Passa ai contenuti principali

Biografia di William Blake | Incisore e poeta.

(Londra, 1757-1827) Pittore, incisore e poeta britannico, una delle figure più unico e dotato d'arte e letteratura inglese. È stato per alcuni un mistico illuminato, un religioso catturato in lei il proprietario del mondo, e per gli altri un povero pazzo che è sopravvissuto grazie ad alcuni amici che, come Thomas Butts, credeva nella sua arte e lo ha acquistato alcune stampe. I posteri, tuttavia, ha considerato William Blake come un visionario.
Suo padre era un hosier e sembra essere appartenuto ad una setta di seguaci di Swedenborg. Nel 1771, Blake iniziò a lavorare come apprendista con James Bazire incisore; nel 1780 incontrò lo scultore neoclassico freddo e rigido, John Flaxman, che ha imparato il gusto per la sicurezza e la precisione dei contorni del disegno.

William Blake
Durante il primo periodo della sua vita, che raggiunge il suo matrimonio nel 1782 Catherine Boucher (che è stato rivelato una moglie perfetta per lui) e la pubblicazione di Poetical Sketches (Schizzi poetici, 1783), dedicata alla poesia e belle arti; Ha studiato artisti greci, Raffaello, Dürer e soprattutto Miguel Ángel, che, incapaci di assimilare in loro potere creativo e volumetrica, termini lineari, che si è avvicinato inconsciamente i miniaturisti celtici giochi curvilinei ha provocato. Suo grande entusiasmo per il famoso scultore ha partecipato anche il pittore svizzero H. Fuseli (Füssli), che è stata fondata in Inghilterra nel 1779, fu curatore della Royal Academy e senza dubbio influenzato Blake.
Blake, d'altra parte, ha subito ulteriormente l'influenza del gotico e copiato i monumenti sepolcrali dell'Abbazia di Westminster e altri templi antichi. Flaxman lo presentò al raduno di sig. ra Mathew, dove sono state apprezzate anche le sue qualità come poeta. Già composti versi da 1768-69 e, anche se studi non regolari, sì avevano effettuato vaste letture: Shakespeare, Milton, la Bibbia e Ossian. Esso è stato ispirato dallo stile del periodo elisabettiano e non ha nascosto il suo disprezzo per l'ostentazione e il "primores" dei poeti barocchi.
Nel 1783 sono stati stampati, a scapito di Flaxman e il reverendo Henry Mathew, gli Schizzi poetici; ma la gestione di questi patroni dovrebbe essere già poco piacevole per l'autore, dalle parole di patronizing protezione a Monte di Mathew o bene, perché la stessa parola schizzi (che Blake era un senso peggiorativo) del titolo, su cui non era stato consultato il poeta. Blake, che non solo potrebbe esaminare le prove, tutti l'edizione è stata data in modo che è stato fornito di suo gusto; L'autore è stato limitato per distribuire alcune copie del lavoro a molti amici e non già parlato del libro.
La seconda fase della sua vita (1783-1803) comprende la maturazione della sua arte poetica e pittorica. Nel 1784 ha aperto un business di incisioni, che durò fino alla morte di suo fratello Robert. In seguito ha lavorato per gli altri: in primo luogo con mozziconi di Thomas, che lo ha aiutato generosamente ed è sempre stato il suo amico e, più tardi (1800), al fianco di William Hayly, nobile che si vantava di poeta e mecenate delle arti e che assegnate a Blake come residenza un "cottage" a Felpham, sulla costa del Sussex, dove il nostro autore ha trascorso tre anni Placide e compose alcuni versi che sono tra i più deliziosi e astrusi della sua produzione. Dal 1793 a 1800 viveva a Lambeth, sobborgo di Londra. Nel 1789 è apparso le canzoni di innocence, illustrato da se stesso, seguita cinque anni dopo le canzoni di esperienza, che esprime la caduta dell'uomo nelle poesie indimenticabili, come "malato rosa" o "The Tiger", "terrificante simmetria".
Nel suo ultimo periodo (1803-27), ultimi in questa capitale, rivelato nella poesia una stravaganza crescente, seguita da vent'anni di silenzio quasi ininterrotto e un consolidamento integrale come artista. A Londra prima cadde nelle mani di Richard Cromek, che ha sfruttato con successo. Poi, dopo la rottura con questo, ha lavorato con John Linnell (1813), pittore di paesaggi e il meglio dei loro datori di lavoro; per ha registrato invenzioni sul libro di Giobbe, il suo capolavoro e alcune illustrazioni per la Divina commedia. Negli ultimi anni della sua esistenza era circondato da una cerchia di amici e discepoli.

