Biografia di William Shakespeare | drammaturgo inglese

Biografia di William Shakespeare

L'enigmatico vita e carriera letteraria del drammaturgo inglese, considerato il miglior drammaturgo di tutti i tempi.

Intorno al 1860, nel momento in cui culminò suo lavoro Miserabili, Victor Hugo ha scritto dall'esilio: 'Shakespeare è il monumento che l'Inghilterra dovrebbe si'. A questo punto nel XIX secolo, l'opera di cui è oggi considerato il più grande drammaturgo di tutti i tempo è stato ignorato dalla maggior parte e disprezzato dalla squisita. Le parole del Patriarca francese caddero come un maglio sulla coscienza patriottica inglese; decine di monumenti a Shakespeare immediatamente sono stati eretti.
Attualmente, il volume della sua opera omnia è indispensabile come la Bibbia nelle famiglie anglosassoni; Amleto, Otello e Macbeth sono diventati simboli e il suo autore è un classico il quale esecuzione fiumi di inchiostro. Nonostante ciò, William Shakespeare come un uomo, è ancora sconosciuto.

William Shakespeare
Grandi spazi vuoti, un mucchio di storie apocrife e alcuni sparsi dati compongono la sua biografia. Non è ancora noto esattamente la data della sua nascita. Questo darebbe piede nel secolo scorso a una strana opera di erudizione apparente, interpretato da "antiestratfordianos", che mira a diffondere il male sospetto che le opere di Shakespeare non erano stato scritto dal carattere storico dello stesso nome, ma da altri che hanno servito come uno schermo. Francis Bacon, Edward de Vere, Walter Raleigh, la Regina Isabella I e anche la stessa moglie di bardo, Anne Hathaway, erano i candidati proposti dagli speculatori di studiosi di Shakespeare fittizi. Secondo un'altra teoria, il suo amico il drammaturgo Christopher Marlowe era il vero autore: non sarebbe morto all'età di ventinove anni in una lotta di Taverna in quanto si credeva, ma riuscì a fuggire all'estero e da lì inviato i suoi scritti a Shakespeare.
Alcuni fans di crittografia ritiene che essi avevano incontrato, nelle sue opere, chiave di rivelare il nome di veri autori. In armonia con le quinte teatrali, Shakespeare è stato diviso nella pseudo-Shakespeare e Shakespeare il Bribon. Sotto quest'opera di intrattenimento ha incoraggiato un curioso snobismo: luogo di nascita umile di un uomo e pochi studi non avrebbe potuto scrivere opere di tale grandezza.
Fortunatamente, con il passare degli anni, non meno critico dedicato, grave per diffamazione che di discernere, più preoccupati di glitter di fuori di se stesso, ha firmato questi aneddoti spiritosi. Ma delle confutazioni di molti che sono state invalidate, nessuno come conclusivo, oltre alle scarsi ma incontrovertibili dati storici, come la testimonianza dell'opera stessa; perché attraverso il suo stile e il suo talento distintivo possiamo trovare l'uomo.

Le origini

Nel sesto anno del Regno di Isabel I d'Inghilterra, il 26 aprile 1564, è stato battezzato William Shakespeare a Stratford upon Avon, un villaggio nella Contea di Warwick, che non ha superato le duemila abitanti, orgogliosi della sua Chiesa, la sua scuola e il suo ponte sul fiume. Uno di questi era John Shakespeare, commerciante di lana, macellaio e inquilino che divenne consigliere, tesoriere e sindaco. Dal suo matrimonio con Mary Arden, signora di distinta famiglia, erano nati cinque figli, il terzo dei quali ricevette il nome di William. Non ci sono prove dal giorno della sua nascita, ma tradizionalmente il suo compleanno si celebra il 23 aprile, forse per trovare qualche disegno o fatalità sulla data, poiché la morte è venuto, cinquantadue anni più tardi, lo stesso giorno.
Di conseguenza, non era sua culla umile come assicura le critiche negative, né gli studi così scarsi come egli è presupposto. Mentre Ben Johnson, drammaturgo e amico del drammaturgo, esageratamente ha detto che "Sapevo poco latino e meno greco", la verità è che Shakespeare imparò la lingua di Virgilio della scuola di Stratford, sia pure come uno studente poco entusiasta, estremo entrambi confermando le sue opere. La madre proveniva da un'antica e ricca famiglia cattolica ed è molto probabile che il poeta, insieme a suoi due fratelli e una sorella, fu educato nella fede di sua madre.

Casa Natale di Shakespeare
Tuttavia, non deve rimanere a lungo nelle aule, come quando aveva tredici anni suo padre che Fortune scomparve e il giovane ha dovuto essere disposto come dipendente della carneficina. All'età di quindici anni, dice, era già un abile macellaio che decapitò vitelli con fasto, vale a dire dicendo funerale e discorsi fioriti. Dipinge anche è vagare indolente le rive del fiume Avon, confondendo confini, consegnato allo studio della botanica curiosità o rivaleggiare con i bevitori più difficili e a sonnecchiare quindi ai piedi del bosco di Arden.
A diciotto anni aveva sposato Anne Hathaway, un abitante del villaggio nove anni più vecchi di lui di cui la gravidanza era molto avanzata. Cinque mesi dopo il matrimonio ha avuto una figlia, Susan e poi i gemelli Hamnet e Judith. Ma Shakespeare non sarebbe un marito ideale o lei era così ampi indumenti per tenerlo sul suo lato per lungo tempo. Gli interessi del poeta guidarla in altre indicazioni piuttosto che casa della strada. Continuò a scrivere versi, ipnotizzato hanno partecipati Rappresentanze offerti dalle aziende di comici della lega la Guild Hall di Stratford e non perdere le feste in maschera, fuochi d'artificio, equitazione e funzioni teatrali che tiene le visite della regina al Castello di Kenilworth, dimora di uno dei loro preferiti.
Secondo la leggenda, nel 1586 fu pescato in flagrante caccia furtivamente. Nicholas Rowe, il suo primo biografo, scrive: "purtroppo troppo comune in giovani, Shakespeare è stato dato a cattive compagnie, e alcuni che ha rubato il cervo lo indusse più di una volta di rubare loro in un parco appartenendo a sir Thomas Lucy, di Charlecote, vicino a Stratford. Di conseguenza, questo signore perseguita a Shakespeare, che, per vendetta, scrisse una satira contro di lui. Questo caso prima prova della sua musa era così aggressivo che il gentiluomo raddoppiò il suo inseguimento, in termini tanto che è costretto di Shakespeare a lasciare la sua attività e la sua famiglia e a rifugiarsi a Londra". Ma è più plausibile per il virus del Teatro di spingerlo a partecipare alcuni viaggiatori comico di celebrità passando per Stratford, lasciando moglie e figli e li baratto per sia triste e splendida capitale del Regno.

Shakespeare nella città del Teatro

Da quel momento c'è un gap nella vita di Shakespeare, un periodo i biografi chiamano "anni bui". Non si ripresenta davanti ai nostri occhi fino al 1593, quando è già un famoso drammaturgo e uno dei personaggi più popolari di Londra. Nel frattempo attribuito i seguenti lavori: praticante avvocato, insegnante di scuola, soldato di Ventura, custode della nobile famiglia e anche custode dei cavalli al cancello dei teatri. Ci vorrebbero parecchi mesi fino a quando non poteva entrare loro e ingerenza dietro le quinte, in primo luogo come traspunte o servo del puntatore, poi come una comparsa, più tardi come un attore riconosciuto e, infine, come un autore di grande e meritato prestigio.
Vietato da un Consiglio di città puritana che li considerava piantine di vizi, teatri avevano installato sul lato opposto del fiume Tamigi, di fuori della giurisdizione della città e il fastidio dei loro sostituti. Tenda, El Globo, El Cisne o Blackfriars non erano molto diverso ispanica penna dove rappresentato Lope de Vega. Il panorama era estremamente semplice: due spade incrociate nella parte inferiore del boccascena significava una battaglia; un intonaco giocatore stazionario in polvere era un muro, e, se ha separato le dita, il muro aveva crepe; un uomo caricato con legna da ardere, portando una torcia elettrica e seguita da un cane, era la luna.
I costumi sono improvvisati in un angolo della scena parzialmente nascosto da tende fatte di stracci, attraverso il quale il pubblico ha visto attori pittura loro guance con polvere di mattone o tiznando i baffi con sughero carbonizzato. Mentre i giocatori che gesturing e CITES, i nobili e gli ufficiali, accomodato al relativo peer sulla piattaforma, li hanno sconcertato con le loro risate, le loro grida e loro giochi di carte, pronti a mostrare fuori sua arguzia improvvisando repliche e di rovinare la rappresentazione se il lavoro non era contento di loro. Intorno al cortile, gallerie hosting le signore di rango e i cavalieri. E nella parte inferiore della "casseruola", avvolto nell'ombra, seduta sul pavimento tra boccali di birra e tubi di fumi, sembrava di "fallo", la gente puzzolente.
In ogni caso, era un pubblico con più immaginazione rispetto alla corrente o, almeno, conoscitore delle convenzioni teatrali imposto dalla povertà o dalla legge. Ispira il primitivismo severo del Deuteronomio, legislatori puritani vietata la presenza delle donne nella scena. Il Julietas, Desdemonas e Ofelias di Shakespeare erano incarnata da ragazzi ma simili voce atiplada, ammontati a borghi, Macbeths e Otelos come loro ottuso barba e cambiare la loro voce. Tale era il teatro in cui Shakespeare iniziò la sua carriera drammatica.

Fertilità

Al 1589, Shakespeare ha cominciato a scrivere. Ce l'ha fatta su fogli sciolti, come la maggior parte dei poeti del tempo. Gli attori imparato e provato loro ruoli frettolosamente e lettura nell'originale, che non è disegnato copie per mancanza di tempo; Quindi, già non ci sono nessun manoscritti. Come ogni sera offerto un lavoro diverso, il repertorio ha dovuto essere variata. Se il gioco non è riuscito e non ha rinviato alla fase. Se ti è piaciuto è stato sostituito ad intervalli di due o tre giorni. Un lavoro di molto successo, come tutti di Shakespeare, potrebbe rappresentare un dieci o dodici volte in un mese. Alcuni giocatori sono stati in grado di improvvisare da un argomento superficiale i dialoghi dell'opera come si stava sviluppando l'azione. Shakespeare mai bisogno di loro.

Ritratto e firma di Shakespeare
Afflitta da questo ritmo vertiginoso stimolato dal suo genio, Shakespeare ha cominciato a produrre due opere all'anno. Nella sua prima fase, Shakespeare ha seguito la linea di questi drammi Elizabethan di cappa e spada. Questi anni (tra il 1589 e il 1592) sono le opere che ha inaugurato la sua cronaca nazionale, suoi drammi storici: le prime tre parti di Enrico VI e la storia di chi ha ucciso esso, Riccardo III. La commedia degli errori, basato su un tema di Plauto, segna il suo lato burlesco e Titus Andronicus, Barbara tragedia ispirata a Seneca, il suo primo lavoro di tema romano.
Durante la peste di Londra nel 1592 (che i puritani hanno approfittato per tenere chiusi i teatri fino al 1594), Shakespeare si ritirò a Stratford e sviluppato il suo talento poetico. Venere e Adone pubblicato nel 1593 e il 1594 lo stupro di Lucrezia, due lunghi poemi, dedicati alla sua guardia giovane, Henry Wriothesley, conte di Southampton, che sono associate solitamente con uno dei protagonisti della famosi sonetti. Come contenuti in documenti, nel 1594 era già un membro prominente della migliore società del tempo, il Lord Ciambellano completo società di giocatori (compagnia attori Signore Chamberlain), nome preso dalla sua guardia e aveva scritto la bisbetica domata, i due gentiluomini di Verona, ispirazione italiana due commedie e un terzo, amore perduto funziona, insieme a un immaginario Navarra.
Shakespeare ha iniziato a recitare nella compagnia e anche se ha continuato a farlo fino al 1603, non era mai a giocare ruoli importanti. Tuttavia, l'esperienza dovrebbe essere utile. Come Molière, Brecht o Bulgakov, Shakespeare era un vero uomo di teatro: lo conosceva dall'interno, partecipò alle prove, assistito a spettacoli e concepito i suoi personaggi con attori specifici in mente. Oltre al suo successo teatrale, migliorato la sua economia. È diventato uno degli azionisti del relativo teatro, potrebbe aiutare finanziariamente suo padre e anche nel 1596 comprato lui un titolo nobiliare, il cui mantello appare nel monumento al poeta costruito poco dopo la sua morte nella Chiesa di Stratford. Tra il 1594 e il 1597 scrisse Romeo e Giulietta e il sogno di una notte di mezza estate, due opere di amore e gioventù e drammi storici Riccardo II, Re Giovanni e il mercante di Venezia.
Nel 1598 azienda Chamberlain è stato installato presso il nuovo teatro, The Globe (il pallone), cui nome si unirebbe la Shakespeare per sempre. Questo mi sembra il palcoscenico più felice dello scrittore, al momento della commedia molto ADO e ADO, come ti pare, le allegre comari di Windsor (che secondo la leggenda è stata scritta in quindici giorni su richiesta urgente della Regina), dodicesima notte ed è bene quel che finisce bene, scritto tra il 1598 e il 1603. Questi anni sono anche (come anticipa la prossima tappa) Julius Caesar, Troilo e Cressida e suo più famoso e duraturo, frazione di lavoro.
Alla morte di Elisabetta nel 1603 l, Jacobo I, figlio di María Estuardo e re di Scozia dal 1567, divenne anche re d'Inghilterra e Chamberlain azienda passato sotto la sua protezione con il nome di re completo uomini (gli uomini del re). Nonostante il cambio di nome e protettore, il Teatro mantenuto il suo carattere pubblico: rilasciato dichiarazioni a tutti, anche alla Corte.
Dato questo successo, l'azienda ha aperto una piccola stanza coperta nel 1608, Blackfriars, con un ingresso superiore e per un pubblico più selezionato. Finanziariamente, l'azienda ha funzionato come una società a responsabilità limitata di cui Shakespeare era uno dei suoi principali azionisti. A causa della buona gestione, la sua posizione economica era indicato ancora più: ha comprato diverse proprietà a Londra e Stratford, fatto vari investimenti, tra cui alcuni agricoli e nel 1605 ha comprato una condivisione delle decime della parrocchia di Stratford, grazie al quale (e non per tua gloria letteraria) sarebbero stato sepolto nel presbiterio della Chiesa.

L'ultimo atto

Shakespeare ha avuto sempre opere sul palco, ma mai annoiati. Tra il 1600 e il 1610 ha lasciato non essendo sotto i riflettori con suoi principi spinti ad affrontare l'impossibile, suoi monarchi di discorso ampolloso, suoi cortigiani vendicativi e tipi di grim, sano di mente in posa è come pazzi pazzi e i tipi che tentano di raggiungere la sua follia, suoi fate e vivace geniecillos, loro buffoni, loro mostri, loro strozzini e loro stupido perfetto di colore nero. Questa pletora di creature capaci di stipare il paradiso e l'inferno sarà riempita il sacchetto.
Alla fine del secolo egli era già abbastanza ricco e comprato o fatto per costruire una casa a Stratford, chiamato New Place. Suo figlio, lasciando una linea nel record mortuaria della parrocchia del suo popolo come un segnale unico e conciso da passando attraverso la terra morì nel 1597. Susan e Judith erano sposati, la prima con un medico e la seconda con un mercante. Susan aveva talento; Judith non ha fatto leggere o scrivere e firmato con una croce. Nel 1611, quando Shakespeare era al culmine della sua fama, ha detto addio alla scena con La tempesta e stanco e forse malato, si ritirò nella sua casa di New-posto disposto a donarsi anima e corpo al vostro giardino e rassegnato a vedere accanto a lui ogni mattina il volto severo di sua moglie. Nel giardino ha piantato il primo gelso cresciuto a Stratford. Morì il 23 aprile 1616 all'età di cinquantadue anni, una data che è stato segnato in nero sulla storia della letteratura del mondo dal luttuoso coincidente con la morte di Cervantes.

I misteri di Shakespeare

È vero che la gioventù del poeta offre i passaggi più sconosciuti per il biografo. Tuttavia, i veri misteri della sua vita appartengono a quegli anni che la sua carriera può essere ricostruita abbastanza fedelmente. Il più noto di questi puzzle è relativo ai suoi sonetti, pubblicati nel 1609, ma scritta, principalmente, circa dieci o quindici anni prima. Uno dei protagonisti dei 154 sonetti è un giovane bello, quale il poeta ammira molto, e l'altro è la famosa signora scura, "Dark Lady", che è stato infedele con il precedente.
Molti hanno cercato di trovare in queste poesie chiave della vita interiore di Shakespeare, prova della sua presunta omosessualità, affermando che il giovane sonetti rubacuori o, forse, la "Dark Lady" era nientemeno che il conte di Southampton, patrono dell'autore esordiente che aveva dedicato le sue prime due opere poetiche. Non è noto con certezza che era l'oggetto del culto segreto del poeta. Loro riferimenti personali unici comprensibili e chiari sono frattaglie: che stava soffrendo dall'insonnia, gli piaceva la musica, che disapprovava l'uso di parrucche e dipinto le guance.

Count Henry Wriothesley
Southampton, protettore di Shakespeare
Un'altra delle incognite è che i loro anni di successo più sociale, economico e professionale tra il 1603 e il 1612, coincidono con l'ora del loro grandi tragedie, le loro opere più amaro e disilluso, come Otello, Re Lear, Macbeth, Antonio e Cleopatra, Coriolano e Timone d'Atene. Anche l'ultima commedia di questi anni, misura per misura, è più cupa rispetto a molti dei suoi drammi. Inoltre, la sua ultima quattro opere, Pericle, Cymbeline, il racconto d'inverno e La tempesta, suo addio meraviglioso del teatro e del mondo, sono una curiosa incursione di elementi immaginari e pastorale nel suo teatro, senza dubbio sotto l'influenza della nuova generazione di drammaturghi come Francis Beaumont e John Fletcher. Ci sono altre due opere, Enrico VIII e i due nobili parenti, entrambi di 1612-1613, la cui paternità parziale tendono ad essere attribuita, poiché con tutte le indicazioni sono state scritte in collaborazione con il giovane Fletcher, con il numero dei loro pezzi teatrali vorrei aggiungere 38. Ma la tempesta è universalmente considerato come il suo ultimo lavoro.
In entrambi i casi, la verità è che intorno 1613, vale a dire i quarantotto anni di età, nel potere delle sue facoltà mentali e al culmine della sua carriera, Shakespeare ha rotto bruscamente con il teatro e si ritirò nella sua città natale, come potrebbe un piccolo borghese che dopo una vita di lavoro mi piacerebbe godere loro beni nel tranquillo paese. La sua ultima anni passarono a partire da un rispettato hidalgo rurale: partecipare alla vita sociale di Stratford, amministrato loro proprietà e condiviso i loro giorni con le loro famiglie e nei paesi limitrofi.
Seguite le sue opere in cartellone fino a dopo la sua morte, e lui dovrebbe mantenere qualche contatto, anche se solo amichevole, con il teatro. Anche detto che, secondo una leggenda quasi mezzo secolo più tardi, che morì a seguito di un banchetto tenuto in compagnia del suo collega Ben Jonson. Questa storia contraddice il fatto che un mese prima della sua morte consegnato giù sua volontà rubricando con una firma traballante che permette di immaginare che era già malato.
Il Testamento, ampio ed approfondito, è relativo al mistero ultimo della vita di Shakespeare, anche se è solo di ordine minore e aneddotica: dopo denominazione come il principale erede al marito di sua figlia, Susan e lasciare gli oggetti di valore di oro e argento alla sua altra figlia, Judith, lasciata la moglie suo "secondo miglior letto". Nessuno è stato in grado di decifrare il vero significato di questo strano legacy, il quale, a sua volta, la dice lunga sul carattere del matrimonio del poeta.
I posteri ha occupato più di qualsiasi altro autore e non solo nel senso positivo di Shakespeare. Molti voluto negare la paternità del suo lavoro, attribuendo a spiriti superiori, preferibilmente di origine illustre. Voltaire e Tolstoj, ad esempio, li irritato non la persona del poeta (o origine plebea), ma il suo lavoro, che è l'opposto di tutti classica ordine, regola artistico o realismo formale. È la stessa libertà: verbale, drammatico, emotivo. Espresso con rapidità delle immagini, nella stessa opera salto mari, Paesi e anni, cambiare in modo casuale i fili di trama e alternati con il tono tragico e comico. Il suo lavoro è la perenne preoccupazione e la loro prospettiva, infinito. Ignora i canoni della composizione perché obbedisce a leggi più importanti e ataviche come unità di tempo o luogo. Nessuno era in grado di catturare tutti i caratteri come il drammaturgo che praticamente non ha inventato una singola storia propria.
In una di quelle metafore sorprendentemente plastica che abbondano nelle sue opere, Shakespeare ha definito la gloria come "un cerchio nell'acqua / che mai cessa di essere allargata / per essere così ampia / dissipa nel nulla...». Ma la sua non era. Non tendevano a sbiadire, nemmeno a languire: dopo il relativo disinteresse per il suo lavoro nei tempi della morale puritana e gusto neo-classico, dal Preromanticismo girato per scoprire modalità universale. Da allora tutte le epoche e gli stili hanno loro proprio Shakespeare, confermando la previsione del suo amico e rivale, Ben Jonson: "Era non di un'epoca, ma per tutto il tempo".

Cronologia di William Shakespeare

1564Nato a Stratford upon Avon. Egli è il terzo figlio di John Shakespeare e Mary Arden.
1582Sposa Anne Hathaway. L'anno successivo nacque la figlia Susan e, due anni più tardi, i gemelli Hamnet e Judith.
1588-89Si stabilì a Londra, lasciando moglie e figli e scrisse le sue prime opere.
1592La peste costretta a chiudere teatri e Shakespeare si ritirò a Stratford. È possibile soggiornare nel nord Italia.
1593-94Ha pubblicato i poemi Venere e Adone e lo stupro di Lucrezia, dedicato per contare Henry Wriothesley de Southampton, suo protettore.
1594Riapertura dei teatri. Shakespeare è ora la migliore società del tempo, la società di attori del Lord Ciambellano.
1597Morte di suo figlio, Hamnet. La buona situazione economica come un imprenditore dell'azienda consente di acquisire nuova-luogo, una casa a Stratford.
1598Vostra azienda è installato nel nuovo teatro The Globe, Shakespeare è co-proprietario.
1600-01Scrive e debutta Amleto.
1603Il nuovo re d'Inghilterra, Jacobo, diventa il protettore della compagnia di Shakespeare, che succede ad essere chiamato re completo uomini (gli uomini del re).
1605-06Scrivere Macbeth e Re Lear.
1609L'azienda apre una nuova sala, il Blackfriars Theatre, dove Shakespeare è anche co-proprietario. Suoi sonetti sono pubblicati senza il vostro permesso.
1611Scrivere La tempesta, il suo ultimo lavoro. Lasciare il teatro e si ritira a New Place, casa sua a Stratford.
1616Morì nella sua città natale.

Opere di William Shakespeare

L'età d'oro del teatro europeo

Nel XVII secolo un importante sviluppo della drammaturgia europea, ha avuto luogo principalmente in Inghilterra, Spagna, Francia e Italia. Compagnie teatrali erano ancora prevalentemente itinerante, ma già alla fine del XVI secolo cominciarono a stabilirsi. Rappresentazioni di fan ha cessato di essere la sua antica importanza, apparve la figura dell'attore professionista, anche se la situazione economica e sociale del popolo del teatro è rimasto molto precaria. Se in Italia l'attore apprezzato qualche considerazione, in Inghilterra il Puritan tradizione era sempre ostile a coloro che hanno partecipato a un'arte così dissoluta, mentre in Francia la Chiesa cattolica ha rifiutato i sacramenti per i comici. Il coinvolgimento delle donne negli scenari varia: in Italia e Spagna, le attrici sono state ammirate, ma in Inghilterra e in Germania i ruoli femminili erano rappresentati da ragazzi.
Fin dall'inizio del XVII secolo, il teatro è stato sviluppato sotto la protezione di re e nobili. In Francia, Enrique IV e sua moglie Médicis María invitato in numerose occasioni per le aziende italiane e quindi ha evidenziato il ruolo protettivo del cardinale Richelieu. In Inghilterra, l'interesse di Carlos I e sua moglie, Enriqueta Maria French, ha dato un forte impulso al genere. In Italia i tribunali erano il centro dell'attività teatrale, mentre rappresentazioni reali ha avuto luogo, dal 1632, presso il Palazzo del Buen Retiro a Madrid.

William Shakespeare
Va notato che durante tutto il periodo, è stato assegnato un'importanza crescente per il prescrittivo letteraria, applicate con minore intensità ai giochi. "Regole dell'arte", messa in vigore era composto, principalmente, l'idea di verosimiglianza, nella misura in cui classico decoro (ogni personaggio deve comportarsi secondo il loro rango sociale), l'appropriatezza dello stile all'oggetto (tra i tre possibili livelli: lirico, epico o tragico e comico o satirico) e, infine, nelle "tre unità" dell'azione, tempo e luogo. Il presente regolamento si basava sulla poetica di Aristotele, che divenne un testo canonico ineludibile per estetica letteraria. Tuttavia, mentre in Francia le regole ha avuto un carattere sempre più imperativo, entrambi in Spagna e in Italia sono stati solo rispettati ma poco conosciuto e in Inghilterra sono stati ignorati quasi integralmente.

La scena inglese al tempo di Shakespeare

Alla fine del XVI secolo, durante il Regno di Isabella I d'Inghilterra, i teatri prima stabili e pubblici furono costruite a Londra. Teatri elisabettiani erano costruzioni o ottagonale o circolare, in legno, con un cortile centrale aperto pit e gallerie circostanti. Avevano circa 25 metri all'esterno di diametro e alta circa dieci.
Nel cortile, gli spettatori sono rimasti in piedi. Sulla piattaforma del palcoscenico, su un piano superiore sorretto da colonne, erano le dipendenze per le macchine di effetti speciali e altri accessori dei puntelli. Sebbene l'azione drammatica si è svolta principalmente sul palco, una galleria situata nella parte inferiore della valle è stata impiegata quando la scena incluso un balcone (come in Romeo e Giulietta) o la parte superiore di un muro (come in Macbeth). In alcuni teatri, una seconda tribuna più piccola era destinata ai musicisti.
Sul retro del palco, due porte ha permesso l'ingresso e l'uscita dei giocatori. Nei teatri più sofisticati un secondo spazio, di piccole dimensioni, chiamato fase interna era tra loro. Separato dalla piattaforma principale da una tenda, questa zona era utilizzata per ricreare specifici, come dormitori o ambienti di grotta. Attraverso le botole nel pavimento del palco principale sono rappresentati da diversi effetti, quali tombe o apparenze.
I teatri che sono stati costruiti includono The Theatre (1576), il Rose (1587), The Swan (1595) e The Globe (1599), che nella sua originale sia ricostruito forma è rimasto aperto nella prima metà del secolo successivo. A 1609 company di Shakespeare è stato fondato nel teatro privato a Blackfriars, anche se ha continuato a rappresentare il palloncino. Quest'ultima, distrutta da un incendio, fu costruita nel 1614.

Di Shakespeare

In questo contesto di rinascita del teatro europeo, la figura teatrale indiscussa in Inghilterra era William Shakespeare. Nella sua carriera, si possono distinguere quattro fasi. Il primo di essi (fino al 1598 circa) sono una serie di parti giovanile in cui Shakespeare ha seguito la forza di moda, adattando i temi al gusto del pubblico. Durante questo periodo esercita in vari generi, dalla commedia di entanglement (la commedia degli errori) alla tragedia classica di influenza fuori (Tito Andronico), passando per il dramma storico (re Giovanni, Riccardo III, Enrico IV). Altre opere di questo momento iniziale, come il mercante di Venezia, la bisbetica domata, Romeo e Giulietta e sogno di una notte di mezza estate, segnano l'inizio di una fase di maggiore creatività.
Sul palco shakespeariano, che va dal 1598 al 1604, parti che si riferiscono a spesso come"medio", sono caratterizzate da un maggior virtuosismo scenico. Le commedie sono le allegre comari di Windsor ed è bene quel che finisce bene, mentre drammi Julius Caesar, Amleto e Otello annunciare già il prossimo periodo, noto come delle grandi tragedie (1604-1608), in cui Shakespeare tuffarsi i sentimenti più profondi dell'essere umano: la sovversione delle affezioni in Re Lear, violento e folle ambizione nel Macbeth e passione dilagante in Antonio e Cleopatra. La fase finale (1608-1611) è brilla per il suo ultimo capolavoro, La tempesta, in cui fantasia e realtà si mescolano offrendo una testimonianza della saggezza e l'accettazione della morte.

Ritratto di Shakespeare nella
prima edizione delle sue opere
La suddivisione in fasi non è più effettivamente un insegnamento convenzione dall'impossibilità di cronologicamente datati molti dei suoi lavori e la stessa eterogeneità che si avverte all'interno di queste cosiddette fasi nell'evoluzione della sua drammaturgia. È noto che già prima del 1594, aveva stretto amicizia il giovane conte di Southampton, Henry Wriothesley, che ha dedicato la sua due poemi Venere e Adone (1593) e lo stupro di Lucrezia (1594) e la maggior parte dei sonetti (possibilmente quelle del periodo 1593-97).
Può essere attribuita a Shakespeare, come sembra, la seconda e terza parte di Enrico VI, la prima data in cui è possibile data che la sua attività drammatico sarebbe stato l'anno 1591; nella stesura di questo dramma, ci sono tratti di comici e affettive che poi sarebbero diventato caratteristico dell'autore. Nel corso di questo periodo è stato testato Shakespeare, così come dramma storico, quindi molto alla moda, commedia (commedia degli errori) e il genere drammatico di orrore, con Tito Andronico, il primo dramma pubblicato da Shakespeare (Anonimo, nel 1594). Richard III e quest'ultimo lavoro ha rivelato l'influenza di Marlowe, che, per parte sua, sembra aver ispirato sua Edward IIin Enrico VI . Tale insieme drammatico iniziale permette solo di scoprire le tracce di un genio.
Si pensa che Shakespeare potrebbe essere accaduto, parte del periodo 1592-94 in Nord Italia (forse insieme al conte di Southampton), per quanto riguarda la ripresa delle attività nei teatri dopo la peste che allora era disorganizzato il mondo del Teatro di Londra, il nostro autore ha presentato una serie di drammi di italiano atmosfera in cui dimostra una notevole familiarità con alcuni dettagli della topografia locale. È possibile, inoltre, che il drammaturgo ricevuto tali informazioni da alcuni italiani residenti a Londra; suo protettore, senza dubbio, ha incontrato Giovanni Florio (autore di manuali di conversazione in italiano e un dizionario italiano, così come un traduttore di Montaigne) in casa del Conte. Questo è stato un generoso mecenate per Shakespeare, e, molto probabilmente, sua grazia ha permesso il poeta acquisisce una partecipazione nella società.
Shakespeare poi dedicato tutte le sue energie alla composizione di drammi e solo ha proseguito le attività di poeta non drammatica con alcuni sonetti che apparivano almeno fino al 1600 circa. Il periodo tra la metà del 1599 e il 1601, che è tra il marzo del conte di Essex in Irlanda e il sua insurrection infruttuoso, coincide con una sorta di parentesi nell'ispirazione del drammaturgo, che, consapevole dei suoi poteri, sembra esitare prima di inserirle nelle imprese di maggiore importanza rispetto le tre commedie cui stesso titolo potrebbe essere considerata indicativa di una leggerezza negligente : Molto rumore per nulla, come ti pare e la Notte dell'Epifania.
Alla fine del Regno di Elisabetta, Shakespeare aveva sviluppato tutte le possibilità del dramma storico e ha raggiunto le vette più alte con Richard II ed Enrico IV, continuazione di cui e anche di Enrico V, è la commedia le allegre comari di Windsor, che alcuni tendono a mettere verso 1598; allo stesso tempo, nella loro attività di commediografo era sfruttando le migliori risorse di un genere molto apprezzate dal pubblico.
Altrettanto tragico aveva detto anche la pienezza del suo talento, nonostante la grande trasformazione della vecchia formula dalla tragedia di vendetta e horror, evidente in Tito Andronicoe non tanto in Romeo e Giulietta, in cui il terrore è velata dalla pietà e Giulio Cesare, lavoro in cui, insieme con la persistenza dei temi della vendetta e spettri il carattere di Bruto, che già supera i confini spirituali di tale genere drammatico è dato.
La formula in questione appare in Amleto, d'altra parte, cui versione originale, possibilmente Kyd, deve essere stato un tipico dramma fuori, annegato da appassionata protesta del protagonista contro l'inevitabile sofisticherie di pensiero, che induce a vedere nelle cose "apparizioni", ma non assoluta certezza. In questo lavoro, la cui nota centrale è nelle parole del monologo del Principe (atto. III, scena I, 85) "le sfumature primitive della risoluzione debole sotto i tocchi pallidi del pensiero", Shakespeare può avere sperimentato l'influenza del terribile disastro di Essex, che si è verificato lo stesso anno della composizione del dramma (1601) e trascinato con sé per qualche tempo il destino del protettore di Shakespeare.

Lawrence Olivier diretto ed interpretato Amleto (1948)
Quest'ultima società, infatti, partecipato indirettamente nel complotto per prestarsi per rappresentare Richard II poco prima dell'inizio dell'insurrezione; il partito si oppose a Elizabeth pensa di aver visto un parallelo tra il sovrano e Ricardo: sostenitori di Essex, infatti, cercarono di indovinare la scena della deposizione del re la regina. Tuttavia, la società del drammaturgo distinto non è stato leso a tutti tramite la scoperta della trama. Tuttavia, Horacio addio al morente Amleto ("eterna notte felice, amato principe; e cori degli Angeli relax il tuo sogno") è stati giocati alla fine del XVIII secolo dal grande critico Malone come un'allusione alle parole simili pronunciate da Essex prima forca 25 febbraio 1601:"Quando la mia vita lontano dal mio corpo, invia ai tuoi Angeli Beati, di accettare la mia anima e portarlo alle gioie del cielo".
Anche le commedie scritte da Shakespeare all'inizio del Regno di Jacobo, cioè intorno al 1603, rivelo uno spirito irrequieto; l'ironia e il disgusto appaiono in diversi modi nel Troilo e Cressida, è bene quel che finisce bene e misura per misura. Vi è, tuttavia, ambiguità nelle tre principali tragedie Otello, Re Lear e Macbeth, posato dal mistero di un obiettivo male (Re Lear, III, 6, 80: "considera, pertanto attentamente sgridare, e vedere che cosa si sviluppa intorno al suo cuore.") Ci sono, forse, in natura un motivo che consente di creare cuori duri") e sembrano presentare la vita come "un racconto narrato da un idiota, piena di strepito e di Furore, che non significa nulla" (Macbeth, V, 5, 27). Nelle tre tragedie passioni in questione sono presentate in sostanza e attribuite a caratteri primitivi: Lear e Macbeth sono capi barbari appartenendo a tempi molto remoti, e Othello è un africano.
Macbeth è stato influenzato in Antonio e Cleopatra, in cui, tuttavia, un'aura quasi romantica che circonda la tragedia dei due amanti di temperamento e di mentalità rispetto a solo a costo di disastro ottengono ottenete il meglio l'altro. Coriolano sta studiando un'altra primitiva, singolo pezzo e il carattere quasi infantile nel suo spirito generoso, che contrasta il machiavellico opportunismo della madre. Timon di Atene continua satira pungente dell'ingratitudine umana che ha costituito il tema del Re Lear.
Shakespeare, ha dato tuttavia, solo il contorno di tale dramma, forse a causa di una crisi o malattia di cui avrebbe potuto venire fuori con la fede religiosa anima eventualmente rinnovato: infatti, la concezione del mondo delle sue opere drammatiche più tardi e singolarmente di tempesta, può essere considerata cristiano. Alla fine del XVII secolo il sacerdote Richard Davies ha detto che Shakespeare era morto "papisti", che è il cuore del cattolicesimo romano; suo padre potrebbe essere stato cattolico: questo nome viene visualizzato un elenco di "quelli", cioè di persone, solitamente cattolico, che non hanno partecipato le cerimonie della Chiesa anglicana. Al 1610 vale la pena di mettere il ritorno di un permanente, a Stratford, dove Shakespeare tranquillamente trascorso gli ultimi anni della sua vita; nel 1613 scrisse, in collaborazione con il giovane drammaturgo John Fletcher, suo ultimo dramma, due nobili parenti.
Nel 1609, senza il suo consenso, è stato pubblicato il tutto dei suoi sonetti, autentico universo di straordinario rigore formale e profondità concettuale, ha sollevato una serie di tempo senza interruzioni per AWE lettori e studiosi. Un corpo di cinquantaquattro sonetti di innegabile perfezione, scritto oltre vent'anni, che è tornato e per l'ultima volta la tradizione di petrarquista, con diverse trame di enigmatico definizione: è più presto dedicata a una giovane bella e volubile quale la poetica voce critica il disprezzo e a volte consigliato di sposarsi, mentre un blocco posteriore si riferisce a una signora bruna in cui molti hanno voluto indovinare un'altra veste di sesso. In ogni caso, progressione e qualità eccezionale dell'Assemblea rendono questo un mondo di densità estetico insuperabile.
Grandi tragedie del Macbeth, Otello, Amleto e Re Lear sono specchi di tutta la mappa della sensibilità moderna, dal momento che costruiscono un mondo, il Rinascimento, in cui la presenza divina comincia a svanire. Per la prima volta, dubbio rivolto verso la vecchiaia, identità, tradimento, ambizione e anche la percezione del male vengono visualizzati nel suo radicalismo umano. Ma questo non spiega la sua qualità unica; Succede che questi personaggi e questi conflitti derivano da una capacità illimitata di forma la parola a tutti i livelli. Non ci sono confini in Shakespeare: giullari e re condividono la stessa gamma di progettazione problematico, contraddittoria e ricca esistenza sociale, verbale e morale. Perché sono Falstaff, il buffone grasso e soldato presente in diverse opere, insieme con il vecchio re Lear, due dei punti finali dell'arco dei suoi personaggi. In termini generali, il sublime nelle opere di Shakespeare è il ritratto di alcuni caratteri che diventa definito con precisione matematica, così questa ambiguità stessa riempie il suo carattere di una straordinaria ricchezza di sfumature. Attraverso la forza della lingua, i tipi di Shakespearian esprimono la profondità del suo spirito e dichiarati individui liberi, in grado di scegliere il proprio destino. In questo senso, il suo lavoro è così moderno ed è aperto a diverse interpretazioni come Don Chisciotte di Cervantes.

Gli alti e bassi della macchina da stampa

La pubblicazione dei suoi drammi fatto senza la partecipazione dell'autore. Un gruppo di redattori, senza scrupoli, ha dato luce testi drammatici in camera (camere), alcuni dei loro "bene", o conformità alle versioni autentiche sono apparsi con il consenso più o meno vago di Shakespeare e altri "cattivi"; per quanto riguarda quest'ultimo è significato diversi sfondi: estenograficos testi, ricostituzione di memoria o l'uso di alcuna copia riveduta.
Nel 1619 Thomas Pavier pubblicati dieci drammi senza autorizzazione e poco dopo i colleghi di due autori del famoso drammaturgo, John Heminge e Henry Condell, iniziarono un'edizione completa, che, dopo varie difficoltà, nacque nel 1623, tramite il lavoro di editor William Jaggard ed è conosciuta come il primo infolio (First Folio); circa diciotto drammi è l'unica esistente e, per quanto riguarda l'altro, ad eccezione di Pericle, offre testi se non è sempre meglio del in camera, sì, almeno, di fondamentale importanza.

First Folio del suo lavoro edizione (1623)
La critica schiacciante non è riuscito a smaltire la convinzione secondo la quale la maggior parte dei drammi in questione sono interamente grazie alla penna di Shakespeare, che, come dichiarato anche la stessa opinione, sarebbe non hanno Recensito li una volta pubblicato. Le testimonianze dei contemporanei non consentono credere pazienti alterazioni di tali opere dello stesso autore. Ancora, è vero, come è naturale, alcuni ricostruiti in molti testi derivanti dalle esigenze dello spettacolo (delezioni e interpolazioni).
Oltre alle devastanti critici, che hanno cercato di mostrare nei drammi shakespeariani della collaborazione di altri drammaturghi, diversi eretici che Shakespeare è considerato attore ignorante e mero prestanome e negato, quindi la paternità di loro produzione, che, a sua discrezione, può essere attribuita solo ai caratteri estremamente culti sono comparso intorno all'opera del grande scrittore come, per esempio, il filosofo Francis Bacon, il conte di Oxford o altri candidati ancora più problematici. I dati sulla vita di Shakespeare sono, infatti, di aggregazione e non sembrano corrispondere a una personalità grande come quello del nostro commediografo; Tuttavia, dovreste riconoscere loro anche più abbondante rispetto a coloro che possiedono nei confronti di altri autori elisabettiani in generale, tranne, forse, Ben Jonson.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici