Passa ai contenuti principali

Biografia di Muhammad | Profeta. Narrazioni che formano la tradizione musulmana.

Le rivelazioni ricevute dal profeta, che sono stati raccolti nel Corano, sarebbero diventato la Fondazione islamica civiltà.
Lo studio della vita di Maometto si basa su Hadith (narrazioni che formano la tradizione musulmana) che, riuniti a Sira di Ibn Ishak (metà del VIII secolo) e modificata all'inizio del IX secolo da Ibn Hisan, costituiscono la biografia ufficiale del profeta. Il Corano offre informazioni interessanti per conoscere il loro pensiero, ma è molto scarso in relazione alla sua vita. Come è il caso con altri fondatori di religioni principali (Gesù, Buddha, Confucio), noto solo approssimativamente precedenti fasi al momento di iniziare la predicazione della sua dottrina. Non c'è dubbio che Mahoma nacque alla Mecca, in quei giorni una cittadina circondata dal deserto nella parte occidentale della penisola arabica, a pochi chilometri dal mar rosso. Egli apparteneva al clan Hasim, della tribù di Quraish e suo padre, Abd Allah, morì prima che lui nascesse, da ciò che l'orfano è stato accolto da sua nonno Abd al - Mataalib, testa del Hasim.

Ritratto immaginario di Maometto
Abbiamo trascorso i primi anni con la madre, Amina, una donna di un altro clan che, secondo costume e per proteggerla dai rigori dell'estate della Mecca, ha mandato nel deserto, dove una madre beduino lo ha risuscitato. Questi nutrici è venuto alla Mecca due volte l'anno, in primavera e in autunno, per raccogliere per i neonati di famiglie benestanti. Muhammad è stata sollevata da Halima, moglie di un pastore Arabia, che ha ritenuto la pena vederlo così impotente; il bambino è rimasto orfano di madre a sei anni di età. Presto il nonno, anche lui perso e ricevuto sotto la copertura di suo zio Abú Talib, mercader e custode della Kaaba è piaciuto rango sacerdotale. Maometto ha avuto suo cugino Ali come loro infanzia Playmate.
Aveva dodici anni quando in primo luogo si arruolò nella carovana di suo zio, prendendo cura cammelli responsabile. Nel suo primo viaggio a Damasco ha avuto la possibilità di contattare i cristiani nestoriani, setta condannata al Concilio di Efeso, negando il dogma della Santissima Trinità e il carattere divino della maternità di Maria. Secondo la leggenda, il Monaco Bahira scoperto segni di profezia nel bambino e impedito loro famiglie così che per proteggerlo dagli ebrei.
Con suo zio, Mahoma è venuto ad acquisire una vasta esperienza in roulotte guidando attraverso il deserto, ma la mancanza di risorse gli ha impedito di indipendenza. Sposò Jadicha, una ricca vedova che, prima di contrarre matrimonio all'età di venticinque anni, ha messo alla prova inviando lui con uno di loro caravan in Siria. Jadicha aveva circa quarant'anni e ha dato le sue quattro ragazze e due ragazzi. I maschi morirono prematuramente. Alcuni autori vedono questo fatto la causa della simpatia di Maometto per i bambini, con i quali ho usato per giocare.
Grazie a questo matrimonio, poteva dedicarsi al suo mestiere e fare buoni affari; Jadicha, per parte sua, inoltre si distinse per essere un partner formidabile. Mentre Jadicha vissuta, Mahoma non preso nessun altre donne come mogli; più tardi avrebbe anche un harem, ma in tutti i casi e ' stato il matrimonio per ragioni politiche. I quindici anni che seguirono questa Unione non sa nulla. Era un periodo durante il quale era conosciuto come un dritto e vero, uomo dedito alla sua attività imprenditoriale, ma esclusi dai cerchi commerciali principali.

Le rivelazioni

Verso l'anno 610 Mahoma aveva le prime rivelazioni. Aveva abitualmente ritirarsi a pregare e meditare in una grotta nel monte Hira e talvolta utilizzato per soggiornare una notte là una o due notti. In una delle prime occasioni erano la visione di un glorioso essere che inizialmente identificato come Dio, e in un'altra vista posteriore pensiero era l'Arcangelo Gabriel. Questo glorioso essere ordinato lui a scrivere il Corano. Rivelazioni divine si sarebbero ripetuti per tutta la vita con qualche frequenza ed entrambi Muhammad come suoi discepoli imparati memoria.
Come la base materiale di scrittura era rara nella zona, si dice che, dopo la morte del profeta, suo segretario trovato passaggi del Corano scritti su pezzi di carta, foglie di Palma, pietre, scapole, costole e pezzi di pelle. La versione finale che è conosciuta dal Corano, cioè, che porta insieme tutte le rivelazioni ricevute da Mahoma, è posteriore all'anno 650, vent'anni dopo la morte del profeta. A volte le rivelazioni prodotte esso determinate reazioni fisiche: mi sentivo dolore e percepito un suono forte, come il suono delle campane; A volte, nelle giornate fredde, i compagni visto come spessore gocce di sudore è sceso dalla sua parte anteriore, mentre la rivelazione ha avuto luogo.

L'Arcangelo Gabriel e Maometto
Maometto iniziò a predicare la sua dottrina tre anni più tardi, per il 613. Nel frattempo le prime conversioni avevano accaduto. Sua moglie Jadicha fu il primo e lo sostenne nei momenti di crisi a sperimentare le prime visioni; Lei e particolarmente Waraqa lo persuase del carattere profetico di tali esperienze. Alcuni racconti dicono che il primo convertito maschio era liberto Zaid ibn Harita, mentre altri suggeriscono che era suo cugino Ali. Tra i primi che hanno sviluppato era suo amico e anche commerciante di La Mecca Abu Bakr, che ha fornito grande sostegno all'Islam, soprattutto quando lo stato islamico aveva già stato costituito. Negli elenchi che sono conservati dei primi seguaci di Maometto, si può vedere che la maggior parte erano giovani provenienti da famiglie più influenti della Mecca. Tuttavia, quando Mahoma ha cominciato a diffondere la sua dottrina, queste famiglie erano state spostate da una nuova classe sociale che è emerso dalla prosperità commerciale della città, che porrebbe un vivace opposizione al profeta.
Nella sua predicazione, Mahoma tendeva verso un monoteismo basato sulla credenza in una piena di bontà e di Dio Onnipotente che giudicherà ognuno in base alle loro prestazioni; l'uomo dovrebbe mostrare gratitudine a Dio e riconoscere la loro dipendenza su di esso. Riconoscimento dell'onnipotenza divina è in contrasto con l'atteggiamento dei grandi mercanti, convinti che la loro ricchezza è ciò che permette a tutti; Vita di Mahoma uomo aveva si affidano a fare ciò che è necessario per raggiungere il paradiso. La generosità e il rispetto per i più deboli sono stati i punti essenziali che ha insistito la sua prima predicazione.
Inizialmente, quindi, l'Islam è sorto come una continuazione del cristianesimo ed ebraismo, religioni Mahoma sapeva. Critica del monoteismo di Muhammad professata ha cominciato con la predicazione pubblica, e presto un primo confronto avvenuto con arabi politeisti. Quello che Dio di Maometto potevano adorare la Kaaba (la Mecca edificio costruito, secondo il Corano, Abraham, contenente la pietra nera che Gabriel diede a Isacco), ma non così altri tre santuari dedicati ad altri dèi e Dee nella periferia della città. Ma sembra certo, come è stato affermato, che opposizione a Maometto basato su grandi commercianti idoli per paura che lontano, per declinare il business. La Kaaba, il Santuario della Mecca, era ancora il Santuario per eccellenza e la scomparsa degli idoli non sarebbe male più di un piccolo gruppo di mercanti che si erano stabiliti nelle vicinanze della città e aveva creato ci nuovi santuari, cui culti espressamente sono stati condannati da Maometto.

Predicazione di Maometto alla Mecca
Le ragioni per l'ostilità crescente dell'oligarchia commerciale della Mecca al profeta devono essere ricercate in attacchi di Maometto al modo di vita della ricca, negazione della sua onnipotenza e, soprattutto, la possibilità che predicazione sarebbe personalità politica sufficiente uno di Muhammad di mettere di fronte la città in un futuro più o meno prossimo. Questo potrebbe danneggiare i mercanti principali che, in realtà, imposto loro punti di vista e governarono la città grazie alla sua ricchezza, la sua esperienza commerciale e l'appartenenza ai clan superiore, mentre la Mecca è governata da un'assemblea composta da capi di tutti i clan. La crescente importanza di Maometto in pericolo le loro prerogative. Perché Abu Chahl, uno dei suoi più feroci nemici, suggeriscono il pericolo politico Mahoma.
Inizialmente, le pressioni di Abu Chahl ha consistito di non pagare i debiti legittimi a quei musulmani che non gli piaceva la protezione di ogni clan o ha appartenuto al clan debole; più successivamente ha provato che Abu Talib, lo zio di Maometto e capo del clan che ha appartenuto al profeta, Muhammad vietare la proclamazione della nuova fede. Abu Talib non ha accettato perché sarebbe stato vergognoso per il suo clan negare protezione a uno dei relativi propri, e perché la nuova fede ha accettato in linea di massima con la sua politica, al contrario i monopolii commerciali stabiliti da ricchi mercanti che emerse nel calore della nuova prosperità commerciale.
Durante l'anno 619 ucciso suo zio e protettore Abu Talib e sua moglie fedele Jadicha. La seconda moglie fu Sawda, una vedova che è stata tra le prime conversazioni. Sembra che Mahoma contratto questo matrimonio per evitare Sawda fatto con qualcuno di fuori del gruppo. Il capo del clan della Hasim era occupato da un altro zio di Maometto, Abu Lahab, finendo per interessi di parte e a quanto pare anche dalla pressione da Abu Chahl, rimuovendo la protezione al profeta.
Muhammad ha dovuto cercare rifugio nella vicina città Al - Ta'if e ha tentato di mettere i suoi abitanti contro la Mecca. Non ha raggiunto il loro obiettivo, e anche lui è stato lapidato dalla folla. Tornò a Makkah clandestinamente ha ottenuto la protezione di uno dei clan, e la loro attività di proselitismo erano limitate. In quel periodo, Mahoma provato ad allearsi con varie tribù nomadi, che da allora erano nelle vicinanze della Mecca in occasione di una festa religiosa, ma nessuno è riuscito nei suoi negoziati.

Egira

In occasione del pellegrinaggio alla Kaaba nell'anno 620, Mahoma entrò in contatto con sei cittadini di Medina che sono stati colpiti dalla sua personalità e pensato che potrebbe essere utile. Si dice che, l'anno seguente, questi stessi pellegrini, che rappresentano la maggior parte dei clan di Medina, ha promesso di Muhammad accettarlo come profeta e gli obbediscono. Questo evento fu battezzato con il nome del primo giuramento Al - Aqaba. Maometto mandò avanti in uno dei suoi uomini a predicare la sua dottrina e allo stesso tempo informato della situazione politica in quella città. Emigrazione (Egira) a Medina era gruppi scaglionati di non attirare l'attenzione. L'ultimo di spaccare erano Muhammad, suo amico Abu Bakr, suo cugino Ali e alcuni dei suoi parenti. Il calendario islamico conta degli anni dal 16 luglio 622, data dell'Egira.
Nei primi mesi del suo soggiorno fu redatta la costituzione di Medina. Sostenitori della Mecca e membri di otto clan di Medina, convertito all'Islam, ha formato una comunità diretta da Muhammad, imposto su di esso alcune delle tradizionali regole della vita nomade: solidarietà, vendetta di sangue, l'accettazione delle decisioni del profeta ha rivelato materiali e consegna ad esso di un quinto del bottino. Garantire che l'identità di credenze era di sopra della tribù era il primo successo di Maometto, successo che avrà ripercussioni politiche, in quanto la nuova comunità non rispetterà le leggi, costumi e tradizioni urbane imposte dall'aristocrazia, ma verrà rilasciata regole di Allah, l'unico Dio, attraverso il suo Profeta Muhammad , che sottoposto ad una tribù o un particolare gruppo, Makkah, condizione è diventato profeta e capo di una comunità che hanno loro posto coloro che accettano la fede.
Nel aprile 623 Mahoma consumata il matrimonio, ha tenuto due anni fa alla Mecca, Abu Bakr, Aisha, nove-anno-vecchia figlia. Nello stesso anno inizia le incursioni contro i mequies di roulotte. Ed era molto comune nel mondo arabo al tempo, era considerato quasi come uno sport e uno stile di vita. Era un semplice atto di saccheggio in cui non non c'era nessun spargimento di sangue, tranne in rare occasioni; per evitare la violenza usata per pagare un risarcimento. Tuttavia, nel 624 c'era già un morto prima il lato mequi, durante il sacro mese del pellegrinaggio, quando hanno osservato una tregua rigorosa.

L'Arcangelo Gabriel e Maometto nella battaglia di Badr
La schermaglia più importante ha avuto luogo il 15 marzo 624 nella battaglia di Badr. Trecento uomini di Maometto ha battuto in finale una grande carovana, sorvegliata da nove cento uomini, che avevano interessi la maggior parte dei mercanti della Mecca. Nella mischia perirono Abu Chahl e altri capi principali della Mecca. Ha affermato, inoltre, importante salva i prigionieri, sebbene Mahoma ha perdonato coloro che non ha potuto incontrare li. La storia ufficiale sarebbe elevare fatti come questi per la categoria di battaglie vittoriose.
I successi militari dei credenti ha finiti per cancellare il commercio alla Mecca, e i loro leader hanno deciso Muhammad per salvaguardare i propri interessi commerciali. Tribù beduine sono stati anche sottoposti ad una dottrina che ha coinciso con la dogana che si sono esercitati. Muhammad ha grippato la Mecca durante l'anno 631, distrutto gli idoli e decretò un'amnistia generale. Dopo battaglie successive subissero in tutta l'Arabia sulla 632. Il passaggio delle truppe che sono state prodotte le conversioni di massa più o meno sincere. Maometto aveva convertito in bellicosa e disperse tribù arabe in un popolo Unito che intraprendono un'espansione senza precedenti dopo la sua morte.

Ultimo pellegrinaggio di Maometto alla Mecca
Nello stesso anno Mohammed in persona ha condotto il pellegrinaggio alla Mecca, che già era diventato un rito esclusivamente musulmano. Morì il 15 marzo di 632, affetti da febbre e mal di testa forte, con la sua faccia sulle ginocchia della giovane moglie Aisha. Suo suocero e amico, Abu Bakr, riuscirebbe il profeta nel califfato.

Lo stato islamico

I codici sviluppati negli ultimi anni nella Medina sarebbero esteso con le rivelazioni socio-economiche e politiche necessarie per governare e amministrare la comunità dei credenti e di tutti coloro che, senza la conversione alla nuova fede, hanno deciso di Muhammad come testa. Molte delle disposizioni rispondere a situazioni specifiche e acquisito valore generale ogni volta che Mahoma li considerano adatti per la Comunità. Queste regole abbondano di carattere uguale e quelli destinati a proteggere i deboli, non limitati a dichiarare uguale a tutti i credenti e a formulare la necessità di servire i bisognosi, ma forniscono soluzioni concrete ai problemi.
Durante il soggiorno nella Medina, gli emigranti (con questo nome di cui i sostenitori di Maometto fuggì dalla Mecca) mancavano le risorse e l' elemosina legale (zakat)è stata istituita per soddisfare le loro esigenze. Questa carità, mezzi pratici di livellamento a coloro che hanno nulla con coloro che hanno risorse sufficienti, è diventato più successivamente fiscali obbligatori e solo ai musulmani; non convertiti (solo accettato come tale in territori dominati dalla Comunità per i cristiani e gli ebrei) sarebbe pagare anche fiscale personale e altri territoriali. Un altro delle fonti di reddito dell'Islam viene dal bottino, che riserva il quinto capo della Comunità, che ha anche le terre conquistate dai credenti durante la guerra Santa.
L'origine dell'ultima pratica è complessa: Muhammad crede che egli è stato scelto dall'unico Dio, Allah, non per predicare una nuova fede, ma di ripristinare, come l'ultimo dei profeti, la purezza della religione dato ad Abramo; L'Islam non si oppongono pertanto giudaismo né il cristianesimo, ma a sua discrezione li superano. Questo atteggiamento religioso, accoppiato con il fatto che c'erano potenti clan ebraici nella Medina (il numero dei cristiani era scarso), fatto che Maometto ha cercato di ottenere agli ebrei e fatto concessioni quali ordinare che la preghiera è stata fatta rivolti verso Gerusalemme. Ma i suoi piani concilianti non riusciti, gli ebrei erano contrari alla comunità, sia religiosamente e politicamente e ha collaborato con gli abitanti della Mecca, fino a quando Mahoma deciso espulsi da Medina, consegnare loro terre per gli emigranti e ordinare che la preghiera è stata effettuata dal poi in direzione alla Mecca, dove fu il Santuario costruito da Abramo; da questo momento in poi, è stato considerato le terre conquistate, appartenendo al leader della Comunità, che ha potuto stabilire in loro che volevano.

Muhammad, dirigendo la distruzione degli idoli
della Kaaba dopo prendono il sopravvento la Mecca
Il contenuto della fede si basava sulla convinzione in Allah come l'unico, onnipotente ed eterno Dio, creatore e proprietario di tutte le cose. Credere in Allah è accompagnato dalla fede nei profeti (che Maometto è l'ultimo), a los angeles, nei libri sacri (che il Corano è l'ultimo e il solo necessario), nella risurrezione e predestinazione. Che appartengono all'Islam deve fare la professione di fede, recitando preghiere cinque volte al giorno, pagando elemosina legale, incontrare il pellegrinaggio alla Mecca una volta nella vita e nel digiuno durante il mese del Ramadan. Un altro degli obblighi dell'Islam, la guerra Santa, non è accettato da esperti legali, ma sì verrà ampiamente utilizzato dal potere civile basato su spedizioni e guerre guidate da Muhammad durante il suo soggiorno nella Medina.
Il carattere molte volte "locale" o "circostanze" delle rivelazioni contenute nel Corano ha fatto non sufficiente regolare le numerose questioni di governo, amministrazione e giustizia ai musulmani dopo la morte di Maometto, da ciò che le rivelazioni del libro sacro sono stati completati, non sotto l'aspetto religioso, ma in altri, con la Sunna, o un insieme di tradizioni relative alla condotta del profeta; insieme, il Corano e la Sunna forma una legge religiosa che è alla base della legge, organizzazione, vita sociale e vita economica dei musulmani. L'accettazione di una o un'altra lettura del Corano, o di determinati account della Sunna e la modalità di interpretazione di uno e gli altri, hanno quindi una grande importanza nella storia dei musulmani, in cui religione e politica, nella sua accezione di quest'ultimo, è intimamente legate, almeno durante i primi secoli dell'Islam.

Maometto e il Corano

Il Corano

Il libro sacro dell'Islam è il Corano; Egli espresse il suo credo e comprende la sua legge. Improfanables e trascendentale essenza e apparenza si trova alla fede musulmana, contenente la parola di Allah ha rivelato al suo inviato o Messaggero (rasul) Mohammed, che vorrei trasmettere ("in lingua araba chiara", come dice il Corano stesso) persone del suo intorno come messaggio di salvezza. Tali rivelazioni avvenuto del modulo distanziato dall'anno 610 a.d. a 632, morì. Il nome spagnolo deriva direttamente dall'arabo al - quran, parola che significa "recitazione" o, per estensione, "il testo sacro che viene recitato". È un termine correlato alla lingua siriaca in cui, ancora oggi, sono indicate le letture liturgiche del rito maronita con la parola qeryono. Anche detta Alkitab (il libro), hssfshhshs ("liberazione", "Salvezza"), Kitab-ul-lah (libro di Dio) e a el-tanzil (rivelazione).
Maometto predicò i testi ricevuti dalla rivelazione, recitando li e rendendoli a recitare i loro fedeli, che li tenevano in memoria e a volte li ha copiati nella scrittura. Questo supporta di tutti i tipi sono stati utilizzati: Palma foglie, pelli di animali, frammenti di ossa, scapole di cammelli, Ostraca o qualsiasi altro oggetto simile a scriverli. Appartenendo ad una cultura di tradizione orale, non sarebbe difficile per i seguaci della nuova religione di memorizzare testo breve, in rima e ritmica; dubbio non sarebbe stato registrato in memoria con facilità.

Muhammad
La morte di Maometto, i musulmani cominciarono a riunirsi nei manoscritti tutti i testi esistenti di Quranic, causando differenze che sono state alleviate dall'iniziativa del Utman califfo (644-656) lingua ufficiale, costituita come Vulgata, con un caratteristico testo consonantico, che, tuttavia, non ha eliminato la possibilità di diverse "letture" si verificano (qiraat), cui varianti (trascendentale) sono compatibili con la consonante di Uthmān testo e si concretizzano in talune divergenze di punteggio e vocalizzazione. Testo consonantico Uthmān è stato rivisto al momento del califfo omayyade Abd al - Malik (685-705) e ha sottolineato con le vocali e segni grafici ausiliari, possibilmente durante l'ottavo secolo, come Malik, famosa Medina alfaqui (morto nel 795), ammesso solo tali segni sulle copie usate per l'insegnamento.
Il testo coranico è diviso in 114 capitoli o Azzorre (sure), che, a loro volta, sono fatte di versi o versi (ad il-aya). Ogni azora ha un titolo, più o meno suggestivo; il primo è la Fatiha o "apertura", breve preghiera, spesso recitato, con solo sette versetti: "nel nome di Dio, il compassionevole, il misericordioso! La lode spetta a Dio, signore dell'universo, il compassionevole, il misericordioso, padrone del giorno del giudizio. Ti adoriamo, chiediamo aiuto. Ci guidano lungo la retta via, il percorso di coloro a cui darete la vostra grazia, non di chi incorre nella tua rabbia né di coloro che sbagliano". Questa iniziale azora continuare le rimanenti 113, organizzato dalla più alta alla minima lunghezza: così, la seconda azora (intitolato "La mucca") ha 286 versi, alcune grandi, e l'ultimo azora ("uomo") ha solo sei versi brevi.

Il primo azora Quran
Il titolo diretti ciascuno delle Azzorre li è presi o di una delle questioni trattate con ivi o di una parola o una frase che vi figurano. Sotto indica il luogo in cui è stato rivelato, il numero di versi o versi che consiste e, infine, la basmala ("in nome di Dio, Clemente e misericordioso"), formula di invocazione che inizia Azzorre tutti loro, tranne il nove. All'inizio di alcuni Azzorre appaiono che una lettera chiama fawatih ("iniziale") o per la huroof a el-muqatta ("lettere"), che non è noto il significato esatto; Alcuni ricercatori, come ad esempio Loth, considerano che sono abbreviazioni di nomi divini, mentre altri, come Nöldeke, Hirschfeld e Buhlcreen, credere che è la lettera iniziale o finale del nome di quei compagni del profeta, che vita ancora costituito un proprio corpus, che sembra improbabile. Altri, come Zaki Mubarak, dicendo che può essere notazioni musicali. Queste lettere sono state interpretate anche da prospettive che tentano di giustificare e dimostrare il carattere miracoloso del Corano, come è il caso dello studioso musulmano Baydawì.
Per essere collocato i 114 capitoli del Corano secondo la lunghezza di loro, il libro non segue nei loro materiali un ordine tematico che riferimenti su un oggetto o un aspetto sono spesso sparsi tra vari Azzorre e versi e deve ricorrere a tutti loro per calibrare la dottrina coranica riguardo tutto questo. I testi del Corano non sono in ordine cronologico, secondo il corso di tempo della vita del profeta in cui rivelazioni, erano in corso con i loro soggiorni successivi alla Mecca e Medina. Molto presto erano proposte di classificazione cronologica delle Azzorre vari, soprattutto per il bene di distinguere i testi antichi del successivamente, dato che a volte ci sono disaccordi tra i due, e il contenuto di un vecchio passaggio può essere modificato in un altro più tardi rivelato. Ciò ha provocato il processo tecnico di set testi abrogati tramite altri abrogantes successive.
Si Azzorre li o capitoli vengono spesso raggruppate in cinque periodi. Al primo periodo mequi, coprendo quaranta si Azzorre, c'è una chiara presenza di rima e ritmo. In questo periodo la presenza di Dio scaccia l'uomo. Dio non è destinato a dare un codice di azione, ma per ripristinare un culto. Siete invitati ad ammirare le cose create come segni della potenza di Dio e sono che si ricordavano le punizioni che hanno ricevuto altri popoli del passato che non ascoltare tuoi profeti. Il giorno del giudizio appare come l'ultimo argomento. Nel secondo periodo, con 21 si Azzorre, comincia a giurare il Corano invece il sole, Luna, cielo e altri organismi naturali, e la storia degli antichi profeti ebraici è sviluppata. Da questo secondo periodo, anche mequi, cominciano a trovare influenza ebraica che immesso direttamente. Nel terzo periodo, con 21 voi Azzorre, argomentazione è diretto a quella generazione che chiede miracoli a credere, senza sapere per vedere che essi sono ovunque.

Pagine di un Corano del XIII secolo
I testi hanno rivelati del quarto periodo, il più lungo periodo medini, considerato con 24 Azzorre, differiscono notevolmente dai testi dei periodo mequi. Maometto è un uomo di stato che conduce un gruppo di credenti. La sua funzione è ora di insegnamento e non convincente. Lo stile ha perso in leggerezza e diventa diffuso in tutta versi molto lunghi. Infine, Azzorre loro 2, 4 e 5 prova principalmente all'organizzazione della nuova società e gran parte della sua storia. È una parte con un'influenza ebraica.
Sia nel suo contenuto nella sua forma, il Corano, come parola di Dio, è considerato perfetto. Il testo è apprezzato anche esteticamente, che si manifesta nell'arte della sua recitazione, con le sue interpretazioni diverse e melodici, che essi possono strappare all'Auditorium, e nella sua calligrafia, anche stimabili. Come letterario pezzo sublime è diventato per diventare tra i musulmani il dogma della sua inimitabilità. Per i fedeli, lo stile del Corano è miracolosamente bello e impossibile da imitare: qualsiasi traduzione del Corano in un'altra lingua può deformare solo il testo. Dopo una notevole discussione, la maggior parte dei teologi musulmani ha finito per accettare che le traduzioni erano legittime nella misura in cui è permesso avvicinarsi le "idee" del Corano. Tranne in casi molto particolari, la legge vieta l'uso liturgico di un Corano tradotto. Il Corano è così circondato, nelle sue profondità e nella sua forma, un alone di rispetto, di fervore e di straordinaria dedizione, presenti in tutta la vita del musulmano, che cerca di preservarla, concentrandosi sugli ideali e le esperienze e ricorrere alla lettura entrambi tutti i giorni come in occasioni solenni. Il Corano si riunisce e primordiale forma di civilizzazione islamica, come il grande asse della stessa marca.

Il credo islamico

Il Corano definisce le credenze dell'Islam ed esprime il suo quadro normativo essenziale, essendo la base principale del regolamento della vita del credente. La fede islamica è focalizzata sulla fede in Allah, Dio, "Nessun partner", onnipotente, creatore misericordioso, saggio, remunerativi in vita dopo la morte e il giudizio finale con la resurrezione dei morti. Queste credenze sono quelli che sono principalmente contengono e dettagliate in Azzorre loro Mecca, mentre dal periodo di Medina il contenuto tende ad essere più normativi, targeting per la comunità che governa là il profeta.
Il Corano ricorda umani sua piccolezza contro le meraviglie della natura, opera di Dio, cui grandezza e generosità dovrebbe essere riconosciuto e adorato. Il messaggio, in sostanza, è che c'è un solo Dio, creatore di tutte le cose, che è l'unico che deve servire un culto praticando e osservando il comportamento corretto. Sempre misericordioso di Dio, ha portato l'umanità così venere si attraverso i profeti multiple, a cui ha inviato a predicare il suo messaggio e che essi sono stati rifiutati ripetutamente. Il Corano conferma l'esistenza degli Angeli, diavoli e genies (chinn) in parecchi passaggi. Accanto ad essa, il Corano contiene un insieme di precetti e consigli etici e morali, gli avvertimenti circa l'arrivo dell'ultimo giorno e il giudizio finale, storie dei profeti prima di Maometto e sui popoli che sono stati inviati, precetti relativi alla religione e altre questioni sociali, come il matrimonio, il divorzio e l'ereditarietà.

Pagina da un Corano del 1594 (Biblioteca
il monastero di el Escorial)
Generali degli argomenti Corano e molte storie illustrative condividono elementi e contenuti con Cristiano (come la leggenda dei sette dormienti) e scritture ebree, anche se spesso si sviluppano in modo diverso. I dettagli delle storie circa i primi profeti più somigliante alle versioni che si trovano nell'apocrifo ebrei e cristiani rispetto alle versioni che si trovano nella Bibbia sono numerose. Il Corano stesso dice che egli è venuto per confermare il contributo delle Scritture precedenti e menziona la Torah, i Salmi e il Vangelo, nonché facendo riferimento anche ad alcuni "fogli di Abramo". Il monoteismo coranico è nella stessa tradizione che l'ebraismo e immagini e le espressioni che possono essere trovati nel Corano e nella tradizione biblica sono molto numerosi. Infatti, contemporanei di Islam iniziale considerato questo come una setta più che quelli derivati dal tronco biblico.
In generale, il Corano è situato nell'ambito della vita dei beduini, ma anche di mercanti, marinai e pescatori e non manca, nonostante la sobrietà e lo stile conciso del Corano, allusioni alle carovane di inverno ed estate roulotte dalla Mecca verso Aden o la Siria. La reale atmosfera araba può essere identificato in questioni come l'esistenza di esseri misteriosi chiamati geni o esaltazione della solidarietà generosità, il coraggio e la famiglia. Caratteristiche degli arabi sono anche l'alta stima che professano di eloquenza e stile arabo. Riti del pellegrinaggio alla Mecca e i sette giri intorno alla Kaaba come congedo anche tradiscono l'effettivo aspetto arabo, dato le pietre di singolare interesse e il numero sette hanno culti semitici.
Divieti relativi ai territori sacri e gli animali che vivono in loro sono anche aspetti di Semiti che il Corano ha conservato, purificante elementi incompatibili con il monoteismo. Venire anche dalla tradizione araba i mesi sacri, durante il quale le ostilità non potevano così come i più antichi frammenti del Corano in cui passaggi di finito brevi frasi sono sempre nella stessa sillaba, sicuramente una sorta di stile arabo oracoli, la causa che gli avversari di Maometto ad accusarlo di mago o indovino.
Tranne nel caso della guerra Santa, uomini di foglie Corano, come parte della loro vita quotidiana, chiedendo solo che fanno bene ovunque essi siano, che non commettono eccessi, così misurato utilizzando beni che Dio concede loro, e che è in grado di sbarazzarsi del suo egoismo per aiutare i poveri o per la Comunità. Per i musulmani il Corano, mentre la parola di Dio, come ha rivelato al Profeta Muhammad che servono come guida per tutti gli esseri umani, è la fonte fondamentale di tutta la regola della legge. Le norme giuridiche contenute nel Corano sono circa duecento e vengono visualizzate nei vari versetti. Nonostante l'esiguo numero di norme, il lavoro di esegesi e metodologico induzione di quattro teologico-juridicas (hanefi, maliki, cito e hambali) comporterebbe nei secoli VII e VIII il sistema giuridico islamico. Una delle caratteristiche del Corano che si riflette in tutte le regole del sistema giuridico islamico è l'unicità tra religione, la morale e la legge. I precetti religiosi e morali e persino alcune abitudini sociali costituiscono una stessa regola con lo stesso effetto vincolante. È difficile, pertanto, separati uno da altro.

Esegesi del Corano

Il Corano è accettato tra la maggioranza dei musulmani come la parola letterale di Dio, e che è il centro che attorno a cui gravita il mondo islamico; il valore è paragonabile a che concesse agli ebrei di Torah o che la figura di Gesù sia per i cristiani. Ogni buon obblighi religiosi musulmani sono, insieme con la preghiera quotidiana obbligatoria, recitare brani completi dal Corano; Allo stesso modo, la formazione secolare necessaria per imparare a memoria. I musulmani considerano il testo del Corano come una delle principali fonti di cultura islamica, accanto a Hadith (tradizione raccogliendo i comportamenti e le pratiche del profeta) e per gli sciiti, gli insegnamenti dei magneti.
Ci nei passaggi del Corano dall'interpretazione complesse e divergenti, che avverte anche nel suo azora III, versetto 7: "[ala] sta scrivendo che ha rivelato. Alcuni dei suoi versi sono inequivocabili e costituiscono la matrice di scrittura; altri sono dubbi. Il cuore perso seguire lo Spirito sbagliato della discordia e il desiderio di dare la propria interpretazione. Ma nessuno ma Dio sa sua interpretazione". L'importanza dell'impostazione e la corretta comprensione del testo coranico costituito "Scienza di the Qur'an" come un tema chiave della cultura islamica, di sviluppare, tra le altre cose, la disciplina della sua interpretazione, poiché basi lessicali e grammaticale alla dogmatica e legale. Numerosi sono i commenti del Corano, prodotta da tutte le tendenze ortodossa o sunnita (con loro varie scuole), Shi'a e khaarijis; l'esegesi di Sufis prendere proiezioni allegoriche. Queste opere di commento e interpretazione (tafseer) può essere ridotto o comprendere molti volumi, come il al - Tabari, composta di 30 volumi.

Corano del XII secolo trovato a Timbuktu
Anche se alcuni credenti considerano che il Corano riassume tutto il lslam e che questo non può essere utilizzato di fuori di questo testo sacro, la verità è che la complessa realtà del mondo islamico si estende oltre le pagine. Né è possibile affermare, senza falsare la realtà, che il Corano rappresenta il vero Islam senza prendere in considerazione le numerose aggiunte e glosse fatta da parte, giudicato corrotto dai più ortodossi, e che sono contenute tra gli insegnamenti musulmani tradizionali. Non è possibile capire il Corano indipendentemente dal esegetico e tradizione di interpretazione che è stata sviluppata intorno a lui. La tradizione incontra ed aiuta a comprendere la complessa ambiguità del Corano. È questa tradizione, anche, che dà corpo alla credenza che il Corano contiene una serie di rivelazioni fatte a Maometto.
L'interpretazione del Corano (tafseer), campo di ricerca all'interno dell'Islam che perdura ancora oggi sin dal suo inizio già al momento della creazione del testo, in tempo di Uthmān, ha dato vita a numerosi libri e monografie. I diversi approcci che sono stati prodotti nel tentativo di svelare il vero significato del testo ha dato luogo a trattati esegetici di diversa natura e prospettiva. Così, al - Tabari (m. 923) era basato sulla tradizione; Al - Baydawì (morto a 1291) e Nasafi (morto nel 1310) sviluppato un'esegesi linguistica; Al - Razi (d. 1209) elaborato razionalmente gli elementi sopra indicati. Ancora Abu Hayyan (d. 1345) ha anche scritto un monumentale trattato esegetico sul Corano. Al - Tobia (morto nel 1038) analizza in ordine nel suo lavoro sui profeti tutti i versetti del Corano che riguardano l'argomento.
Il lavoro di al - Tabari analizza il Corano versetto per versetto e offre diverse opinioni che gli studiosi del tempo ha dato il vocalization, grammatica, lessicografia, etica e morale interpretazione, come pure i rapporti del testo sacro per la vita di Maometto. I diversi punti di vista sono raccolti senza alcun commento, anche se è frequente che al - Tabari indica quale è il vostro preferito. Questa procedura completa al - Tabari è stata seguita da molti commenti successivi, mentre altri hanno preferito seguire criteri di semplicità e brevità, scegliendo di commentare solo alcuni versi su di loro, o scegliendo un singolo argomento per studio, ad esempio il vocabolario del Corano, oggetto di notevole complessità e difficoltà a causa delle loro implicazioni teologiche, oltre la difficoltà che è di per sé intrinsecamente. In generale, il testo sacro dell'islam è considerato in relazione al contesto della vita del profeta e viene concesso, a partire da questa premessa, portata universale e senza tempo.
Passaggi della vita di Muhammad è capito che sono stati rivelati in relazione a specifici episodi della sua vita o per risolvere problemi specifici che si affacciava. Alcuni ricercatori fuori i musulmani hanno notato la procedura di tipo midrasico in cui taluni aspetti della vita di Muhammad sono stati creati da alcuni passaggi del testo sacro. Secondo questa linea interpretativa, questa procedura consente di risparmiare abbastanza somiglianza al modo in cui la tradizione ebraica fabbricato storie di Midrash da personaggi biblici, mentre il testo è stato composto. Se è così, spiegare che il Corano attraverso riferimenti alla biografia del profeta sarebbe una modalità di ragionamento circolare, considerato una grave minaccia per la validità dell'argomento in termini scientifici.

Corano del XI secolo (British Museum, Londra)
Le interpretazioni del Corano frequentemente riflettono differenze e tendenze diverse che si verificano nel cuore della comunità musulmana. Particolarmente suggestiva è la differenza tra l'interpretazione di Shia di alcuni versi in particolare interpretazione sunnita e perché gli sciiti sono il coranica versi riferimenti allo status speciale di Ali ibn Abu Talib e magneti, mentre i sunniti non trovare tali riferimenti. Secondo Shia, il califfo Utmán soppresso frammenti di Corano che ha fatto riferimento ad Ali e i loro diritti per accadere a Maometto nella sua accusa politica e religiosa, che non sembrano giustificato.
La natura della parola increato di Dio ed eterno, che è attribuita al Corano, alla considerazione dello stesso come qualcosa di creato nel tempo, è stato uno degli argomenti più illuminati della discussione sulle origini dell'islam. Questa discussione incluse questioni di teologia con conseguenze gravi e gravi nell'arena politica riguardante la relativa autorità dei califfi e gli studiosi di religione (ulema). Anche se la considerazione del Corano come qualcosa non creato, sciiti sono contrario. Queste differenze hanno portato a riformisti e fondamentalisti per interpretare il testo in modo partigiano, in modo che si adatti correttamente alla loro (in molte occasioni) punti di vista contradittori. All'interno le correnti interpretative ci sono quelli che vengono a dire che il Corano è coerenza con molte delle idee ha difende dalla scienza moderna e anche garantire che effettivamente predice loro. La natura scura del testo coranico porta, senza dubbio, l'aspetto di questo tipo di interpretazioni divergenti, così diverse e spesso contraddittorie.

Maometto e l'Islam


Islam

I nomi di Islam, l'Islam o musulmano religione è noto che la religione monoteistica fondata da Maometto. Secondo la tradizione, i precetti della religione sono stati trasmessi lui attraverso la mediazione di un angelo, Gabriel, che ha reso successive rivelazioni. Queste rivelazioni sono state raccolte nel Corano, il libro sacro dei musulmani. Le dottrine della diffusione di Muhammad inizialmente tra i nomadi dell'Arabia nel VII secolo, sono oggi, una delle religioni più importanti del mondo e la base della civiltà musulmana. Islam, così come una religione, è anche una legge che regola la vita di un musulmano, sia per quanto riguarda il loro comportamento religioso individuale che a livello sociale o politico.
Il credo islamico è rigoroso: Allah è l'unico Dio, creatore del mondo, onnipotente, egli è dovuta obbedienza e devozione (islam significa sottomissione e musulmani, che quale è sottoposto a Dio). Il vero credente segue i dettami di Allah; gli infedeli egli li attende il giudizio finale e i tormenti dell'inferno ed è promesso ai fedeli un paradiso pieno di piaceri. Per quanto riguarda la credenza in un Dio unico, l'Islam è analoga all'ebraismo e al cristianesimo; Infatti, Maometto è stato ispirato dalla Bibbia e integrato nel suo credo ai profeti dell'Antico Testamento. Considerato un profeta, Maometto, come ricevitore di rivelazioni da Dio attraverso l'Arcangelo Gabriel e Cristo come il più grande tra loro.

Muhammad
Obblighi religiosi del credente (complemento e mai fede sostituto) ci sono cinque: la professione di fede ("non c'è altro Dio che Allah e Maometto è il suo profeta") che viene recitato nei momenti solenni; la rituale preghiera cinque volte al giorno rivolto verso la Mecca, in uno stato di purificazione e con pochi gesti e termini preimpostati; veloce annuale nel mese di Ramadan, cioè di astenersi dal consumo di cibo e bevande e sesso dall'alba al tramonto del sole; elemosina legale o zakat, come purificazione religiosa di ricchezza e di contributo per il sostegno della Comunità; e il pellegrinaggio alla Mecca una volta nella vita. Partecipazione alla guerra Santa, per la difesa e l'espansione della fede, non costituisce un obbligo, ma è un atto piacevole per Allah, che concede il paradiso di chi muore in combattimento, perdonando i suoi difetti e peccati.
Oltre a questi compiti, l'Islam stabilisce altre norme di rango inferiore, che devono essere osservati da buon musulmano: il divieto di mangiare carne di maiale o animali, o bere vino o inebrianti fluidi; la comodità di praticare la carità con le persone svantaggiate; il rispetto per la vita e altre proprietà; il veto sul prestito con RIBA; equità e giustizia nelle transazioni commerciali.
A questo proposito, va sottolineato che il Corano governa non solo gli aspetti religiosi e comportamento etico-morale, ma anche l'organizzazione della vita ordinaria, campo in cui accetta alcune usanze dell'Arabia pre-islamica. Così, ad esempio, consolida la patriarcale concetto di famiglia e il ruolo delle donne è in un più basso livelli per l'essere considerata legalmente come minore, anche se il Corano insiste ripetutamente nel dovere di trattare le donne con rispetto e il diritto al divorzio in caso di maltrattamento delle mogli. La poligamia è consentita senza ulteriore limitazione al numero di mogli (non può superare la cifra di quattro), ma le concubine è illimitato, quindi i mezzi finanziari dell'individuo imposta il numero di donne che possono avere. In ogni caso, non dobbiamo dimenticare che l'Islam è nato in un ambiente particolare (quella dell'Arabia all'inizio del VII secolo) e che la valutazione attuale della stessa deve tenere conto di questa circostanza, sotto pena di commettere un grave errore.

Teologia ed etica

L'Islam rifiuta così clamoroso politeismo e anche la possibilità di un essere umano di partecipare in qualche modo nella divinità: Dio, Allah, è onnipotente e unico. Primordiale atto di misericordia, Allah ha creato il mondo e l'uomo e dotato di ogni essere, la propria natura e le leggi che governano il loro comportamento. Il risultato è un cosmo ordinato e armonioso; che ordine e l'armonia è la prova principale dell'esistenza e dell'unità di Dio. Natura è stata creata al servizio dell'umanità che può sfruttarlo self-serving. Ma l'umanità, a sua volta, esiste per servire Dio: deve costruire un ordine sociale giusto, guidato da principi etici e di adorazione del Dio.
Misericordia di Dio non si manifesta solo nella creazione di una natura al servizio dell'uomo, ma anche nella comunicazione con gli uomini attraverso i profeti. Anche se l'essere umano possiede la conoscenza del bene e del male, avete bisogno di una guida spirituale. Gli insegnamenti di tutti i profeti provengono dalla stessa fonte divina, e quindi varie religioni sono, in sostanza, un singolo, anche se acquistano forme, rituali o istituzioni differenti. I profeti sono meramente umani, ma, nella misura in cui i suoi insegnamenti provengono da Dio, non è possibile rifiutare alcuni e accettare gli altri: ci sarà sempre che rispettare dai suoi insegnamenti. La particolarità di Maometto è l'essere l'ultimo volontà di Dio di messaggero; Pertanto la rivelazione del Corano è l'ultimo e il più perfetto e dovrebbe essere imposti l'ex.
Dio, dopo aver creato cielo e terra, ha creato l'uomo nella persona di Adamo, gli insegnò i nomi di tutti gli esseri e ha chiesto di essere suo Vicario sulla terra. Sin dagli albori della storia dell'umanità, voluta da Dio religione è l'Islam, ma come l'uomo dimenticato lui, Dio ha mandato profeti per ricordarti. Questi profetas-enviados potrebbe avere anche un'altra missione, l'hanno promulgato leggi temporanea che injertara nella religione immutabile. In questo modo, la storia dell'umanità è inteso come le successive spedizioni dei profeti a popoli diversi. Alcuni sono stati inviati per i popoli dell'Arabia e altri, agli ebrei. Il penultimo dei envoys era Gesù, semplice creatura, inviato solo ai figli di Israele. Alla fine, quando era il momento, Mahoma è stato inviato agli Arabi primi e poi a tutta l'umanità. Dopo non sarà inviato alcun profeta; legislazione promulgata nel Corano sarà valido fino al giorno della Resurrezione.
La censura del Corano come difetti maggiori dell'orgoglio umano e incoscienza della sua insignificanza, egoismo e campanilismo. Gli uomini vivono in attesa di terreno, dimenticare il creatore e solo ritorno a lui, quando la natura non riesce. Nella loro miopia, gli uomini credono non ottenere nulla di carità o aiuto ai suoi uomini del collega, ignorando che Dio li ricompenserà con la prosperità. Il Corano incoraggia l'individuo di trascendere e superare tali carenze. Questo svilupperà la sua giustizia, la sua morale "attenzione" o taqiyya (cui traduzione più accurata è "attenzione" o "difesa", il pericolo anche se di solito è tradotto come "timore di Dio") e può esaminare giudiziosamente, non autoinganni, il valore morale delle loro azioni. L'obiettivo finale del comportamento umano dovrebbe essere il bene dell'umanità e non i piaceri e le ambizioni egoiste.

Rappresentazione del giudizio universale
Il mondo finirà il giorno del giudizio: l'umanità si raccoglieranno e individui saranno giudicati dalle loro azioni. Gli "eletti" andrà al giardino (il paradiso) e i "perdenti" saranno andare all'inferno, anche se Dio è misericordioso e perdona chi è meritevole di esso. Il Corano riconosce anche un altro tipo di Provvidenza divina, che colpisce la storia di popoli e nazioni. Come persone, essi possono essere danneggiati da ricchezza o l'orgoglio, e se essi sono riformati non saranno puniti con la distruzione o la loro soggezione a nazioni più virtuose.

I precetti dell'Islam

L'importanza di cinque obblighi religiosi del credente sopra si riflette nel nome del quale sono noti: "i cinque pilastri dell'islam". Il primo è la professione di fede (shahada): "non c'è altro Dio che Allah e Maometto è il suo profeta". Deve essere reso pubblico da ogni musulmano almeno una volta nella tua vita "verbalmente e con totale convergenza di cuore", ed è il reddito dell'individuo nella Comunità.
Il secondo, il salat, è l'obbligo di eseguire cinque preghiere al giorno: prima dell'alba, a mezzogiorno, tra tre e cinque del pomeriggio, dopo il tramonto e prima di mezzanotte. In questi momenti della giornata, il canto del muezzin (di el-Mu ' addin, "il chiamante alla preghiera") effettua una chiamata pubblica da un minareto della moschea. Prima della preghiera, il devoto dovrebbe fare le abluzioni pertinenti. Preghiera, effettuato verso la Kaaba, inizio in piedi; poi fare una genuflessione al quale sono due prostrazioni; Infine, i fedeli si siedono. In ogni posizione, certe frasi e frammenti del Corano vengono recitati. Come il giorno sacro dell'Islam, venerdì tenuto preghiere speciali di carattere comunitario, preceduto dal sermone del magnete.

Musulmani che pregano nella grande
Moschea di Srinagar (India)
Il terzo precetto fondamentale è di dare zakat o elemosina. La zakat era originariamente una tassa ha richiesto da Muhammad (e più tardi da Stati musulmani) ai membri più abbienti della Comunità, soprattutto per aiutare i poveri, anche se è stato usato anche per altre necessità umanitarie o per finanziare la Jihad o Guerra Santa. Solo se ha consegnato la zakat sono considerati legittimi e purificato le proprietà o le ricchezze del credente. Oggi, anche se il pagamento è ancora un obbligo, è diventato un volontario elemosina su cui i governi non intervengono.
Il quarto pilastro è digiuno o saum che ogni musulmano deve eseguire durante il mese di Ramadan: deve astenersi dal mangiare, bere, fumare e rapporti sessuali dall'alba al tramonto e di evitare ogni pensiero o atto peccaminoso. Chi può permetterselo, inoltre, dovrebbe mangiare almeno un povero. Infine, il hach o pellegrinaggio alla Kaaba, alla Mecca, è anche un obbligo per ogni musulmano adulto che possiede beni sufficienti e non è fisicamente inabili. Esso deve essere fatto durante i primi dieci giorni dell'ultimo mese dell'anno lunare e richiede che i fedeli sono in uno stato di purezza assoluta. I pellegrini devono dare sette giri al Kaaba e correre sette volte di luce che passa tra i due tumuli accanto al Santuario. Quindi conformi al cosiddetto "Hajj". Il "pellegrinaggio minore" comprende la visita ai vari riti, e successiva siti di Mina e Arafat come lapidazione con sette pietre di tre punti che evocano le tre volte che Abramo fu tentato dal diavolo.

Società e diritto islamico

Per l'Islam, tutti i ceti (spirituali, sociali e politici) costituiscono un'unità indivisibile che deve essere regolata da valori islamici. Così, il concetto di società dell'Islam è essenzialmente teocratico; società e tutto ciò che è umano deve essere organizzati in conformità con la volontà di Dio. Questo ideale anche ispirato concetti di legge islamica e lo stato islamico e spiega l'enfasi aguzzo dell'Islam su obblighi sociali. I doveri religiosi fondamentali sanciti i cinque pilastri hanno già in sé chiare implicazioni per la vita della Comunità. Ma anche la sharia o legge islamica imposta linee guida morale della Comunità. Nella società islamica, la legge copre un settore più ampio rispetto della cultura dell'Occidente, dal momento che include gli imperativi morali e legali. Pertanto non tutte le legge islamica può essere formulata come una norma giuridica o inflitte dai giudici; Esso dipende in gran parte dalla consapevolezza.
Legge islamica si basa su quattro fonti. Il primo di questi è, naturalmente, il Corano, che continua, come una seconda fonte documentaria, la tradizione rappresentata dalla Sunna e gli Hadith. La terza fonte è ijtihad (responsabile della "opinione individuale") e con il suoi problematici questioni non affrontate nel Corano o Hadith, anche se l'avvocato si basa su tali fonti di, per mezzo di un ragionamento analogico (qiyas), raggiungere una conclusione sono depositati. Tali argomenti sono stati già utilizzati da teologi islamici e giuristi in paesi conquistati, dovuto fare i conti con la necessità di armonizzare le leggi e le abitudini locali con il credo islamico. La quarta fonte è il consenso della Comunità (ijma), che gradualmente escludere determinate opinioni e accettare gli altri. Poiché l'Islam manca un'autorità dogmatica ufficiale, è un processo che richiede molto tempo.

Lo stato islamico

L'Islam ha dato modo di un'istituzione politica, lo stato islamico, in cui le basi sono state definite in un documento dall'anno 622, il primo anno dell'era islamica o Egira: "Costituzione di Medina". In esso, il profeta regolamentato le attività della loro comunità, la umma inizialmente ridotto e quella diffusione in meno di un secolo da l'India verso l'Atlantico. Nel loro ambiente tribale, Mahoma implementato una legge suprema e vero come più adatti per tutti gli uomini.
Il Corano contiene una netta ideologia politica, per il riconoscimento obbligatorio di un principio di autorità e la distinzione tra giustizia e l'errore. Allah, l'Onnipotente e single, ha luogotenenti del suo potere nel mondo, nominato esplicitamente nel testo coranico, anche se non è raggiungibile per sottolineare il modo come deve governare la comunità musulmana in seguito alla scomparsa del profeta, aspetto che ha dovuto essere completato da un ulteriore elaborazione giuridico-religiosa. Hadith ha sviluppato anche la dottrina della necessità di riconoscere un sovrano, califfo o Imam della comunità musulmana, raccolta di detti del profeta come "Chi obbedisce me, obbedisce a Dio; Chi disobbedisce me, disobbedisce a Dio. Chi obbedisce suo capo, me mi è dovuta e che disobbedisce lui, disobbedisce me me. "
L'ordine politico islamico stabilisce l'esistenza di una comunità di fedeli Uniti con il loro rettore, in armonia, qualcosa che è accaduto per un breve periodo come ideale. Muhammad era sia "profeta e statista," come il titolo di un famoso libro dello studioso britannico William Montgomery Watt; in Mahoma profezia è stata completata, e dopo la sua morte durante l'anno 632, suoi successori improvvisato una monarchia elettiva, che cadde in quattro dei loro parenti, i "califfi ortodossi", finché nel 661 il dynasty di Umayyad ha preso il potere, che è stata sequestrata dalla dinastia degli Abbasidi nel 750.
Presto ha rotto l'unità dello stato islamico, a causa di conflitti che ha scoppiato sopra la questione di chi dovrebbe condurlo: sciiti accettano solo per diretti discendenti di Maometto a svolgere quel ruolo; il khaarijis non richiedono come condizione per esso un particolare lignaggio, ma determinate qualità personali del candidato, e per il "Ortodosso" o sunnita sovranità Islam potrebbe esercitare solo appartenenti alla tribù dei Quraish, quella del profeta. Parecchi conflitti pratici ha rotto l'unità iniziale della comunità islamica, e coesisteva anche nel x secolo, come se si trattasse di uno scisma, tre caliphates contemporaneamente: Abbasidi di Baghdad, i Fatimidi della Tunisia (che poi si trasferì al Cairo) e Omayyadi di Cordova.

L'espansione dell'Islam

La rapida espansione dell'Islam è stato a causa della situazione di debolezza interna in cui si trovavano il bizantino e sasanide, Empires stremata dalla loro scontri in corso; d'altra parte, nessuno di loro ha dato molta importanza per le spedizioni di arabi, e quando hanno voluto reagire era troppo tardivo. Devono anche prendere in considerazione gli invasori di superiorità militare, hanno goduto di grande mobilità grazie ad un armamento leggero composto da spade, archi e lance, mentre i loro nemici erano paralizzati di attrezzature pesanti. Inoltre, la sua padronanza delle antiche rotte ha permesso loro di inserire campi in posizioni strategiche. Ai relativi successi ha contribuito anche la capacità direttiva di alcuni califfi che erano brillanti capi militari come pure i sentimenti religiosi del popolo arabo (che ha facilitato il trionfo sopra gli avversari che erano deboli e disuniti) e relativa tolleranza verso le popolazioni conquistate.
Fintanto che questo apostolo di Dio, Mahoma non aveva previsto la loro successione. Era convinto che era il collegamento tra Dio e l'uomo e pensato che tale vettore reale della sua autorità non era, in effetti, se stesso, ma la comunità come una legge divina e tutta che la guida. Questa imprecisione ha portato i primi problemi nel cuore della umma dopo la morte del profeta sulla 632.
La scomparsa di Mohammed era sul punto di distruggere l'edificio politico e sociale, che aveva cominciato a costruire. Le ore che seguirono la sua morte sono stati i più critici della storia dell'Islam, a causa della rivalità tra i membri della sua famiglia e l'aristocrazia quraishi al momento di decidere chi dovrebbe sostituire lui come capo della umma. Era il gruppo più intimo dei suoi discepoli che ha risolto la situazione, scegliendo di capita di Abu Bakr, padre e amico del profeta, che ricevette il titolo di califfo (Khalifa rasul Allah), cioè "successore dell'inviato di Dio". In questo modo, così vago nelle sue funzioni e così vaga nei suoi termini di riferimento e in forma di elezione o designazione, è nato l'istituzione del califfato.

Mohammed e i quattro califfi ortodossi
Abu Bakr (632-634) è stato riconosciuto come il nuovo capo della Comunità, con l'eccezione di alcune tribù di beduini che ha iniziato un movimento di secessione o "apostasia" (ridda). Insieme a Umar (634-644), Uthmān (644-656) e Ali (656-661), forma il gruppo dei cosiddetti califfi ortodossi (rasidun), compagni di Maometto e che avevano conosciuto personalmente al profeta. Sotto il suo governo si è verificato la prima espansione dell'Islam, soprattutto durante il Califfato di Umar, che aveva un'eccezionale capacità militari ed organizzative.

Il califfato ortodosso

Dopo la morte di Maometto, l'obiettivo principale era raggiungere l'unità in Arabia, presentando le tribù ribelli e affermare, pertanto la supremazia dell'Islam, cosa in meno di un anno avrebbe incontrato Abu Bakr per superare la resistenza locale e imporre il predominio dell'Islam in Arabia quasi tutti, consente di avviare l'espansione di Siria, Palestina Mesopotamia, Persia e l'Egitto.
Seguendo il percorso usato dagli arabi nei loro movimenti verso terre più ricche in un altro tempo, i musulmani sono venuto ai confini della Palestina, dove la sua vittoria sui Bizantini in Aynadayn (634) ha permesso loro di conquistare tutta la Siria presto (nel 635 ha preso Damasco). Un nuovo trionfo a Yarmuk (636) ha facilitato l'occupazione di Gerusalemme (638), che è stato considerato poiché la seconda città Santa dell'Islam, dopo la Mecca. La debolezza dell'Impero bizantino e l'esistenza in Palestina e in Siria da gruppi di arabi che hanno fornito assistenza ai musulmani hanno favorito queste conquiste.
Gli eserciti arabi penetrarono in alta Mesopotamia e più tardi ha raggiunto Armenia, permettendo loro principi locali mantenere certa autonomia in cambio del pagamento delle imposte. Da lì essi effettuati parecchi sorties fino a quando l'attuale Ankara, senza successo, per il momento, stabilirsi in quella zona. All'inizio del VIII secolo, l'avanzata araba fermato nelle montagne Taurus.

Espansione dell'Islam sotto il califfato ortodosso
Le prime spedizioni contro l'impero sassanide li portarono fuori tribù arabe in bassa Mesopotamia, a sostegno di cui hanno partecipato più tardi dagli eserciti arabi. Durante l'anno 633 sequestrati Hira, l'antica capitale della lakmies e, dopo la decisiva battaglia di Qadisiyah (637), occupato Ctesifonte, la capitale sasanide. Nella loro avanzata di Mesopotamia chiamato Iraq da allora, i musulmani non erano limitati alla città esistente, ma hanno anche fondato basi militari (amsaar) quali Bassora e Kufa, a sud di antica Babilonia, dove egli intraprese la conquista dell'ovest e il centro di Persia.
Più veloce è stata la conquista dell'Egitto, come la popolazione, per lo più copta, era soggetta a pesanti estorsioni dai governanti bizantini guidati dal Patriarca di Alessandria, quale imperatore Heraclio (610-641) affidai la resistenza contro i musulmani. Lì, come è accaduto in Siria, l'arrivo di questi è stato ricevuto con piacere. Inoltre, l'esercito bizantino non ha potuto partecipare frenare l'avanzata dell'esercito musulmano guidato da Amr ibn al - As, che presto ha preso le più importanti città e fondò il campo fortificato di Fustat (641), origine della vecchia Cairo. Questo è stato consolidato in dominazione araba di Egitto e concluse la prima fase dell'espansione musulmana.

L'organizzazione del califfato

Non deve essere stato organizzazione compito facile dell'impero musulmano appena creato, perché non non c'era nessun regolamento su come dovrebbero essere trattati vinti popoli, così esso ha fatto ricorso all'esempio dato da Maometto nel Corano. I musulmani interessati mantenere il suo posto alla popolazione che ha dominato, poiché ha rappresentato un'importante fonte di reddito, perché le tasse erano preziosi contributi alla vita economica della Comunità.
La distribuzione delle terre conquistate non è stata eseguita in modo uniforme, perché è stato considerato il modo in cui si è verificato responsabilità. In Siria e in Egitto è stata rispettata la situazione e proprietari consentiti tenere loro terre in cambio del pagamento della terra fiscale (kharaj), dato che la resa era il risultato di un accordo. Non la stessa cosa in Iraq, dove le terre furono confiscate per la maggior parte dal momento che la resistenza era molto forte, e la capitolazione, incondizionata. In maniera simile era nelle terre dell'Impero bizantino che aveva appartenuto allo stato o ai proprietari che erano fuggiti, che fu confiscato e divenne parte del patrimonio dello stato musulmano.
Ha corrisposto al califfo ʿ Umar procedere all'organizzazione delle terre conquistate e la riforma efficace dell'amministrazione dell'Impero. In un primo momento, il bottino di guerra è distribuito secondo il Corano, in modo che un quinto era destinato ad Allah, il suo profeta o i successori dello stesso, e il resto è stato distribuito tra i combattenti. Ma ben presto ha visto la necessità di regolamentare un sistema amministrativo completo che si accumulano tutte le entrate del tesoro e, di conseguenza, redigere l'elenco dei combattenti e stabilire i pagamenti corrispondenti e gli stipendi fissi.
I califfi assicurata ordine nei territori recentemente conquistati e quindi considerati di interesse incoraggiano l'emigrazione dei musulmani fuori d'Arabia, concessione di terre a questo scopo, che ha creato un gruppo di nuovi proprietari che, logicamente, avrebbe loro fedeli. Basi militari sul bordo del deserto, che serve, a sua volta, di centri commerciali sono stati creati allo stesso tempo. In questo modo che stava procedendo sulla distribuzione e occupazione dei vinti terre. L'espansione dell'impero musulmano ha reso necessario creare accuse specifiche trattando direttamente con il governo delle province differenti; Tuttavia, in alcuni luoghi, come in Egitto, l'amministrazione bizantina è stato rispettato e i funzionari hanno continuato nei loro posti.
Così, i principi fissati da Maometto e le istituzioni e tradizioni dei popoli dominati, è stava organizzando lo stato musulmano, specialmente durante il Regno di Umar. Dotato di un'eccezionale saggezza politica, una volontà tenace ed una vigorosa energia, riguarda, soprattutto, per servire gli interessi dell'Islam, questo califfo era il vero organizzatore dello stato musulmano: ha promosso la conquista, creato nuove città, fatto donazioni territoriali, ha lanciato l'amministrazione, organizzato l'esercito, la più forte autorità centrale e promosso numerose iniziative attraverso cui l'Islam ha cominciato a trasformarsi in una società governata dall'ordine e la gerarchia.
Tuttavia, la morte ha cominciato a mostrare i primi segni di divisione all'interno della comunità musulmana. Il suo successore, Uthmān, appartenenti al clan degli Omayyadi (membri della tribù di Quraish e l'aristocrazia della Mecca), preoccupato più di incoraggiare i membri della sua famiglia a servire il bene dei musulmani, che ha provocato molte sommosse. A questo si aggiunge il malcontento da parte della popolazione sono state frenate conquiste e Impossibile ottenere il ricco bottino del passato, maggiore disagio perché, quando Uthmān giunse al potere, Arabia che stava subendo una grave crisi finanziaria e aveva difficoltà economiche significative.
Ci sono, tuttavia, notato che durante il suo governo ha continuato l'avanzata in Africa del Nord, è conquistato il Jurasan e sono stati importanti spedizioni marittime, che ha permesso la conquista di Cipro (649) e altre isole del Mediterraneo orientale, che ha messo fine all'egemonia bizantina in quella zona. Suo assassinio, nel 656, ha creato un enorme turbamento tra gli Omayyadi, che ha cercato di vendicare la sua morte, iniziando un periodo di discordia che ha finito per dividere la comunità musulmana.

La fine del califfato ortodosso

Durante la confusione che seguì la morte di Uthmān, la popolazione di Medina nominato Califfo Ali, cugino e genero del profeta (aveva sposato sua figlia Fatima), di dubbia qualità di statista. Non non c'era nessun accordo sulla scelta, e il mequies ha mostrato loro insoddisfazione di questa indicazione, perché volevano che egli è stato eletto un membro della famiglia degli Omayyadi.
Ali deve affrontare l'opposizione dei seguaci del califfo tardo, raggruppati intorno il Muawiya Umayyad, governatore della Siria e cugino di Uthmān, come seguaci di Aisha, vedova di Maometto, che non poteva accettare che Ali (che già aveva affrontato in altre occasioni) avrebbe beneficiato di un crimine. Il primo scontro armato avvenuto nelle vicinanze di Kufa in 656 ed è conosciuto come la "battaglia del cammello", animale che Aisha era a cavallo e intorno al quale fu combattuta; Questo incontro segna l'inizio degli scontri tra i membri della comunità musulmana. Il trionfo di Ali accrebbe il suo potere, ma solo in Iraq, dal né Amr ibn al - come in Egitto e Muawiya in Siria sua autorità riconosciuta.
Nel 657 si è verificato un nuovo scontro tra musulmani in Siffin pianura, sulle rive dell'Eufrate, dove si è verificato uno degli eventi più famosi nella storia dell'Islam: quando Muawiya stava per essere sconfitto, Amr, suo alleato, ha avuto l'idea di collocare i fogli del Corano sulla punta della Spears, come simbolo di appello la sentenza di Allah; Questo evitato la sconfitta, perché tutti hanno deposto le armi. Alcuni seguaci di Ali hanno mostrato la loro disapprovazione da questo atteggiamento e volevano tornare a combattere, ma il rifiuto del califfo di riprendere il combattimento lo ha lasciato e si è ritirato. Storia musulmana ha dato a questo gruppo il nome di khaarijis, "coloro che lasciano"; Ali ha combattuto e morì assassinato da uno di loro nel 661.
Il Califfato di Ali fu un completo fallimento, come hanno perso l'unità del mondo musulmano, che, alla sua morte, è stato diviso in tre gruppi: khaarijis, sciiti e sunniti, che in disaccordo per quanto riguarda la legittimità dell'alimentazione elettrica. Il khaarijis mantenuto che qualsiasi Pio musulmano poteva accedere il califfato. La Shi ' a (membri del "partito di Ali", xi'at Ali) considerato illegittimo Muawiya entrambi i califfi precedenti, perché hanno sostenuto che la successione al califfato era legittimo da linea inbred; Essi sono stati raggruppati intorno la moglie di Ali, Fatima e ai suoi figli, Hasan e Husayn. I sunniti accettano l'autorità di Muawiya e considerato che il Califfato non è stata trasmessa dalla linea di sangue diretta, ma che dovrebbero essere intitolati membri della tribù del profeta.
Con la morte di Ali si è concluso il regime teocratico che aveva basato il Corano e, come un modello, il comportamento del profeta. Da allora, era necessario utilizzare esegeti saggi o tradizionalisti PII per chiarire o colmare le lacune nei requisiti del Corano o la Sunnah (detti e fatti attribuiti al set di Muhammad). Propria espansione dell'Impero, l'evoluzione della società o lo sviluppo dell'economia avrebbe costretto i califfi successivi per adattare le strutture dello stato ai problemi del momento.

Il califfato omayyade

Mentre Hasan, figlio di Ali, è stato riconosciuto come successore di suo padre, rinunciarono ai loro diritti in favore di Muawiya (661-680). Ciò significava l'istituzione della dinastia degli Omayyadi a capo della comunità musulmana, cui destinazioni stava per andare per un periodo di quasi un secolo e il trionfo dell'aristocrazia sui compagni di Muhammad quraishi. Il primo obiettivo di Muawiya i fondamenti di una dinastia radicata in Siria, dove egli stesso era stato stabilito dai momenti primi della conquista, e tenta di consolidare e rafforzare l'autorità califfale in un tempo che era latente guerra civile e cominciò a manifestarsi con movimenti separatisti.
Muawiya stampato un nuovo orientamento al califfato, dando priorità assoluta alla centralizzazione governativa, con l'obiettivo che spostando il califfo tutto il potere. Ha promosso le abitudini pre-islamiche per circondarsi di un organo consultivo o sura dei nobili, coinvolgendo anche le delegazioni da tribù arabe che ha approvato le decisioni del califfo. Ha introdotto, al contempo, il principio di superiorità autocratico del califfo, contro il teocratico stato lasciato in eredità da Maometto e mantenuto dai primi due califfi e ha assicurato la procedura dinastica, che impone di trasmissione ereditaria, per designare il successore nella vita di suo figlio, come avevano i Bizantini, ratificati dalla decisione della sura. Attraverso questa consultazione, la comunità musulmana riconobbe l'autorità della persona scelta e si è impegnata ad obbedire ad essa.
L'organizzazione del governo centrale e l'amministrazione delle province è stato ispirato da modelli della vecchia amministrazione bizantina, che conosceva bene per il tempo che egli era governatore della Siria e spostò la capitale della nuova dinastia a Damasco, lasciando Medina e Mecca come centri politici, che ha causato un profondo disagio tra alcuni gruppi di musulmani.
Grazie alla sua abilità e il suo prestigio personale, Muawiya era in grado di superare le difficoltà e i problemi interni e mantenere la pace nel vasto impero che ha governato. Durante il suo mandato e quello dei suoi successori, Abd al - Malik (685-705) e Al - Walid (705-715) continuò l'avanzata musulmana in tre direzioni: Costantinopoli e Asia minore, Nord Africa e la penisola iberica e Asia centrale.
Le guerre di conquista contro i bizantini continuarono in Asia minore, ma in questa zona gli eserciti arabi trovarono un ostacolo insormontabile: i monti del Tauro, da cui i territori situati intorno a loro sono stati oggetto di contestazione permanente tra musulmani e bizantini. D'altra parte, gli Arabi assediarono Costantinopoli diverse volte, sia via terra e via mare (668-669, 674-680, 716-718), ma la capitale bizantina dura resistenza loro attacchi.
Dopo la conquista dell'Egitto, gli arabi hanno continuato la loro offensiva in Nord Africa. Sue realizzazioni comprendono la Fondazione, nel 670, un accampamento al - Qayrawan (Kairouan), che ha protetto l'itinerario in Egitto e servì come base per confrontarsi con le tribù berbere dell'ovest dell'Ifriqiya (Tunisia); assunzione di Cartagine (698); la sottomissione delle tribù del centro e ad ovest del Maghreb e la conquista della penisola Iberica (711-715).

Il califfato omayyade
In Oriente, gli eserciti musulmani hanno preso Afghanistan (698-700) e la Transoxiana (da 650), mettendo avanti per islamizzare i territori conquistati. Tale era il caso di Bukhara e Samarcanda (conquistata nel 709 e 712, rispettivamente), che si è trasformato in due grandi centri musulmani dell'Asia centrale. Poco dopo essi invasero Turkestan cinese e penetrato in India, nel 711.
Durante gli anni novanta della regola della dinastia degli Omayyadi, l'impero musulmano ha raggiunto i limiti estremi della sua espansione: si estendeva da l'India alla penisola iberica. Ma nonostante i loro sforzi, le numerose rivolte che si sono verificati all'interno indebolito gli Omayyadi in modo tale che non erano in grado di fermare l'abbaside Spinta. L'anno 750 segnò la fine di Umayyad in dynasty di Oriente, perché solo uno dei suoi membri, il principe Abd al - Rahman, fuggito dalla macellazione degli Abbasidi; Fu lui che, nel 756, fondò la dinastia omayyade al - Andalus.

Il califfato degli Abbasidi

Con l'arrivo dell'Islam Abbasidi (discendenti di al - Abbas, zio del profeta) subì una nuova trasformazione. In primo luogo, la guerra civile tra due dinastie compromesso per un breve lasso di tempo l'unità dell'Impero. In secondo luogo, il confronto ha mostrato il declino di un tipo di governo che era stato in grado di fermare i movimenti negativi (khaarijis, Shia). In terzo luogo, è stato necessario adottare misure che calmare disordini sociali ed economici che ha prevalso tra le muwallad, la popolazione non-arabi convertita all'Islam.
Questa nuova dinastia araba diretto i destini dell'impero musulmano da 750 al 1258, anno in cui i mongoli hanno preso la città di Baghdad; ma, effettivamente, l'impero degli Abbasidi durò solo fino alla fine del IX secolo, quando cominciarono a distruggere i loro domini. Uno dei primi cambiamenti che hanno avuto luogo è stato il trasferimento della sede del governo in Iraq, dove i 762 il califfo Al - Mansur (754-775) fondato Baghdad, la nuova capitale. Questo era destinato a stabilire il suo potere in una zona turbolenta e soddisfare gli iracheni e iraniani, lasciati dagli Omayyadi. Tuttavia, la rimozione della capitale per l'occidente musulmano vorrei incoraggiare i movimenti di indipendenza in quest'ultima area.
Il abasies califfi ha mostrato una molto diversa per l'atteggiamento di Umayyad. Questi erano i capi delle tribù e comunità e re arabi, cui potere riposato nell'esercito. Gli storici di epoca abbaside più tardi per gli Omayyadi hanno rotto l'organizzazione proposta dai califfi rasidun invece stabilire un regno secolare. Da parte sua, gli Abbasidi hanno dato la preferenza al suo prestigio religioso: il califfo era il magnete, capo spirituale e temporale, un sovrano assoluto, il cui potere è stato regolato nella legge islamica; ancor più, era "rappresentante di Dio" sulla terra e non solo il successore del profeta. Questa idea così grande li e li hanno tolto loro sudditi, con coloro che raramente avuto contatto, perché hanno vissuto normalmente tenuto in lussuosi palazzi. Suo potere si riflette anche nella sfera temporale, dove ha mostrato tutte le autorità. Molto pochi sono stati i califfi che governò personalmente, dato che, a somiglianza dell'amministrazione persiana, utilizzato per delegare gli affari di stato in un Visir, il cui potere era grande. Questo ufficio è diventato ereditarie, così vere dinastie dei vizir, è emerso come la famiglia iraniana della Barmakies.

Il califfato degli Abbasidi
I principi amministrativi non sono stati cambiati in modo speciale. Gli uffici dell'amministrazione (diwan), molto sofisticato, costituivano veri ministeri. La forma di governo, è stato trasformato, tuttavia, perché è stato lasciato sensazione l'influenza del personale assunto tra l'iraniano muwallad , poiché gli Arabi, anche se non sono stati esclusi dal potere, non occupati i più importanti processi di amministrazione. D'altra parte, l'esercito aveva perso la sua funzione di conquista, e a quel tempo dovrebbe garantire di mantenere e applicare la legge all'interno dell'Impero; i suoi membri in primo luogo sono stati reclutati tra i jurasanies e, sin dal IX secolo, tra i turchi.

La disgregazione del califfato abbaside

Tra il abasies califfi che meritano una menzione speciale Harum Al - Rashid (786-809) e Al - Mulas (813-833). Con al - Rashid il Califfato visse uno dei suoi momenti di maggior splendore; Questo personaggio era noto in Occidente per le relazioni con l'imperatrice bizantina Irene e con Carlo Magno. Tuttavia, è stato colui che ha iniziato il crollo del Califfato, concessione di Ibrahim ibn Aglab, governatore dell'Ifriqiya, un'autonomia nei pressi di indipendenza.
Nel frattempo, al - Andalus era stato un emirato indipendente di Umayyad, e diversi enti locali avevano presentato in Marocco: la dinastia di rustemies di Tahert (776-911, fondata dal Kharijite Ibn Rustum) e quello di Idrisside (788-974, fondata dal Shi'a Idris I). Tuttavia, all'inizio del IX secolo, l'impero di Abbasid era la più grande potenza economica e politica del tempo. Durante il governo di al - Monti, la civiltà di Abbasid raggiunse il suo apice: Baghdad divenne un centro culturale, dove sorsero le norme sociali e culturali di altri paesi musulmani.
Durante la seconda metà del IX secolo iniziò il declino dell'Impero abbaside, in gran parte motivato dalla crisi economica e la proliferazione dei movimenti secessionisti. Nella sua espansione, l'Islam aveva ciuffi un insieme di popoli e razze molto diverse tra loro; tali differenze scaricato in pochi secoli i legami che li legarono l'unico governo, finché non vengono ammessi, della comunità musulmana. Molti sono stati i motivi che hanno spinto i movimenti secessionisti: la lontananza della metropoli, l'isolamento di determinate aree, l'idea della gara e, in particolare, il desiderio di arricchimento attraverso armi. In questo modo, metà del x secolo c'erano già tre califfi nel mondo musulmano: Alfano a Baghdad e l'omayyade Cordoba e il Cairo fatimide.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…