RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata

Biografia di René Descartes | Filosofo e matematico francese.

ADS

(La Haye, Francia, 1596 - Stoccolma, 1650) Filosofo e matematico francese. Dopo lo splendore della filosofia greca e l'apogeo e crisi della scolastica in Europa medioevale, si tradurrebbe le nuove arie del Rinascimento e la rivoluzione scientifica che lo hanno accompagnato, nel XVII secolo, la nascita della filosofia moderna.
Il primo di ISMS filosofico della modernità era razionalismo; Descartes, suo iniziatore, proposto di fare tabula rasa della tradizione e costruire un nuovo edificio sulla base di ragione e la metodologia efficace della matematica. Loro «dubbio metodico» non interrogato Dio ma al contrario; Tuttavia, come Galileo, ha dovuto subire persecuzioni a causa delle loro idee.
Biografia
René Descartes istruiti sono nel collegio gesuita di La Flèche (1604-1612), poi uno dei più prestigiosi in Europa, dove ha goduto di un determinato trattamento di favore in considerazione della sua salute cagionevole. Studi effettuati in questo centro ha avuto un'importanza decisiva nella sua formazione intellettuale; non conosciuto gioventù turbolenta di Descartes, dubbio in La Flèche base della loro cultura era basata. Tracce di tale obiettivo di formazione manifestata e acutamente in tutti l'ideologia filosofica del saggio.

René Descartes
Programma di studi della scuola (secondo varie testimonianze, tra le quali figura la stessa Descartes) era vario: ruotava essenzialmente intorno all'insegnamento tradizionale delle arti liberali, che ha aggiunto nozioni di teologia e di esercizi pratici utili per la vita dei signori futuri. Anche se il programma stesso dovrebbe essere piuttosto chiaro e orientato in senso essenzialmente pratico (non previsto forma saggio, ma uomini preparati per missioni politiche di alti rango ha permesso loro di succhiare), più attivi o curiosi studenti potrebbero completarli in proprio attraverso letture personali.
Anni dopo, Descartes criticherebbero amaramente educazione ricevuta. È perfettamente possibile, tuttavia, che il loro malcontento considerazioni a questo proposito non tanto filosofici circa la naturale reazione di un adolescente che per tanti anni è stato sottoposto ad una disciplina e la sensazione di inutilità di tutto ciò che ho imparato in relazione alle loro occupazioni possibili futuri (milizia o burocrazia). Dopo il suo tempo a La Flèche, Descartes è stato assegnato il titolo di Bachelor in legge dal facoltà di Poitiers (1616) e all'età di ventidue sinistra per i Paesi Bassi, dove prestò servizio come soldato nell'esercito di Maurício de Nassau. Nel 1619 si arruolò nei ranghi del duca di Baviera.
Come ha segnalato il propri scarti durante il discorso del metodo, durante il duro inverno di quell'anno che si è trovato bloccato in una città del Danubio superiore, possibilmente vicino a Ulm; Ci è rimasto bloccato fino accanto a una stufa e lontano da qualsiasi rapporto sociale, senza più società rispetto dei suoi pensieri. In un posto così e dopo una forte crisi di scetticismo, ha rivelato le fondamenta su cui costruire il suo sistema filosofico: il metodo matematico e il principio del cogito, ergo sum. Vittima di un'eccitazione febbrile, durante la notte del 10 novembre 1619 aveva tre sogni, durante che avvertiva il suo metodo e conosceva la sua vocazione profonda per dedicare la sua vita alla scienza.

Presunto ritratto di Descartes
Dopo avere rinunciato alla vita militare, Descartes ha viaggiato attraverso la Germania e i Paesi Bassi e ritornò in Francia nel 1622, per vendere i loro possessi e garantire così una vita indipendente; Ha trascorso una stagione in Italia (1623-1625) e si stabilì a Parigi, dove relazionati con la maggioranza degli scienziati del tempo.
Nel 1628, ha deciso di stabilirsi in Olanda, un paese nel quale ricerca scientifica goduta di grande considerazione e, inoltre, sono state favorite da una relativa libertà di pensiero. Descartes considerato il luogo più favorevole per raggiungere obiettivi filosofici e scientifici che erano stati impostati e vi risiedette fino al 1649.
I primi cinque anni dedicato principalmente a sviluppare il proprio sistema nel mondo e la sua concezione dell'uomo e del corpo umano. Nel 1633 dovrebbe essere già molto avanzata un ampio testo della metafisica e della fisica intitolato trattato della luce; Tuttavia, la notizia della condanna di Galileo lo spaventò, dal momento che Descartes ha sostenuto anche in quanto funziona il movimento della terra, opinione che non credeva discutibili dal punto di vista teologico. Come temevo che tale testo potrebbe contenere teorie riprovevole, ha rinunciato alla sua pubblicazione, che avvenuta dopo la sua morte.

René Descartes
Suo famoso discorso sul metodo, presentato come un prologo a tre saggi scientifici apparsi nel 1637. Di audacia e novità di concetti, il genio delle scoperte e lo slancio delle idee, il libro è stato sufficiente a dare l'autore un'immediata e meritata fama, ma anche quindi causato una marea di polemiche, che d'ora in poi sarebbero stato faticosi e vita pericolosa.
Descartes proposto nel discorso dubbio metodico, che per fare riferimento a prova tutte le conoscenze del tempo, anche se, a differenza gli scettici, la sua era un dubbio ricerca recenti principi su cui solidamente costruire orientata alla conoscenza. Questo principio lo trovò nell'esistenza della propria coscienza che il dubbio, nella sua formulazione famoso "Penso, dunque esisto". Sulla base di questa prima prova potrebbe parzialmente ripercorrere il cammino del loro scetticismo, trovando il = il garante ultimate s della verità dell'evidenza della ragione, che si manifestano come "chiare e distinte" idee in Dio.
Il metodo cartesiano, Descartes proposto per tutte le scienze e discipline, è quello di abbattere problemi complessi in parti sempre più facile trovare i suoi elementi di base, semplici idee, presentati alla ragione in modo chiaro e procedere da loro, di sintesi, di ricostruire l'intero complesso, che richiede che ogni nuova relazione stabilita tra idee semplici la stessa evidenza di questi. Prove scientifiche che seguirono il discorso offerto un compendio delle sue teorie fisiche, in particolare sua formulazione della legge di inerzia e una specifica del loro metodo per la matematica.
Le fondamenta della sua fisica meccanicistica, rendendo l'estensione la principale proprietà dei corpi materiali, sono stati esposti da Cartesio nelle Meditazioni metafisiche (1641), dove ha sviluppato la sua dimostrazione dell'esistenza e la perfezione di Dio e l'immortalità dell'anima, già indicato nella quarta parte del discorso sul metodo. Il meccanismo radicale delle teorie fisiche di Descartes, determinata, tuttavia, che più tardi furono sopraffatti.
Come è cresciuta la sua fama e la diffusione della loro filosofia, arreciaron le critiche e le minacce di persecuzione religiosa da alcune autorità accademiche ed ecclesiastica, nei Paesi Bassi e in Francia. Nato al centro di discussioni, Meditazioni metafisiche lui stavano guadagnando parecchie accuse promosse dai teologi; qualcosa di simile è accaduto durante la stesura e la pubblicazione di altre opere proprie, come i principi della filosofia (1644) e le passioni dell'anima (1649).

Cartesio con la Regina Cristina di Svezia
Stanco di queste lotte nel 1649 Descartes accettato un invito da parte della Regina Cristina di Svezia, che lo convinse a trasferirsi a Stoccolma come suo precettore di filosofia. Essi in precedenza aveva mantenuto un'intensa corrispondenza, e, nonostante la soddisfazione intellettuale che ci ha fornito Cristina, Descartes non era felice in "the country bears, dove appaiono i pensieri degli uomini, come l'acqua, metamorfosano in ghiaccio". Egli era abituato alle comodità e non era facile da raggiungere ogni giorno alle quattro del mattino, nel buio e freddo inverno rosicchiare le ossa, indottrinare una regina che non hanno più tempo libero a causa dei loro obblighi. Il madrugones spartani e freddo potrebbe più che il filosofo, che morì di polmonite nel 1650 precoce, cinque mesi dopo il loro arrivo.
La filosofia di Cartesio
Descartes è considerato l'iniziatore della moderna filosofia razionalista dal suo approccio e risoluzione del problema di trovare un fondamento di conoscenza che garantisce la sua sicurezza e come il filosofo che è il punto di rottura finale con la scholastic. Nel discorso sul metodo (1637), Descartes ha detto che relativo progetto per sviluppare una dottrina basata su principi completamente nuovi è venuto dal disincanto a insegnamenti filosofici che aveva ricevuto.
Convinti che l'intera realtà ha risposto a un ordine razionale, il suo scopo era quello di creare un metodo che ha permesso di realizzare in tutta l'area della conoscenza la stessa certezza che forniscono l'aritmetica e la geometria. Il suo metodo, esposto nel discorso, è composto di quattro precetti o procedure: non accettare come vero qualcosa che non ha la certezza assoluta che è; abbattere ogni problema nelle sue parti minime; andare più comprensibile ai più complessi; e, infine, leggere integralmente il processo per garantire che non vi è alcuna omissione.

René Descartes
Il sistema utilizzato da Descartes per incontrare il primo precetto e conseguire certezza è «dubbio metodico». Secondo questo sistema, Descartes mette in discussione tutte le loro conoscenze acquisite o ereditato, la testimonianza dei sensi e persino la propria esistenza e quella del mondo. Ora, nel dubbio c'è qualcosa di quello che non possiamo dubitare: il dubbio stesso. In altre parole, non possiamo dubitare di che noi stiamo dubitando. Così arriviamo a una prima evidente e assoluta certezza che possiamo accettare come vero: dubbio.
Penso, quindi esisto
Il dubbio, poi motivo Descartes, sta pensando: dubbio sta pensando. Ora, non pensi che esista. La sospensione di qualsiasi concreto, il dubbio stesso, è davvero un atto di pensiero che immediatamente implica l'esistenza di pensare "Io". Quindi sua formulazione famosa: penso, dunque sono (cogito, ergo sum). Possiamo quindi essere fermamente fiduciosi del nostro pensiero e la nostra esistenza. Noi esistiamo e siamo un pensiero, la sostanza spirituale.
Da questo fatto Descartes tutta la sua filosofia. Poiché non si può contare su cose cui esistenza non è stata dimostrata, Descartes tenta di spaccare del pensiero, la cui esistenza è già stata dimostrata. Anche se può riferirsi all'esterno, pensiero non consiste di cose, ma di idee sulle cose. La domanda che si pone è se ci sono nel nostro pensiero qualsiasi idea o rappresentazione che possiamo percepire con la stessa «chiarezza» e «distinzione» (i due criteri cartesiani di certezza) che noi percepiamo come soggetti di pensiero.
Tipi di idee
Descartes, poi va a rivedere tutta la conoscenza che aveva in precedenza escluso all'inizio della loro ricerca. E a riconsiderare la loro osservato che rappresentazioni del nostro pensiero sono di tre tipi: idee "innate", come bellezza o giustizia; "accidentale" idee che provengono da fuori, come le stelle o cavallo cose; (e) ' fittizie' idee, che sono mere creazioni della nostra fantasia, come ad esempio i mostri della mitologia.
«Fittizia» idee, semplice somma o combinazione di altre idee, non ovviamente servono come maniglia. E per quanto riguarda idee 'accidentale', ha avuto origine dalla nostra esperienza di cose straniere, agire con cautela, dato che non siamo sicuri che ci sono cose esterne. Si potrebbe, dice Descartes, conoscenza "accidentale", che riteniamo rilevanti per le impressioni delle cose che in realtà esistono di fuori di noi, era stato causato da un "genio maligno", che ha voluto ingannarci. O quello che pensiamo che la realtà non è altro che un'illusione, che un sogno di cui noi non abbiamo risvegliato.
Di sé a Dio
Ma considerando "innate" idee, senza sensibile correlativo esterno, trovano in noi un'idea molto unica, perché è completamente lontano di quello che siamo: l'idea di Dio, un essere supremo infinito, eterno, immutabile, perfetto. Gli esseri umani, limitati e imperfetti, possono formare idee come "triangolo" o "giustizia". Ma l'idea di un Dio infinito e perfetto non può essere nato di un individuo finito e imperfetto: necessariamente è stato inserito nelle menti degli uomini dalla Provvidenza stessa. Pertanto, Dio esiste; ed essendo poichè è un essere perfetto, non può ingannare o illuderci o consentire l'esistenza di "genio maligno» che ingannare noi, facendoci credere che sia reale in un mondo che non esiste. Il mondo, di conseguenza, esiste anche. L'esistenza di Dio assicura così la possibilità di una vera conoscenza.
Questa dimostrazione dell'esistenza di Dio è una variante dell'argomento ontologico, già impiegato nel XII secolo da San Anselmo de Canterbury, e venne duramente attaccata da avversari di Descartes, che lo ha accusato di cadere in un circolo vizioso: i criteri di chiarezza e distinzione sono utilizzati per dimostrare l'esistenza di Dio e quindi di garantire la conoscenza del mondo esterno , ma l'affidabilità di tali criteri è giustificato anche dall'esistenza di Dio. Una tale critica si propone non solo la validità o invalidità dell'argomento, ma anche al fatto che Descartes non sembra a questo punto applicare la sua metodologia.
RES cogitans e res vasto
Ammesso l'esistenza del mondo esterno, Descartes va a esaminare qual è l'essenza degli esseri. Inserisci qui il tuo concetto di sostanza, che è definita come ciò che «esiste in modo che tu solo bisogno lo stesso di esistere». Sostanze che si manifesta attraverso loro modi ed attributi. Essi gli attributi sono proprietà, né le qualità essenziali che rivelano l'identificazione della sostanza, cioè, sono quelle proprietà senza la quale una sostanza sarebbe tale sostanza. Modalità, sono d'altra parte, non di proprietà o delle qualità essenziali, ma puramente accidentale.

René Descartes
L'attributo dei corpi è l'estensione (un corpo non può mancare di estensione, se la mancanza di esso non è un corpo), e tutte le altre determinazioni (colore, forma, posizione, movimento) sono solo le modalità. E l'attributo dello spirito è il pensiero, perché lo spirito «sempre idee». C'è, pertanto, una sostanza pensante (res cogitans), privo di estensione e il cui attributo è il pensiero e una sostanza che compone i corpi fisici (ampia res), cui attributo è l'estensione, o, se preferite, la tridimensionalità, quantitativamente misurabile in uno spazio tridimensionale. Entrambi sono completamente separati e reciprocamente irriducibili. È quello che viene chiamato il "dualismo cartesiano".
Nella misura in cui la sostanza della questione e corpi è l'estensione, e che questo è osservabili e misurabili, deve essere possibile spiegare le loro mosse e modifiche da leggi matematiche. Questo porta alla visione meccanicistica della natura: l'universo è come un'enorme macchina cui prestazioni possiamo veniamo a sapere attraverso lo studio e la scoperta delle leggi matematiche che lo governano.
La comunicazione delle sostanze
La separazione radicale tra materia e spirito viene applicata rigorosamente, in linea di principio, a tutti gli esseri. Così, gli animali sono più che macchine complesse. Tuttavia, Descartes fa un'eccezione quando si tratta dell'uomo. Dal momento che è composto di corpo e anima e come materiale del corpo e vasto (ampia res) e il pensiero e spirituale anima (res cogitans), dovrebbe essere fra loro un isolamento assoluto.
Tuttavia, nel sistema cartesiano non lo fa, ma che l'anima e il corpo comunicano tra di loro, non per la modalità classica, ma in un modo unico. L'anima è seduto nella ghiandola pineale, situata nel cervello e da lì governò il corpo come «il nauta governa la nave» da spiriti animali, i prodotti intermedi tra spirito e corpo attraverso particelle di sangue, trasmettere ordini dell'anima al corpo. Soluzione di Cartesio non era soddisfacente, e il cosiddetto problema della comunicazione delle sostanze sarebbe stata a lungo discussa dai filosofi successivi.
Sua influenza
Così da non aver correttamente definito la nozione di sostanza come per dualismo franco stabilita tra due sostanze, Descartes ha sollevato i problemi fondamentali della filosofia speculativa europea del XVII secolo. Inteso come sistema rigoroso e chiuso, filosofia cartesiana non era eccessivi seguaci e ha perso la sua validità in pochi decenni. Tuttavia, filosofia cartesiana è diventato punto di riferimento per molti pensatori, un paio di volte per tentare di risolvere le contraddizioni che rinchiusi, come ha fatto i pensatori razionalisti e altri per confutare esso frontalmente, come gli empiristi.
Così, il filosofo tedesco Gottfried Wilhelm Leibniz e Baruch Spinoza olandese stabilito forme di parallelismo psico-fisico per spiegare la comunicazione tra corpo e anima. Spinoza, infatti, è andato oltre e ha detto che c'era una singola sostanza, che comprendeva in sé l'ordine delle cose e delle idee, e che la res cogitans e la res ampia non erano ma gli attributi, che è venuto al panteismo.
Da un punto di vista completamente opposto, gli empiristi britannici John Locke e Thomas Hobbes ha negato che l'idea di una sostanza spirituale sarebbe provable; Mi hanno detto che non non c'è nessun idee innate, e che la filosofia dovrebbe essere ridotto al campo di ciò che è noto dall'esperienza. La concezione cartesiana di un universo meccanicistico, infine, decisamente influenzato la genesi della fisica classica, fondata da Newton.
Non è troppo dire, insomma, che sebbene Descartes non ha risolto molti dei problemi sollevati, tali problemi è diventato questioni centrali della filosofia occidentale. In questo senso, la filosofia moderna (razionalismo, empirismo, idealismo, materialismo, fenomenologia) può essere considerato uno sviluppo o una reazione alla filosofia cartesiana.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata