Opere e Giorni › Romanos I › I primi tre regni Periodo » Origini e Storia

Articoli e definizioni › Contenuto

  • Opere e giorni › Origini
  • Romano I › Chi era
  • Il periodo dei primi tre regni › Origini

Antiche civiltà › Luoghi storici e loro personaggi

Opere e giorni › Origini

Definizione e origini

Autore: Donald L. Wasson

clip_image001
Works and Days è un poema epico scritto in esametro dattilico, attribuito al poeta greco Hesiod dell'VIII secolo aEV. In genere, Esiodo è ricordato per due opere epiche, Theogony e Works and Days ma, come il suo contemporaneo Homer , faceva parte di una tradizione orale e le sue opere furono messe in forma scritta solo decenni dopo la sua morte. Work and Days è un tributo ai benefici di una vita dedicata al lavoro e alla prudenza. Nel poema, Esiodo parla direttamente a suo fratello Perses su come condurre la sua vita; un fratello che aveva preso una quota maggiore della loro eredità.

PATERNITÀ

Si conosce molto poco della vita di Esiodo. Suo padre emigrò da Cyme in Asia Minore e si stabilì in Beozia, un piccolo stato nella Grecia centrale. La sua prima opera conosciuta, Theogony, ha tracciato la storia della creazione, il caos, fino all'ascensione di Zeus come sovrano assoluto degli dei dell'Olimpo. Anche se c'è qualche controversia sulla sua paternità di Works and Days , la classicista Dorothea Wender nella sua traduzione di Esiodo lo crede all'autore dell'opera successiva e di gran lunga superiore. Mentre Theogony ha un interesse storico, "... se il lettore vuole trovare il lavoro di un vero poeta, dovrebbe rivolgersi a Works and Days " (19). Secoli dopo, entrambe le poesie avrebbero avuto un effetto sostanziale sul poeta romano Ovidio e sulle sue Metamorfosi .

GIUSTIZIA DI ZEUS

Parlando dalle sue esperienze personali, Esiodo elogia i benefici di una vita agraria mentre condanna la vita sprecata del fratello in mare. Sebbene Wender consideri che il suo consiglio sia sincero e probabilmente corretto, lei si riferiva ancora a Esiodo come "brontolone". Tuttavia, sebbene possa sembrare brontolone, credeva nella giustizia, nell'onestà, nella pietà, nell'autosufficienza e soprattutto nel lavoro. Non gli piacevano i cittadini , il mare, le donne, i pettegolezzi e la pigrizia. Nelle prime righe del poema, fece un appello a Zeus, il Thunderer, per permettere a suo fratello, che a quel tempo era su una nave mercantile, di ascoltare la verità.
HESIOD HA CREDUTO IN GIUSTIZIA, ONESTÀ, PIETÀ, AUTODIAMO, E MOLTO DI TUTTO IL LAVORO.
Primaria tra i principi sacri di Esiodo era il concetto di giustizia, e per lui, Zeus era la massima rappresentazione della giustizia.Secondo lo storico Thomas Martin nel suo libro Grecia antica , Esiodo considerava la giustizia come una qualità divina - incarnata in Zeus - che avrebbe punito i malfattori. Tuttavia, per Martin, lo Zeus di Omero si preoccupava solo del destino dei suoi amati guerrieri in battaglia ; un tratto evidente sia nell'Iliade che nell'Odissea . Lo storico Norman Cantor nel suo libro L' antichità diceva che mentre a Omero si attribuisce il merito di aver creato l'immagine greca degli dei e di conferire loro personalità e funzione, Esiodo dimostrò che essi erano una forza morale, campioni di giustizia. Riguardo al potere di Zeus, Esiodo scrisse:
Con facilità rafforza ogni uomo; facilmente
Rende l'uomo forte umile e con facilità
Livella le montagne ed esalta la pianura. (59)
Più tardi nel poema, Esiodo si lamenterebbe dei tempi tristi in cui viveva, facendo appello a Zeus "per mettere le nostre leggi cadute in piedi". Per mostrare l'autorità di Zeus e insegnare a suo fratello una lezione, Esiodo rivolse la sua attenzione a Prometeo , considerato il più furbo di tutti Aveva rubato il fuoco agli dei e dato all'umanità. Avendo guadagnato la reputazione di essere vendicativo, Zeus voleva punire l'arroganza dell'uomo, così ha dato loro "una cosa malvagia per la loro gioia", Pandora .
clip_image002

Pandora

Pandora apparve per la prima volta nella Teogonia, sebbene non per nome. È stata creata nell'immagine di una dea immortale. Athena le ha insegnato a tessere. Afrodite ha dato il suo fascino e desiderio. Hermes la forniva con maniere scaltri e parole persuasive e modi astuti. Adornata dagli dei, fu data a Epimeteo (fratello di Prometeo) come sua moglie.Prometeo lo aveva avvertito di non accettare alcun regalo da Zeus, ma non ascoltò. Prima di Pandora, gli esseri umani vivevano liberi dalla sofferenza, dal lavoro doloroso e dalla malattia. Tuttavia, questo dono degli dei è diventato la rovina dell'umanità e, secondo il mito, ha rilasciato innumerevoli mali sulla terra, lasciando solo la speranza. Esiodo concluse la sua lezione dicendo che non c'era modo di sfuggire alla mente di Zeus, poiché secondo Esiodo, Zeus era onniveggente.

