Passa ai contenuti principali

Che cosa è Lutto | Concetti di Psicologia

Il dolore è un'emozione che sovrasta l'uomo quando perde qualcuno, cioè che una rottura la distanza da essere piaciuto, che parte attraverso la morte. Un profondo senso di tristezza o simpatia nata di questo periodo di grazia, che rivela minima o di grande intensità, positivo o negativo in natura.
Si esprime in modi diversi secondo il pregiudizio cultura adottato da ogni nazione. In diverse comunità, per esempio, è l'uso di costumi con varie colorazioni, che indicano l'esistenza di dolore. Una nazione può anche riferirsi allo stato di lutto quando qualcuno di famoso muore.
Ma è importante rendersi conto che la lotta non è limitata solo alla presenza della morte. Egli è anche presente in tutte le privazioni, in rotture coniugali, rotture con gli amici, ci sposta verso un altro paese. Così, questa sensazione può essere progettata, infatti, come un meccanismo insito nella psiche umana.
Ogni volta che una persona ricorda sua indigenza, lei si sente un'intensa malinconia, le lacrime minacciano di invadere nuovamente negli occhi, ma non molto tempo dopo che è possibile trovare un certo conforto. Ma sicuramente i ricordi non si riassumono solo a volte duri, così si alternano emozioni, felice e triste.
Questa fase è segnata da una naturale instabilità emotiva, segnato da emozioni come shock, rabbia, aggressività, solitudine, stress, affaticamento fisico ed emotivo, tra gli altri. Ma sentimenti fluttuano a seconda della fascia d'età di coloro che sono coinvolti nella perdita, la condizione del vostro corpo, come la rottura suo contesto cultura, il credo, l'intensità della fede religiosa, la situazione economica, la sfera sociale che ospita, il suo modo di reagire allo shock della sua vita, tra gli altri fattori.
Ognuna di queste condizioni influisce notevolmente sul lutto di ciascuno, intensificare o ridurre il loro livello di impatto. La cosa importante è di sperimentare questo passaggio, non cercare di sopprimere il dolore, perché le conseguenze possono essere molto gravi in seguito. Se non può bisogno esattamente quanto tempo questa fase della vita, ma nel corso del tempo il dolore perde intensità e le persone finiscono per riprendere la sua routine, che non esclude certo momenti di ripresa di lutto.
È più difficile da trattare con la famiglia in lutto, perché questo sentimento può innescare in questo ambiente una giuntura critica, soprattutto per quanto riguarda i cambiamenti di prestazioni richiesti quando si perde qualcuno all'interno della casa, perché colui che ha rotto i compiti devono ora essere trasferiti a qualcun altro. Questo momento complesso in sviluppo familiare può provocare una grave paralisi, che sicuramente caratterizzerà il lutto di questo gruppo di individui.
Il lutto passa attraverso alcuni passi prima del suo completamento. Inizialmente c'è lo shock della perdita, quando una persona è completamente anestetizzata; poi viene la negazione o la ricerca, quando i sentimenti sono coinvolti come l'incredulità, le domande, la sensazione di essere prossimo per essere andato – è solo l'inizio della percezione di ciò che è accaduto. Poi entrano in gioco le sofferenze e l'inevitabile rottura quando sorgono sentimenti depressivi, solitudine, paura, aggressività, senso di colpa. In questa fase la persona somatiza la sofferenza e le distanze se stesso dalla sua vita quotidiana. Infine essere bisognosi entra nel processo di recupero e accettazione, crea prospettive future, si adatta al disfacimento, avvia nuove relazioni ed esegue il rendering di un comportamento più positivo.

Fonti:

http://PT.wikipedia.org/wiki/Luto
http://www.drashirleydecampos.com.br/Noticias/15009
Pubblicato per scopi didattici
Cultura e scienza

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…