Passa ai contenuti principali

Biografia di Ludwig van Beethoven | Compositore tedesco.

(Bonn, Germania, 1770 - Vienna, 1827) Compositore tedesco. Nato in una famiglia di origine fiamminga, suo padre, per le evidenti qualità per musica mostrando il piccolo Ludwig, provato a fare di lui un secondo Mozart, anche se con scarso successo.
In realtà, la vera vocazione musica di Beethoven non ha cominciato fino al 1779, quando è venuto a contatto con l'organista Christian Gottlob Neefe, che divenne il suo maestro. Egli era, per esempio, che lo introdusse allo studio di Johann Sebastian Bach, musicista che Beethoven sempre profesaría una profonda devozione.

Ludwig van Beethoven
Membro dell'Orchestra di Corte di Bonn dal 1783, 1787 in Ludwig van Beethoven ha effettuato un primo viaggio a Vienna con lo scopo di avere tipi di Mozart. Tuttavia, la malattia e successiva morte della sua madre lui costretto a tornare alla sua città natale, poche settimane dopo l'arrivo.
Nel 1792 Beethoven torna alla capitale austriaca a lavorare con Haydn e Antonio Salieri e divenne noto come un compositore e pianista in un concerto che ha avuto luogo nel 1795 con grande successo. Sua carriera come esecutore era bruscamente interrotte a causa di sordità che ha cominciato a influenzare dal 1796 e poiché 1815 privato completamente della facoltà uditiva.
Gli ultimi anni della vita di Beethoven anche furono segnati da solitudine e una progressiva introspezione, Eppure continuarono la sua opera compositiva ed era anche il tempo che hanno creato le loro opere più impressionanti e avanzate.
Opere di Ludwig van Beethoven
Tradizione della carriera di Beethoven si divide in tre principali periodi creativi o stili, e anche se uso è diventato d'attualità, tuttavia sono meno utili quando si tratta di inquadrare la sua eredità.
Le prime composizioni di copertine di tempo scritte fino al 1800, caratterizzata da strettamente conforme al modello stabilito da Mozart e Joseph Haydn e classicismo in generale, senza eccessive innovazioni o caratteristiche personali. A questo periodo appartengono opera come il famoso Septimino o suoi primi due concerti per pianoforte.
Un secondo modo o stile intervalli dal 1801 al 1814, questo periodo che può essere considerato maturo, con funziona completamente originali in cui Ludwig van Beethoven vanta una morsa tra forma ed espressione (l'opera Fidelio, sue prime otto sinfonie, i suoi ultimi tre concerti per pianoforte, Concerto per violino).
La terza fase copre fino alla morte del musicista ed è dominata dalle sue opere più innovative e personali, frainteso nel suo tempo per la novità del suo linguaggio armonico e la sua forma non convenzionale; la Sinfonia n. 9, la Missa solemnis e l'ultimi quartetti e sonate per pianoforte rappresentano il culmine di questo periodo e lo stile di Ludwig van Beethoven.
In queste opere, Beethoven anticipato molti dei tratti che caratterizzano la successiva musica romantica e anche, XX secolo. L'opera di Ludwig van Beethoven è collocata tra il classicismo di Mozart e Haydn e il romanticismo di un Schumann o un Brahms. Non c'è dubbio che, come compositore, designa un prima e un dopo nella storia di musica e di riflesso, forse come nessun altro - con l'eccezione del suo contemporaneo Francisco Goya-, non solo cambiare tra il romantico e il gusto classico, tra i primi formalismo e soggettivismo della seconda, ma anche tra antico regime e la nuova situazione sociale e politica che è emersa dalla rivoluzione francese.
Infatti, nel 1789 la Bastiglia è caduto e con esso tutti una concezione del mondo che comprendeva il ruolo dell'artista nella società. Seguendo le orme del suo ammirato Mozart, Ludwig van Beethoven è stato il primo musicista che è riuscito a ottenere l'indipendenza e vivere le attività che sono state eseguite, senza essere al servizio di un principe o un aristocratico, mentre, al contrario di Salisburgo, ha avuto successo e vincere il rispetto e il riconoscimento dei loro contemporanei.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…