Passa ai contenuti principali

Biografia di Pelayo | Astur leader.

(?-?, 737) Astur leader. La personalità di Pelayo è stata mitizzata nel corso degli anni per andare in giro il carattere di un'aura eroica quasi sovrumana. Le fonti più attendibili indicano che egli faceva parte di una delle famiglie dell'aristocrazia del nord della penisola, forse di origine visigota, che si insediarono nel bacino del fiume Sella.

Don Pelayo
Dopo la sconfitta e la morte di Re Rodrigo, agli invasori arabi, nella battaglia di Guadalete (711), c'era l'improvviso crollo del regno visigoto e la caduta della penisola iberica nelle mani dei musulmani. Secondo le cronache musulmane, Pelayo era in Córdoba come ostaggio. Circa 718, nel nord organizzarono una rivolta contro la tassa di soggiorno richiesto dai nuovi governanti, che ha portato alla guerra aperta.
Approfittando della sua conoscenza del terreno, i ribelli molestato le truppe arabe, poco abituate a combattere nelle regioni così brusche e tempo così freddo. Nel 722, Anbasa, governatore arabo della penisola iberica, inviò un esercito per schiacciare, una volta per tutte, la rivolta. Pelayo e i suoi seguaci ha attirate la expeditionary force, probabilmente composta da poche migliaia di uomini, che già aveva realizzato parecchie vittorie, fino alle valli di Covadonga, dove Cantabri ed Asturi sono state fatte forti. Loro posizione difensiva formidabile non poteva essere conquistata dalle truppe berbero, abituate a combattere in terreno montagnoso, che faceva parte del contingente musulmano.
Infine, gli aggressori sono stati costretti a intraprendere un rifugio che diventa disastroso quando Pelayo è stato lanciato nel suo inseguimento a molestare loro inesorabilmente. Alla fine, possibilmente dopo aver rinforzato suoi caschi blu, ha fatto Frank battaglia e sconfisse i musulmani in Olalies (attuale Proaza), dopo di che egli stabilì la sua capitale a Cangas de Onís.
Don Pelayo è diventato per gli spagnoli nel primo eroe della riconquista e come tale è stato celebrato non solo in Chronicles e romances medioevali, ma anche nel vasti poesie come Lopez Alonso Pinciano El Pelayo (1605) e in numerosi drammi dell'età dell'oro, il più noto dei quali è le ultime Goth, Lope de Vega; Il restauro della Spagna, Luis Vélez de Guevara e Il restauratore delle Asturie, Juan Bautista Diamante. Con il neoclassicismo, figura tornati agli onori della scena nella tragedia in versi e in cinque atti Pelayo, di Gaspar Melchor de Jovellanos (1744-1811), pezzo eccezionale della serie di tragedie neoclassiche che ha scritto gli scrittori spagnoli del XVIII secolo imitando Corneille, Racine e persino di Alfieri. L'eroe gotico è apparso anche nella tragedia in tre atti Pelayo, di Manuel José Quintana (1772-1857), rappresentata nel 1805. Già nel romanticismo, José de Espronceda dedicata anche una poesia, incompiuta, intitolata Pelayo.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…