la patria ittita e migliorata le difese di Hattusa. Furono costruite le mura della città molto estesa, racchiudono un'area di oltre 120 ettari. L'Impero ittita cominciò ad espandersi a sud-est e la maggior parte delle città del Nord siriana presentate [alla regola di Suppilulima]. (3)
Sotto il Regno di Suppilulima, il vasto regno di Mittani è stato ridotto a uno stato vassallo di ittita e la fertile regione del Levant, comprese le città di porto importante come Byblos, sono state prese dagli egiziani. Lettere da Suppiluliuma i faraoni Amenofi III e suo successore Akhenaton sono conservati nelle lettere di Amarna, tra cui uno che ha a che fare con Mitanni. Egitto era stato un forte alleato dei Mittani, e lasciato il ritiro del sostegno di Amenhotep III per il Tushratta Mittani re Suppiluliuma I libero di fare quello che voleva nella regione. Suppiluliuma recentemente avevo conquistato la regione della Siria e chiarito il suo sostegno per un rivale al trono di Mitanni; Egitto, temendo la forza dell'esercito ittita, poi ritirato il loro sostegno di Tushratta. Sotto il Regno di Akhenaton, Suppiluliuma ho continuato a espandere il suo impero di regni prendendo e vassal dichiara dall'Egitto, come Byblos, con poco sforzo. In seguito alla morte di Akhenaton, suo figlio Tutankhamon salì al trono d'Egitto e inviato il generale Horemheb contro gli Ittiti per tentare di fermare la loro ascesa; Queste campagne, tuttavia, erano in gran parte infruttuosi perché l'esercito ittita era cresciuta più forte come l'esercito egiziano aveva rifiutato. Quando Tutankhamon morì improvvisamente nel 1327 A.C., sua vedova-regina Ankhsenamun ha scritto per Suppiluliuma I chiedendogli di inviare suo uno dei suoi figli a sposarsi, come lei non poteva sopportare di sposare un servo, non potrebbe governare da solo e non ebbe figli maschi per assumere il trono. Questa era una richiesta senza precedenti da una regina d'Egitto e, dopo essersi assicurati che il messaggio era legittimo, Suppiluliuma mandato il suo figlio Zananza in Egitto per sposarla e diventare faraone. Zananza mai raggiunto i confini dell'Egitto, tuttavia, come è stato assassinato (probabilmente entro il Horemheb generale egiziano o il visir Ay) in ordine di impedire uno straniero sentenza in Egitto. Suppiluliuma ho focalizzato le sue campagne militari ancora più diretta contro l'Egitto dopo l'assassinio di suo figlio e conquistarono il resto del Levante.
clip_image005[1]
Šuppiluliuma che i morì di peste che si diffuse in tutta la regione nel 1322 A.C.. Si pensa che i prigionieri egiziani ha portato indietro come schiavi da sue conquiste ha trasportato la peste con loro ad Hattusa. Šuppiluliuma che i venne succeduto da suo figlio Arnuwanda II anche morto di peste e venne succeduto dal fratello minore Mursilli II. Arnuwanda II era stato personalmente curato per il trono di Šuppiluliuma I, considerando che Mursilli II aveva poca esperienza e fu considerato come non più di un bambino. Nessuno dei re delle regioni circostanti ha preso il giovane monarca affatto sul serio quando salì al trono nel 1321 A.C. ma, come ben presto avrebbero trovato, questo è stato un errore. Mursilli II aveva imparato di più da suo padre che chiunque pensato e impostata rapidamente a conquistare le tribù che avevano a lungo si è rivelata un problema (ad esempio i Kaska). Ha assicurato prima i bordi dell'Impero ittita e poi ampliato loro. Dopo 25 anni di Regno, morì e lasciò il trono al figlio Muwatalli II (1295-1272 A.C.), più famoso per affrontare Ramesse XIX dinastia grande dell'Egitto nella battaglia di Kadesh. Muwatalli II venne succeduto da suo figlio Mursilli III, che regnò per soli cinque anni e venne succeduto dal fratello di Muwatalli II, Hatusilli III, meglio conosciuto per la sua partecipazione nel primo trattato di pace del mondo, il trattato di Kadesh, tra gli Ittiti e gli egiziani nel 1258 A.C..
Nel 1237 A.C., Hatusilli III morì e potere passò a suo figlio Tudhaliya IV. In questo momento che gli Assiri stavano crescendo in potenza e, nel 1230 A.C., messo in discussione la sovranità degli Ittiti per il controllo della regione precedentemente appartenendo a Mitanni. Al Battaglia di Nihriya, in c. 1245 A.C., le forze di Tudhaliya IV furono sconfitti dall'esercito assiro e questo inizia il declino dell'Impero ittita. Yavuz scrive, "una massa di attacchi da [un popolo di origine sconosciuta] conosciuto come 'popoli del mare' distrussero gran parte dell'Asia minore, compreso lo stato ittita, circa 1200 A.C. e, dopo di che, gli Ittiti erano mai in grado di ristabilire il loro stato" (4). Era l'ultimo re dell'Impero ittita Suppiluliuma II, famoso per la sua parte nella prima battaglia navale nella storia registrata nel 1210 A.C., in cui la flotta ittita era victorious sopra i ciprioti. Ancora, la vittoria è stata l'eccezione, piuttosto che la regola, del Regno di Suppiluliuma II, e la crescente potrebbe degli Assiri, combinati con ripetute incursioni di popoli del mare e della tribù Kaska, che era salito ancora una volta, scheggiato via alla stabilità dell'Impero, fino a quando non si è rotto apart. Hattusa fu saccheggiata dai kaska nel 1190 A.C. e bruciato. Šuppiluliuma II si pensa sia morto in quest'impegno. Christopher Scarre scrive, "l'apogeo della potenza ittita è venuto sotto re Suppiluliuma I quando il suo esercito ha partecipato in coppia con l'Egitto e Mitanni per il controllo del Levante [e] l'Impero ittita collassò attorno al 1200 A.C., sciogliendo a sud delle montagne del Taurus in potenti città-stato Neo-ittita che sono stati assorbiti dall'impero assiro nel nono secolo A.C." (215). Gli Assiri distrussero quello che non poteva usare dall'Impero ittita e timbrato la regione con la propria cultura e valori. La zona era ancora conosciuta come "land of the Hatti" verso l'anno 630 A.C., anche se le persone, da quel momento, non è più ricordavano il Hatti o i re ittita e i loro successi.
Estratti dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…