Passa ai contenuti principali

Biografia di Louis XIV della Francia | Monarca assoluto.

Incarnazione dell'Assolutismo monarchico, il suo regno ha dato Francia l'egemonia europea e straordinario splendore culturale e artistico.
Che è stata sollevata all'altezza di un Dio sopra la nobiltà, come proprietario e Signore della persona e proprietà di diciannove milioni di francesi, è Nato il 5 settembre 1638 a Saint-Germain-en-Laye, nei pressi di Parigi. Suo padre, Luis XIII e sua madre, Ana de Austria, interpretato come un segno di buon auspicio che suo figlio era nato già con due denti, che forse presagivano il potere del futuro re di diga sul limitrofi battere una volta la corona. Morte di suo padre nel 1643, quando il delfino era quattro anni e otto mesi, Ana de Austria ha deciso di esercitare la reggenza e affidato il governo dello stato e l'educazione del bambino al cardinale Mazarino, successore in un altro valido favore reale eccellente: il sapiente cardinale Richelieu. Fu così, Mazzarino che instillato il senso di regalità dell'erede e gli ha insegnato che egli deve imparare a piacere agli uomini che non dovrebbero servire lui. Non c'è dubbio che Luis ha risposto positivamente a tali lezioni per Mazarin ha scritto: "C'è in lui sufficienti qualità per formare diversi grandi re e un grande uomo."

Louis XIV
Tale privilegiata infante stava per vivere un'esperienza indimenticabile tra il 1648 e il 1653. Il conflitto civile di la Fronda, cosiddetto per analogia con il parco giochi della fronda (honda) ha avuto luogo in quegli anni. La cattiva gestione di Mazzarino e la creazione di nuove tasse in primo luogo ha suscitato le proteste dei cosiddetti parlamentari a Parigi, prestigiosi avvocati registrato e autorizzato le leggi e sono stati incaricati sono stati seguiti. Mazzarino ha fatto arrestare Broussel, uno dei suoi leader, provocando la rivolta della capitale e la fuga della famiglia reale alla spinta delle folle. Era l'inizio della guerra civile.
Per sedare la ribellione, il primo ministro chiamato le truppe del Principe de Condé, il Gran Maestro di Francia ed eroe nazionale; M / rinunciare immediatamente, ma Earl ha preso il suo successo a rivendicare i honors numerosi. Quando Mazarin ha fatto tappa a gennaio 1650, la nobiltà è aumentato contro la Corte dando origine alla seconda fronda, che dei principi.
La mancanza di accordo tra i ribelli avrebbe deciso il suo fallimento, ma che non ha impedito che per mesi che la popolazione eredita nuovamente a Parigi; la regina madre e la sua famiglia, ritorno al Palazzo del Louvre, ha dovuto sopportare una notte, dopo la diffusione della parola che il giovane monarca era lì, la mafia invaso suo Chambers e precipitando nella camera da letto dove il bambino giacque immobile nel suo letto, completamente vestito sotto le coperte e fingendo di essere addormentato: prima il viso roseo circondato da castagni loops la rabbia del popolo scomparso improvvisamente e fu sostituita da un mormorio di approvazione. Poi, tutto a sinistra il Palazzo come buoni oggetti, pregando a Dio con tutto il cuore per proteggere il suo giovane principe.

Cardinale Mazarino
Quegli eventi ha lasciato un segno profondo sul giovane Louis. Si convinse che era necessario spostare da parte del governo della nazione la gente semplice, che aveva osato invadere la vostra camera da letto, come pure la nobiltà, nemico permanente della monarchia. Per quanto riguarda i notabili della patria, parlamentari, giudici e avvocati, ha deciso che lui sarebbe tenerli sempre sotto il potere assoluto della corona, senza consentire loro la discrepanza minore.
Louis XIV è stato dichiarato un major nel 1651 e 7 giugno 1654, dopo l'uragano di fronde, fu incoronato re di Francia nella Cattedrale di Reims. Da quel momento, ha intensificato la sua formazione politica e la sua preparazione in saggezza politica. Ogni giorno è spedito con Mazarin e insieme ha esaminato gli affari di stato. Si rese conto che stava per sacrificare la sua vita alla politica, ma non gli importava: "l'ufficio del re è grande, nobile e deliziosa quando ti senti degno e capace di svolgere tutte le cose a cui si è impegnata."
Non sorprende, quindi, che perfettamente capire loro obbligo di sposare l'infanta spagnola Teresa María de Austria, figlia di Felipe IV di Spagna, perché così gli interessi della Francia lo richiedeva. Secondo la pace dei Pirenei, il trattato firmato nel 1659 tra i due paesi, la dote della principessa dovrebbe pagare entro un determinato periodo. Se il pagamento non è effettuato, la principessa manterrebbero il loro diritto al trono spagnolo. L'astuto Mazarin sapeva che la Spagna è stata praticamente rovinata e che sarebbe molto difficile raccogliere la dote, che Luis XIV potrebbe rivendicare, attraverso la moglie, i Paesi Bassi spagnoli e anche il trono di Spagna. Il sovrano mai incontrato la Regina troppo prim e devota, ma è soddisfatto tutti i suoi obblighi e impegni come marito. Almeno durante i primi anni del loro matrimonio.

Matrimonio di Louis XIV e Maria Teresa d'Austria
9 marzo 1661, Mazarin cessò di esistere. Avuto il tempo di esercitare la sovranità completa. Louis XIV ha scritto nel suo diario: ' all'improvviso, ho capito che era re. Per che egli era nato. Una celebrazione dolce I invase immediatamente". Quando i funzionari rispettosamente chiesto lui che doveva essere il suo primo ministro, il sovrano rispose: "io. Ho ordinato loro di non firmare nulla, anche un passaporto, senza il mio consenso. Devono rimanere mi ha informato di tutto ciò che accade e nessun favore a nessuno".

Monarca assoluto

Con le sue parole, Luis XIV aveva appena trovato la monarchia assoluta in Francia, secondo un concetto cui diffusione garantirebbe: quella del dispotismo per diritto divino. Onnipotenza ministeriale che dal 1624, sotto Richelieu e Mazarin, aveva posto le fondamenta del potere francese, è stato ora assorbite l'autorità reale. Da allora, né la regina madre e altri dignitari tornarono ad essere convocato in qualsiasi incontro dei consigli di stato. Il monarca ha invitato solo la triade ministeriale formata da Jean-Baptiste Colbert, François-Michel Le Tellier, Marquis de Louvais e Hugues de Lionne. Inseparabile dal re, incontrato due o tre volte a settimana su consigli riservati presieduto questo, mostrando che aveva una personalità e una forza sufficiente a controllare gli organi di governo centrale. Così, l'anno 1661 ha segnato l'avvento di una nuova era in Francia e in Europa, che della monarchia assoluta.
Un altro grande effetto di Luis XIV quel colpo di anno è stato l'arresto di Nicolas Fouquet, sovrintendente delle finanze di Mazzarino, che il re considerava troppo ricco e potente e capace pertanto diventare successore del cardinale. In un atto di affermazione teatrale del potere, è arrestato a Nantes, il 5 settembre, con l'accusa di appropriazione indebita di fondi pubblici. Condannato all'ergastolo nella fortezza di Pinerolo, Fouquet era da allora un avvertimento per coloro che servite o stavano servendo il re. Così l'autorità reale è aumentato ancora di più, dandogli la pienezza dei poteri che era Richelieu Luis XIII Delegazione: il re è visto come un rappresentante di Dio sulla terra e come un essere infallibile, dal momento che il suo potere è venuto lui di Dio.

Un giovane Luis XIV (olio)
Charles Le Brun, c. 1661)
Lo spirito metodico e consapevolezza professionale, Luis XIV mirato a incarnarsi in Francia nella sua persona singola, mediante la centralizzazione assoluta, l'obbedienza passiva e il culto della personalità reale. Tutto era sotto il suo controllo, da dispute teologiche fino all'ultimo dettaglio della cerimonia. L'etichetta rigida inflitta alla Corte era nelle loro mani uno strumento di governo. Dopo aver recitato in undici guerre negli anni quaranta, il potere dei nobili divenne dipendente dalla possibilità di dimostrare in tribunale al re. Da quel momento essi cesserebbe di essere un fattore essenziale nella politica francese a cristallizzarsi in una classe sociale parassita, egoista e incline a snobismo. Allo stesso modo che Luis XIV secolo segnò l'apogeo della vita cortese, ridotto a nobiltà chiudere dipendenza economica e morale della figura del re.
Il suo regno fu designato dall'ostentazione e l'euforia, soprattutto nei primi anni, quando essi brillava nella commedia Molière e opera di Lully, e ballato il proprio Luis vestita come Dio dell'Olimpo, per conforto delle signore. La regina madre e il cerchio dei devoti della Corte sono rimasti scioccati per vedere che il matrimonio non aveva grigio la passione del re per avventure sessuali. Regina María Teresa, basso e grassoccio, parlava con difficoltà il francese e vissuto quasi ignorato, ma in adorazione perpetua del marito, che avrebbe dato sei figli, tutti coloro che è morto nell'infanzia, con l'eccezione del grande delfino. Quando la regina morì nel 1683, Luis ha detto: «Ecco il primo nonostante il fatto che ha provocato in me». Tutti gli ha dato la ragione.
Il regime delle amanti ufficiali aveva iniziato poco dopo il loro matrimonio, quando il re ha stabilito un rapporto stretto con sua cognata madame Enrichetta, duchessa di Orléans e, per evitare lo scandalo, preso amante per una dama d'onore di questo, Louise de La Vallière. Era una ragazza timida e qualcosa zoppo, sedici-anno-vecchio, che gli diede tre figli illegittimi sarebbe sollevata dalla moglie di Colbert.

La marchesa di Montespan
Nel 1667, La Vallière fu sostituita da François-Athénaïs de Rochechuart, la splendida Marchesa di Montespan, che ha dominato il re e la Corte come la sultana reale delle celebrazioni di Versailles per dieci anni. Loro numerose nascite (sette in totale) sono stati oggetto del Parlamento che legitimized i quattro figli di bastardi che sono sopravvissuti. Infine, stanco di Angers e la sua gelosia, il re separato quando la marchesa è stato coinvolto nel cosiddetto caso di veleni, uno scandalo di sogno che coinvolge un gran numero di personalità, che vennero accusate di stregoneria e di omicidio.

Espansionismo e guerra

Louis XIV è stato sempre considerato la guerra come la naturale vocazione di un grande re, e ha subordinato l'economia nazionale, con l'obiettivo di imporre la supremazia francese in Occidente. Suo ministro Colbert gli ha fornito i mezzi materiali alle loro imprese, con riforme in finanza e il successo dell'industria e del commercio misure protezionistiche. La rivoluzione economica che hanno avuto luogo gli permise di costruire un esercito capace di rendere lo stato più potente di Francia in Europa. Questo compito è stato strumentale nella riorganizzazione delle truppe di Le Tellier, che si è concentrata l'autorità militare per creare un vero e proprio esercito monarchico, cui le truppe rosa da 72.000 a 400.000 uomini.
Dopo la morte di suo suocero Felipe IV nel 1665, Louis aveva iniziato una battaglia legale per rivendicare i Paesi Bassi spagnoli in nome di sua moglie, e aveva pubblicato i diritti trattato della Regina. Poco dopo il 21 maggio 1667, con la formidabile macchina da guerra creata da Le Tellier, invase i territori fiamminghi, presa in consegna le piazze più importanti del confine, nel bel mezzo di una passeggiata militare vera e propria. Inquieto prima la Spinta francese, Inghilterra si è alleato con i Paesi Bassi e la Svezia nella triplice alleanza, (conosciuto con il Nom de guerre di ritorno) gara ha cambiato corso, terminando con la pace di 1668 di Aquisgrana, da cui Spagna recuperato Besançon e Francia Lossing delle Fiandre. Questo fu l'inizio di una serie di conflagrazioni che durò per tutto il suo Regno.

Louis XIV nella guerra del ritorno (olio su tela di Le Brun)
Dopo quattro anni di preparativi, Luis determinato la rivincita di prendere tempo in Olanda, in parte anche dall'odio per i borghesi repubblicani che hanno monopolizzarono il mare era venuto. Lionne Ministro ottenuto un supporto attivo in inglese, attraverso l'alleanza con Carlos II e la neutralità della Svezia e Brandeburgo, Baviera. Nella primavera del 1672 un potente esercito di 200.000 uomini, comandato dal re in persona, ha attraversato il vescovato di Liegi e invase l'Olanda, conquistarla in poche settimane. L'aiuto efficace della flotta inglese contribuì alla vittoria, e Luis tornò trionfalmente a Parigi.
Ma gli olandesi sono supportati nel principale nemico della Francia, il principe Guillermo de Orange, che ha ordinato che gli argini rompono per fermare l'esercito invasore, allo stesso tempo che l'ammiraglio Ruyter sconfisse la flotta anglo-francese. Resistenza dei Paesi Bassi ha provocato isolando la Francia dai suoi ex alleati, che costrinse Louis alla rinuncia dei loro crediti sui Paesi Bassi. La lunga guerra si è conclusa con il trattato di Nimega, firmato nel 1678, da cui il re sole è diventato l'arbitro dell'Europa: è stato le dimissioni nelle Fiandre, ma consolidò i confini del Nord e ad est e ottenuti dalla Spagna la Franche-Comté.

Il re Christian

Forty-year-old Luis XIV aveva raggiunto l'altezza della sua fortuna politica e militare. Arrogante come qualsiasi altro sovrano, Parigi chiamarono il grande e in tribunale era oggetto di culto. Importanti cambiamenti si sono verificati in quel momento. Dopo aver separato da Mme de Montespan, timorosi di veleni scandalo arruinase sua reputazione, il re apertamente abbandonato i piaceri e imposto la misericordia sulla Corte. A sua immagine, l'ex Libertines è diventato devoti, un velo di ostentazione di decenza sovrapposto, gioco e intrattenimento, che nella sua scomparsa (non è affatto completo) lasciato posto per la noia e l'ipocrisia.
Gli ipocriti sono così reacomodaron alla nuova moderata e metodico Corte di Versailles, che era segretamente un nuovo sovrano: Mme de Maintenon. Lei era la vedova del poeta satirico Paul Scarron ed era stata la governante dei bambini detenuti dal re con Mme de Montespan, prima di diventare il nuovo preferito. Poco dopo morendo Regina María Teresa, nel 1683 sposò segretamente il re in una cerimonia benedetta dall'arcivescovo di Parigi. Il matrimonio significava una nuova tappa nella vita di Luis XIV, quale testa definitivamente rilassato, preparazione per una vecchiaia degna e giusta, circondato dai loro figli e nipoti.

