RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata

Biografia di Martin Luther King | Pastore Battista.

ADS

(Martin Luther King Jr.;) Atlanta, 1929 - Memphis, 1968) Pastore Battista americano, sostenitore dei diritti civili. La lunga lotta dei neri americani a raggiungere la pienezza dei diritti incontrato dal 1955 un'accelerazione cui direzione era per evidenziare il giovane pastore Martin Luther King molto presto. Sua azione nonviolenta, ispirati dall'esempio di Gandhi, ha mobilitato una parte crescente della comunità afro-americana, che culmina nell'estate del 1963 alla storica marcia su Washington, che ha attirato 250.000 dimostranti.

Martin Luther King
Lì, ai piedi del Lincoln Memorial, Martin Luther King pronunciò il più famoso e struggente dei suoi discorsi splendidi, noti per la formula che è stata guidata dalla visione di un mondo giusto: ho un sogno (io ho un sogno). Nonostante gli arresti e polizia o attacchi razzisti, il movimento per l'uguaglianza civile è stato l'avvio di sentenze e decisioni legislative contro la segregazione razziale e premio di pace Nobel assegnato ha guadagnato l'approvazione del premio al re nel 1964. Purtroppo, un destino fatale sembra trascinare gli apostoli della non-violenza: proprio come il suo maestro Gandhi, Martin Luther King cadde assassinato quattro anni più tardi.
Biografia
Figlio di un ministro Battista, Martin Luther King ha studiato teologia presso la Boston University. Dalla giovane età divenne consapevole della situazione sociale e segregazione razziale in cui viveva i neri nel vostro paese e soprattutto negli Stati del sud. Diventare pastore battista, nel 1954 ha assunto una Chiesa nella città di Montgomery, Alabama.
Molto presto ha dato segni del suo carisma e la sua determinazione a combattere per la difesa dei diritti civili con metodi pacifici, ispirati alla figura del Mahatma Gandhi e la teoria di disobbedienza civile di Thoreau. Nell'agosto del 1955, un umile nero sarta Rosa Parks, fu arrestato e multato per la seduta nella sezione riservata per i bianchi di un autobus; Re indirizzata un boicottaggio di massa di più di un anno contro la segregazione razziale sugli autobus di città.

Con sua moglie, Coretta Scott King e la loro prima figlia (1956)
Martin Luther King fama si diffuse rapidamente in tutto il paese e immediatamente assunto la direzione del movimento contro la guerra US, prima attraverso la Southern Cristian Leadership Conference e più successivamente del Congress of Racial Equality. Inoltre, come membro dell'associazione per il progresso della gente di colore, ha aperto un altro fronte per ottenere miglioramenti nelle loro condizioni di vita.
Nel 1960 ha preso una spontanea studenti neri in sit-in Birmingham, Alabama, per avviare una campagna nazionale. In questa occasione, Martin Luther King è stato imprigionato e successivamente liberato per l'intercessione di John Fitgerald Kennedy, allora candidato alla presidenza degli Stati Uniti, ma riuscì a parità di accesso neri a librerie, sale da pranzo e un sacco di parcheggio.
Nell'estate del 1963, la loro lotta ha raggiunto uno dei loro punti forti per portare un enorme marzo su Washington in cui circa 250.000 persone, prima che ha reso il discorso oggi hanno partecipato intitolato che ho un sogno (io ho un sogno), un bellissimo discorso a favore della pace e dell'uguaglianza tra gli esseri umani. Re e altri rappresentanti di organizzazioni anti-razzista sono stati accolti dal Presidente Kennedy, che ha promesso di accelerare la sua politica contro la segregacionismo nelle scuole e il problema della disoccupazione, che colpisce in particolare la comunità nera.

Martin Luther King si rivolge alla folla alla marcia di Washington (1963)
Tuttavia, né le buone intenzioni del Presidente, che sarebbe morto assassinato mesi più successivamente, o il messaggio etico vigor di Martin Luther King, premio Nobel per la pace nel 1964, sembrato sufficiente per contenere l'avanzata dei gruppi nazionalisti di colore si oppongono integrazione e favorevole alla violenza, come il black power, Black Panthers e neri islamici. La permeabilità del colore (per lo più quelli che vivono nei ghetti di New York e altri Stati del Nord) l'influenza di questi gruppi violenti, mettendo in pericolo il nucleo del messaggio del re, pacifismo.
Nel marzo 1965, ha guidato un raduno di migliaia di sostenitori dei diritti civili che ha viaggiato quasi una centinaia di chilometri, da Selma, dove c'era stato atti di violenza razziale, a Montgomery. La lotta di Martin Luther King ha avuto una tragica fine: il 4 aprile 1968 venne assassinato a Memphis da James Earl Ray, un bianco comune criminale. Mentre ha tenuto il suo funerale presso la Chiesa Edenhaeser di Atlanta, un'ondata di violenza si è diffusa in tutto il paese. Ray, arrestato dalla polizia, riconosciuto autore dell'omicidio e fu condannato con prove indiziarie. Anni dopo egli ritratta la sua dichiarazione, e con il sostegno del re famiglia, ha chiesto la riapertura del caso e la vista di un nuovo processo.
Lavoro e ideologia
Martin Luther King intesa come essenziali della dignità umana, l'uguaglianza razziale, che inoltre è stato legittimato a livello politico, dai principi della democrazia americana (che sempre dichiarato sostenitore) e a livello morale, di principi religiosi. Di conseguenza, l'azione mirata alla conquista dei loro diritti non doveva essere visto sempre come rivoluzionario o sovversivo. Non proclamato re alcuna violazione della legge, essi hanno affermato che non possono può obbedire le leggi ingiuste, perché essi sono contrari alla legge morale. La via dell'amore al contrario l'inattività delle passività nera e odio esasperato dei nazionalisti hanno sottolineato. E ho avuto dolore non è stato aiutato e inteso dalla Chiesa bianca.
In questo senso, re adattato e Nobel per la pace ha sviluppato il concetto di non-violenza di Gandhi, che hanno saputo applicare creativamente in una serie di campagne di antisegregacionistas, che sono diventato il più prestigioso leader del movimento americano di diritti civili, che ha guadagnato il premio nel 1964 per il premio e ha causato il suo assassinio per mano di un fanatico razzista nel 1968. Dopo la sua morte, il movimento di US nero ha intrapreso una più apertamente rivoluzionario e violento, percorso lontano dall'ispirazione cristiana e liberale del re, la cui memoria, nonostante tutto, è ancora venerato e amato dalle masse di privati dei diritti civili della loro razza.
Lo stesso anno del Nobel, il presidente Lyndon Johnson, successore di Kennedy dopo l'assassinio, emanata il Civil Rights Act, che sanciscono l'uguaglianza di tutti i cittadini. Secondo re, neri ha dovuto abbandonare la sua neutralità politica astratta per rafforzare alleanze elettorali e sostenere il candidato degno di fiducia, perché "l'influenza dei neri in potere politico è importante". Solo allora si otterrebbe il vero obiettivo della libertà, perché il destino dei neri fa parte dell'America.
Suoi principi sono state espresse, in aggiunta nella famosa lettera dalla prigione di Birmingham (1963, pubblicato dalla rivista francese Esprit nel 1964), numerose opere tra cui la forza dell'amore (forza di amore, 1965) e il Clarion di coscienza (The Trumpet of Conscience, 1968), in cui spesso la sua prosa, ispirata alla tradizione biblica del protestantesimo anglosassone Raggiunge momenti di grande emozione e di umanità.
Merita una menzione speciale, perché non vediamo l'ora (Perché We Can't Wait, 1964), in quanto l'esposizione del loro credo politico, alternando questo lavoro con un'appassionata evocazione degli eventi dell'estate del 1963 (vissuto dall'autore stesso come protagonista) di grande valore come testimonianza storica. Il libro è la storia della liberazione di un popolo, ottenuto attraverso l'uso di "un'arma potente e basta... che taglia senza ferire e nobilita l'uomo che la tiene": non-violenza.
Ho un sogno
Nonostante il valore della sua opera scritta, nessuno dei suoi scritti ha suscitato ammirazione universale dei più famosi dei suoi discorsi: che presentate il 28 agosto 1963 ai 250.000 membri della marcia su Washington, ai piedi del monumento di Abraham Lincoln, il Presidente che, un secolo prima, aveva abolito la schiavitù: "un centinaio di anni fa, un grande americano Basso cui ombra ci troviamo oggi, firmò il proclama di emancipazione. Questo decreto epocale è apparso come un grande faro di speranza per milioni di schiavi che erano stati segnati con il fuoco di una palese ingiustizia. È venuto come Alba festa alla lunga notte della loro prigionia. Ma cento anni più tardi, il colore dell'America è ancora non libero".
Ho un sogno [frammento]. Sottotitolati in spagnolo.
Washington, 28 agosto 1963.
Considerato un capolavoro dell'Oratorio, il nome che questo discorso è noto deriva dalla sua parte centrale, dove il ribadendo la formula devo sognare (ho un sogno), Martin Luther King alla condizione ideale genera la semplice realizzazione dell'uguaglianza: "un sogno che miei quattro figli piccoli vivranno un giorno in una nazione dove non li giudicati dal colore della loro pelle, ma per le qualità del loro carattere". Prezioso sia come condensato espressione dei suoi principi e l'impressionante altezza emotivo, la validità è mescolando più di mezzo secolo più tardi.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata