Biografia di María Félix | Attrice messicana.

(Maria de los Angeles nello stato; Alamos, 1914 - città del Messico, 2002) attrice messicana. Dotato di un'enigmatica bellezza latina, nella sua vasta filmografia (che include i contadini di melodrammi e rivoluzionari, drammi urbani e adattamenti di romanzi naturalistici e realistici), compreso una creatura altezzosa e sprezzante che si ribellarono contro la sottomissione delle donne al maschio arrogante. A metà strada tra il divoratore di uomini e la bellezza irraggiungibile ideale, come nessuno ha rappresentato l'archetipo della femme fatale.

María Félix
Nato nel ranch El Quiriego, nei pressi di Álamos, Nina si trasferì a Guadalajara, dove ha vinto un concorso di bellezza. Era sposata con il compositore Agustín Lara (autore di Granada e il Chotis Madrid, tra gli altri) e con il famoso cantante e attore Jorge Negrete, con cui formò, in molti film, protagonista una coppia che è già passato alla storia del cinema messicano.
Maria Felix fu scoperto dal regista Miguel Zacarías, che provato ed è riuscito a migliorare la "freddezza appassionata" che caratterizza le sue azioni. Con Miguel Zacarías ha debuttato nel cinema nel 1942, riproduzione del film El Peñón de las ánimas, che ha iniziato l'elenco dei film in cui ha condiviso la ghisa che con cui più tardi sarebbe diventato il suo terzo marito, Jorge Negrete. Ha lavorato in tutta l'America Latina e anche in Europa, soprattutto in Spagna, Francia e Italia, dove ha raggiunto la grande popolarità.
Il regista Fernando Palacios ha reso a studiare arte drammatica. Con questo regista ha ottenuto il suo primo successo importante in la donna senz'anima (1943), film che ha preso corpo il tuo archetipo della donna bella e altezzosa. Nello stesso anno 1943 ha vinto lui il ruolo di protagonista del nastro Doña Bárbara, basato su un adattamento dell'opera omonima di Rómulo Gallegos e diretto da Fernando de Fuentes. In questo film interpreta una donna dominante, crudele, superbo il classico "divoratore di uomini" (nel cinema americano chiamato "vamp", un termine da apocope di vamp o femme fatale), che sarebbe diventata la sua caratterizzazione predominante in tutta la sua carriera cinematografica.

Maria Felix e Doña Bárbara (1943)
La Doña, così chiamavano, presto divenne un mito vivente del cinema messicano. Scienze e dell'Accademia messicana di arti cinematografiche premiato la Ariel di Premio per la migliore attrice tre volte: nel 1947, dall' amore; nel 1949, di Río Escondido (entrambi i film, come accidenti bellezza, magistralmente diretto da indiano Fernandez) e nel 1951, da Doña Diabla.
Degno di nota è la sua interpretazione nel film Enamorada (episodio di una delle rivoluzioni più messicane), dove María Felix è allo stesso tempo e in lotta con sé, l'istintiva, il bello, sfuggente e sprezzante, la brava, il soggetto, esausto, fidanzata... L'ultimo fotogramma di questo film (il partito rivoluzionario sconfitto e fidanzata corsa, a piedi nudi e senza FIATA, per unirsi a lui e a condividere il suo destino) può essere paragonato all'estremità piatta del Marocco di Stenberg, Gary Cooper e Marlene Dietrich come protagonisti, anche se il gesto di María Felix è più istintivo e, quindi, più convincente.

In il divoratore (1946)
I titoli dei film in loro agito forma una serie infinita. Fin dalla sua nascita, María Felix ha lavorato quasi instancabilmente, richiesto da registi e produttori messicani o stranieri, nella misura in cui, in occasioni, è venuto a star in tre o quattro film all'anno. Questo è stato, ad esempio, ciò che è accaduto nel 1946, quando ha giocato due film rivelando titolo (il divoratore e tutte le donne) e fu il protagonista indimenticabile di amore; anche l'anno successivo, nel 1947, ha lavorato in la dea inginocchiata, Rio Escondido e Dio mi perdoni!
Altri film deve menzionare sono La monja Alférez, contenuto nelle immagini la movimentata biografia di Catalina de Erauso, avventuriero che combatté come soldato nell'esercito spagnolo del XVII secolo; Amok, tratto dal romanzo di Stefan Zweig fatta nel 1944 dal direttore Antonio Momplet; Mare Nostrum (1948), nastro un po' dubbiosa che corrisponde al suo stadio spagnolo, dove il quasi servile sottomissione della linea drammatica per la brillantezza della bellezza di María Felix fa male non solo la continuità e l'efficienza della storia, ma danneggia anche la sincerità espressiva della propria attrice e loro possibile identificazione con l'eroina; Incantesimo tragico e La Bella Otero, biografia non troppo fedele del cuplés famoso, entrambi girati nel 1954; e l'ambizioso (1959), uno dei film realizzati da Luis Buñuel Aragonese nella tua fase fertile dell'esilio messicano.
Essi avrebbe completato l'elenco Juana Gallo (1961), La Valentina (1964), la casa di vetro (diretto nel 1967 da Luis Alcoriza), La Generala (1970) e splendore eterno (1978, regia di Jaime Humberto Hermosillo). Nel 1970 ha partecipato anche nella serie televisiva La costituzione. In che cosa si riferisce alla scena internazionale, potremmo mettere sulla loro collaborazione nel film francese can can, diretto nel 1954 da Jean Renoir. Esso si svolge un'evocazione di Montmartre del 1890, che si conclude con una brillante e frenetica scena di ballo al Moulin Rouge. Nel 1981, Scienze e dell'Accademia messicana di arti cinematografiche un riconoscimento speciale di Ariel assegnato alla sua lunga e fruttuosa carriera, così come per il suo contributo al panorama interpretativo messicano.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici