Passa ai contenuti principali

Biografia di Wolfgang Amadeus Mozart | Compositore.

(Salisburgo, Austria attuale, 1756 - Vienna, 1791) Compositore austriaco. Franz Joseph Haydn ha detto una volta il padre di Mozart, Leopold, che suo figlio era «il più grande compositore che so, di persona o per nome». L'altro grande rappresentante della Trinità classico Viennese, Beethoven, confessato anche loro venerazione la figura del musicista Salisburgo, mentre la scrittrice e musicista E.t. A. Hoffmann considerato Mozart, accanto a Beethoven, il grande precursore del romanticismo e uno dei pochi che avevano conosciuto per esprimere nelle sue opere che le parole sono in grado di insinuarsi anche.

Wolfgang Amadeus Mozart
Sono eloquente elogio circa il riconoscimento che già goduto di Mozart nel suo tempo, e sua morte misteriosa, avvolta in un'aura di leggenda romantica, ha non solo aumento. Genio assoluto e unico, autore della musica che conserva ancora intatta tutta la sua freschezza e la sua capacità di sorprendere ed emozionare, Mozart occupa uno dei posti più alti nel Pantheon della musica.
Figlio del violinista e compositore Leopold Mozart, Wolfgang Amadeus fu un bambino prodigio che all'età di quattro anni era già in grado di interpretare la chiave semplici melodie e comporre piccoli pezzi. Insieme con la sorella Nannerl, cinque anni più di lui e anche performer di talento, il padre lo portò taglio in tribunale e di città in città per sorprendere il pubblico con la sua straordinaria abilità. Monaco di Baviera, Vienna, Francoforte, Parigi e Londra erano alcune città che ha espresso il suo talento prima di raggiungere l'età di dieci anni.
Tuttavia trascurato formazione Leopold il vostro bambino: questo ha continuato con i migliori maestri del tempo, come Johann Christian Bach, il più giovane dei figli del grande Johann Sebastian Bach, a Londra, o il padre Martini a Bologna. È la volta delle prime sinfonie e opere di Mozart, scritti in stile galante di moda, poco personale, ma che non hanno nulla da invidiare ad altri insegnanti consacrate.
Tutti i suoi viaggi è sempre finito a Salisburgo, dove i Mozart servito come maestri di cappella e concerti di Corte Arcivescovile. Spinto dal suo crescente successo, soprattutto dopo il ricevimento alla sua opera Idomeneo, Mozart ha deciso di lasciare quella situazione di schiavitù nel 1781 per tentare di sopravvivere con i propri mezzi come compositore indipendente, senza più armi al suo immenso talento e la sua musica. Non è riuscito nello sforzo, ma il suo esempio ha sottolineato il percorso da seguire musicisti successivi, allo stesso tempo anche nei cambiamenti sociali provocate dalla rivoluzione francese; Beethoven o Schubert, per citare solo due esempi e non deve entrare mai servire un mecenate o un pattern.
Dopo essersi stabilito a Vienna, carriera di Mozart entrò nel suo periodo di maturità. Le diverse correnti del suo tempo sono sintetizzate in un tutto omogeneo che se qualcosa è segnato per la sua apparente tono leggero e apparenza semplice che nasconde una profonda conoscenza dell'animo umano. Si è verificato di capolavori: il terreno scenico è emerso singspieler il ratto dal serraglio e il flauto magico, punteggio che posero le fondamenta della futura opera tedesca e mescolati a tre opere su libretto di Lorenzo Da Ponte le nozze di Figaro, Don Giovanni e così fan tutte, in che ha superato le convenzioni del genere.
Non dobbiamo dimenticare la produzione sinfonica di Mozart, soprattutto le sue sinfonie ultimi tre, in cui anticipato alcune delle caratteristiche dello stile di Beethoven, o suoi ultimi sette concerti per pianoforte e Orchestra. O suoi quartetti, sonate per pianoforte o l'incompiuto Requiem. Tutte le opere della maturità sono espressione di un miracolo se stesso. Sua morte precoce è stato, senza dubbio, una delle più dolorose perdite nella storia della musica.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…