Biografia di Simón Bolívar | Leader dell'indipendenza.

(Chiamato il liberatore; Caracas, Venezuela, 1783 - Santa Marta, Colombia, 1830) leader dell'indipendenza dell'America Latina. Nato in una famiglia di origine basca della nobiltà nativa venezuelana, Simón Bolívar è stato leggendo i pensatori dell'Illuminismo (Locke, Rousseau, Voltaire, Montesquieu) e viaggio attraverso l'Europa. A Parigi ha fatto contatto con le idee della rivoluzione e personalmente ho incontrato Napoleone e Humboldt.
Membro della Massoneria e impregnato con idee liberali, già nel 1805 egli giurò a Roma che non si è fermato per liberare il loro paese dalla dominazione spagnola. E, anche se gli mancava di addestramento militare, Simón Bolívar è venuto a diventare il leader della guerra per l'indipendenza delle colonie americane spagnole; Inoltre il movimento una base ideologica con i propri scritti e discorsi.

Simón Bolívar
Nel 1810, approfittando della metropoli fu occupata dall'esercito francese, si unì alla rivoluzione di indipendenza scoppiata nel Venezuela, guidato da Francisco de Miranda. Il fallimento di quel tentativo forzato di Bolívar a fuggire dal paese nel 1812; Poi ha preso le redini del movimento, lancio da Cartagena de Indias un manifesto quello che incitano alla ribellione, correggendo gli errori compiuti in passato (1812).
Nel 1813 ha lanciato una seconda rivoluzione, che è entrato trionfalmente a Caracas (che risale al tempo della concessione dalla città del titolo di Libertador). C'era anche una nuova reazione realistica, sotto la direzione di Morillo e Bobes, che ha riguadagnato il paese per la corona spagnola, espellendo Bolívar in Giamaica (1814-15); ma si trattava di una terza rivoluzione tra il 1816 e 1819, che gli avrebbe dato il controllo del paese.
Bolivar sognato di formare una grande Confederazione che unisce tutte le ex-colonie spagnole d'America, ispirata al modello degli Stati Uniti. Per questo motivo, non soddisfatto con la liberazione del Venezuela, egli attraversò le Ande e sconfisse le truppe spagnole realistiche nella battaglia di Boyacá (1819), che ha dato l'indipendenza il vicereame della nuova Granada (oggi Colombia). Raccolse poi un Congresso di Angostura (1819), che ha elaborato una Costituzione per la nuova Repubblica di Colombia, che comprendeva quello che sono ora in Colombia, Venezuela, Ecuador e Panama; la stessa Simón Bolívar è stato eletto Presidente della "Gran Colombia". Poi liberò il territorio dell'Audiencia di Quito (oggi Ecuador) insieme ad Antonio José de Sucre, dopo aver vinto la battaglia di Pichincha (1822).
In quello stesso anno Simón Bolívar incontrato in Guayaquil con un altro grande leader del movimento indipendentista, José de San Martín, che aveva liberato Argentina e Cile, per vedere come cooperare nel rilascio del Perù. Entrambi i leader si sono scontrati in loro ambizioni e loro apprezzamenti politici (come San Martín era incline a creare regimi monarchici guidati da principi europei), dando a San Martin impegnarsi in una lotta di potere (poco dopo sarebbe andato via verso l'Europa) e lasciando il campo aperto a Bolivar.
Bolivar quindi potrebbe essere messo in prima linea l'insurrezione del Perù, ultima roccaforte del continente che ha resistito gli spagnoli, approfittando dei dissensi interni dei ribelli nel paese (1823). Nel 1824 fu la più decisiva delle loro vittorie nella battaglia di Ayacucho, che ha determinato la fine della presenza spagnola in Perù e in tutto il Sud America. I fuochi ultimi realistici dell'Alto Perù furono liquidati nel 1825, creazione ci Repubblica di Bolívar (attuale Bolivia).
Bolivar, ora Presidente della Colombia (1819-30), è stato anche del Perù (1824-26) e Bolivia (1825-26), implementato nelle ultime due repubbliche un modello costituzionale chiamato "tirannico", con un presidente a vita ed ereditaria. Tuttavia, i successi militari di Bolivar non sono stati accompagnati dai successi politici comparabili. La tendenza ad esercitare il potere in modo dittatoriale ha suscitato molte reticenze; e l'ambizioso progetto di un grande Regno Latino America entrò in collisione con i sentimenti di particolaristiche dell'ex viceré, audizioni e Capitanerie generali dell'Impero spagnolo, finito per cui oligarchie locali che cercano l'indipendenza politica separatamente.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici