Biografia di Miguel de Cervantes | Sua vita e successi.

Miguel de Cervantes

L'intensa esistenza dell'autore del Don Chisciotte, grande creazione che ha rivoluzionato la letteratura e ha dato origine al romanzo moderno.
A differenza del suo contemporaneo Lope de Vega, che conosceva sin da giovane il successo come drammaturgo, poeta e seducente, la vita di Cervantes era una serie ininterrotta di piccoli domestici e fallimenti professionali, in cui non ha fatto perdere in cattività, o la prigionia ingiusta o un insulto al pubblico. Non solo non ha reddito, ma ti costa per innestare i favori dei patroni o protettori; a questo si aggiunge una particolare sfortuna che lo inseguì per tutta la vita. Solo alla fine, dopo il successo delle due parti di Don Chisciotte, ha incontrato qualche rassicurazione e poteva godere il riconoscimento per il suo lavoro, ma sempre gravato da difficoltà economiche.
Sesto dei sette figli del matrimonio di Rodrigo de Cervantes Saavedra e Leonor de Cortinas, Miguel de Cervantes Saavedra nasce a Alcalá (sedile dinamico della seconda università spagnolo, fondato nel 1508 dal cardinale Francisco Jiménez de Cisneros) tra il 29 settembre (giorno di San Michele) e il 9 ottobre 1547, data in cui fu battezzato nella parrocchia di Santa María la Mayor. La famiglia di suo padre conobbe prosperità, ma suo nonno John, laureato in giurisprudenza da Salamanca e giudice della Santa Inquisizione, lasciato a casa e ha cominciato una vita irregolare e dissipata, lasciando la moglie e il resto dei loro bambini in povertà, così il padre di Cervantes è stato costretto a esercitare il suo mestiere di barbiere-chirurgo che è diventato l'infanzia in un instancabile pellegrinaggio di castigliano città più popolose. Da parte di madre, Cervantes aveva un nonno giudicare che divenne proprietario terriero effimera in Castiglia. Questi pochi dati sulle professioni degli antenati di Cervantes erano la base della teoria di Américo Castro sull'origine di converso (ebrei costretti a diventare cristiani dopo 1495) di entrambi i genitori dello scrittore.
Il destino di Miguel sembra prefigurare in parte il suo padre che, assediato dai debiti, Alcalá sinistro per la ricerca di nuovi orizzonti nella comunità prospera, ma ha subito sette mesi in prigione per non retribuito nel 1552 e si stabilì a Cordoba nel 1553; due anni più tardi, in quella città, Miguel si unì il nuovo Collegio dei gesuiti. Nonostante non fosse una persona di grande cultura, Rodrigo era preoccupato per l'educazione dei loro figli; lo scrittore era un lettore di precocisimo e le due sorelle sapevano cosa leggere, molto insolito in quel momento, anche nelle classi superiori. Inoltre, la situazione della famiglia era precaria. Nel 1556 Leonor venduto solo servo che aveva lasciato e ci hanno lasciato per Siviglia, al fine di migliorare economicamente, perché questa città era porta di Spagna per le ricchezze delle Indie e la terza città in Europa, dopo Parigi e Napoli, nella seconda metà del XVI secolo.

Presunto ritratto di Miguel de Cervantes
Diciassette Miguel era un adolescente timido, muto, che hanno frequentato la classe al Collegio dei gesuiti e distratto come un normale spettatore delle rappresentazioni del popolare Lope de Rueda, come ti saresti ricordato più tardi, nel 1615, nella prefazione all'edizione delle sue proprie commedie: «ricordo di aver visto rappresentano il grande Lope de Rueda, illustre rappresentazione maschile e comprensione».
Nel 1551 il fino ad allora piccola e tranquilla villa a Madrid era stata convertita in capitale da Felipe II, così negli anni successivi la città quintuplicaría le dimensioni e la popolazione e ha portato, ancora una volta, per il bene di prosper, il Cervantes si trasferì nel 1566 per la nuova capitale. Non è noto con certezza che Cervantes avrebbe frequentato l'Università, mentre le sue opere hanno mostrato familiarità con le abitudini dell'allievo; d'altra parte, il suo nome appare nel 1568, firma quattro composizioni in un'antologia di poesie in loa di Isabella di Valois, terza moglie di Filippo II, che morì quello stesso anno. L'editor del libro, Juan López de Hoyos, umanista, probabile introduttore di Cervantes per la lettura di Virgilio, Orazio, Seneca, Catullo e, soprattutto, all'umanista Erasmo de Rotterdam, si riferisce a lui come «il nostro caro e amato studente». Altri avventurarsi, tuttavia, che nel cerchio o scuola del Hoyos, Cervantes era stato professore e non discepolo.
Durante l'anno 1569 tali un Miguel de Cervantes è stato condannato all'amputazione della mano destra di ferire un tale Antonio de Segura e arresto a Madrid. Applicata la penalità, in esecuzione, chiunque che osasse fare uso delle armi in prossimità del residence Royal. Non è noto se Cervantes è venuto fuori di Spagna quello stesso anno in fuga da questa sanzione, ma la verità è che nel dicembre 1569 fu in domini spagnoli in Italia, fornito un certificato di vecchio Christian (non ebrei o Mori ascendenti) e mesi più successivamente era un soldato in compagnia di Diego de Urbina.
Ma le aspettative della grande guerra è stato disposto nella campagna contro i turchi, in cui l'impero spagnolo crittografia sua continuità nel dominio e l'egemonia nel Mediterraneo. Dieci anni prima, la Spagna aveva perso in Tripoli ottomila uomini e quaranta-due navi. Formato di Venezia e Roma, con la Spagna, la Santa Alleanza, e 7 ottobre, comandata da bastardo fratellastro del re di Spagna, Juan de Austria, sconfisse i turchi nella battaglia di Lepanto nel 1571. È stata la gloria immediata, una gloria che contrassegnato Cervantes che poi hanno riferito nella prima parte del Don Chisciotte, le circostanze della lotta. Nel suo corso lo scrittore ha ricevuto tre ferite, uno dei quali, se accettate questa ipotesi, inutilizzabile per sempre la mano sinistra e gli valse il soprannome di 'l'uomo senza un braccio di Lepanto' come glorioso.
Insieme a suo fratello minore, Rodrigo, Cervantes entrò in lotta nuovamente a Corfù, anche sotto il comando di Juan de Austria. Nel 1573 e 1574 fu in Sicilia e di Napoli, dove ha mantenuto relazioni con una giovane donna che chiamò «Silena» nelle sue poesie e che ha avuto un figlio, promontorio. Può anche passare da Genova presso gli ordini di Lope de Figueroa, poiché la città ligure descritto in El licenciado Vidrierae infine è stato diretto a Roma, dove frequenta la casa del cardinale Aquaviva (chi dedicherebbe Il Galatea), noto tuo, forse da Madrid e da cui account avrebbe compiuto determinate missioni e incarichi. Fu l'epoca in cui Cervantes è stato proposto di raggiungere un più elevato status sociale ed economico all'interno della milizia, con la posizione del tenente o capitano, per cui guadagnate due lettere di raccomandazione di Felipe II, firmato da Juan de Austria e dal viceré di Napoli, che ha certificato la sua prestazione coraggiosa nella battaglia di Lepanto.
Con questa intenzione, il Cervantes si imbarcò sulla goletta sole, che partì da Napoli il 20 settembre 1575, e quello che dovrebbe essere un rapido ritorno in patria divenne l'inizio di un lungo e sfortunato incidente. Poco dopo la vela, lo schooner era perso dopo una tempesta che separato dal resto della flottiglia e, all'altezza di Marsiglia, è stata affrontata da tre corsari berberi sotto il comando di un rinnegato nome albanese Arnaute Mamí. Dopo la feroce combattimento e conseguente morte del Capitano cristiano, i fratelli sono caduto prigionieri. Lettere di raccomandazione ha salvato la vita di Cervantes, ma sarebbe, allo stesso tempo, la causa della prigionia prolungata: mamma, convinta di trovare una persona principale e risorse, lo fece suo schiavo e lo tenevano lontano il consueto scambio di prigionieri e degli schiavi correnti tra cristiani e turchi. Questa circostanza e la sua mano paralizzata esentati lui di andare in galera.
Algeri ero a quel tempo uno dei centri del commercio più ricco del Mediterraneo. Molti cristiani passato dalla schiavitù alla ricchezza di rinunciare alla loro fede. Tratta di esseri umani è stato intenso ma la famiglia di Cervantes era ben lontano da potere soddisfare la quantità necessaria anche per il salvataggio di uno dei fratelli. Cervantes era, durante la sua prigionia, quattro tentativi di fuga. Il primo è stato un tentativo frustrato di terra per raggiungere Oran, che era il punto più vicino della dominazione spagnola. Il secondo, un anno di lui, ha coinciso con i preparativi per il rilascio di suo fratello. Infatti, Andrea e Magdalena, due sorelle di Cervantes e che presuppone che essi praticano la prostituzione, mantenuto una querela con un ricco spagnolo denominato Alonso Pacheco Shepherd, durante che ha dimostrato che a causa del matrimonio di queste entrate come barraganas sarebbe essere esaurite e, secondo l'usanza, ottenute le competenze che sono state destinate al salvataggio di Rodrigo, che sarebbe emerso da Algeri il 24 agosto 1577 un altro tentativo di fuga da Miguel, fallito e i fratelli vengono licenziati, salvando la vita di quest'ultimo corso dal suo proprietario considerato un "uomo principale".
Il terzo tentativo è stato molto più drammatico nelle sue conseguenze: Cervantes assunto un messaggero che aveva una lettera per il governatore spagnolo di Oran. Intercettato, il Messaggero è stato condannato a morte e impalato, mentre sospeso lo scrittore duemila fustigazione è stato condannato a e che ammontava a morte. Ancora una volta, la presunzione di ricchezza gli ha permesso di preservare la vita e ha allungato la loro prigionia. Questo è accaduto all'inizio del 1578. Infine, un anno e mezzo più tardi, Cervantes progettarono una fuga in compagnia di un rinnegato da Grenada, licenciado Giron. Tradito da tale obiettivo di pace, Cervantes era incatenato e rinchiuso per cinque mesi nella prigione di Mori condannati di Algeri. Aveva un nuovo proprietario, il re di Hassán, che ha ordinato sei cento Ducati da loro salvataggio. Ero terrorizzata: temeva una mossa a Costantinopoli. Nel frattempo, sua madre, Doña Leonor, aveva avviato le procedure per il loro salvataggio. Fingendo di essere vedova, portata denaro, ottenuto prestiti e garanzie, era sotto il patronato dei due frati e nel settembre 1579, consegnato al Consiglio dei Crusades 475 Ducati. Fino all'ultimo momento, Hassan mantenuto Cervantes, mentre i frati trading, chiedendo l'elemosina completare la quantità e infine, il 19 settembre 1580, fu rilasciato e, dopo un mese in cui cancellare il suo nome ha pleiteó contro il bianco della pace, si imbarcò per la Spagna il 24 ottobre.
Cinque giorni più tardi, dopo cinque anni di prigionia, Cervantes arrivati a Denia e ritornò a Madrid. Egli aveva trentatré anni e aveva speso le dieci passate tra guerra e prigione; sua famiglia, impoverito e indebitato con la consulenza delle crociate, riflette, in parte, la crisi generale profonda dell'Impero, che potrebbe solo peggiorare dopo la sconfitta del Armada spagnolo nel 1587. Tornando, Cervantes si dimise dalla carriera militare, entusiasta con la prospettiva della prosperità di funzionari indiani, ha cercato di ottenere un lavoro in America e non è riuscito. Nel frattempo, frutto delle sue relazioni clandestine con una giovane donna, Ana de Villafranca (o Ana de Rojas) sposata, nacque una figlia, Isabel, cresciuta da sua madre e che è comparso come suo padre putativo, Alonso Rodríguez.
Cervantes è stato sposato all'età di trentasette anni. Fidanzata, Catalina de Salazar y Palacios, proveniva da una famiglia di Esquivias, villaggio contadino della Mancha. Aveva solo diciotto anni, tuttavia, non sembra essere stato un'Unione segnata dall'amore. Mesi prima, lo scrittore aveva finito la sua prima opera importante, La Galatea, uno stile romanzo pastorale messo in voga da Arcadia di Sannazaro cinquant'anni fa. L'editor di Blas de Robles pagato 1.336 reale per il manoscritto. Questa cifra trascurabile e la buona accoglienza e il relativo successo del libro ha incoraggiato Cervantes per dedicarsi alla scrittura di commedie; Anche se sapeva che male si potrebbe competere a lui, ancora rispettoso delle regole classiche, con il nuovo modo di Lope de Vega, proprietario assoluto della scena spagnola. I primi due (la commedia di confusione e trattato di Costantinopoli e la morte di Selim, scritto al 1585 e mancante entrambi) erano relativamente successo nelle loro rappresentazioni, ma Cervantes fu sconfitto da lopesco Gale e, nonostante i venti o trenta opere (delle quali solo conoscere nove titoli e due testi, i rapporti di Algeri e Numancia) intorno al 1600 ha smesso di scrivere commedie, attività che avrebbe portato alla fine dei suoi giorni.
Tra il 1585 e 1600 Cervantes si stabilì a Esquivias, ma utilizzato per visitare Madrid e lì, alternati con gli scrittori del suo tempo, leggere la sua funziona e mantenuto una denuncia permanente con Lope de Vega. Nel 1587 entrò nell'Accademia Imitatoria, primo circolo letterario di Madrid, e nello stesso anno fu nominato Commissario regio per forniture (collettore di specie) per l'Armada spagnola. Inoltre questo destino era negativo: a Ecija di fronte la Chiesa dal suo zelo eccessivo insieme e lui venne scomunicato; Castro del Río fu imprigionato, nel 1592, accusato di aver venduto parte del grano requisita, fino a quando, alla morte di sua madre nel 1594, lasciò l'Andalusia e tornò a Madrid. Ma loro disagio economico ha continuato ad accompagnarlo. Nominato esattore delle tasse, ha rotto il banchiere che aveva dato grandi somme e Cervantes ha dato loro ossa in prigione, questa volta a Siviglia, dove rimase per cinque mesi. In questo tempo di estrema mancanza probabilmente cominciato la stesura del Don Chisciotte. Tra il 1604 e il 1606, famiglia di Cervantes, sua moglie, sue sorelle così disdicevole e feroce figlia naturale così come le sue nipoti, seguì la Corte a Valladolid, fino a quando re Felipe III ordinò il ritorno a Madrid.
Ma nel 1605, quest'anno, è apparso in Madrid il don Chisciotte della mancia di ingegnoso hidalgo. L'autore era quindi uomo magro, sottile, cinquantotto anni, tollerante con la sua famiglia travagliata, piccolo business per fare soldi, cauto in tempo di pace e risoluta nella guerra. Fama è stata immediata, ma gli effetti economici sono stati quasi non si nota. Quando, nel giugno del 1605, la famiglia Cervantes, con un capo-sceneggiatore, andò in prigione per un paio d'ore a causa di una torbida vicenda che solo marginalmente toccato loro (la morte di un cavaliere assistito dalle donne della famiglia, si è verificato dopo essere ferito per le porte della casa), don Chisciotte e Sancio già appartenuto al patrimonio popolare. Il suo autore, era nel frattempo, attraverso le asperità. Ti ha offerto senza tregua anche la vita letteraria: incoraggiato dal successo di Don Chisciotte, entrato nel 1609 nella fratellanza degli schiavi del Santissimo Sacramento, a cui apparteneva anche Lope de Vega e Quevedo. Questa era l'usanza del tempo, offrendo Cervantes l'opportunità di ottenere un protettorato. In quello stesso anno fu firmato il decreto di espulsione dei Mori e ha accelerato l'indurimento della vita sociale spagnola sotto il rigore inquisitorio. Cervantes accolti l'espulsione con gioia, mentre sua sorella Magdalena stava entrando in un ordine religioso. Erano anni di redazione di testamenti e sordido Bates: Magdalena aveva escluso dal sua Isabel a favore di un altro nipote, Costanza, e Cervantes si dimise dalla sua parte della tenuta di suo fratello anche a favore di che, tralasciando la propria figlia, enzarzada in una causa che è infinita con il proprietario della casa in cui visse e in cui Cervantes era stato costretto a dichiarare a favore di sua figlia.
Nonostante non ottenere anche (come anche fallito a Gongora) essere incluso nell'Entourage del suo mecenate il nuovo viceré di Napoli, il conte di Lemos, che, tuttavia, ha dato esempi concreti del tuo favore, Cervantes ha scritto a un ritmo inarrestabile: le Novelle esemplari, che apparve nel 1613; il viaggio di Parnaso, in versi, 1614. Nello stesso anno lo sorprese con l'emergere, a Tarragona, in una seconda parte di Don Chisciotte, da un tale Avellaneda, quella autentica continuazione delle avventure del Signore. Così, finito per malati e necessario, mentre fu la comparsa delle otto commedie e otto nuovi arrivati mai rappresentati (1615), la seconda parte del Don Chisciotte, che appaiono nel corso dello stesso anno.
All'inizio del 1616 stava finendo il sua romanzo avventure in stile bizantino, le opere di Persiles e fagottino; il 19 aprile ha ricevuto l'estrema unzione e il giorno successivo ha scritto la dedica al conte di Lemos, un'offerta che è stata considerata come Visualizza squisita del suo genio e toccante espressione autobiografica: «ieri mi hanno dato l'estrema unzione e la scrittura oggi;» il tempo è breve, desiderio di crescere, la speranza svanisce e, con tutto questo, sono stato vita sul desiderio che ho di vivere...».
Pochi mesi prima della sua morte, Cervantes aveva una ricompensa morale per i loro disagi e problemi economici: uno dei censori, signor Torres Marques, lui ha inviato una raccomandazione che ha raccontato di una conversazione nel febbraio 1615 con notevoli Cavalieri dell'ambasciatore francese per l'affluenza di Corte di Mariela: «Preguntaronme molto al dettaglio la vostra età, la professione, la qualità e la quantità. " Halleme costretto a dire che era vecchio, soldato, hidalgo e poveri, a queste parole formale uno risposero: "perché tale uomo dice non in Spagna molto ricca e supportato dalla borsa pubblica?". «È venuto un altro di quei cavalieri con molta nitidezza e questo pensiero: "se hanno bisogno di essere costretti a scrivere, peste Dio che mai avere abbondanza, così le sue opere, ancora scarsa, rendono tutti ricchi"».
Infatti, già circolato le traduzioni in inglese e francese dal 1612, e si può dire che Cervantes sapeva che con Don Chisciotte ha creato una nuova forma letteraria. Sapeva anche che introdusse il genere del romanzo breve in spagnolo con la sua copia di romanzi e senza dubbio sentito l'ambito illimitato della coppia di personaggi che avevano concepito. Suoi contemporanei, anche se essi hanno riconosciuto la vividezza del loro ingegno, non immaginava la profondità della scoperta del Chisciotte, stessa Fondazione del romanzo moderno.
Così, tra il 22 e 23 aprile 1616 morì nella sua casa di Madrid, frequentato da sua moglie e uno dei suoi nipoti; avvolto nel suo abito francescano e con il volto scoperto, fu sepolto nel convento di Carmelitani trinitaria, poi chiamato Cantarranas Street. Oggi la posizione esatta della sua tomba è sconosciuta.
Le origini dell'arte del Cervantes come romanziere sono complesse: da un lato, don Chisciotte e Sancio sono parodia dei cavalieri erranti e loro scudieri; d'altra parte, di per sé esalta la fedeltà di onore e di lottare per i deboli. Convergono nel Don Chisciotte, quindi, realismo e fantasia, meditazione e riflessione sulla letteratura: i personaggi discutono sui propri caratteri di entità mentre i confini tra delirio e ragione e tra finzione e realtà vengono eliminati ancora e ancora. Ma il sentiero di Cervantes, che sia accompagnato le glorie imperiali di Lepanto come le sconfitte dell'invincibile fuori la costa dell'Inghilterra, ha conosciuto solo i problemi della povertà e le preoccupazioni prima il potere. A differenza del suo personaggio, egli non poteva sfuggire mai suo destino di hidalgo, soldato e poveri.

Cronologia di Miguel de Cervantes

1547Nato a Alcalá de Henares, figlio di una famiglia agiata con possibile converte ascendenti.
1552Si trasferì con la sua famiglia a Valladolid.
1566Si trasferisce a Madrid.
1568Frequenta le classi dell'umanista J. López de Hoyos.
1569Pubblicò le sue prime poesie nel rapporto reale di Lopez de Hoyos. Entrò il terzo di don Miguel de Moncada.
1570Partecipò alla battaglia di Lepanto.
1575Cade prigioniero dei turchi e trascorre cinque anni in Algeri.
1580Esso viene rilasciato e torna in Spagna.
1584Premiere a Madrid i rapporti di Algeri e Numancia. Contrasse matrimonio con Catalina de Salazar y Palacios.
1585Ha pubblicato il lavoro pastorale La Galatea. Scrivere i primi due commedie commedia di confusione e trattato di Costantinopoli e la morte di Selim (entrambi scomparsi).
1587Entrò il Imitatoria Academy, il primo circolo letterario di Madrid. Nominato Commissario regio per i rifornimenti.
1603Risiede a Valladolid.
1605Sembra, a Madrid, la prima parte del don Chisciotte della Mancia ingegnoso hidalgo. Il secondo sarà nel 1615.
1613Pubblicazione di Novelas ejemplares.
1614Pubblicazione del viaggio alla Parmaso, un'opera in versi.
1615Pubblicazione di commedie e hors d'oeuvres.
1616Morì a Madrid ed è sepolto nel convento della Trinità a piedi nudi.


Il Don Chisciotte della mancia di Miguel de Cervantes

È possibile che Cervantes ha iniziato a scrivere alcune delle sua prigione Don Chisciotte alla fine del XVI secolo. Ma non si sa quasi nulla con certezza. La prima parte, che è comparso inserita all'inizio del 1605 con il titolo dell'ingegnoso hidalgo don Chisciotte della Manciaera finita nell'estate del 1604. Il successo fu immediato. Apocrifi continuazione scritta da qualcuno nascosto nello pseudonimo Alonso Fernández de Avellaneda, che hanno accumulato negli insulti di prologo contro Cervantes è sembrato a Tarragona nel 1614. Da allora questo era molto avanzata la seconda parte del suo romanzo immortale. Ha finito molto presto, ha esortato dal furto letterario e lesioni. Pertanto, dal capitolo 59, ha non perso alcuna possibilità di mettere in ridicolo il falso Chisciotte e garantire l'autenticità del vero don Chisciotte e Sancho. Questa seconda parte è comparso nel 1615. Nel 1617 le due parti sono state pubblicate insieme a Barcellona. E dal momento che Don Chisciotte è diventato uno dei più pubblicato libri nel mondo e, alla fine, tradotti in tutte le lingue con tradizione letteraria.

Genesi del Don Chisciotte

Considerato come un tutto, il Quijote offre un aneddoto piuttosto semplice, unitario e ben bloccato: un hidalgo manchego, impazzì dalle letture cavalleresche, da credere cavaliere errante e foglie tre volte nel suo villaggio in cerca di avventura, sempre autentica assurdità, finché non ritorna al suo giudizio casa, malato e recuperato. Tuttavia, tutta la trama non è il flip previsto, ma risponde a un lungo processo di creativo, vent'anni fa, un po' tortuose e sconnessa: è possibile che Cervantes nemmeno immaginare all'inizio quale sarebbe il risultato finale.

Ultimi momenti. Foto di Victor Manzano
Alcuni cervantistas hanno difeso la tesi di Cervantes propose inizialmente di scrivere una Novella del tipo delle "copie". Questa idea si basa sull'unità dei primi sei capitoli, in cui prende posto la prima uscita di don Chisciotte, suo Homecoming schiacciato e il controllo della sua biblioteca dal sacerdote e il barbiere. Un altro motivo è la stretta relazione tra l'inizio di ogni capitolo e la fine di quella precedente. E inoltre sostiene questa tesi la somiglianza tra i primi sei capitoli e l'anonimo antipasti a base di romances, dove il Bartolo di labrador, reso folle dalla lettura di romanzi, lascia la sua casa di emulare gli eroi di ballate, difende una pastorella e viene battuta dal bambino che lo voleva e quando egli viene trovato dalla sua famiglia immagina che il marchese di Mantova lo aiuta. Ma la tesi novelita esemplare è rifiutata da altri studiosi che credono che Cervantes concepita fin dall'inizio un lungo romanzo.

Intenzione e il significato del lavoro

Quello che è certo è che Cervantes ha scritto un divertente libro, traboccante di comici e umorismo, con il classico ideale istruire e deliziare. Cervantes ha detto più volte che sua prima intenzione era di mostrare ai lettori del tempo le assurdità dei romanzi di cavalleria. Don Quijote offre infatti una parodia delle invenzioni folli di tali opere. Ma vuol dire molto di più che un'invettiva contro i libri di cavalleria.
La ricchezza e la complessità del suo contenuto, la struttura e la tecnica narrativa, il romanzo supporta molti livelli di lettura e di interpretazioni diverse come considerandolo un lavoro di umorismo, una presa in giro dell'idealismo umano, un distillato di amara ironia, un inno alla libertà o molti altri. È anche una splendida lezione nella pratica e teoria letteraria. Perché, spesso discusso su libri esistenti e approcci di come scrivere altri futures, già dalla prima parte: controllo della biblioteca di don Chisciotte, la lettura di il mal consigliato nella vendita di Juan Palomeque e disputa sopra i libri di cavalleria e di storia, recensione del romanzo e il Teatro del tempo della conversazione tra la cura e il Toledano Canon... Nella seconda parte del romanzo, alcuni personaggi già letto il primo e ha fatto la stessa critica. La prima parte sarà così il punto di riferimento per una discussione sulla teoria letteraria incluso nel secondo.
Tra altri contributi, Don Quijote offre anche un panorama della società spagnola nel suo passaggio dal XVI al XVII, con caratteri da tutti i ceti sociali, che rappresentano vari mestieri e professioni, campioni delle credenze popolari e dei costumi. Sue due personaggi centrali, don Chisciotte e Sancio, costituiscono una sintesi poetica degli esseri umani. Sancho rappresenta l'attaccamento ai valori materiali, mentre don Chisciotte esemplifica la consegna alla difesa di un ideale liberamente assunto. Ma essi sono non due figure opposte ma complementari che mostrano la complessità della persona, materialista e idealista allo stesso tempo.

La follia e gli ideali

Follia è stato un frequente nella letteratura del Rinascimento, come le opere di Ariosto ed Erasmo de Rotterdam. Don Chisciotte agisce come un paranoico impazzito dai libri di cavalleria. Alcuni ritengono che sormontata pazzo, che altri credono che sia un "pazzo ventresca", con intervalli di lucidità. Generalmente sostenuto che don Chisciotte gli atti come un matto per quanto riguarda i cavalieri erranti e ragionare con sane altrimenti. Don Chisciotte trasforma la realtà e può ospitare al suo romanzo cavalleresco: Immaginate castelli dove ci sono vendite, vede giganti in mulini a vento e, quando la debacle, spiega anche secondo il codice cavalleresco: malvagi incantatori hanno schivare la realtà, invidiosa della sua gloria.
Ma Don Chisciotte è anche un modello di aspirazione ad un ideale etico ed estetico della vita. Diventa cavaliere errante per difendere la giustizia nel mondo, e fin dall'inizio aspira ad essere un personaggio letterario. In breve, si desidera fare buona e vivere la vita come un'opera d'arte. Intende intraprendere "tutto ciò che può rendere perfetta e famoso per un cavaliere errante". Perché imitano modelli, tra cui il primo è Amadigi di Gaula, che don Chisciotte emula la penitenza di Sierra Morena.
Ecco perché Don Chisciotte causare, come è stato notato spesso, un sorriso e una lacrima. Ridiamo con l'assurdità del cavaliere; ma sentiamo anche tristezza sull'errore suo tentativo di rendere gli ideali che dovrebbero essere possibili.

Sua influenza

Forse Cervantes era mai immaginare che l'importanza del suo lavoro sarebbe stato per lo sviluppo della letteratura. Così importante era l'influenza di Don Chisciotte, che sono stati innumerevoli gli autori che hanno preso questo lavoro come una fonte di ispirazione. Essi includono William Shakespeare, Giovanni Meli, Chesterton, A. V. Lunacharski e Borges. L'opera di Cervantes è stato anche un punto di partenza per importanti prove, che comprendono la vita di don Chisciotte e Sancio, Miguel de Unamuno e l'itinerario di don Chisciotte, Azorín.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici