Passa ai contenuti principali

Biografia di Rubén Darío | Pseudonimo.

(Metapa, 1867 - Leon, 1916) Pseudonimo del grande poeta Nicaragua Félix Rubén García Sarmiento, iniziatore e testa del modernismo latino-americana. Sua famiglia era conosciuto con il cognome di un nonno, "la famiglia del Dario" e il giovane poeta, in cerca di Eufonia, ha adottato la formula "Rubén Dario" come nome di battaglia letteraria.

Rubén Darío
Con una facilità Beata per il ritmo e la rima è cresciuto Rubén Dario nel bel mezzo di un turbolento disaccordi familiari, sotto la supervisione di prendersi cura di parenti e il disegno con parole in loro sogni esotici domestici selves, memorabili gesta eroiche e sublimi tempeste. Ma già a suo tempo tutto l'armamentario del prestigiosi argomenti romantici ha iniziato ad indossare e offerto alla fantasia di poeti come armi inutili che vengono memorizzati in una panoplia di velluto ajado.
Ruben Dario è stato chiamato a rivoluzionare versetto ritmicamente castigliano, ma anche per popolare il mondo letterario di nuove fantasie di cigni illusorie, inevitabile celajes, canguri e tigri del Bengala che vivono nello stesso paesaggio impossibile. Ha portato a un linguaggio che era nei tempi di decadenza l'afflusso di deodorante per ambienti di tessuto americano e i modelli parnassiani e simbolisti francesi, con l'apertura di un lessico ricco e strano, nuova flessibilità e musicalità in versi e prosa e temi introdotti e universale, esotici e indigeni, motivi che emozionante l'immaginazione e la facoltà di analogie.
In splendore formale, stilistica e musicale, c'è piccolo poeta in lingua spagnola che anche Darius di prima fase, la fase completamente modernista del blu (1888) e prosa unholy (1896). Quando rallenta il suo estetismo, e l'ideale dell'arte per l'arte lascia spazio a nuove preoccupazioni, arriva il suo capolavoro, canzoni di vita e di speranza (1905), in cui l'assoluta padronanza della forma non è più mera bellezza come obiettivo, ma serve per l'espressione di un'intimità angosciata o preoccupazioni indietro, come il futuro dell'America ispanica.
Valore poetico intrinseco in questa seconda fase, più duratura rispetto alla prima, deve essere aggiunto il ruolo di Rubén Dario come nucleo originario e unificante di un intero movimento, modernismo, che ha segnato una pietra miliare nella storia della letteratura: dopo doverosamente seguire le indicazioni di lettere europee per tre secoli, è nato in America un proprio movimento letterario cui influenza andrà anche alla metropoli. Raggiunto l'indipendenza politica nel XIX secolo precoce, dell'America Latina ha raggiunto, alla fine dello stesso secolo, l'indipendenza letteraria.
Biografia
Quasi per caso chiamava Metapa Ruben Nato in una piccola città del Nicaragua, ma passato un mese della sua nascita a risiedere a León, dove suo padre, Manuel García e sua madre, Rosa Sarmiento, aveva fondato un paio teoricamente di convenienza ma prospera solo nei guai.

Rubén Darío
Per rendere più facile l'incomprensione reciproca, l'instancabile Manuel ha dato inmoderadamente per la farras e annegato loro dolori nei bordelli, mentre il povero coniuge rosa di volta in volta in fuga a rifugiarsi nella casa di uno dei suoi parenti. Non vorrei prendere la madre dà alla luce una seconda figlia (Candida Rosa, che è stata segnata fin da subito) o in caduta per un tale Benito Juan Soriano, che andò a vivere trascinando il suo figlio primogenito ad "una casa presto, povera e senza mattoni, immerso nel verde," si trova nella città dell'Honduras di San Marcos de Colón.
Tuttavia, il piccolo Rubén tornati presto a Lion e andò a risiedere con gli zii da sua madre, Bernarda Sarmiento e suo marito, il colonnello Félix Ramírez, che aveva recentemente perso un bambino e abbracciato come suoi veri genitori. Molto tardo pomeriggio Ruben visto Rosa Sarmiento, che era all'oscuro di e poco più o meno con Manuel, che si sentiva sempre distacco, al punto che il poeta nascente firmato primi incarichi come Félix Rubén Ramírez.
La casa del colonnello Félix Ramírez fu centro dei famosi raduni che si fermavano per l'intellighenzia del paese; in questo culto ambiente è cresciuto il piccolo Dario. Prima infanzia versificador, il Ruben stesso non ricordo quando iniziò a comporre poesie, ma sapeva già come leggere i tre e i sei iniziato a divorare i classici trovati in casa; a tredici anni che era già conosciuto come poeta e a quattordici anni ha concluso il suo primo lavoro. Nel loro ambiente e nel loro tempo, Elegie loro ai defunti, il epitalamios per la sposi o odi al generali vittoriosi erano parte del collettivo e doganale, lunga opportunità svolto una funzione sociale di cui non aveva mai lasciato ci è richiesta. Allora erano versi recitati come hanno eretto monumenti da illustre drammaturgo, è previsto per la salute del neonato o banchetti offerti ai diplomatici stranieri.

Rubén Darío nel 1892
Nei suoi primi anni studiò presso i gesuiti, che ha dedicato una poesia caricata con invettive, alludendo alla loro "decaduti tonache" e motejando loro di "let"; ma in questa fase della gioventù non solo coltivato ironia: come presto come influenzato da Becquer e da Victor Hugo poesia era sua vocazione di amore eterno. Secondo la propria confessione nell' autobiografia, un insegnante delle prime lettere ha imposto una punizione severa quando lui ha sorpreso "in compagnia di un chicuela precoce, a partire sciocco e Impossibile Dafni e Cloe e secondo il versetto di Góngora," i furfanti dietro la porta.
Prima dell'età di quindici anni, quando i disegni del suo cuore irresistibilmente sono stati orientati verso la ragazza dagli occhi verdi snella chiamata Rosario Emelina Murillo, nel catalogo delle sue passioni aveva segnato un "lontano cugino, bionda, molto bella," forse Isabel Swan e il trapezista Hortensia Buislay. Tuttavia, nessuno di loro, cercano come molti mal di testa come Rosario; e come ci appare immediatamente la musa di suo mediocre sentimentale romanzo Emelina desideri, parenti, amici e immediato matrimonio cospirano così abbandonano la città ed erano a crescere senza incorrere in precipitazione irriflessivi.
Nel agosto 1882 fu in El Salvador, e vi fu ricevuto dal Presidente Zaldívar, il quale lusingati scrive nella sua autobiografia: "il presidente era gentilisimo e ho parlato dei miei versi e mi ha offerto la sua protezione; ma quando mi ha chiesto quello che volevo, ho risposto con queste esatta e parole indimenticabili ha sorriso all'uomo di potere: "Voglio avere una buona posizione sociale".

Ritratto di Rubén Darío a 28 anni
In questo episodio eloquente, Ruben esprime apertamente Borghese ambizioni, che sarebbero dolorosamente frustrato e per la quale avrebbero sofferto anche più insidioso nella sua fase successiva cileno. In Cile ha incontrato anche il suicida Presidente Balmaceda e fece amicizia con suo figlio, Pedro Balmaceda Toro, così come con il cerchio aristocratico dei parenti; Tuttavia, per essere in grado di vestire decentemente, nutriti in segreto "aringhe e birra" e ai loro colleghi benestanti non li nascose loro misera condizione.
Fase cileno è Abrojos (1887), libro di poesie che rappresentano il loro triste stato del poeta povero e incompreso; non c'è nemmeno un fugace amore vissuto con una tale Domitila riesce a pulire il loro dolore. Per un concorso letterario organizzato dal milionario Federico Varela ha scritto autunnale, che ottiene un modesto ottavo posto tra i quarantasette presentato originale ed epico canto ai fasti del Cile, che è stato assegnato il primo premio, ha condiviso con Pedro Nolasco Préndez e che gli è valso la modica cifra di 300 pesos.
Ma esso è stato nel 1888 quando il vero valore di Rubén Dario è venuto essere conosciuto con la pubblicazione del libro bluelogiato dalla Spagna dal romanziere quindi prestigioso Juan Valera, cui importanza come un ponte tra le culture spagnola e ispano-americano è stato brillantemente studiato da María Beneyto. Lettere di Juan Valera servito come un prologo alla nuova ristampa espansa del 1890, ma poi perché era diventata ossessiva volontà di fuggire quelli intellettuali di ambienti poeta Straits (dove non era né sufficiente il riconoscimento come un artista e la prosperità economica atteso) di conoscere finalmente suo leggendario Parigi.

Rubén Darío (immagine presa in Spagna, 1908)
Il 21 giugno 1890 Ruben sposò una donna che ha condiviso interessi letterari, Rafaela Contreras, ma solo l'anno successivo, il 12 gennaio, ha potuto completare la cerimonia religiosa, interrotta da un colpo di stato militare; il risultato di questa Unione fu suo figlio Ruben, Nato a Puerto Rico il 11 novembre 1891. Più tardi, in occasione del quarto centenario della scoperta dell'America, ha visto realizzato il loro desiderio di vedere il mondo vecchio per essere inviato come ambasciatore in Spagna.
Poeta atterrato alla Coruña il 1° agosto 1892, preceduta da una celebrità che permetterebbe immediate relazioni con le figure leader spagnole nella politica e nella letteratura, ma, purtroppo, loro felicità fu oscurata dalla morte improvvisa della moglie, avvenuta il 23 gennaio 1893, quello che ha fatto ma alimentando loro tendenza e sempre un po ' testardo, decantare formidabile dose di alcol.
In stato di ebbrezza poco dopo fu costretto a sposare quella ragazza angelica che è stato oggetto della sua adorazione per adolescenti, Rosario Emelina Murillo, che lo rese vittima di uno degli episodi più raccapriccianti della sua vita. A quanto pare, il fratello di Rosario, un uomo senza scrupoli, realizzato il piano più cattivo, sapendo che la ragazza era incinta. In complicità con la giovane donna, sorpresa gli amanti in amore onesto commercio, portava una pistola, ha minacciata di uccidere Ruben se non immediatamente contratto matrimonio, saturata di whisky per i miseri, chiamato un prete e fiscalizó la cerimonia religiosa il giorno stesso 8 marzo 1893.

Francisca Sanchez
Naturalmente, il embaucado dovuto rassegnarsi ai fatti, ma non ha accettato di vivere con l'inganno e da allora in poi sarebbe essere ossessionato dal suo perfido e abbandonato moglie buona parte della sua vita. Ruben si sono incontrati a Madrid per una donna di bassa condizione, Francisca Sanchez, la cameriera analfabeta della casa del poeta Villaespesa, che trovano rifugio e dolcezza. Con essa egli si recherà a Parigi all'inizio del secolo, dopo aver lavorato come un console della Colombia a Buenos Aires e hanno risieduto dal 1893 al 1898, così come dopo aver adottato Madrid come sua seconda casa da quando è arrivato, che l'anno scorso la capitale spagnola inviato dal quotidiano La Nación.
Allora per una fase comincia di appassionati di viaggi (Italia, Inghilterra, Belgio, Barcellona...) e forse poi è quando scrive i suoi libri più importanti: canzoni di vita e di speranza (1905), El canto errante (1907), la poesia dell'autunno (1910), oro di Mallorca (1913). Ha vissuto una stagione a Mallorca per ripristinare la salute alterata, né sollecita cura dal sua buon Francisca riescono ad ottenere a galla. D'altra parte, ragazzo che voleva raggiungere un "buono stato" era mai più di abbastanza soldi e rispettabilità da vivere con parsimonia e modestia, e questo attesta un episodio eloquente del 1908, lo stravagante scrittore spagnolo Alejandro Sawa, che molti anni prima aveva servito come una guida per Parigi-relazionati con il Verlaine perennemente ubriaco.
Sawa, un bohemien povero, vecchio, ciechi e malati, che erano stati consacrati dalla sua vita orgoglioso alla letteratura, ha affermato Ruben la scarsa quantità di quattrocento pesetas per vedere finalmente pubblicato che oggi sono considerato la sua opera più preziosa, illuminazioni all'ombra, ma questo, a quanto pare, era non disposto a fornire questo denaro e divenne il materiale in giro , così Sawa, nella sua corrispondenza, finito mediante il passaggio dei motivi di giusta indignazione, sostenendo il pagamento dei servizi. Come ha dichiarato nelle sue lettere, Sawa era stato l'autore o il nero, in gergo pubblicazione di alcuni articoli inviati nel 1905 alla nazione e firmato da Dario Rubén. In ogni caso, era infine il poeta Nicaragua che, su richiesta della vedova di Alejandro Sawa, preceduti ammorbidito lo strano libro postumo di quel "grande bohemien" quale "talking book" e "galantemente Theatre", citando le parole di Ruben.

Rubén Darío dettare la sua autobiografia
Ed è che, alla fine della sua vita, l'autore di blu non era disposto ad aiutare i loro amici più che con la sua penna, i cui frutti in molti casi non lo ha raggiunto o per pagare i loro debiti, ma ha vinto, che sì, il riconoscimento della maggioranza degli scrittori contemporanei in lingua spagnola e costretto la gratitudine di tutti molti poi, hanno tentato di scrivere un alejandrino in questa lingua. Nel 1916, poco dopo il ritorno alla sua nativa Nicaragua, Dario Rubén morì, e la notizia è stata riempita con tristezza alla comunità intellettuale di lingua spagnola.
Il lavoro di Rubén Dario
Rubén Dario, bella come poesia colta, musica e sonora, influenzato centinaia di scrittori da entrambi i lati dell'oceano Atlantico. Dario è stato uno dei grandi innovatori del linguaggio poetico in lettere ispaniche. Possiamo trovare gli elementi di base della sua poesia in prologhi prosa secolare, canzoni di vita e di speranza e la canzone errante. La ricerca della bellezza che Ruben è nascosto in realtà è fondamentale fra loro. Per Ruben, missione del poeta è resa accessibile al resto degli uomini il lato ineffabile della realtà. Scoprire questo lato ineffabile, il poeta ha il simbolo e la metafora come strumenti principali. Direttamente legata a questo è il rifiuto del realista estetica e sua evasione a scenari fantastici, remoti spazialmente e temporalmente nella loro realtà.
Interamente inquieto e insoddisfatto, avido piacere e vita, angoscioso dolore e l'idea della morte, Dario accade frequentemente uno spreco per lo stretto, frenetico ottimismo al pessimismo in preda alla disperazione, droghe, donne e alcool, come se si cerca nella vita lo stesso senso di originalità che in poesia o come se fosse stordito nella sua gloria di non esaminare la sua coscienza admonitor fondo. Questo "pagana di amore della vita" e Christian dalla paura della morte è un grande ingenuo lirico che indovinare il suo significato e vuole rompere l'ambiente tradizionale della Spagna e America: e la cosa più importante, ci riesce. È necessario rompere la solennità letteraria monotona della Spagna con gli echi dell'impeto romantico di Victor Hugo, con la serata di Gala in parnassiani, con il "esprit" de Verlaine; quelle rare (1896), prevalentemente francesi argomenti articoli, parla chiaramente di questo percorso.

Rubén Darío
Ma anche America ispanica è bloccato in un cerchio tradizionale, con l'americano nella parte superiore e bordi di Junín e l'agricoltura della zona torrida ovunque; e andare oltre la loro prosa secolare, con alcune prime parole del programma, che include composizioni così unici e brillante come la preghiera funebre a Verlaine, che era un soft-air... e la Sonatina. Modernismo ha trionfato: dovuto reagire contro la pomposità romantico e realistico meschinità; le preoccupazioni di Casal, di James Freyre, Asuncion Silva, Martí, Mirón, Salvador Rueda Diaz, sono raccolti e organizzati dalla grande lirica, che, influenzato dal simbolismo francese e il parnasianismo, Scopri le basi della nuova scuola: Modernismo, punto di partenza di tutti gli spagnoli e latinoamericani rinnovo lirico.
Ma egli rifiuta le regole della scuola e la cattiva abitudine di imitazione; Si dice che non esistono scuole, ma poeti e consigliato che esso sarà non imitare nessuno, né se stesso... Plastica, ritmo, la musica e la fantasia sono elementi essenziali della nuova correnti, più superficiali e appariscenti rispetto profondo all'inizio, quando non hanno avuto i fermenti rivoluzionari del poeta si stabilì. Ma ben presto diventa l'insediamento. La lirica "spagnolo di America e americani della Spagna", che aveva aperto a questioni europee e le conserve chiuse universale il motherland e latino-americana, visto nella sua anima e il suo lavoro e trovato la mancanza di solera ispanica: "ero sempre, di anima e testa / spagnolo di coscienza, di lavoro e il desiderio"; e nella poesia primitiva e poesia classica spagnola trovato davanzale ispanica necessari per scrivere i versi dei più compiuta e trascendente delle sue opere: canzoni di vita e di speranza (1905), in cui corregge in modo esplicito superficialità all'inizio ("io sono colui che ieri non disse altro..."), e che contiene composizioni come la fatale La marcha triunfal, saluto di optimist, A Roosevelt e litanie di nostro Signore don Chisciotte.
La grande lirica nicaraguense apre letterario della Spagna e dell'America Latina verso l'esterno, come gli scrittori spagnoli della generazione di 98 farà così immediatamente, a livello più ideologico. La Fayette aveva simboleggiato la presenza della Francia nella American lotta per l'indipendenza; le idee degli enciclopedisti e la rivoluzione francese erano stato presente nel poema epico di indipendenza latinoamericana: ciò che è così sorprendente che Dario Rubén ha cercato gli elementi aveva bisogno per la sua rivoluzione in Francia? Lui voleva modernizzare, ristrutturare, flessibile grandezza ispanica con il "esprit", con la grazia francese, contro il senso materialista e dominatore del mondo anglosassone e, soprattutto, americani.
Altre composizioni principali elencati nei suoi altri libri: El canto errante (1907), poema di autunno e altre poesie (1910), che contiene Margaret, linda è il mare... e i motivi del lupoe il libro che contiene la sua composizione più ampia, canto per l'Argentina, che, con altre poesie, fu pubblicato nel 1914. La sua prosa, a parte in blu e quelli rari, può essere trovato in pellegrinaggio (1901), la carovana passa (1902) e terre solare (1904), tra le altre opere di interesse riguardanti viaggi, politiche, autobiografiche, impressioni, ecc.
Ruben Dario è un genio lirico ispano-americano di risonanza universale, che gestisce la lingua con cura ed eleganza, si rinnova con parole splendente in un insieme di prove metriche audace e belle e osa eseguire con le combinazioni fonetiche degne di fray Luis de León, come quello del versetto: "sotto un'ala di aleve gamma leggera"; ma allitterazione è solo una parte di aspetto della musicalità del poeta, Maestro ritmo moderno e universale, l'immagine e l'armonia.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…