LE CINQUE GARE

Successivamente, Esiodo parlò delle cinque razze dell'umanità. Ancora parlando con suo fratello, Esiodo ha chiesto di prendere a cuore la sua storia. La prima razza fu durante il tempo di Crono, la razza d'oro, e vide gli umani vivere con cuori felici senza dolore o lavoro. Non sono mai invecchiati solo per morire pacificamente nel sonno, ogni desiderio è stato dato loro.Alla fine del loro tempo sulla terra, sarebbero diventati invisibili, vivendo come spiriti della terra.
Furono sostituiti dalla razza argento breve e di gran lunga inferiore, un popolo che viveva vite angosciate incapaci di controllarsi, abbandonando gli dei lasciando nudi gli altari. Zeus si arrabbiò e li nascose per diventare, nelle parole di Esiodo, gli "spiriti degli inferi". La razza successiva, il bronzo giustamente chiamato, usò armi e strumenti in bronzo, vivendo addirittura in case di bronzo.
... e hanno amato
I gemiti e le violenze della guerra ; mangiarono
niente pane; i loro cuori erano durissimi; Li avevamo
Uomini terribili. (63)
Si pensava che fossero invincibili solo alla fine morire con le proprie mani, senza nome, per unirsi ad Ade , lasciando la luminosità del sole. Dopo il bronzo, Zeus creò una quarta razza; una razza di eroi divini. Questa era la gara prima del tempo di Esiodo; un tempo di guerre terribili e battaglie spaventose. Era il momento in cui Paris rubava Helen , dando il via alla guerra di Troia . Poi venne il tempo di Esiodo - la corsa di ferro - un periodo di difficoltà e fatica.
Vorrei non essere di questa razza, che io
Era morto prima o non era ancora nato. (64)
Ha detto che durante il giorno le persone lavorano e si affliggono, ma di notte sprecano e muoiono. Li considerava infelici e senza Dio, credendo che Zeus alla fine li avrebbe distrutti tutti.

CONSIGLI PER UN FRATELLO

Esiodo passò la maggior parte del poema rimanente dando una guida a suo fratello. Gran parte del consiglio dato a Perses era incentrato sui benefici della vita agraria. Apre il dialogo con un motivo:
O Perses, pensa a queste cose:
Segui il giusto, evitando la violenza.
Il figlio di Kronos ha fatto questa legge per gli uomini:
Che animali e pesci e uccelli alati
Dovrebbero mangiarsi a vicenda perché non hanno legge
Ma l'umanità ha la legge di destra da lui,
Qual è il modo migliore. (67)
Esiodo afferma che se uno è giusto, Zeus lo renderà prospero e non lo punirà con la perversione o la carestia; tuttavia, ammonirà coloro che coltivano i campi dell'orgoglio. Esiodo insegna ulteriormente suo fratello sui mali dell'ozio, dicendo che una persona che lavora sarà l'invidia degli altri, ma una persona avida che guadagna la sua ricchezza attraverso le bugie sarà punita dagli dei. L'uomo migliore è quello che pensa da solo anche se dovrebbe comunque ascoltare il buon consiglio di un'altra persona. Se non pensa per se stesso o impara dagli altri, è un fallimento come un uomo.
clip_image003

Ritratto di Esiodo

In entrambe le sue poesie, Esiodo non parla molto delle donne. In Works and Days, dice a suo fratello di non essere preso da una donna perché vuole solo il tuo fienile. Mette in guardia contro il fatto che le donne siano un imbroglione e consiglia a suo fratello di sposarsi quando è pronto all'età di trent'anni. "Devi insegnarle i suoi modi sobri" (pagina 81). Ripetendo il suo avvertimento da Theogony , afferma che una degna moglie è un premio, ma una cattiva fa rabbrividire una persona nel freddo, e una persona avida lo porterà " a una vecchiaia crudele. "Mentre può dare al fratello consigli contro il matrimonio, gli consiglia di prendere una casa, una donna (uno schiavo) e un bue per arare, ma assicurati che la donna non sia sposata e possa aiutare campo e intorno alla casa, Esiodo descrive anche dettagliatamente l'aratura dei campi.
Quando arriva il momento dell'aratura, affrettati a arare
Tu e i tuoi schiavi allo stesso modo, nei giorni di pioggia
E quelli secchi, mentre dura la stagione. "(73)
Esiodo avverte di essere sicuro di offrire una preghiera a Zeus, il dio del contadino, e Demetra per il suo sacro chicco. Parla anche dei giorni sacri del mese che dovrebbero essere rispettati perché vengono da Zeus.
Questi giorni sono benedizioni per gli uomini sulla terra; Il resto è volubile, insipido e porta alla fortuna. (86)
Consiglia a suo fratello di non perdere tempo ad ascoltare pettegolezzi nella bottega del fabbro perché tengono un uomo al lavoro e, di conseguenza, indifeso e povero in inverno.
L'uomo pigro che vive di una vuota speranza
E non ha modo di guadagnarsi da vivere, turni
La sua mente al crimine: la speranza non gli fa bene
Chi siede e fa pettegolezzi quando non ha un lavoro. (75)
Mentre canta le lodi della vita contadina, parla anche delle cose più semplici: possedere un cappotto soffice, una tunica e stivali di pelle di bue (foderati di feltro). Il suo consiglio è di non essere troppo ospitale, tuttavia non si dovrebbe essere visti come ostili. Non si dovrebbe essere scortesi in una festa comune e non dimenticare mai di lavarsi le mani prima di offrire vino agli dei. Saggiamente, non si dovrebbe mai urinare verso il sole o, mentre si viaggia, lungo il lato della strada. E, non si dovrebbe mai mangiare da una pentola non benedetta.
clip_image004

Piatto di pesce

Si ricorda a Perses che tutto il lavoro ha una stagione, persino la vela. Dovrebbe ammirare piccole navi ma mettere il suo carico in uno più grande. Se deve navigare, dovrebbe farlo dopo il solstizio per evitare il caldo estivo. Esiodo dice a suo fratello che lui stesso ha navigato molto tempo fa da Aulide in Eubea. Racconta delle sue esperienze con le Muse . Fu lì che gli fu insegnato come cantare.
E lì, dico, I conquistato con una canzone
E portato a casa un treppiede a due orecchie, che
Ho istituito per le Muse
in quel luogo
Su Helicon, il luogo in cui I imbarcato
Su canto adorabile, prima al loro comando. (60)

LEGACY

Perse che Perses abbia rinunciato alla sua vita mal indirizzata e abbia seguito il consiglio del fratello è sconosciuto. Wender credeva che mentre Esiodo potesse essere considerato conservatore e pessimista, il suo consiglio a suo fratello è sincero e serio. In un paragone di Esiodo al suo contemporaneo Omero, scrisse che gli dei di Omero non erano molto ammirabili dal punto di vista etico; hanno mentito, ingannato e rubato, ma erano ancora piuttosto civilizzati. Esiodo, d'altra parte, lascia che i suoi dei rimangano primitivi e disordinati. Norman Cantor credeva che entrambi questi poeti dell'Età Oscura Esiodo e Omero avessero un profondo effetto sulla religione greca . Cantor scrisse che i greci non avevano mai adottato un codice di comportamento o credenze teologiche. La loro religione era composta principalmente da miti, culti e rituali. I greci accettarono le percezioni presentate dalle opere di Omero e di Esiodo, creando una religione greca unica. Le poesie di Esiodo, mentre erano state dimenticate da molti lettori moderni, ebbero un enorme effetto sia sul popolo greco del suo tempo che su un giovane poeta secoli dopo, l'Ovidio romano.

Romano I › Chi era

Definizione e origini

Autore: Mark Cartwright

clip_image005
Romanos I Lekapenos ("l'Ignorante") fu imperatore dell'impero bizantino dal 920 al 944 CE. Di discendenza armena, era un comandante militare che usurpò il trono per governare come co-imperatore con l'erede legittimo, ma ancora minore, Costantino VII (945-959 dC). I risultati ottenuti durante il suo regno includono la pace con la Bulgaria, una riconciliazione tra i lati conflittuali della chiesa su quanti matrimoni un imperatore potrebbe avere, e l'istigazione di riforme agrarie per impedire all'aristocrazia di divorare le terre dei contadini. Ci furono anche significativi guadagni nell'espansione dell'impero in Mesopotamia e in Armenia, inclusa l'acquisizione di Melitene e di diverse fortezze di frontiera.

SUCCESSIONE

Il padre di Romanos, Teofilatto l'Insostenibile, era un contadino armeno che una volta aveva aiutato a salvare Basilio (867-886 dC) dagli arabi. In cambio di questo atto, Teofilatto ricevette un appuntamento nella guardia imperiale. Romanos è nato c. 870 CE e, come suo padre, ha goduto di una carriera nell'esercito bizantino e si è fatto strada costantemente tra i ranghi per merito di diventare lo stratega o il comandante militare della provincia dell'impero di Samian. Ha poi continuato a raggiungere l'alta posizione di comandante della flotta imperiale nel 912 CE. L'armeno, tuttavia, nutriva ambizioni ancora più alte: il trono stesso.
Quando l'imperatore Leone VI morì nel 912 dC, il suo erede scelto Costantino VII era ancora minorenne a 6 anni e così lo zio del giovane sovrano Alessandro colse l'opportunità e si dichiarò imperatore. Il regno di Alessandro sarebbe durato solo un anno, quando il suo stile di vita dissoluto lo raggiunse e morì nell'Ippodromo di Costantinopoli nel 913 DC. Seguirono altri due reggenti: Nicola I Mystikos, il Patriarca (vescovo) di Costantinopoli e poi Zoe, la madre di Costantino. Nessuno dei due riuscì a impedire gli attacchi dannosi dei Bulgari e, nel 919 CE, Romanos colse l'occasione per diventare un altro reggente per Costantino mentre Zoe fu bandita in un convento di suore. Romanos avrebbe avuto ancora qualche ostacolo, fino a quando non si sarebbe potuto sedere comodamente sul trono bizantino.
TRIONFANTE, NEL 920 CE, ROMANOS SI AGGIUDICA IL TITOLO DI CAESAR E POI, TRE MESI DOPO, CO-IMPERATORE.
Conosciuto dal tag Lekapenos, che si traduce come "un tipo ignorante", a causa delle sue umili origini, Romanos aveva ricevuto il sostegno dei sostenitori del giovane Costantino perché temevano che Zoe stesse progettando di sposarsi nella potente ma infida famiglia di Phokas. Una volta che Zoe sposò il generale Leo Phokas era improbabile che Costantino avrebbe mai regnato per conto suo. Romanos si avvicinò al piatto promettendo di proteggere gli interessi dell'imperatore, nominandosi capo della guardia imperiale nel palazzo reale. Romanos poi cementò la sua posizione sposando sua figlia Helena a Costantino nel 919 CE.
Leo Phokas non resistette a questa manovra e cercò di prendere con la forza quello che avrebbe potuto essere il suo tramite il matrimonio. Una ribellione fu innescata, ma Romanos rispose con un astuto colpo di propaganda. L'ammiraglio, che ora si definisce basileopater o "padre dell'imperatore", aveva diffuso una lettera tra le truppe di Leone che mostrava per iscritto il sostegno e la fiducia di Costantino a Romanos. Copie della lettera furono fatte circolare nel campo di Leone da un prete e da una prostituta, e convinsero i soldati che Costantino era il legittimo sovrano. I sostenitori di Leo Phokas lo abbandonarono, e il generale fu catturato e accecato nella solita orribile punizione bizantina per coloro che avevano tentato di prendere il potere con la forza.
Trionfante, nel 920 CE Romanos si aggiudicò il titolo di Cesare e poi, tre mesi dopo, il co-imperatore. Andando ancora oltre, Romanos incoronò i suoi tre figli co-imperatori con uno status più alto di Costantino. Assomigliava molto a come Romanos era intento a fondare la propria dinastia di imperatori. Per consolidare ulteriormente la sua posizione e quella della sua famiglia nella società bizantina, l'imperatore fece sposare molte delle sue figlie in potenti nobili clan aristocratici come l'Argyroi e il Musele.

LA TETRAGAMIA

Uno dei primi importanti atti domestici del regno di Romanos fu la riconciliazione tra i due campi della Chiesa bizantina che avevano discusso ferocemente sul terzo e quarto matrimonio di Leone VI (886-912 dC). In precedenza, un terzo matrimonio da parte di un imperatore era considerato inaccettabile, e così quando Leo, lottando per ritrovarsi un erede maschio, si sposò per la terza volta, scoppiò la crisi nota come tetragamia. Il decreto ecclesiastico, chiamato Tome of Union, fu approvato nel 920 CE e, pur non condannando postumo Leo, dichiarò che il suo quarto matrimonio era illegale. L'influenza di Romanos sulla politica della Chiesa si consolidò ulteriormente quando fece del suo Patriarca uno dei suoi figli nel 925 CE, in seguito alla morte di Nichols I Mystikos.

RIFORME LAND

Romanos fu il primo di una stirpe di imperatori che cercarono di migliorare la tesoreria statale e il lotto dei contadini frenando la crescita dei ricchi proprietari terrieri conosciuti come i dinatoi . Questi proprietari terrieri avevano inghiottito piccoli appezzamenti di proprietà contadine, il che significava spesso una riduzione delle entrate fiscali dello stato, dato che l'aristocrazia terriera era a volte esente da imposte a causa del loro servizio militare o politico. Inoltre, molti contadini, avendo perso la loro terra, ora lavoravano in quelle proprietà e quindi erano una perdita fiscale per lo stato. Di conseguenza, Romanos approvò una legge nel 922 CE che vietava a chiunque di acquistare nuove terre a meno che non ne possedessero già alcune in quel particolare villaggio o avesse qualche altra connessione, come spiega lo storico TE Gregory:
[Romanos] escogitò un sistema di protimesis (priorità) che stabiliva chiaramente l'ordine in cui si poteva acquistare la terra contadina. Pertanto, ai parenti, ai congiunti e ai vicini veniva data la priorità, in ordine attentamente designato; solo quando nessuno in queste categorie è stato in grado di acquistare la terra potrebbe essere venduta a estranei. I Romani si resero conto che ci sarebbero stati certamente violazioni di questi principi e dichiarò che la proprietà acquisita illegalmente avrebbe dovuto essere restituita, senza compensazione. (257)
Le misure non hanno avuto il successo sperato e un altro editto è stato approvato nel 934 CE, che ha rilevato che i proprietari immobiliari, in ogni caso, continuano ad acquistare nuove terre e che la terra deve essere restituita ai contadini. Il problema dei grandi proprietari terrieri che aggiravano la legge continuerebbe a criticare le riforme agrarie dei successori di Romanos, e il vero problema di estrema povertà che spinse i contadini a vendere la loro terra o che impediva loro di acquistarne ne rimaneva.

DIFENDERE L'IMPERO

L'impero bizantino aveva a lungo combattuto con l'ambizioso Symeon dei Bulgari (893-927 dC), e si trasferì ad attaccare Costantinopoli durante gli anni caotici dopo la morte di Leone VI. Protette dalle massicce mura di Teodosio , entrambe le parti sapevano che la capitale poteva resistere a qualsiasi assedio, e quando il tentativo di Symeon di arruolare l'aiuto navale del Califfo Fatamid in Nord Africa fallì - Romanos li aveva corretti a rimanere neutrali - il leader Bulgar accettò un generoso omaggio, il titolo di imperatore di Bulgaria, e tornò a casa. Le guerre con i Bulgari si conclusero infine con la morte di Symeon nel 927 CE, che permise ai romani di concentrarsi sulle offensive altrove. Per assicurare una pace duratura con la Bulgaria, Romanos, oltre a pagare un altro bel tributo, era pronto a offrire in matrimonio il successore di Simeon, Peter, sua nipote, Maria.
clip_image006

Fuoco greco

Il generale di talento John Kourkouas (alias John Curcuas) fu accusato di campagne in Armenia e Mesopotamia per consolidare ed espandere gli interessi bizantini lì. Gli scontri inconcludenti portarono infine a una vittoria significativa e alla conquista di Melitene nella Cappadocia orientale nel 934 DC. Il generale arabo che divenne la nemesi di Bisanzio fu Sayf Al-Dawla (alias Saif-ad-Daulah), l'emiro Hamdanid di Mosul e Aleppo. Nonostante l'alleanza del califfato bizantino-abbaside, Sayf inflisse una sconfitta a Kourkouas nel 938 CE sull'Eufrate superiore e vinse un'altra importante vittoria nei pressi di Aleppo nel 944 CE. Tuttavia, nell'anno precedente, Kourkouas era riuscito a catturare le fortezze di frontiera mesopotamiche di Nisibis, Dara, Amida e Martyropolis. Alla fine, nel 944 dC, il generale bizantino assediò Edessa nell'Alta Mesopotamia e costrinse la città a rinunciare al celebre mandylion , un sudario che credeva di portare l'impressione di Gesù Cristo . I figli di Romanos sfilavano orgogliosamente il mandylion per le strade di Costantinopoli, dopo di che furono conservati nel palazzo reale dove rimase per i successivi 250 anni.
Nel 941 CE i Rus (discendenti dei Vichinghi che si erano stabiliti intorno a Kiev) lanciarono un attacco fallito contro le Mura di Teodosio di Costantinopoli. Il fuoco greco , l'arma segreta bizantina di liquido infiammabile assicurava che le navi vichinghe fossero facilmente affrontate in mare, e l'arrivo di John Kourkouas - richiamato dall'Asia - assicurò che fossero anche diretti su terra.

MORTE E SUCCESSORI

Sfortunatamente per i piani dinastici di Romanos, il suo figlio maggiore e più abile, Cristoforo, morì nel 931 CE e gli altri due figli, non così brillanti, fecero una mossa politica quando invitarono Costantino a unirsi a loro nel 944 per estromettere il padre .Romanos aveva dato segni che, vista la morte prematura di Christopher, forse era nell'interesse del suo impero avere Costantino come un imperatore pieno con la figlia di Romanos mentre la sua consorte manteneva un legame familiare e perpetuava la linea dei Romani. Quando i suoi due figli si fecero carico dei piani per nominare Costantino come erede ufficiale, nel dicembre 944 CE organizzarono un colpo di stato contro il padre e lo bandirono in un monastero. Fortunatamente per Costantino, a corte c'era un significativo sostegno a riportare il trono alla legittima linea di discendenza, ei ragazzi Romanos furono cacciati da Costantinopoli il 27 gennaio 945 CE. Costantino poteva finalmente prendere il trono a pieno diritto, all'età di 39 anni: era meglio tardi che mai. Romanos, ancora in un monastero delle Isole dei Principi al largo di Costantinopoli, morì il 15 giugno 948 CE.
Questo articolo è stato reso possibile grazie al generoso sostegno dell'Associazione nazionale per gli studi e ricerche armeni e del Fondo cavalieri di Vartan per gli studi armeni.

Il periodo dei primi tre regni › Origini

Civiltà antiche

Autore: Mark Cartwright

Il periodo dei primi tre regni nell'antica Cina , dal 184 CE al 190 CE ai fini di questo articolo, fu uno dei più turbolenti della storia della Cina. Con un governo Han malato incapace di controllare il suo impero , guerre localizzate brutali, ribellioni e insurrezioni erano all'ordine del giorno. La capitale sarebbe presto caduta, seguita dalla stessa dinastia Han , squarciata da fazioni dinastiche rivali a corte, eunuchi intriganti e letterati confuciani intrattabili. L'ordine del dominio dell'Imperatore fu sostituito dal caos dei signori della guerra in competizione, uomini come Dong Zhuo, Lu Bu e Cao Cao , tutti spietati e in possesso di una sola ambizione: governare da soli tutta la Cina.
clip_image007

Dong Zhuo e Lu Bu

Il periodo ha catturato a lungo l'immaginazione pubblica a partire dalla dinastia Sung (960-1279 dC) e ha raggiunto un livello di interesse febbrile con Il romanzo dei tre regni ( Sanguo yanyi ), un romanzo storico scritto durante la dinastia Ming, sia nel 14 o 15 secolo CE. Attribuito da alcuni a Luo Guanzhong, la versione di eventi romantici e molto ricamati ha creato eroi culturali duraturi e talvolta anche figure di culto come Liu Bei, il sovrano confuciano dello stato Shu, e il suo generale Guan Yu, che divenne il dio of War , Guan Di, così come Sun Quan, il fondatore di Wu orientale. Il romanzo copre la storia della Cina dal 168 al 280 dC e rimane oggi estremamente popolare, ispirando film, teatro, letteratura e giochi per computer.

MESSAGGIO DI SPONSORIZZAZIONE

clip_image008

clip_image009

Questo articolo è stato sponsorizzato da Total War ™

Total War: THREE KINGDOMS è il prossimo grande gioco strategico di strategia nella serie Total War vincitrice di numerosi premi. Forgia la tua eredità. Riscrivi la cronologia. Modella il futuro della Cina. OTTIENI IL GIOCO

IL DECLINO DEL HAN

La dinastia Han governava la Cina sin dal 206 aC come la sua dinastia di maggior successo. Tuttavia, nel II secolo EV, gli imperatori stavano affrontando tempi difficili. Il governo centrale, dominato da una segreta Corte interna con accesso rigorosamente controllato dagli eunuchi di corte, era sempre più lontano dagli affari delle persone comuni nelle province. Le ribellioni erano già spuntate nel CE degli anni '40 quando erano state affrontate inviando funzionari per corrompere gli uomini forti locali. Non comandando più un esercito di significato, l'imperatore potrebbe fare ancora poco.
ERA I COMANDANTI INDIVIDUALI NEL CAMPO CHE HANNO OTTENUTO IL RISPETTO E LA FEDELTÀ DELLE LORO TRUPPE - UN MIX DI PROFESSIONISTI, CONVETTI E TRIBESMEN LOCALI.
Le forze militari ancora sotto la degna giurisdizione dei sovrani Han erano permanentemente di stanza alle frontiere e avevano poca motivazione a rimanere fedeli al loro lontano comandante in capo. La decisione di Han di cambiare la vecchia politica di dare solo ordini temporanei di eserciti per campagne specifiche e poi di richiamare i generali nella capitale prima di avere qualche idea grande sarebbe fatidica.
Furono i singoli comandanti sul campo a guadagnarsi il rispetto e la lealtà delle loro truppe - un mix di professionisti, detenuti e tribù locali - e non l'imperatore distante e mai visto. Il fatto di aver ricevuto la paga direttamente dal loro comandante, senza dubbio, aveva molto a che fare con questo trasferimento di fedeltà. Come notato da un proprietario locale:
Gli ordini dei governi provinciali e della commenda arrivano come fulmini; gli editti imperiali sono semplicemente appesi al muro come decorazione. (Lewis, 27 anni)
Nel frattempo, i contadini in generale soffrivano dei soliti e tristemente regolari disastri naturali che hanno colpito la Cina, in particolare alluvioni e terremoti, così come la guerra in corso con la gente conosciuta come Xianbi. Lo Xianbi, a nord della Grande Muraglia, si sentì minacciato dall'espansione cinese e, mentre valutavano i beni di lusso cinesi attraverso il commercio e dapprima accolti favorevolmente dall'interazione, giunsero a valorizzare più fortemente la loro libertà. Con la crescente resistenza di Xianbi all'invasione cinese, il governo cinese ha semplicemente inviato sempre più spedizioni militari contro di loro. Questa politica ha contribuito in larga misura a minare l'autorità imperiale perché pochi guadagni erano evidenti se confrontati con perdite considerevoli.
clip_image010

China Warlords, 2nd-3rd century CE.

Poco o si poteva fare per migliorare la vita dei contadini perché le casse dello stato furono svuotate da queste guerre senza successo contro lo Xianbi che, nel 177 EV, guidò l'esercito cinese in un'imboscata nelle steppe del nord che ebbe un tale successo che "tre quarti degli uomini non sono riusciti a tornare "(De Crespigny, 5). Inoltre, il fatto che la tassa fosse troppo spesso evitata o sifonata da funzionari corrotti ha ulteriormente complicato la vita dei contadini.
I governatori regionali dovevano trovare il loro modo di aumentare le entrate, e non vi era alcuna politica guida trasmessa dalla capitale. La gente del posto aveva solo una linea d'azione: armarsi nel miglior modo possibile per l'autodifesa. I proprietari con i mezzi per farlo organizzarono i loro eserciti privati, reclutati dai loro inquilini e agricoltori locali. Coloro che non potevano contare su un ricco benefattore fuggirono sulle colline o altrove - con conseguenti migrazioni su larga scala e instabilità conseguente - e talvolta persino interi villaggi trasferiti su terreni più alti dove si circondavano di fortificazioni e speravano per il meglio. La Cina stava diventando rapidamente un free-for-all.

LA RIBELLIONE TURBANA GIALLA

Negli ultimi due decenni del II secolo dC, il costante declino degli Han e le ormai costanti rimostranze del malcontento provinciale improvvisamente sfuggirono al controllo con una delle più gravi e durature ribellioni mai assistite da governanti cinesi scioccati e locali frementi burocrati. La ribellione dei Turbanti Gialli esplose nel 184 dC, guidata dal carismatico mistico taoista Zhang Jue (morto 184 dC), e provocò il caos sulla terra.
Un movimento religioso popolare, il culto del Turbante Giallo era strettamente associato al Taoismo . Tra i suoi principi più allettanti c'era la convinzione che la malattia venisse dal peccato ma, specialmente una buona notizia per i contadini che mancano di medicine, le malattie potrebbero essere rimosse dalla confessione di quei peccati. La ribellione era così chiamata perché i protagonisti indossavano un turbante il cui colore rappresentava la terra, un elemento con cui si identificavano e che speravano avrebbe eliminato l'elemento fuoco associato al loro nemico Han.
La filosofia taoista ha compreso il funzionamento dell'universo attraverso l'operazione del principio di Yin-Yang e l'interazione dei Cinque Elementi: terra, legno, metallo, fuoco e acqua. Sopra i cinque elementi c'era Tian (cielo) che era rappresentato dal colore blu. Il taoismo fu favorito dalla maggior parte degli imperatori Han e, quando gli Han vennero per la prima volta al potere, associarono la loro dinastia con il cielo / blu, ma a un certo punto cambiarono in terra / giallo e, al tempo della Ribellione dei Turbanti Gialli, rivendicarono la il potere del fuoco / rosso. Questi cambiamenti in associazione con gli elementi potrebbero avere a che fare con il focus della dinastia in momenti diversi, ma questo non è chiaro.
È un aspetto interessante della ribellione che, filosoficamente, le due parti operavano dagli stessi principi del Taoismo e dalla stessa comprensione di ciò che era giusto e vero. Gli Han sostenevano la giustificazione per un governo basato sugli stessi principi che i ribelli stavano espugnando per rovesciarli, ma Zhang Jue ei ribelli insistevano che erano pienamente giustificati dal fatto che erano identificati con il precedente principio di terra / giallo che sostenevano che Han aveva abbandonato e tradito a favore del fuoco / rosso.
LA POPOLARITÀ DEL GIALLO TURBAN E 'STATA INIZIATA NELL'EST E SI RAPPRESENTA RAPIDAMENTE, AIUTATA DA UN TURNO VERSO LA POLITICA E LA PROMOZIONE DELL'AIUTO AI POVERI.
In questo, i ribelli stavano invocando il concetto spirituale di jiazhi che aveva a che fare con il valore fondamentale di un individuo o di un'azione. Il jiazhi (letteralmente "valore" o "valore") della terra - rappresentato dai ribelli - era rivendicato da loro come intrinsecamente più potente - e giusto - di quello dei loro avversari. Invocando jiazhi nella loro lotta, i ribelli speravano non solo di giustificare la loro causa, ma di attirare più sostegno per la Ribellione dei Turbanti Gialli.
La popolarità del movimento iniziò nell'est e si diffuse rapidamente, aiutata da una svolta verso la politica e la promozione dell'aiuto ai poveri. Il movimento è stato rumoroso nelle sue critiche alla discriminazione contro le donne e le classi inferiori, che era diffusa nella società cinese. Il culto alla fine si trasformò in una grande ribellione militare, che fu piuttosto ironica considerando che il suo capo Zhang Jue predicava l'obiettivo di una Grande Pace. I Turbanti Gialli furono organizzati in unità militari e preparati all'azione. Gli uffici governativi locali sono stati presi di mira e distrutti dai ribelli in tutta la Cina. La ribellione sembrava spuntare ovunque come un cancro - fuori controllo e fatale per il regime. Sedici comandate soccombettero ai ribelli, gli eserciti imperiali furono sconfitti, i governanti rapiti e le città catturate.
clip_image011

Han Dynasty Sword

L'intero paese era ora diviso in sacche di ribelli, signori della guerra o governatori regionali ancora fedeli allo stato. La confusione, la continua guerra e la privazione del popolo cinese furono riassunte in un poema attribuito al signore della guerra Cao Cao (155-220 d.C circa), che, come molti leader del periodo, aveva una seria inclinazione letteraria.
La mia armatura è stata indossata così a lungo che i pidocchi si riproducono in essa,
I lignaggi di miriadi sono periti.
Ossa bianche esposte nei campi,
Per mille li non si sente neanche un gallo.
Solo uno su cento sopravvive,
Pensare a ciò mi fa soffrire le viscere.
(Lewis, 28 anni)
La ribellione fu brutalmente annullata nel giro di un anno da un esercito inviato da Cao Cao, allora uno dei generali più importanti di Han, l'imperatore Lingdi (168-189 d.C.). Cao Cao era riuscito a organizzare una coalizione militare degli eserciti privati di importanti nobili a corte, e li ha trasformati in un'efficace forza di combattimento professionale. Il capo dei ribelli Zhang Jue fu ucciso in battaglia o giustiziato. La ribellione, tuttavia, avrebbe ripreso, anche se con più calma, sotto una nuova leadership nella provincia orientale del Sichuan. Il danno era stato fatto, però, e ora c'era davvero poca differenza tra i governatori locali e i signori della guerra locali in tutta la Cina. L'Han aveva lasciato cadere le redini del potere nelle province.

CAO CAO

Cao Cao aveva iniziato la sua carriera come comandante e capo della polizia nella capitale Han Luoyang durante il 170s CE.Ben presto ha stabilito la reputazione di essere un attaccabrighe per la legge e non ha paura di sfidare i ricchi e i potenti. Cao Cao è interpretato come un delizioso criminale machiavellico nella letteratura successiva, e anche le opere cinesi lo hanno scelto come un'opera molto antipatica, con attori che ritraggono il dittatore di solito indossando una maschera bianca ringhiante con sopracciglia sinistre. Indicativo della dubbia reputazione del signore della guerra, il suo nome sopravvive nell'espressione cinese "Parla di Cao Cao e appare" che è ampiamente equivalente a "Parla del diavolo" in inglese.
clip_image012

Cao Cao

C'erano molti altri leader militari oltre a Cao Cao, anche se, come conseguenza sfortunata della Ribellione dei Turbanti Gialli, molti dei signori della guerra locali erano stati sostenuti dall'imperatore per sollevare i loro eserciti e occuparsi dei Turbanti Gialli nella loro particolare regione. Quando i ribelli furono affrontati, questi eserciti si scontrarono e seguirono un lungo periodo di guerra civile durante il quale la capitale di Luoyang fu saccheggiata da un Dong Zhuo (189-192 dC).

DONG ZHUO

Dong Zhuo, in arte Zhongying, era un generale di frontiera trasformato signore della guerra nel nord-ovest della Cina. Ha avuto una lunga carriera militare, lavorando i ranghi dal suo punto di partenza come membro delle guardie imperiali; L'unità di Zhuo era il corpo d'élite, i Gentlemen of the Feathered Forest, i cui membri erano composti da figli e nipoti che avevano perso i loro padri in battaglia. Zhuo era esattamente il tipo di generale Han descritto sopra - permanentemente di stanza alle frontiere per un decennio e lasciato ai suoi stessi dispositivi.
Fu richiamato in tribunale nel 189 dC ma rifiutò con la motivazione che i suoi uomini non solo avevano bisogno di lui, ma avevano forzatamente ritirato la sua carrozza e non lo lasciarono andare. Era pienamente consapevole della loro lealtà nei suoi confronti, come ha affermato nel seguente estratto di una lettera alla corte:
I miei soldati, grandi e piccini, hanno familiarizzato con me da molto tempo e, amando la mia generosa riserva, mi daranno la vita per me. (Lewis, 262)
Nel 189 CE, sfruttando appieno il caos e rispondendo alla richiesta di assistenza da parte del "Gran Generale" della corte, He Jin, fratellastro di He, l'imperatrice Dowager, Zhuo si trasferì a meno di 110 km (70 miglia) da Luoyang. Alla corte imperiale, alti ufficiali e capi militari, stanchi della inettitudine del governo e del dominio degli eunuchi, furono costretti all'azione quando He Jin fu assassinato nel palazzo. Hanno così cospirato per assassinare tutti gli anni 2000 degli eunuchi che avevano tirato le fila del potere per così tanto tempo.
clip_image013

Guerriero di terracotta cinese

Gli esecutori del colpo di stato hanno quindi commesso il monumentale errore di calcolo di invitare Zhuo nella città , che allora aveva una popolazione di circa 500.000 persone. Questo fece il signore della guerra con gusto, bruciando a terra gli edifici di legno della capitale (compresa la biblioteca e gli archivi di stato) e rapendo il giovane imperatore Shaodi. Zhuo era lontano dalla sua base in occidente, però, e così si ritirò, l'imperatore al seguito, di nuovo a Chang'an. L'ex capitale Han, circondata da montagne, era una sede molto più facilmente difendibile. Ci sarebbe voluto molto tempo prima che Luoyang si alzasse di nuovo, il suo triste abbandono era annotato qui un secolo dopo l'attacco di Zhuo del poeta Cao Zhi:
Luoyang, che solitudine e ancora!
Palazzi e case tutti bruciati in cenere.
Pareti e recinzioni tutte rotte e spalancate.
Spine e rovi che si ergono verso il cielo.
(Lewis, 101)
Dong Zhuo, nel frattempo, ha goduto il suo successo. Un furfante scrupoloso, se si devono credere a fonti successive, Zhuo passerebbe alla storia come un despota pazzo, come rivela questo brano spesso citato da Il romanzo dei Tre Regni :
In un'occasione Dong Zhuo diffuse una grande festa per tutti quelli riuniti per assistere alla sua partenza; e mentre era in corso, arrivò un gran numero di ribelli dal nord che si erano arresi volontariamente. Il tiranno li aveva portati dinanzi a lui mentre si sedeva a tavola e si dedicava a quelle sfrenate crudeltà. Le mani di questo erano state mozzate, i piedi di quello; uno aveva scavato i suoi occhi; un altro ha perso la lingua. Alcuni sono stati bolliti a morte. Grilli di agonia salirono fino ai cieli, e i cortigiani erano fieri di terrore. Ma l'autore della miseria mangiava e beveva, chiacchierava e sorrideva come se nulla fosse accaduto. (167)

UNA CINA ROTTA

La distruzione di Luoyang fu un altro duro colpo per il governo Han già in rovina. Uomini come Cao Cao e Zhou continuerebbero a battersi per il controllo della Cina e il diritto di tirare le fila dell'imperatore fantoccio che rimaneva così necessario per chiunque volesse rivendicare un legittimo diritto a governare. Il caotico periodo dei Tre Regni fu testimone della rottura totale della Cina e il paese non sarebbe stato riunificato per altri tre secoli.
Licenza
Articolo basato su informazioni ottenute da queste fonti:
con il permesso dal sito web Ancient History Encyclopedia
Il contenuto è disponibile sotto Licenza Creative Commons: Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported. Licenza CC-BY-NC-SA