Illustrazione di Blake è la divina commedia (Inferno, V)
Tra le opere letterarie dei suoi ultimi anni comprendono il matrimonio del cielo e dell'inferno (1793) e successivamente due seriali scritto ed illustrato tra il 1804 e il 1820: Milton (1804-1818) e Jerusalem (1804-1820), in cui apertamente respinge tutte le forme di religione convenzionale e sembra costoso argomenti grandi grandi cose al simbolismo alla fine del XIX secolo, come l'attrazione per l'abisso e la scadenza della morale borghese. Blake modificato, inoltre, la metrica e ritmi classici inglesi, incorporando colta poesia popolare canzoni, ballate e procedure Lo bambini. Suoi taccuini con alcune brevi poesie, scritti tra il 1793 e il 1818, sono state acquistate nel 1847 dal poeta D.G. Rossetti, uno dei primi artisti a riconoscere il valore eccezionale del suo lavoro.
Questi eventi esterni non permettono di ricostruire il carattere straordinario di William Blake, molto irritabile e capace di dare tanta importanza a una questione privata di portare i libri, dove il problema era l'acquisizione di grandi proporzioni; teoria rivoluzionaria (fu fortemente impressionato dalle rivoluzioni in America e in Francia) e avversario del sovrano e le leggi, ha detto una natura violenta, anche attraverso il suo aspetto fisico: piccole dimensioni e con le spalle larghe quadrate e una grande testa autoritaria, ha posseduto il tipo degli uomini della rivoluzione francese.
D'altra parte, ero impressionabile e sincero, possedeva un eterno ragazzo o un primitivo proprio entusiasmo e senso di innocenza. Ha giudicato la realtà materiale delle sue creazioni di vivida immaginazione: così, l'evento più notevole della sua vita doveva essere la visione di gran numero di angeli su un albero; Blake aveva scarse un decennio e in poi, ha avuto colloqui con i profeti e i Santi incarnano.
La lettura di testi di letteratura mistica e occulta lui ha conquistato nelle loro credenze circa il valore della sua esperienza visionaria. La sua idea cardinale è diventato la diffidenza assoluta nella testimonianza dei sensi; per William Blake, queste sono le barriere che si frappongono tra l'anima e la vera saggezza e la gioia dell'eternità. Negando il mondo sensibile, non vedere le cose come appaiono, ma solo i tipi ed eterna e più reale rispetto a quelle stesse idee: non gli agnelli, ma l'agnello, o le tigri, ma Tiger. Tali archetipi sono stati presentati ai loro occhi con un rilievo particolare, che ha dato origine alla gloriosa del suo modo di incisioni. Come un artista, di conseguenza, Blake è un tipico "manierista", nella linea di Fuseli: è la dissoluzione delle forme classiche, e questo senza una volta che è arrivato al nuovo equilibrio romantico ancora.
La grande intensità visionaria di William Blake si riflette sia nella sua poesia come pittorico. Il rifiuto di osservazione diretta della natura come fonte creativa lo ha portato a bloccare solo al suo interno guardare. Così, ha creato le sue figure senza preoccuparsi della struttura anatomica o proporzioni, ritenendo che correggere quello che essi aveva fedelmente riflette che la sua visione interiore era troppo banale, leggero e superficiale ad un processo che, come lui stesso ha detto, ha penetrato in "proporzioni eternità troppo grande per l'occhio dell'uomo".