Madame de Maintenon
L'influenza di madame de Maintenon, Huguenot convertito al cattolicesimo, era strumentale nella devozione del re, che, nonostante possegga solo una vernice di religiosità (il loro cristianesimo era basata su «timore dell'inferno»), che voleva imporre l'unità unita della fede cattolica e protestantesimo visto come un'offesa al re tutti. Un'ondata di conversioni di massa, ottenuta attraverso la violenza, che, il 18 ottobre 1685, la revoca dell'editto di Nantes, quale Enrique IV aveva autorizzato il Calvinismo alla fine del precedente secolo è poi scatenato. Le scuole erano chiuse, demolito templi e anfiteatri pastori, mentre l'esodo di migliaia di protestanti nei Paesi Bassi è stato creando sacche di ostilità nei confronti del re. Louis XIV ha così aderito loro nemici naturali del mondo della riforma.
Inghilterra, Germania e Austria si unì alla Grand Alliance per resistere espansionismo francese. La guerra risultante è durato a lungo, che si estende tra il 1688 e il 1697, anni in cui Luis XIV è riuscito a ottenere la vittoria militare che ha cercato ed Europa è stato gradualmente essere imposto sulla Francia, soprattutto per la determinazione di Guillermo III, l'anima della coalizione. William III aveva proposto l'eliminazione dell'egemonia del re sole nel continente e l'implementazione della tolleranza religiosa. La pace di Ryswick pose fine al conflitto attraverso una serie di alleanze che significava il primo calcio in strada imperiale di Luis XIV: Lorena è stata restaurata a Duke Leopoldo; Lussemburgo alla Spagna; e Guillermo III fu riconosciuto come re d'Inghilterra, contro la credenza di Luis nel diritto divino del re Estuardo Jacobo II al trono inglese.

La guerra di successione

Il testamento dell'ultimo Habsburgo re di Spagna, Carlos II Bewitched, che morì nel 1700, ha dato l'imperiale Felipe legacy d'Angiò (Felipe V), nipote di Luis XIV. Quando il monarca francese accettato clausole testamentarie, tornate a sollevare il dilemma: egemonia della Francia o equilibrio continentale e la sua decisione significava una dichiarazione di guerra. Tutta Europa ferito dalla politica imperialista durante gli ultimi trent'anni aumentati nuovamente contro l'egemonia, e così la Francia ha dovuto combattere contemporaneamente contro Austria, Inghilterra e Olanda. La lotta è stata indicata all'inizio dalle vittorie dei Borboni, ma dal 1708, i disastri della guerra erano così grandi che la Francia era sull'orlo di perdere tutti i territori conquistati nel secolo precedente, e Luis XIV fu costretto a chiedere la pace, soprattutto dopo il disastro di Malplaquet. Umiliato sul campo di battaglia, il re accettato il trattato di Utrecht, con il quale Francia ceduto Terranova, Acadia e Baia di Hudson in Inghilterra, anche se ha mantenuto la corona di Spagna.
I sacrifici della guerra ha rovinato lo stato francese e minato il regime assolutista di Luis XIV, già logorato dalla crisi economica e sociale: l'altro lato dell'età del re sole è stata esposta nella carneficina, a chiedere l'elemosina delle città, nel timore dei contadini al Ministero del tesoro, nella frequenti tumulti e la fame e la miseria repressa con il sangue, di persone disperate, nella rivolta dei servi contro i signori che hanno imperversato in tutto il mondo. Gli alberi flessione sotto il peso degli impiccati, ha commentato imperterrita madame de Sévigné e le denunce contro le tariffe privilegiate rosa ovunque.

Ritratto equestre di Luis XIV (c. 1704)
Ma l'egoismo orgoglioso del monarca è rimasta immutabile, nonostante la tristezza delle sconfitte militari e grandi duelli della sua famiglia: morì nel 1705 il suo pronipote, il duca di Bretagna; nel 1711, il grande delfino; nel 1712, suo nipote Louis, duca di Borgogna, la donna di questo, María Adelaida de Saboya e suo nipote secondo, il secondo duca di Bretagna. Come erede al trono già realizzato non più di un terzo nipote, il Duca d'Angiò, che avrebbe regnato con il nome di Luis XV.
Il re era vecchio e si rifugiò nella preghiera e nel grembo del suo favorito. Durante l'inverno del 1709, c'era una marcia contro la fame tra Parigi e Versailles. Per la prima volta dalle fronde, Luis XIV sentito le grida di protesta dalla folla. Mme de Maintenon ha scritto: "la gente del popolo morire come mosche e, nella solitudine delle loro camere, re soffre incontrollabili attacchi di pianto". Vita a Versailles presto stava perdendo il suo splendore e i corridoi enormi, una volta pieni di risate, sono diventato un stagehands ghiacciate senza vita. In pochi anni, Luis XIV fu trasformato in un uomo sconfitto, malinconico e soprattutto malato. Grazie alla Gazzetta de santé del re, felicemente conservato, sappiamo che egli soffriva di raffreddori, mal di testa, stomaco, diarrea, vermi, febbri, foruncoli, reumatismi e gotta, che dà conto di come il suo fisico imponente era rotto. In agosto 1715 si è lamentato di dolore alle gambe. Alla fine del mese alcuni orribili macchie nere apparve sui polpacci. I medici, lividi, è stato diagnosticato con gangrene.
Il monarca sapeva che stava per morire e ha ricevuto la notizia con straordinaria forza d'animo. Dopo aver dedicato un paio di giorni per organizzare i loro affari e dire addio alla sua famiglia, chiamato accanto al suo letto al Delfino, suo nipote e futuro Luis XV. L'Overlord morente ha dato il suo Regno con queste parole: "stanno per essere un grande re. Non imitare il mio amore per edifici o il mio amore per la guerra. Si tenta di vivere in pace con i vostri vicini. Non si può mai dimenticare il tuo dovere né vostri doveri verso Dio e assicurarsi che i soggetti onorano. Accettare un buon consiglio e seguirli. Si cerca di risollevare le sorti del vostro popolo, dato che, purtroppo, non ero in grado di farlo." Il 1° settembre 1715, Luis XIV cessò di esistere. Le sue ultime parole furono: "Io vado. La Francia è abbastanza." Egli aveva governato per sessantaquattro anni, essendo suo Regno più lungo nella storia dell'Europa.

Louis XIV e Molière, il grande drammaturgo
Con lui scomparve l'ultimo esempio di monarchia assoluta e un re che aveva portato momentaneamente Francia alla sua sommità. Il suo Regno, rispetto di Voltaire alla del Roman Emperor Augustus, attivata una straordinaria fioritura di lettere, che comprende i più diversi campi del pensiero e creazione: Corneille, Racine e Molière ha svelato il suo teatro; La Fontaine ha scritto suo favole; Pascal ha scritto i loro pensieri e La Rochefoucauld sue massime. La ragione, la chiarezza e l'equilibrio formale sono stati imposti come criteri fondamentali per l'arte; dalla Francia, classicismo sarebbe irradiano in tutta Europa. Louis XIV era il principale cliente degli artisti, e così è stato sopportato un 'stile Luis XIV' perfetta armonia; sua propensione per la geometria decorativa è prevalso in parchi e giardini; la nuova architettura trovò la sua espressione finale a Versailles, dove marmo gamma degli spazi e la morsa di simmetria erano un tributo per l'indiscussa autorità reale, che è riconosciuto come il rappresentante di Dio sulla terra. Tuttavia, il vescovo Massillon così concluso l'orazione funebre di Luis XIV: "Dio è grande!".

Cronologia di Louis XIV della Francia

1638Nato a Saint-Germain-en-Laye, Parigi (Francia).
1643Morte di suo padre, Re Luis XIII. Sua madre, Ana de Austria, passa alla reggenza e affidati i compiti di governo al cardinale Mazarino.
1648-53Rivolte di potere della Fronda.
1654È incoronato re presso la Cattedrale di Reims. Come sua madre, cardinale Mazarino delega le attività del governo.
1659Scontri con la Spagna si conclude con la firma della pace dei Pirenei.
1660Ha sposato Teresa María de Austria, figlia di Felipe IV di Spagna.
1661Dopo la morte del cardinale Mazarino, personalmente si presuppone il governo: inizio della monarchia assoluta.
1667-68Ritorno della guerra.
1668Firma della pace di Aquisgrana. Francia ottiene parte delle Fiandre.
1672-78Guerra d'Olanda.
1678Firma del trattato di Nimega, premiato vantaggi territoriali e commerciali di Francia.
1682Trasferimento della Corte alla nuova Reggia di Versailles.
1683Morte di Maria Teresa d'Austria. Contrasse un matrimonio morganatico con Madame de Maintenon.
1685Revoca l'editto di Nantes, costringendo gli ugonotti a convertirsi al cattolicesimo o andare in esilio.
1688-97Guerra della lega di Augusta o nove anni.
1697Pace di Ryswick. Francia deve restituire la maggior parte dei territori occupati durante il conflitto.
1701-13Guerra di successione.
1713Firma del trattato di Utrecht, che liquido francese egemonia e ripristinare l'equilibrio europeo.
1715Morì a Versailles.

Louis XIV della Francia e del suo Regno

Luci e ombre di un Regno

Glorie trafitto e disastri, gli eccessi del Regno di Luis XIV, soprattutto per quanto riguarda la guerra, erano terribili. Tuttavia, nonostante le difficoltà e gli errori e il relativo successo della politica di prestigio, Francia riesce a prendere l'iniziativa delle Nazioni europee. Regno più lungo ha provocato lo sviluppo del absolutism amministrativo. Lo stato ottenuto un potere di intervento, di decisione e di iniziativa che sottoposto progressiva efficacemente a tutti i soggetti a un'autorità esercitata in nome del re, ma che in realtà iniziato il Consiglio e i suoi ministeri e che i sindaci applicate nelle province. Le istituzioni provinciale e comunali ha perso molto della sua autonomia a favore del centralismo monarchico.

Louis XIV della Francia
Louis XIV assimilato di ideologi della monarchia assoluta, come Bossuet, la concezione divina del potere regale. Il re considerato è l'esecutore della volontà di Dio sulla terra. Profondamente intrisa di queste convinzioni e dopo aver assunto le funzioni che coinvolgono, Luis XIV si è sforzato duramente estendere il suo potere in tutti i confini del suo Regno e dotarsi di un alone di gloria che sua maestà si alzò verso il cielo. Egli era un lavoratore instancabile, permettendogli di imporre un controllo finora insolito sopra la vita politica e amministrativa del Regno, sulla società, cultura e religione. All'esterno ha astutamente preso la debolezza della casa d'Austria, in declino alla fine del XVII secolo. Questo permise a diffondersi con successo in tutta Europa la nozione che la Francia era il nuovo mondo di grande potenza, guidato da una dinastia che ha erroneamente torna a Carlo Magno. Per proclamarsi il monarca più potente con un'ostentazione offensiva per il resto delle monarchie e che le ambizioni di allarme suscitato nel resto delle potenze, sogni di gloria del re sole finirebbe per compromettere la sua audacia.
Simboli della monarchia assolutista di Luis XIV sono insolito splendore della vita di corte e la magnificenza di Versailles. Il re ha organizzato un culto cortigiano alla sua persona, come metodo di proclamazione pubblica della sua grandezza. Per Luis XIV celebrazioni e cerimoniali erano centrale di affari di stato, ha scritto: "la città" Mi piace "lo spettacolo. Ha mantenuto il suo spirito e il suo cuore". Nel rituale della Corte, spesso il Re comparve vestito da loro personaggi preferiti: Marte, Apollo, il sole... Questa ostentazione era, di là dei rifiuti, un sistema efficace di addomesticamento della nobiltà. Il re invitò nobili a vivere presso la Corte, seducendoli con la possibilità di ottenere mercedes e godere dei piaceri dei cortigiani, spingendoli a sprecare la loro eredità sulle spese suntuarie, che cosa ha fatto dipendono sempre più dalla privanza regia. Era necessario ampliare gli organi nazionali della Corte per ospitare gli aristocratici che hanno cercato di rimanere nel circolo di Corte. I nobili sono stati espropriati del potere politico in cambio di esche del culto monarchico.
Sotto il suo governo di ferro, la Francia ha raggiunto dimensioni sconosciute fino ad allora. Ha sostituito l'Italia all'avanguardia della creazione artistica grazie all'impulso dato alle arti fin dai tempi di Luis XIII e Richelieu. Louis XIV ha portato l'arte francese al suo apice: Corneille, Racine e Molière nel dramma, Le Brun e Mignard in pittura, Le Vau e Hardouin-Mansart nell'architettura. Simile alla Académie française, che sorvegliava la purezza della lingua, sono state create altre accademie: iscrizioni o piccola Accademia (1663), dedicato per le medaglie e le iscrizioni epigrafiche; Pittura e scultura (1664), Scienze (1666) e architettura (1671). La gloria personale del monarca era fonte inesauribile di ispirazione per gli artisti. Louis XIV è diventato Apollo o Alexander le grandi opere di Le Brun, come incarnazione della Maestà leggendaria. Questa era la volta la creazione di un francese veramente stile, classicismo, sorto dalla trasformazione dell'arte italiana penetrata degli ideali del dispotismo monarchico.

Insieme a Colbert in Accademia delle scienze
Mezzo secolo dopo la morte di Luis XIV, Voltaire ha confessato affascinato dalla volontà di potenza e il senso della Maestà del sovrano. Il filosofo illuminato per la famosa frase "il secolo di Louis XIV", utilizzato in modo ricorsivo per la volta dell'Assolutismo monarchico. Per l'erede di storiografia alla rivoluzione del 1789, tuttavia, Luis XIV divenne il simbolo del despotism selvaggio e militaristico.

Assolutismo monarchico

La morte di Mazzarino nel 1661 marzo ha portato a Luis XIV ad assumersi personalmente le redini del potere. Aveva ventidue anni e la volontà di praticare direttamente la Corte di stupito sinistra di governo dello stato. Il re scrisse nelle sue memorie per l'istruzione del delfino suo ufficio era il più "nobile, grande e delizioso" che è stato risolto per riprodurlo senza la mediazione del già tradizionale valido.
La riforma dell'amministrazione centrale intrapreso da Luis XIV è dovuto alla sua personale si concentrerà per trasformare se stesso e i suoi colleghi alcune delle funzioni di governo supremo di fiducia. Il re ereditato da Mazarin suo principale ministri: Jean Baptiste Colbert, Michel Le Tellier, Hugues de Lionne e Nicolás Fouquet, che rimase per lo più nei loro post per molti anni. Nel corso del suo lungo regno, Luis XIV mai nominato un primo ministro.
Le decisioni del re avevano forza di legge; erano la legge stessa, sotto un assolutismo reale che è diventato paradigmatico, fatta in un momento dalla tradizione feudale e diritto romano. Louis XIV ridotto il potere delle posizioni tradizionali della monarchia, come il cancelliere o il Conestabile; Ha tenuto lontano il potere alla nobiltà di sangue e ha favorito l'ascesa dei funzionari plebei e il nuovo output di nobiltà nei ranghi della borghesia, guadagnare, così la loro fedeltà. Alla fine della sua vita, il re stesso così ha spiegato questa politica a suo nipote ed erede: "non ero interessato a più eminente posizione prendere maschile. Prima di tutto, era necessario per stabilire la mia reputazione e per informare le persone che, proprio per il rango che avevano, la mia intenzione era di non condividere la mia autorità con loro. Quello che contava per me era che essi non nascosamente maggiore spera di quello ho dare loro, che è difficile per le persone di zeppa alta. " Funzionari fedeli al re creato dinastie reali dei burocrati che si sono perpetuano nelle posizioni dei segretari di stato.
Durante il primo ventennio del Regno che la Corte era in viaggio, il re ha mantenuto loro paura della gioventù per il tumulto di Parigi. La maggior parte dell'anno che il monarca ha vissuto lontano dalla capitale, tra i palazzi di Fontainebleau, Saint-Germain o Chambord. Infine, ordinò la costruzione di un enorme palazzo a Versailles, vicino a Parigi, che sarebbero diventato il simbolo per eccellenza della sua grandezza e il nuovo linguaggio estetico ideologicamente legati all'esempio più finito di Assolutismo monarchico.

La Reggia di Versailles
Servizi ministeriali e la casa del re sono stati installati a Versailles. La Corte si trasferì al nuovo palazzo nel 1682, anche se le opere da che non hanno concluso fino alla fine del Regno. Il primo progetto architettonico corrispondeva a Le Vau e completato successivamente da Hardouin-Mansart, autore dei famosi giardini. Il re personalmente supervisionato la costruzione del Palazzo, lasciando il proprio segno personale sulle soluzioni architettoniche del lavoro più importante del classicismo francese. Louis XIV ha quindi stabilito un vero dispotismo estetico in cui ha catturato, insieme a sua predilezione per l'arte italiana, concezioni ideologiche della monarchia di diritto divino.
Louis XIV è diventato consigli amministrativi veri ministeri. Il Conseil d' Haut o Consiglio supremo era il principale organo di governo. I principi di sangue e anche la propria madre Regina sono stati esclusi da esso. Ha generato nuovi corpi per una monarchia che è sempre più è stata una macchina burocratica: le Conseil de Depeches per le relazioni con le province, le Conseil des Finances, il Conseil de giustizia o l'Ispettorato generale delle finanze. Per garantire l'ordine interno e il compimento della regia sarà, Luis XIV rafforzato un efficiente corpo di intendenti, un vero strumento di repressione della monarchia. Ottenere l'obbedienza all'autorità monarchica all'interno e garantire la reputazione e l'egemonia straniera francese sono stati i criteri essenziali delle norme re sole.
L'amministrazione
Colbert, ex sindaco di Mazzarino e uomo di grande intelligenza politica, è stato suo consigliere principale durante gran parte del Regno. Nominato controllore generale delle finanze, è stato responsabile per la riorganizzazione del Consiglio delle finanze e ricevuto i segretari di stato della Marina e la casa del re. I sindaci delle province, commercio, navigazione, acque e foreste e colonie periferiche dipendeva. Per evitare la concentrazione del potere nelle mani di Colbert, Luis XIV consegnato ministeri dell'esercito di terra e di politica estera ad altri consiglieri.

Jean-Baptiste Colbert
Riforma fiscale promossa da Colbert nei primi anni del Regno che si sono rivelati infruttuosi, il re si rifiutò di sacrificare la sua politica di prestigio al fine di ristrutturare la finanza. Il ministro ha voluto intraprendere un ammodernamento delle strutture economiche della Francia applicando principi innovativi mercantilista: creò gli articoli dello stato, ha dato i privilegi a compagnie private, una migliore gestione delle foreste, portato alla costruzione di navi da guerra per proteggere la flotta mercantile e le coste e ha favorito la creazione di aziende commerciali per le Indie ad ovest il Golfo di Guinea e il Mar Baltico. La maggior parte di queste misure non applicare un piccolo ambiente economico internazionale favorevole e si scontrano con il concetto tradizionale che le priorità dello stato professavano il sovrano francese. Francia, tuttavia, era la più ricca in Europa potere.
Colbertista politica ha avuto grandi successi sul piano nazionale. La conservazione dell'obbedienza alla monarchia significava la presenza continuata di agenti del governo centrale (funzionari e sindaci) in tutte le regioni del Regno. Grazie al funzionamento efficace del sistema di intendencias, inutilizzato controllo esercitato dallo stato centrale, ordine pubblico è stato imposto che ha portato ad un ritiro di private libertà ed a enti pubblici tradizionali. Ciò ha provocato un rafforzamento del carattere amministrativo della monarchia.

Politica religiosa

La sontuosità della Corte mascheramento gravi difficoltà del governo interno, particolarmente in materia religiosa. L'unità della fede intorno alla Chiesa cattolica ha rappresentato un ruolo essenziale nella politica centralizzata del Regno, come garanzia di ordine e stabilità sociale, secondo la concezione di Luis XIV. Anche se vicino alla Santa Sede, il re voleva consolidare l'indipendenza tradizionale del gallicanesimo monarchica.
L'estensione a tutte le diocesi di un diritto che è riservato per la monarchia, l'erogazione delle prestazioni in alcune diocesi generato un grave conflitto con il papato, mentre alzando la resistenza dei Vescovi di tendenza giansenista. Il re ha chiesto che l'Assemblea straordinaria del clero convocata a tal fine raccogliere sistematizzato e ampliato la dottrina di galicana a che fare con le pretese papale. È emerso da questa Assemblea la cosiddetta dichiarazione dei quattro articoli del 1682, condannato da Papa Innocenzo XI e i suoi successori Luis XIV fatto per insegnare i seminari.
Unità religiosa ha significato inoltre un nuovo conflitto con i protestanti. Nei primi anni del suo governo, Luis XIV mantenuto in vigore l'editto di Nantes, che ha regolato la situazione dei protestanti all'interno del Regno dal 1598. Ma dal 1669, c'erano misure successive che limita la libertà religiosa e incontrarono rigorosamente le disposizioni dell'editto di Nantes, in termini di limitazione delle attività culturali dei protestanti. A quanto pare, dopo questo improvviso zelo religioso del re era la sua politica di prestigio, che lo ha spinto a diventare campione della cristianità europea, in concorrenza con il recente vincitore, il tedesco imperatore dei turchi.
Tra il 1679 e il 1685 viene emesso una serie di editti che liquidato garanzie giuridiche dell'editto di Nantes e innescato la repressione militare contro gli ugonotti. Le disposizioni di Nantes erano permanentemente revocate nel 1685, dall'editto di Fontainebleau. Le conseguenze di questa decisione sono stati disastrose: l'elite sociale dei protestanti ha intrapreso la via dell'esilio, portando con sé le loro fortune e il loro know-how al loro ospite, Brandenburg e Province Unite, Paesi mentre paesi protestanti denunciò violentemente la tirannia di Luis XIV.

Jacques Bénigne Bossuet
Su un altro fronte d'azione, il re iniziò la persecuzione del giansenismo. La pratica di austero rigore morale e religioso consigliata da questa dottrina aveva raggiunto diffusa nel Regno grazie alle opere di scrittori pii, come Pasquier Quesnel, che ha criticato duramente l'assolutismo reale. Sua ascesa al trono, Luis XIV prese la bolla papale di 1653 dichiarando eretica la dottrina giansenista. Alla fine del Regno ha intensificato la persecuzione e il re chiese al Papa la promulgazione della bolla Unigenitus, condannando le dottrine del padre Quesnel. Suore di convento parigino giansenista resistettero lasciò la dissoluzione delle loro comunità, fino a quando nel 1709 le braci ultimi giansenisti della capitale sono stati rimossi violentemente. L'offensiva contro la morale penetrante è stato condotto da molto vicino i vescovi di monarchia: Bossuet e Fénelon, che eresse anche una dottrina di carattere mistico, quietismo, che ha ricevuto la Royal supporto nei suoi scritti.
Politica estera
Oggetto di controversia storiografica è stata la questione se Luis XIV ha seguito un programma preimpostato nella sua politica estera dall'inizio del suo Regno. Secondo alcuni autori, questo sarebbe contrassegnato con due obiettivi precisi: l'accertamento definitivo delle frontiere del Regno e la successione al trono spagnolo dopo la morte di Carlos II. Entrambi gli obiettivi avrebbero lo scopo di raggiungere l'egemonia europea per la Francia.
In caso di successione al trono spagnolo, Luis XIV iniziò sostenendo i diritti di sua moglie, l'infanta spagnola María Teresa, cui dote non è mai stato pagato. L'accordo prematrimoniale ha dichiarato che, in cambio la dote, l'infanta dimetterebbe tutti i suoi diritti all'Impero spagnolo. Dopo la morte di Felipe IV, nel 1665, Luis XIV cercherebbe compensazione territoriale sostenendo questi diritti. Lo scontro con la Spagna era inevitabile dato il continue territoriale violazioni commit contro domini ispanici.

Louis XIV e Felipe V sigillare la
Trattato dei Pirenei (1659)
Per quanto riguarda i bordi, la configurazione era molto vaga, anche dopo gli accordi territoriali della pace di Westfalia e dei Pirenei. Louis XIV era desideroso di estendere il suo regno fino a quella che considerava suoi "confini naturali", cioè, lungo tutto il Reno a est e la costa fiamminga dal nord; È stato restituito alla Francia i limiti dell'antica Gallia. Anche se il re perseguita entrambi gli obiettivi durante il suo Regno, non possiamo affermare che la sua politica estera seguire specifiche linee di azione. La sua più grande preoccupazione è stata senza dubbio la propria gloria, che identificato con la Francia, secondo la famosa frase che è comunemente attribuita: "Lo stato sono io". Anche se Luis XIV mai detto una cosa del genere, la frase riassume con precisione la loro ideologia.
Politica estera prestigioso coinvolto il rafforzamento dell'esercito. La guerra era la risorsa preferita di Luis XIV di imporre la propria egemonia e l'esercito sostiene uno strumento essenziale della sua politica. Il re ha affidato l'amministrazione e la riforma uno dei suoi più fedeli aiutanti, Michel Le Tellier, che sostituirebbe più tardi suo figlio Louvois. Le Tellier introdotto miglioramenti nell'armamento della fanteria e cavalleria, nell'uso dell'artiglieria e il provisioning delle fortezze. L'esercito è diventato un'arma al servizio della monarchia e sono stati eliminati reattanze in parte feudali che ostacolavano lo. Alla sua testa, Luis XIV conservati i generali dalla fine del Regno di suo padre, Turenne e Condé, uomini di provata abilità militare.

Michel Le Tellier
Da 1667 l'esercito francese, con circa 72.000 uomini, era, sia nel numero di personale capacità offensiva, rispetto al resto degli eserciti europei. Successivi concorsi servito per testare le riforme e avviare nuovi. Al momento che perfeziona l'esercito, Colbert e suo figlio, Seignelay, diede successivamente Francia una potente flotta, con la costruzione sistematica di navi di qualità negli arsenali di Brest e Tolone. Ingegnere Vauban introdotto nelle città di confine e porti un nuovo sistema di fortificazioni che ha trasformato la Francia in un territorio quasi inespugnabile. Lo stato permanente di guerra costretti ad per aumentare continuamente le truppe, utilizzando le camme forzate, molto impopolare tra la popolazione. Anche se sono sopravvissuto a molti dei suoi vecchi vizi, Luis XIV esercito era il più efficace del suo tempo.

Gare europee

La prima fase del Regno, tra il 1661 e il 1679, è stata caratterizzata dai successi in politica estera, sviluppato nel senso della rivalità tradizionale spagnolo-francese. Quando nel 1661 Luis XIV si occupò del governo, la Francia aveva l'alleanza di fuori della Svezia, Inghilterra e Province Unite. Come sovrano francese era divenuto il garante dei trattati della Westfalia e protettore della lega del Reno, interna dell'alleanza di diversi principi imperiali. Ha avuto quindi una clientela potente in Germania. Questa situazione gli permise di intraprendere la sua offensiva contro l'impero spagnolo.
La morte di Felipe IV, Luis XIV ha sostenuto i Paesi Bassi spagnoli come parte dell'eredità di sua moglie, María Teresa, nel 1667, una guerra che è stato richiamato il "diritto al ritorno", in modo che è conosciuto per il conflitto come una guerra di ritorno. Louis XIV ha preso possesso del bordo di undici ville nel nord, tra cui Lille. Il re ha cercato di isolare la Spagna con la formazione di una triplice alleanza con la Svezia, le Province Unite e Inghilterra, garantendo la neutralità dell'Impero. Ma per i motivi religiosi, politici e, soprattutto, economico rivalità con le Province Unite era difficile da superare. La guerra terminò con la pace di Aquisgrana nel 1668. La pace era il risultato della pressione esercitata dall'Inghilterra e Olanda, allarmato dai successi francesi nonostante l'isolamento internazionale che Luis XIV aveva ottenuto collocato la Spagna. Gli accordi consegnato a Francia parte delle Fiandre e momentaneamente tornò in Spagna il Franche-Comté, conquistato durante la guerra.
Dopo quattro anni di preparazione diplomatica, nel 1672, Luis XIV finalmente inaugurato un'offensiva armata contro le Province Unite. In poche settimane l'avanzata dell'esercito francese costretto i fiamminghi a chiedere la pace. Condizioni imposte dalla Francia erano così dure che provocò una rivolta all'Aia, la caduta del governo repubblicano di Jan de Witt e l'avvento al potere di statuder Guillermo de Orange, che sarebbe diventato uno dei più ioni nemici di Luis XIV: oltre interesse è notevolmente eliminare l'egemonia francese, William si incarna nella sua persona una monarchia parlamentare in politica e tollerante in quali idee culturale-religioso diametralmente opposte assolutismo e intransigenza di Luis XIV.

Louis XIV prima di Maastricht (Pierre Mignard, 1673)
Poi si formò una coalizione tra le Province Unite, Spagna, l'imperatore e il duca di Lorena. Teatro delle operazioni si trasferì dalle province per i Paesi Bassi spagnoli, Franche-Comté e Alsazia. La novità è stato lo sviluppo della Marina francese, con la guerra di staffe e il corso. Le flotte fiamminga e spagnola ha subito gravi battute d'arresto nel Mediterraneo vicino alla Sicilia, occupata dalle truppe francesi.
La guerra terminò con la pace di Nimega, che verso la Francia garantito vantaggi territoriali. Louis XIV ha ottenuto il Franche-Comté, numerosi posti nella provincia di Hainaut, nelle Fiandre Marittime e in Artois, che ha dato una corsa continua al bordo di nordest della Francia. In Lorena, Nancy è stata cosegnata al dominio francese e la regione dell'Alsazia è stata soggetta a gestione diretta. Stabilito un trattato commerciale con la concorrenza favorendo Province Unite nel mercato francese. Tuttavia, la pace seguita il violento annessioni di territori di Francia, che ha richiamato i diritti proclamati dalle camere riunione create a tal fine e sono stati invitati l'annessione di Strasburgo e Alsazia, nonché numerose piazze spagnole. Isolato ancora una volta, la Spagna ha intrapreso la guerra (1683-1684), che termina con la perdita di parte del Lussemburgo e altri confine posti, come Casal, nella tregua di Ratisbon.

La guerra della lega di Augusta

Dopo i primi successi internazionali, è notato solitamente durante il Regno di Luis XIV un lungo periodo di decadenza che durò fino alla morte del re nel 1715. In questo periodo furono le due grandi guerre di coalizione che rimetterebbe in discussione l'egemonia francese sul continente: la lega di Augusta o i nove anni (1688-1697) e la successione al trono di Spagna (1700-1713). Due conflitti di lunga durata che ha coinciso con momenti di crisi economica (carestia del 1693 e 1709) e prodotto insolito militare battute d'arresto fino ad allora.
Dopo 1684, il trionfo della Francia allarmato il resto dei poteri e in particolare ai principi tedeschi, determinati a mantenere gli accordi della Vestfalia. Hanno cominciato a disegnare alleanze difensive. Prestige di francese aveva sofferto una grave battuta d'arresto quando il tedesco imperatore Leopoldo battere i turchi minacciare Vienna, diventando così il nuovo Salvatore della cristianità occidentale. Papa Innocenzo XI aveva lanciato un appello al sovrano francese quindi unire il Grand Alliance dei polacchi, tedeschi e italiani e diretto, come il principe più potente in Europa, questo nuovi eserciti di crociata. Louis XIV ha rifiutato l'offerta, calcolando una sconfitta di sogno delle forze alleate che servirebbe a indebolire il prestigio militare dell'Impero. Tuttavia, le truppe alleate sconfissero i turchi e la gloria di Luis XIV momentaneamente è stata offuscata da questo affare.
L'impazienza di Luis XIV per trasformare in definitivi accordi territoriali quanto pattuito nelle tregue di Regensburg e loro paura che l'impero sarebbe contro la Francia al termine della guerra contro i turchi che portò allo scoppio della guerra diffusa nel continente nel 1688. Al momento che l'aumento di ostilità con i principati tedeschi, si stavano deteriorando le relazioni con l'Inghilterra. La rivalità economica e coloniale di entrambe le nazioni ha reso impossibile un'efficace alleanza. I progressi della colonizzazione francese in America e soprattutto in Canada, la competenza del commercio nelle isole e i nuovi esercizi commerciali francesi in India ha fatto spostare tradizionale alleanza dell'Inghilterra con la Francia, mantenuto durante il periodo di Stuart.

L'esercito di Luis XIV attraversando il Reno,
di Joseph Parrocel
Il 25 settembre 1688, Luis XIV ha lanciato un manifesto chiamando per la trasformazione di tregue in un trattato definitivo entro il termine di due mesi, in quel momento che ha ordinato l'invasione e la devastazione del Palatinato. Ciò ha condotto all'Unione dell'Europa contro la Francia. Il promotore dell'alleanza fu il fiammingo statuder Guillermo de Orange, che aveva sollevato contro il suocero, Jacobo II d'Inghilterra, la rivoluzione inglese del 1688 ed era diventato un re riconosciuto connesso con sua moglie María II. Insieme a Inghilterra e Province Unite, l'imperatore, la Spagna e il Savoy si unì alla coalizione.
La guerra fu lunga, e il francese ottenuto maggiori trionfi (Fleurus, 1690;) Steinkerque, 1692; Neerwinden, 1693), anche se c'erano anche sconfitte come Boyne nel 1690 e la battaglia navale della Hogue nel 1692, che ha rovinato la flotta francese. Bruxelles è stata bombardata terribilmente nel 1695. La pace di Torino (1696) con il duca di Savoia ammessi Luis XIV l'offensiva contro i domini spagnoli; Bruxelles ha minacciato e ha preso il Barcellona nel 1697. In precedenza l'esercito francese, guidato da Vandome, aveva conquistato Ripoll, Rose e Palamós. Nel 1697, Cartagena de Indias è stata conquistata da Pointis.
Lo svuotamento della Francia, nonostante le loro vittorie, l'impossibilità di infliggere una sconfitta finale degli alleati e il problema della successione spagnola costretto Luis XIV a firmare una pace svantaggiosa di Ryswick (1697). La Francia ha consegnato i risultati ottenuti durante la guerra, ma mantenuto Strasburgo, plaza chiave per la difesa dei Paesi Bassi spagnoli e ottenuto ricca valle del Saar. Ha riconosciuto Guillermo de Orange come re d'Inghilterra ed evacuato le fortezze nei Paesi Bassi.

La guerra di successione

Nel 1668, Luis XIV aveva firmato un accordo segreto con imperatore Leopoldo I che prevedeva la futura distribuzione della monarchia spagnola nel probabile caso che Carlos II morì senza figli. L'imperatore avrebbe ricevuto tutta la monarchia; i Paesi Bassi, Navarra, Rose, Franche-Comté, Napoli, Sicilia, le piazze del Marocco e le Filippine avrebbero consegnato alla Francia.
La morte senza eredi del re di Spagna nel 1700, la successione al trono era aperta. Accesso alla corona spagnola risolverebbe la questione dell'egemonia sull'Europa, che potrebbe trovarsi in Francia e l'Impero. Pochi Stati europei erano favorevoli all'istituzione di una nuova egemonia territoriale, quindi i candidati di monarchie per spartirsi il bottino spagnolo rintracciati accordi 1698 e il 1700 sulla partizione dell'eredità di Asburgo di Spagna.
Infine, il Consiglio di stato spagnolo ha deciso che Luis XIV è stato l'unico che poteva garantire l'integrità territoriale della monarchia spagnola e ha dato la successione di Felipe d'Angiò, nipote del sovrano francese, con la condizione che le corone francesi e spagnole non si uniranno mai. Il testamento di Carlos II è stato contestato dall'imperatore, che ha difeso i diritti di successione dell'Arciduca Carlos de Austria. Louis XIV ha chiesto il parere al suo Consiglio e Madame de Maintenon prima di decidere o meno Carlos accettato il testamento del defunto. C'era un rischio di una guerra con l'imperatore, rafforzata in seguito alla firma di un accordo di pace con i turchi. D'altra parte, Inghilterra potrebbe tornare alla Alliance Française se Luis XIV rinunciato alcun vantaggio territoriale in Spagna.
Tuttavia, l'eredità della monarchia spagnola era un succulento boccone, principalmente dalle possibilità offerte al commercio nell'Atlantico. Sicurezza che l'impero spagnolo sarebbe sottoposto all'influenza francese con l'intronizzazione dei Borboni, garantendo l'egemonia francese nel continente, spostato nella volontà di Luis XIV l'opportunità di evitare una guerra che sarebbe senza dubbio lungo e costoso. Il re accettato la successione di Felipe de Anjou, violare le disposizioni del testamento di Carlos II dichiarando lui anche erede al trono di Francia, nel momento in cui è venuto ad occupare i Paesi Bassi.

William III dell'Inghilterra
Il resto delle forze schierate per impedire l'egemonia francese. William III dell'Inghilterra ha concluso, prima della sua morte, la grande alleanza dell'Aia con Anthonius Heinsius, ottima pensione nei Paesi Bassi e l'imperatore Leopold i. più tardi Savoy e Portogallo aderito ad esso. A capo della coalizione, ha avvertito i leader militari: il proprio Heinsius, Principe Eugenio de Saboya, vincitore dei turchi e Marlborough, prestigioso generale e abile diplomatico. Tuttavia, Francia poteva contare sull'appoggio della Spagna e dei principi elettori di Colonia e della Baviera.
Louis XIV ha cercato di prendere Vienna, attaccando da Italia e la valle del Danubio, senza successo. Le truppe francesi sconfissero gli alleati a Höchstädt nel 1703, ma l'anno seguente, e nello stesso luogo, l'esercito franco-bavaro subì una pesante sconfitta dalle mani del Principe di Savoia e Marlborough. Da allora ha seguito battute d'arresto per la Francia: Belgio e molte delle città di confine settentrionale, come pure la Milano, andarono perduti, mentre Napoli caddero nelle mani del arciduca Charles, riconosciuto come re di Spagna dagli alleati e installato a Barcellona.
Nella primavera del 1709 dimesso Luis XIV è quello di chiedere la pace, offrendo le dimissioni a Lille e Strasburgo. Ma le richieste degli alleati erano troppo disonorevole per il re sole, che hanno deciso di continuare la guerra. La battaglia di Malplaquet preso risultati indecisi. Nel 1710, tornarono per avviare i negoziati di pace che ha fatto accordi non definitivi. La continuazione della lotta era vantaggiosa per la Francia: Spagna Vendome ha ottenuto la vittoria di Villaviciosa (1710) e Villars strappato al Principe di Savoia Parigi in rotta di Denain (1712).
Tuttavia, la risoluzione del conflitto ha preso posto più dall'emergere di una nuova situazione politica che con la forza delle armi. Nel 1711, l'elezione di Carlo come imperatore arquiduque si svegliò il timore di una nuova egemonia degli Asburgo in Inghilterra se hanno ottenuto il trono di Spagna. Accordi separati di pace e commercio ottenendo sembravano preferibili. A Utrecht, nel 1713, la monarchia spagnola venne divisa: Felipe de Borbón sedersi sul trono spagnolo come Felipe V e sarebbe ottenere il dominio delle colonie, mentre gli inglesi si sono identici privilegi commerciali concordate con la Francia e l'occupazione della legge di Gibilterra. Louis XIV era rassegnato a Terranova, Acadia e le fortificazioni di Dunkerque. Pace fu conclusa definitivamente in Rastadt l'anno successivo. Francia ha recuperato Strasburgo e ottenuto Landau. In cambio, ha dovuto dare in sull'Unione dinastica di Francia e Spagna.
La guerra di successione fortemente indebolito Luis XIV. Gli accordi di pace ha costituito una rinuncia della politica sostenuta da Luis XIV, consistente per raggiungere i confini naturali della Francia (Reno, i Pirenei e le Alpi). Solo parzialmente ha ottenuto, dal momento che i Paesi Bassi e la Renania sfuggiti al dominio francese. L'egemonia europea della Francia era così frustrato dalle guerre di coalizione. La nuova alleanza tra Francia e Inghilterra, le due potenze europee, potrebbe garantire una pace duratura e neutralizzare il potere delle due regioni in cui per così a lungo era stata la guerra: Impero e l'Italia. Alla morte del re nel 1715, egemonia francese successe l'equilibrio europeo già iniziato nella pace di Westfalia.
L'economia
Uno degli obiettivi prioritari di Luis XIV era servizi igienico-sanitari e l'arricchimento del tesoro reale. Il suo ministro delle finanze, Jean Baptiste Colbert, tradotto questo obiettivo in un mercantilismo di imperialista tagliato che ha lasciato da parte il progresso agricolo e incoraggiato traffico principalmente produzione e mercantile. Il re stesso non centrata interessi nella prosperità economica del paese, ma nella sua esaltazione, così molto spesso i progetti economici Ministro erano soggetti ai sogni grandiosi del monarca. Sviluppato da questa politica di prestigio è stata enormemente gravoso per le casse della monarchia e, nonostante il programma colbertiano e l'implementazione di numerose tariffaria e ordinanze monetarie, il reddito del Tesoro erano completamente insufficiente a soddisfare le ambizioni del re. Società commerciali e ditte di manufacturing finanziati dallo stato sono state eliminate.
Il grande sforzo economico che ha richiesto il continuo stato di guerra costretto la monarchia per cercare nuove fonti di entrate. Durante la guerra della lega di Augusta, la mancanza di liquidità richiesto uno dei successori di Colbert, il conte di Pontchartrain, effettuare diverse manipolazioni monetarie e di chiedere sempre più importanti contributi del clero e degli Stati provinciali. Una nuova tassa di scrutinio è stata fondata nel 1695 e tentato di distribuire ai contribuenti nelle classi per garantire un accordo fiscale più equa e conveniente. Tuttavia, questa misura era arbitraria e inefficace. Le finanze del re a malapena potevano contenere la lotta per la successione spagnola, nonostante un nuovo sondaggio nel 1701 e alcune innovazioni ingegnose, come soldi di carta. La creazione di reddito e la vendita di artigianato, con un certo successo all'inizio moltiplicato.
L'economia ha subito le conseguenze delle crisi di sussistenza che è ricorso in tutto il Regno, come la grande carestia del 1693, che sembra che abbia colpito un reddito significativo dal tesoro reale. Dopo la guerra, la rinascita del paese era tuttavia veloce, incoraggiati dalla crescita degli scambi. Indagini fiscali ordinato intendenti nel 1697 per fornire reddito per il duca di Borgogna, figlio maggiore del delfino, ammessi Consiglio reale per preparare le riforme future hacendisticas. Queste indagini rivelano una disuguaglianza economica regionale. Nell'Atlantico porti sono stati accusati durante il periodo di una grande crescita nel commercio. Anche se il tesoro è stato esaurito dalle esigenze della politica estera del re, un lento decollo dell'economia può essere visto dall'inizio del XVIII secolo, grazie all'assunzione delle idee mercantilistiche tramite il commercio marittimo principale.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…