Nabucodonosor (1795)
Nel lavoro dell'artista deve puntare i monotipi da 1793, che comprendono Nabucodonosor (1795, Tate Gallery, Londra). Nel trattamento di questo argomento, in cui un uomo sventurato subisce la trasformazione in un animale, l'artista rivela certa freddezza strutturato contro l'irreale. In questo lavoro sono apprezzati più elementi caratteristici dello stile di Blake: la predominanza del disegno sul colore, il ricorso per l'ondulato contorni che cifre danno ritmo e vitalità, la monumentale semplicità delle sue forme stilizzate e gesti di intensa drammaticità.
Blake utilizzato nuove tecniche di incisione e stampa, come Acquaforte Acquerello a colori o stampate miniature. Per l'artista, il testo e le illustrazioni erano per costituire un tutto. In particolare, le sue illustrazioni del Libro di Giobbe; la Divina commedia di Dante e il paradiso perduto di Milton. Illustrò anche i suoi libri: le canzoni di innocence, stampato per la prima volta nel 1789 e le canzoni di esperienza nel 1794. Essi combina magistralmente il testo e l'immagine con una tecnica che si sovrappone all'acquaforte e finitura a mano, che istituisce un'intima fusione tra il mondo delle idee e gli stimoli visibili. Blake era interessato a esprimere il mondo attraverso le emozioni, oltre la ragione, ma che la qualità del "visionario" Blake non era più di una forza mistica e spirituale.
La maggior parte degli scritti di William Blake è stato pubblicato in un modo che lui stesso ha inventato e ha cominciato ad impiegare al 1788. Secondo questo metodo di stampa illuminato (stampa miniata), il testo e le illustrazioni sono state trasferite al contrario su lastre di rame con una sostanza non alterabile dall'azione degli acidi (un tipo di vernice); Questi vengono poi registrati come un'incisione fino a, infine, tutta la grafica guadagnato sollievo. Dopo le incisioni, successivamente l'artista illuminando delicatamente acquerello, ottenuto ciò con cui ognuna delle copie ha posseduto una propria individualità.
Verso 1793, Blake ha introdotto una modifica nella procedura originale: il "xilografia su rame" (intaglio su rame), utilizzato in combinazione con altro metodo nelle opere quasi tutte stampate da tale data. In tale sistema il ferro era coperto all'inizio con un fondo; le parti che dovevano essere registrati, o i contorni del disegno, sono stati disegnati con uno strumento affilato; lo sfondo per il testo, che è stato trasportato sul metallo come l'altro procedimento disponibile per poi la rimozione ed, infine, è registrato tutto il rame dall'acido. L'attuale metodo di incisione è stato utilizzato solo in alcune delle opere di Blake.
La personalità di William Blake era troppo eccezionale come modo che potrebbe essere incluso nella tradizione inglese e fare scuola (anche in pittura aveva un seguace, come Samuel Palmer). Tuttavia, dal suo rinnovo nel 1863 attraverso il lavoro dei Preraffaelliti, incontrò una fortuna ampia postuma. Come poeta, il matrimonio del cielo e dell'inferno è più lavoro. Si rivela una chiara influenza di Swedenborg ed è un mix di visioni apocalittiche e aforismi Sibillini.
Mentre le prospettive attuali, dopo i progressi della psicoanalisi e antropologia, consente l'accesso al lavoro di Blake in un altro modo, saggezza insolito che si caratterizza per l'oscurità dell'inaccessibile riflettono questa prova. Come altri contemporanei, William Blake scoperto le crepe e le lacune che l'illustrazione lato sinistra alle domande di grande importanza e scattò la sua particolare affermazione con una densità profetica e un'energia premonitorie che lo ha reso una figura chiave per lo sviluppo della poesia romantica.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…